Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 18-04-2006, 16.20.10   #21
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Citazione:
Messaggio originale inviato da Fragola
Ecco, forse la questione è più sociologica che psicologica, ma è altro che rende assurda la vita. Cosa fa oggi una donna che sceglie di non lavorare? Sta in casa da sola con i bambini dalla mattina alla sera, senza rapporti umani con altri adulti e senza stimoli intellettuale. Senza nessuna prospettiva di cambiamento, perchè poi, quando i figli sono finalmente grandi e non stanno più con lei, inserirsi nuovamente nel mondo del lavoro è impossibile. Senza indipendenza economica, quindi senza poter scegliere di andare via se la relazione con il suo compagno dovesse diventare insopportabile. Senza speranze!
Se fosse possibile stare a casa un po', poi ricominciare a lavorare, credo che molte donne lo farebbero volentieri, ma la scelta di diventare casalinghe oggi, se la si fa, è per sempre. E' senza ritorno. E le casalinghe sono la fascia sociale con il più alto tasso di alcolismo e di depressione. Perchè fare le casalinghe in una società strutturata come la nostra è davvero molto alienante!



Hai fatto un'ottima analisi Fragolina...

Le casalinghe sono la fascia sociale con il più alto tasso di alcolismo e depressione. Non manca nemmeno tra le donne che lavorano comunque. Queste ultime poi si lamentano per il poco tempo a disposizione e per i ritmi alienanti imposti dalla nostra società di cui NOI (non dimentichiamolo mai) ne facciamo parte...
...gli uomini non meglio delle donne...
il tutto a contribuire all'interno della famiglia...

...e ti pare che non sia alquanto ASSURDA la nostra vita?

Ish...i paragoni non li ho fatti io...
maxim is offline  
Vecchio 18-04-2006, 16.30.12   #22
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Citazione:
Messaggio originale inviato da maxim
Hai fatto un'ottima analisi Fragolina...

Le casalinghe sono la fascia sociale con il più alto tasso di alcolismo e depressione. Non manca nemmeno tra le donne che lavorano comunque. Queste ultime poi si lamentano per il poco tempo a disposizione e per i ritmi alienanti imposti dalla nostra società di cui NOI (non dimentichiamolo mai) ne facciamo parte...
...gli uomini non meglio delle donne...
il tutto a contribuire all'interno della famiglia...

...e ti pare che non sia alquanto ASSURDA la nostra vita?

Ish...i paragoni non li ho fatti io...

Profondamente assurda! Ma la vita in occidente è assurda da tanto tempo. Non è solo colpa della società capitalistica. Anche ma non solo. Se leggiamo attentamente la storia sociale europea, non possiamo certo dire che nel medioevo o nel rinascimento la gente fosse felice! C'è qualcosa di molto più profondo che non va. Qualcosa di molto radicato nella scala di valori e forse nelle "nostre radici giudaico-cristiane". Cioè la convinzione che ... "questa è una valle di lacrime e che avremo la nostra ricompensa in un'altra vita". Un pensiero di fondo di questo genere ha sempre in qualche modo giustificato il fatto che la società non era e non è a misura d'uomo.
Oggi, ai motivi di alienazione che esistono da almeno un paio di migliaia d'anni, se ne sono aggiunti altri. Ma rimane il fatto che sono secoli e secoli che qui, per le persone, lo scopo della vita non è vivere!
Fragola is offline  
Vecchio 19-04-2006, 09.23.09   #23
Monica 3
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-06-2005
Messaggi: 697
Io credo che non sarebbe impossibile cominciare a cambiare le cose con misure molto semplici.

TUTTE le mamme dovrebbere essere pagate per poter stare con la/il propria/o bimba/o il primo anno di vita, inserite in una comunità di altre mamme con cui scambiare esperienze.

Il piccolo, cresciuto in intimità con la madre nel periodo di adatttamento al mondo esterno, come la biologia lo richiede, diventerebbe un adulto indipentende e sicuro delle sue azioni.

Passerebbe senz'altro molto meno tempo a cercare se stesso, consumerebbe meno per compensare le carenze affettive e impiegherebbe le sue energie vitali per creare un mondo a misura d'uomo.

Questo modesto investimento iniziale porterebbe enormi vantaggi all'economia del globo.

Tale economia trarrebbe enormi vantaggi dal contributo di buone educatrici reinserite nel mondo del lavoro.


Monica 3 is offline  
Vecchio 19-04-2006, 10.37.12   #24
Spaceboy
...cercatore...
 
L'avatar di Spaceboy
 
Data registrazione: 15-03-2006
Messaggi: 604
Citazione:
Messaggio originale inviato da Monica 3
Io credo che non sarebbe impossibile cominciare a cambiare le cose con misure molto semplici.

TUTTE le mamme dovrebbere essere pagate per poter stare con la/il propria/o bimba/o il primo anno di vita, inserite in una comunità di altre mamme con cui scambiare esperienze.

Il piccolo, cresciuto in intimità con la madre nel periodo di adatttamento al mondo esterno, come la biologia lo richiede, diventerebbe un adulto indipentende e sicuro delle sue azioni.

