Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 09-06-2006, 18.07.33   #11
Vaniglia
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 16-07-2005
Messaggi: 752
Ho riportato questa affermazione sull'aumento dell'omosessualita' proprio perche' ho partecipato ad una conferenza sui rapporti etero oggi, sulla crisi tra l'uomo e la donna e da vari psicologi e' stato affermato questo come concausa....

nel 68 ero una bambina, quindi non ho vissuto quel grande momento storico per la donna, pero' penso che una volta i rapporti fossero lo stesso ambigui, nel senso che la separazione non era accettata e molte coppie vivevano insieme nonostante tutto...ma oggi c'e' una rottura diversa tra i due sessi, la donna lamenta la mancanza di costruttivita' da parte degli uomini in un rapporto, cioe' il desiderio di vivere rapporti fugaci.....l'uomo disegna la donna come non piu' donna, ma essere aggressivo, non piu' femminile....e quant'altro...dove' e' una via di mezzo?



Vaniglia
Vaniglia is offline  
Vecchio 09-06-2006, 18.15.33   #12
Lucy
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-06-2005
Messaggi: 212
Sono d´accordo con odissea.

Anch´io penso che le coppie oggi siano più felici.

L´emancipazione della donna non significa che l´uomo si sente evirato.

Anche una donna emancipata deve coltivare la virilità del suo uomo per la sua ammirazione, affezione etc.

L´uomo invece non deve dirigere la sua virilità contra la donna (che risulta in una tragedia), ma contra il mondo esteriore e utilizzarla per costruire qualche cosa grande. Non deve essere sempre una torre Eiffel, basta essere un buon professionale, un buon lavoratore, un buon padre etc.

Spero di averme spiegata bene.

Lucy is offline  
Vecchio 10-06-2006, 00.41.07   #13
pierogo
Ospite
 
Data registrazione: 06-06-2006
Messaggi: 39
Citazione:
Messaggio originale inviato da Vaniglia
Ho riportato questa affermazione sull'aumento dell'omosessualita' proprio perche' ho partecipato ad una conferenza sui rapporti etero oggi, sulla crisi tra l'uomo e la donna e da vari psicologi e' stato affermato questo come concausa....


Vaniglia

Non ho pensato che avessi parlato dell'omosessualità in termini dispregiativi.

Però mi sarebbe piaciuto partecipare a questa conferenza.
Sono troppo curioso di conoscere questi psicologi e soprattutto le loro motivazioni, le basi su cui fondano questo teorema.

p.s. Non prenderla come provocazione. E' solo che in questi campi volano troppe teorie supportate dal nulla. Almeno credo.
pierogo is offline  
Vecchio 10-06-2006, 00.44.37   #14
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Citazione:
Messaggio originale inviato da Vaniglia
no, odissea, ma la donna lo ha fatto credere...e adesso che la donna ha tirato fuori la sua grinta....guarda che casino che e' successo....separazioni, divorzi, omosessualita', crisi,......

Vaniglia

perchè le separazioni sono causate dalla grinta della donna?
r.rubin is offline  
Vecchio 10-06-2006, 07.45.54   #15
Vaniglia
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 16-07-2005
Messaggi: 752
Messaggio originale inviato da pierogo
[b]Non ho pensato che avessi parlato dell'omosessualità in termini dispregiativi.

Però mi sarebbe piaciuto partecipare a questa conferenza.
Sono troppo curioso di conoscere questi psicologi e soprattutto le loro motivazioni, le basi su cui fondano questo teorema.

p.s. Non prenderla come provocazione. E' solo che in questi campi volano troppe teorie supportate dal nulla. Almeno credo.

Non l'ho presa come provocazione, siamo qua per discutere e non per provocarci, penso, e'una conferenza che si e' tenuta a Roma in dicembre da una serie di psicologi freudiani, ed e' "volata" anche questa teoria....



Vaniglia
Vaniglia is offline  
Vecchio 10-06-2006, 07.54.40   #16
Vaniglia
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 16-07-2005
Messaggi: 752
Messaggio originale inviato da r.rubin
perchè le separazioni sono causate dalla grinta della donna?


Ho usato il termine sbagliato, ma mi sembra che l'uomo si lamenti molto del cambiamento della donna oggi, di una donna non piu' disponibile come prima, di una donna in carriera, di una donna meno dedita alla casa, di una donna indipendente, di una donna che sa'.prendere l'iniziativa, di una donna che "sembra" meno dolce e femminile...quanti uomini adesso cercano rapporti con donne straniere per ritrovare la donna ancora sottomessa...e se ricordo mi sembra che questo argomento sia gia' stato trattato....



Vaniglia

Ultima modifica di Vaniglia : 10-06-2006 alle ore 07.56.09.
Vaniglia is offline  
Vecchio 10-06-2006, 10.43.55   #17
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Citazione:
Messaggio originale inviato da Vaniglia
Messaggio originale inviato da r.rubin
perchè le separazioni sono causate dalla grinta della donna?


