Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 16-06-2006, 10.49.04   #21
spada di fuoco
Ospite abituale
 
Data registrazione: 20-06-2003
Messaggi: 195
Re: perchè?

Citazione:
Messaggio originale inviato da odissea
perchè gli uomini piangono meno e sorridono meno delle donne?
Perchè esprimonon meno, non dico a parole, ma proprio anche negli atteggiamenti, i loro stati d'animo?
Sono caratteristiche biologiche o condizionamenti sociali?

Insomma gli scapperà anche a loro da piangere o da sorridere ogni tanto. Però lo manifestano più difficilmente delle donne..

Weil?
Forse, ma posso anche pensare di potermi sbagliare, allo stesso modo per cui le donne invece lo fanno... ottenere ciò che vogliano.
Per cui dal momento che si vuole ottenere qualcosa, può essere spontaneo l'atteggiamento dell'uomo come lo descrivi e l'atteggiamento di una donna come fai immaginare?
Daltronde se non ci piace un uomo così, non ci staremo mai insieme, per cui forse dal momento che le donne stanno con gli uomini e gli uomini con le donne... forse piace stare così come stanno... oppure pensiamo di dover cambiare la persona che abbiamo accanto? nel qual caso dovremmo ammettere che no ci piace chi abbiamo accanto. Ma allora perchè abbiamo è accanto?

ciao
spada di fuoco
spada di fuoco is offline  
Vecchio 20-06-2006, 14.48.09   #22
odissea
torna catalessi...
 
L'avatar di odissea
 
Data registrazione: 30-08-2005
Messaggi: 899
Re: Re: perchè?

Citazione:
Messaggio originale inviato da spada di fuoco
Forse, ma posso anche pensare di potermi sbagliare, allo stesso modo per cui le donne invece lo fanno... ottenere ciò che vogliano.
Per cui dal momento che si vuole ottenere qualcosa, può essere spontaneo l'atteggiamento dell'uomo come lo descrivi e l'atteggiamento di una donna come fai immaginare?
Daltronde se non ci piace un uomo così, non ci staremo mai insieme, per cui forse dal momento che le donne stanno con gli uomini e gli uomini con le donne... forse piace stare così come stanno... oppure pensiamo di dover cambiare la persona che abbiamo accanto? nel qual caso dovremmo ammettere che no ci piace chi abbiamo accanto. Ma allora perchè abbiamo è accanto?

ciao
spada di fuoco

Ciao spada di fuoco....il mio post non era una critica nè del genere femminile, nè di quello maschile. Riflettevo solo su una realtà che mi è capitato di riscontrare quasi sempre.

Devo dire che desta la mia curiosità la tua proposta di vederla sotto il punto di vista dello scopo, dell'ottenere qualcosa.
Sicuramente le differenti manifestazioni emotive fra i 2 generi, saranno funzionali a qualche scopo.....la naturale evoluzione della specie ci avrà selezionati in questo senso. Però non credo che dietro un pianto spontaneo e che non si riesce a trattenere, ci sia dietro un'intenzionalità fredda e calcolatrice.....la vedo più come un'intenzionalità al limite inconscia.

Comunque credo anche che dietro le manifestazioni emotive (pianto- risata, ecc) ci siano delle emozioni reali (che scoperta!) e il modo diverso di esprimere le proprie emozioni, forse è collegato a un diverso modo di sentirle.
Come dire che la differenza di genere non si limita solo a una diversa capacità di trattenere un piantino o una risata....ma proprio nella differente intensità e, forse, qualità, delle emozioni.

bah....del resto degli uomini non ci ho mai capito gran che. Però mi piacciono, che ci posso fare?
odissea is offline  
Vecchio 20-06-2006, 15.08.34   #23
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Re: perchè?

Citazione:
Messaggio originale inviato da odissea
perchè gli uomini piangono meno e sorridono meno delle donne?
Perchè esprimonon meno, non dico a parole, ma proprio anche negli atteggiamenti, i loro stati d'animo?
Sono caratteristiche biologiche o condizionamenti sociali?
Vero…. Agli uomini non è concesso piangere, non è concesso perdere la testa, non è concesso svenire. Forse fa parte della cultura del “dio padre” dove l’uomo è fatto ad immagine e somiglianza di Dio e quindi ci si aspetta da lui che non abbia debolezze.