Passerebbe senz'altro molto meno tempo a cercare se stesso, consumerebbe meno per compensare le carenze affettive e impiegherebbe le sue energie vitali per creare un mondo a misura d'uomo.

Questo modesto investimento iniziale porterebbe enormi vantaggi all'economia del globo.

Tale economia trarrebbe enormi vantaggi dal contributo di buone educatrici reinserite nel mondo del lavoro.



....hai ragione, manca una politica per la famiglia seria.

Nei paesi nordici ad esempio, la legislazione in questo senso è molto avanzata e le donne sono alla pari (ed hanno anche superato a volte) con gli uomini in molti settori, politica compresa.

...ci arriveremo anche noi?

Spaceboy is offline  
Vecchio 19-04-2006, 10.58.19   #25
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Citazione:
Messaggio originale inviato da Spaceboy
....hai ragione, manca una politica per la famiglia seria.

Nei paesi nordici ad esempio, la legislazione in questo senso è molto avanzata e le donne sono alla pari (ed hanno anche superato a volte) con gli uomini in molti settori, politica compresa.

...ci arriveremo anche noi?


Essere alla pari con l’uomo che significa?...
Stessa possibilità di carriera? Stesse mansioni? Stessa retribuzione ed orari di lavoro?

Il problema secondo me deriva dal fatto che spesso, spessissimo ci si consuma la propria esistenza in lavori poco soddisfacenti. In particolare per la donna/neo-mamma che altro di “piacevole” avrebbe da fare anziché pensare alla carriera. Poi per carità le eccezioni ci sono sempre però riflettevo appunto su quanto poco tempo per NOI, per la FAMIGLIA, per i FIGLI ci rimanga. Ci troviamo improvvisamente vecchi e rivolgendo lo sguardo al passato ci si accorge di non aver vissuto in virtù di….
…in virtù di che cosa non abbiamo vissuto?
Qualcuno che vede una situazione simile della propria vita mi può per cortesia rispondere in virtù di cosa non si è vissuto?
maxim is offline  
Vecchio 19-04-2006, 11.08.41   #26
Ish459
Unidentified
 
L'avatar di Ish459
 
Data registrazione: 20-02-2006
Messaggi: 403
Citazione:
Messaggio originale inviato da maxim


Il problema secondo me deriva dal fatto che spesso, spessissimo ci si consuma la propria esistenza in lavori poco soddisfacenti. In particolare per la donna/neo-mamma che altro di “piacevole” avrebbe da fare anziché pensare alla carriera. Poi per carità le eccezioni ci sono sempre però riflettevo appunto su quanto poco tempo per NOI, per la FAMIGLIA, per i FIGLI ci rimanga. Ci troviamo improvvisamente vecchi e rivolgendo lo sguardo al passato ci si accorge di non aver vissuto in virtù di….
…in virtù di che cosa non abbiamo vissuto?
Qualcuno che vede una situazione simile della propria vita mi può per cortesia rispondere in virtù di cosa non si è vissuto?

Hai perfettamente ragione... si finisce per rendersi conto di non aver vissuto in virtù... in virtù delle nostre esigenze, come persone inteso (come genitori, come amici, come figli,ecc). In virtù ai piccoli momenti della vita che non hanno prezzo e che invece dobbiamo mettere in un secondo piano..
La vedo così, il lavoro è fondamentale per lo sviluppo della persona (anche se essere soddisfatti con il proprio ruolo professionale è altro che un sogno, ma tutto questo è legato come il non avere tempo per i rapporti interpersonali -anche nell'ambito della famiglia- ad una sbagliata politica che riguarda il mondo del lavoro, sbagliato interesse sociale, ecc)
Sai ho una cara amica danese e loro,c ome altri paesi nordici sono rispettati come cittadini in un modo più maturo e consapevole. Razionalizzano le ore di lavoro in modo diverso e l'equilibrio raggiunto fra esso e la vita famigliare non ha paragoni con il nostro.
Inoltre la possibilità di usufruire di nidi, asili di elevata qualità a prezzi che ci farebbero ridere per noi è veramente "fantascienza"...
Ish459 is offline  
Vecchio 19-04-2006, 11.25.38   #27
voluttà
Ospite abituale
 
L'avatar di voluttà
 
Data registrazione: 14-12-2005
Messaggi: 124
Re: lavoro-donna-famiglia

Citazione:
Messaggio originale inviato da percaso
la loro coesistenza quali vantaggi-svantaggi, secondo voi, creano???

gli svantaggi sono per la donna: si fa un mazzo tanto e non le vengono riconosciuti i suoi sforzi
e i vantaggio per l'uomo: non alza un dito e se ne vanta.

ovviamente sto parlando della mia posizione personale, non mi permetterei mai di generalizzare...
per me è davvero dura ragazzi, e ancora non ho bambini!!
ho due gatti che non escono mia di casa e che richiedono un cero impegno... mai come un bambino...per quanto poco c'è sempre da stargli dietro, anche loro sporcano, mangiano e hanno bisogno di attenzioni.
io lavoro otto ore al giorno come tutti, mi occupo della spesa, della casa e quando ci saranno dei bambini anche di loro.. dall'alta parte il mio compagno non si preoccupa neanche di mettere i calzini nel cesto della roba sporca... per dirne una.. ma ovviamente sono mille le cose che non fa...
però è bravissimo con la play station .. ah si eh... è proprio barvo!!!
voluttà is offline  
Vecchio 19-04-2006, 11.40.31   #28
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Re: Re: lavoro-donna-famiglia

Citazione:
Messaggio originale inviato da voluttà


............................

però è bravissimo con la play station .. ah si eh... è proprio barvo!!!