Ho usato il termine sbagliato, ma mi sembra che l'uomo si lamenti molto del cambiamento della donna oggi, di una donna non piu' disponibile come prima, di una donna in carriera, di una donna meno dedita alla casa, di una donna indipendente, di una donna che sa'.prendere l'iniziativa, di una donna che "sembra" meno dolce e femminile...quanti uomini adesso cercano rapporti con donne straniere per ritrovare la donna ancora sottomessa...e se ricordo mi sembra che questo argomento sia gia' stato trattato....



Vaniglia

la dolce remissività è molto apprezzata in una donna.
probabilmente molti distubi da ansia da prestazione derivano anche dai mutamenti che hai fatto notare. Forse però questo non significa che la logica della natura abbia stabilito che il contatto sessuale è più faciltato se la donna è remissiva e non aggressiva, lasciando spazio e sicurezza al "super-uomo". Alla fin fine credo che sia una questione culturale. Anche nel sesso il ruolo femminile viene visto passivo e ricettivo, e al contrario quello dell'uomo. Ma è una prospettiva attribuita dalla cultura: "l'uomo penetra la donna", potrebbe essere sostituita dalla "donna si lascia penetrare dall'uomo", e in quest'ultima prospettiva i ruoli attivo e passivo sono rovesciati, prima c'è la donna, condizione perchè ci sia l'uomo. La donna oggi tende a prendere l'iniziativa, a essere più consapevole ed attiva, ma la cultura deve cambiare anche per l'uomo, altrimenti un uomo tradizionale e una donna moderna non saranno in grado di incontrarsi.

L'uomo che piange di più, oggigiorno, è l'uomo tradizionale che non ha più possibilità.
r.rubin is offline  
Vecchio 10-06-2006, 11.41.03   #18
bside
Ospite abituale
 
L'avatar di bside
 
Data registrazione: 09-09-2005
Messaggi: 383
Te pareva se non si tirava in ballo l'omosessualità come causa di qualcosa, adesso pure le crisi di coppia, i divorzi...ma si possono dire schiocchezze più grandi? Questa interpretazione psico-sociologica è francamente ridicola.
L'omosessualità non è in aumento, è sempre esistita solo che oggi è molto più visibile perché la società è più aperta, più tollerante e chi prima stava nell'ombra o si reprimeva oggi sceglie di uscire allo scoperto.

bside is offline  
Vecchio 10-06-2006, 12.22.05   #19
feng qi
Ospite abituale
 
L'avatar di feng qi
 
Data registrazione: 15-10-2005
Messaggi: 560
condividoooo!

Citazione:
Messaggio originale inviato da bside
Te pareva se non si tirava in ballo l'omosessualità come causa di qualcosa, adesso pure le crisi di coppia, i divorzi...ma si possono dire schiocchezze più grandi? Questa interpretazione psico-sociologica è francamente ridicola.
L'omosessualità non è in aumento, è sempre esistita solo che oggi è molto più visibile perché la società è più aperta, più tollerante e chi prima stava nell'ombra o si reprimeva oggi sceglie di uscire allo scoperto.

---------------------------------

Io condivido.

Sulla domanda di partenza di odissea, poi, a me sembra che il fatto che ci siano delle distinzioni tra comportamenti maschili e femminili sia soprattutto, non esclusivamente, legato all'ambiente socio-religioso, senza però escludere che ci siano dei fattori biologici e caratteriali per cui certi uomini e certe donne escono dai canoni prefissati dagli atteggiamenti generali.

Come dire: in genere gli uomini non piangono, però giacomino lo fa.

oppure: in genere le donne non zappano la terra, però io lo faccio (in genere quando la zappata la vorrei dare a me o a qualcun altro!) e mi piace.

Ma l'educazione ricevuta prorpio in seno alla famiglia fa moltissimo.
Mio marito per esempio certe volte sento che vorrebbe liberarsi di qualcosa che lo tormenta ed ha bisogno del mio sostegno per riuscirci. Ma questo perché nella sua famiglia questo tipo di atteggiamento era considerato disdicevole in un uomo..e non lo hanno aiutato; invece lo hanno represso e abituato a mantenere le palle al posto giusto ( che cavolate stratosferiche!!)Quelle palle ora sono così pesanti che ci vuole il carro attrezzi per poter camminare!!

un abbraccione
feng qi
feng qi is offline  
Vecchio 10-06-2006, 17.16.44   #20
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
a me succede di commuovermi perfino guardando don matteo!
alla fin fine il pianto è un emozione senza reazione. a volte è necessario mantenere i nervi saldi e reagire. Che lo faccia l'uomo e che lo faccia la donna, poco importa. Ma almeno uno dei due non deve cedere alle emozioni. Altrimenti tutti e due si fa secchi di lacrime ma nessuna azione adatta a salvare il salvabile. Qualcuno deve agire con sangue freddo spegnere la tv!
r.rubin is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it