Per contro alla donna è consentito svenire, piangere, perdere la testa, persino essere oca, ma non può essere di “facili costumi” pena la discriminazione dal contesto sociale.


Ultima modifica di VanLag : 20-06-2006 alle ore 15.09.46.
VanLag is offline  
Vecchio 20-06-2006, 16.38.00   #24
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Citazione:
Messaggio originale inviato da odissea
Con tutto il rispetto per gli psicologi che ritengono questo, però stento a crederci. L'orientamento sessuale di una persona mi sembra una cosa talmente radicata e profonda in una persona, che non riesco ad attribuirla a cause fortuite, od "esterne".
In oltre questo tipo di ottica rischia di lasciar intendere, a mio parere, che l'omosessualità sia una specie di eterosessualità fallita:se fossi lesbica forse mi scoccerebbe questo tipo di interpretazione. Comunque, non volevo mica darti della omofobica o giù di lì, solo che mi sembra una teoria quanto meno insolita.

Per il secondo inghippo.
Io non sono mai riuscita a convincermi che le cose prima andassero meglio rispetto ad ora, almeno fra uomo e donna. Io sono una figlia dell'emancipazione, per cui non ho vissuto sulla mia pelle nessun cambiamento di rapporto uomo-donna, le cose le ho sempre viste così come sono ora.
Tuttavia mi chiedo se davvero a questa emancipazione sia seguita una crisi: io ho sempre pensato che le donne prima fossero più infelici, di conseguenza anche il rapporto di coppia era più infelice, almeno per la donna!

non so se mi sono spiegata.

Non credo che si possa parlare di una causa per l'omosessualità. Semmai di centomila. Per ogni caso, per ogni storia. La personalità di un essere umano è secondo me in parte innata e in parte modellata dalla vita. Quanto su un determinato carattere influisce una o l'altra cosa, varia da persona a persona.

Prima com'era? Dipende da quanto prima! Secondo me, ora le relazioni tra uomo e donna non sono facili. Prima erano forse più "facili" perchè si svolgevano su linee guida ben precise, ma non erano per questo più felici. Vero è che se andiamo ancora un pochino più indietro nel tempo, non era lì che si cercava la felicità.
Secondo me, prima c'era un fortissimo squilibrio. E la bilancia pendeva tutta dalla parte del maschile. Ora, la bilancia dondola in continuazione. Stiamo attraversando una fase di transizione che probabilmente sarà molto lunga. Ma solo quando ci sarà equilibrio ci saranno relazioni felici.

Non so se è vero che gli uomini piangono e ridono di meno. Piangono di meno, e rarissimamente piangono in pubblico. Il pianto di un uomo è socialmente meno accettato. Ma ridere, ridono! E, ad esempio, esprimono la rabbia con più facilità rispetto alle donne. E per facilità non intendo dire che ne esprimono di più, ma che la esprimono in modo più sano.


Ultima modifica di Fragola : 20-06-2006 alle ore 16.46.43.
Fragola is offline  
Vecchio 20-06-2006, 17.50.15   #25
odissea
torna catalessi...
 
L'avatar di odissea
 
Data registrazione: 30-08-2005
Messaggi: 899
Citazione:
Messaggio originale inviato da Fragola
Non so se è vero che gli uomini piangono e ridono di meno. Piangono di meno, e rarissimamente piangono in pubblico. Il pianto di un uomo è socialmente meno accettato. Ma ridere, ridono! E, ad esempio, esprimono la rabbia con più facilità rispetto alle donne. E per facilità non intendo dire che ne esprimono di più, ma che la esprimono in modo più sano.


uh che sbadata è vero.....non ci avevo pensato alla rabbia!

Sul fatto della risata, mi rifacevo ad un articolo che ho letto; diceva che gli uomini hanno (in linea generale, ovviamente) la tendenza ad esprimere meno col viso certi stati d'animo, anche transitori. Per cui una donna in genere sorride più frequentemente di un uomo; ha una comunicazione non verbale più ricca ed "esplicita". Secondo me è vero. Quando una donna racconta della giornata in ufficio, è più facile vederla gesticolare, fare espressioni diverse del viso...un uomo forse è come più controllato.
E' un fatto sociale o naturale? (una domandina da niente......)



ps per Van Lag.
Sono d'accordissimo col tuo post. Assolutamente vero ciò che dici sui comportamenti socialmente graditi o meno.
Personalmente poi (ma direi che è scontata questa mia osservazione) penso che la differenza "emozionale" di uomini e donne vada ben oltre i condizionamenti della società.