...e di che ti lamenti allora?
Penso non sia lui quello che deve cambiare...ma tu!
Lui è riuscito a trovare una sua dimensione, i suoi spazi, vive (suppongo) felice e questa sua felicità sono sicuro la trasmetterà anche al futuro figlio.

Ora fai qualcosa anche tu...in una famiglia più felici si è e più si irradia questa felicità...

ti do una dritta...mia moglie per lo stesso problema di calzini ha deciso di lasciarli dov'erano...il risultato è stato che io mi sono ritrovato ad un certo punto della mia vita senza calzini puliti...
Per ritornare pulito e felice come prima ho dovuto imparare dove stava il sacco della roba sporca...

maxim is offline  
Vecchio 19-04-2006, 13.02.51   #29
voluttà
Ospite abituale
 
L'avatar di voluttà
 
Data registrazione: 14-12-2005
Messaggi: 124
Re: Re: Re: lavoro-donna-famiglia

Citazione:
Messaggio originale inviato da maxim
...e di che ti lamenti allora?
Penso non sia lui quello che deve cambiare...ma tu!
Lui è riuscito a trovare una sua dimensione, i suoi spazi, vive (suppongo) felice e questa sua felicità sono sicuro la trasmetterà anche al futuro figlio.

Ora fai qualcosa anche tu...in una famiglia più felici si è e più si irradia questa felicità...

ti do una dritta...mia moglie per lo stesso problema di calzini ha deciso di lasciarli dov'erano...il risultato è stato che io mi sono ritrovato ad un certo punto della mia vita senza calzini puliti...
Per ritornare pulito e felice come prima ho dovuto imparare dove stava il sacco della roba sporca...


hehehehehe se fosse così facile....
sai che tempo fa ..circa due anni omai per vedere di smuovere la situazione e respondsabilizzarlo un po'.. non ho pulito la casa per due mesi? e dico...... DUE MESI!!! e dico... viviamo con due gatti!!!
ti puoi immaginare come era la mia casa... ma lui niente... ha spazzato per terra dopo un mese e mezzo e tutto era a posto per lui.
per quanto riguarda i calzini.. ovviamente se non glieli lavo io li porta da sua madre....
quindi qui la questione è volere crescere o no...
e soprattutto nel suo caso si tratta di "abbassarsi" a fare cose umili come lavare i calzini o pulire la casa si tratta di mettere da parte l'orgoglio maschilista che al giorno d'oggi visto che la vita delle donne è cambiata e i ruoli non sono più gli stessi dei nostri nonni... non ha più ragion d'essere..
per lui accettare tutto questo è un po' come tradire se stesso...

io sono felice sai, altrimenti non starei con lui, oltre alla casa al lavoro, ai gatti, ho tantissime amiche e amici, esco con loro molto spesso, ho diversi interessi sportivi e prendo la vita di petto, quando qualcosa va storto l'affronto, non devo cambiare niente, la mia vita va bene così.
la sera a casa dopo aver messo la cena in tavola sono felice e serena.
io ho fatto tutti i miei doveri e sono a posto con me stessa.
lui no, e questa frustrazione se la porta dentro non la esterna, ma io la sento, quando ha delle brutte uscite da maschilista io so che le ha perchè ha la coda di paglia, e la frustrazione di vedermi così attiva e partecipe lo incatena ancora di più nel suo ruolo di maschio che non deve alzare un dito.
non sa come altro comportarsi... e spiegarglielo è un lavoro duro (visto che è uno zuccone) e ci vuole molta pazienza e tanto amore, in quattro anni abbiamo fatto piccoli passi, avrebbe potuto fare di più, e forse anche io non mi sono abbastanza fatta valere, ma il nostro percoso sta andando avanti...
voluttà is offline  
Vecchio 19-04-2006, 13.53.11   #30
Spaceboy
...cercatore...
 
L'avatar di Spaceboy
 
Data registrazione: 15-03-2006
Messaggi: 604
Citazione:
Messaggio originale inviato da maxim
[b]Essere alla pari con l’uomo che significa?...
Stessa possibilità di carriera? Stesse mansioni? Stessa retribuzione ed orari di lavoro?

...bè sarebbe già una gran cosa arrivare a questo.

Aggiuncici anche una legislazione a sostegno delle mamme e della famiglia e ci sarebbero sicuramente famiglie più serene e mamme più contente.





Spaceboy is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it