Ultima modifica di odissea : 20-06-2006 alle ore 17.54.48.
odissea is offline  
Vecchio 21-06-2006, 08.39.06   #26
mark rutland
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-01-2004
Messaggi: 343
Re: perchè?

Citazione:
Messaggio originale inviato da odissea
perchè gli uomini piangono meno e sorridono meno delle donne?



piccola nota a margine: la parola gay in origine significava semplicemente gaio, allegro,felice e SORRIDENTE e solo successivamente e' stata impiegata come sinonimo di omosessuale.

sembra proprio che il maschio non 'debba' sorridere :(
mark rutland is offline  
Vecchio 21-06-2006, 13.59.19   #27
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Citazione:
Messaggio originale inviato da odissea
, mi rifacevo ad un articolo che ho letto; diceva che gli uomini hanno (in linea generale, ovviamente) la tendenza ad esprimere meno col viso certi stati d'animo, anche transitori. Per cui una donna in genere sorride più frequentemente di un uomo; ha una comunicazione non verbale più ricca ed "esplicita".

Hei, guarda che cosa ho trovato! Mai fidarsi troppo degli psicologi. Per ogni studio che dice una cosa, ne trovi cento che dicono il contrario. E viceversa




Le donne sorridono di piu`
di: Enrico Loi

Uno studio, svolto da ricercatore dell'Università di Yale, diretti da Marianne LaFrance, promotrice dello studio stesso, suggerisce che gli uomini tendono a sorridere meno delle donne. Ma nel momento in cui entrambi occupano mansioni sociali e professionali simili, questa tendenza scompare producendo la medesima quantità di sorriso. Inoltre, il tasso di sorriso legato al sesso varia dipendentemente dalla cultura, dall'età, dall'etnia, o per il semplice fatto che la persona crede che sia osservata.
I ricercatori sono giunti nel sostenere che le donne sono più sorridenti degli uomini dopo aver esaminato tutte le ricerche fatte in precedenza. Tuttavia, l'aspetto culturale è preponderante. Per esempio, negli Usa e in Canada la diversificazione è decisamente superiore che in altre nazioni. Inoltre, Negli Usa ci sono marcate differenze fra i sessi di etnia caucasica, mentre fra gli afro-americani il fenomeno è praticamente irrilevante. Infine, i soggetti di giovane età mostrano la più elevata differenza legata al sesso.
I ricercatori hanno scoperto inoltre che quando le persone si credono di essere osservate le differenze sono più sostanziali, mentre quando sono convinti che nessuno li osserva sorridono in modo più simile. Lo studio, finanziato dalla National Science Foundation (NSF) degli Stati Uniti, è stato pubblicato dal periodico "Psychological Bulletin".
Fragola is offline  
Vecchio 21-06-2006, 14.04.02   #28
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
non ritengo veritiera la frase iniziale
turaz is offline  
Vecchio 21-06-2006, 14.17.48   #29
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Re: Re: perchè?

Citazione:
Messaggio originale inviato da mark rutland
piccola nota a margine: la parola gay in origine significava semplicemente gaio, allegro,felice e SORRIDENTE e solo successivamente e' stata impiegata come sinonimo di omosessuale.

sembra proprio che il maschio non 'debba' sorridere :(

Mi fai venire in mente una cosa che però non è che sia proprio scientifica. Una volta avevo scritto un trattatello comico (o che almeno voleva far finta di essere tale ) in cui giustificavo i vari luoghi comuni sulle differenze di genere fingendo uno studio comparato tra gli umani e gli scimpanzè.
E che c'entra? Niente. Ma ... secondo alcuni studi, tra gli animali il sorriso è un gesto che serve a smorzare l'aggressività dell'altro. In fondo, un gesto di sottomissione.
Se fosse così, e se fcessimo quello stesso parallelo, chi aspira alla posizione di maschio dominante non dovrebbe sorridere mai

Beh, questa cosa prendetela proprio come un volo pindarico bello e buono!!!
Fragola is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it