Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 18-06-2006, 20.32.14   #41
cinzya
Ospite
 
Data registrazione: 12-06-2006
Messaggi: 7
ok ci sta' tutto pero'.....

hey Rosanna...potresti iniziare a pensare ke.......devo riuscire a farcela ...piutosto ke' dire...ho paura di non farcela....!!
le cose si fanno con calma....quindi va bene ke tu diminuisca i farmaci fino a non assumerne piu'....se noi tutti del forum ci esprimiamo contro i farmaci...non vogliamo con questo dire vai immediatamente a buttarli tutti nel wc.....
e poi....se mai provi....mai saprai.........

cinzia
cinzya is offline  
Vecchio 18-06-2006, 21.17.59   #42
Peppe66
Ospite
 
Data registrazione: 11-06-2006
Messaggi: 21
Nessuno Rosanna vuol proporre soluzioni, alternative assolute o miracoli, ma il senso dei messaggiè quello di aprire nuovi punti di vista senza dar pacche sulle spalle a nessuno.
Chiaro i farmaci possono essere uno strumento valido, MA SOLO UNO STRUMENTO!
La soluzione è escusivamente dentro di noi e più guardimo fuori, più gurdiamo gli altri e più ignoriamo la vera soluzione: NOI; più ignoriamo la vera causa: NOI.
Tutto inizia e finisce con noi stessi.
A noi del forum puoi non raccontare tutto, puoi tenere per te la vera storia della depressione, puoi nasconderci le cause, puoi ignorare i nostri punti di vista e in fondo possiamo anche comprendere la tua ritrosia, ma è sterile che tu lo faccia con te stessa. E' sterile che il tuo futuro sia stato delegato.
Cinzya propone: "devo riuscire a farcela"....io direi......"oggi faccio questo per me" qualsiasi cosa sia.....è per me...non certo una ferita ma una coccola: un gelato, .......una passeggiata.........e perchè no.....sesso...........ma solo per me.

p.s.
La tua famiglia fa terapia insieme a te?
Peppe66 is offline  
Vecchio 18-06-2006, 22.35.59   #43
borderline65
Ospite abituale
 
Data registrazione: 23-11-2005
Messaggi: 107
Io prendo per buoni tutti i consigli che voi mi date e credo che tu Peppe abbia ragione a dire che devo cominciare a fare qualcosa per me non contro di me devo imparare ad amarmi di piu' e' difficile ma ce la devo fare. La mia famiglia non partecipa alla terapia seguo delle sedute di psicoterapia ma da sola anche se si era prospettata l'idea di una psicoterapia familiare credo sia una buona idea perche' la mia famiglia deve essere veramente dentro la mia sofferenza non con la mia sofferenza. Cerchero' di guardare meglio dentro me stessa per capirmi un po' di piu' per aiutarmi a non farmi del male ma del bene anche con piccole cose come tu dici un gelato ecc. ecc.Vorrei veramente arrivare a non prendere piu' farmaci ma solo dialogare con gli altri con lo psicoterapeuta anche con la psichiatra perche' con le parole a volte si puo' fare molto di piu'. Vorrei svegliarmi la mattina e vedere finalmente il sole non piu' solo nubi ciao a tutti rosanna
borderline65 is offline  
Vecchio 18-06-2006, 22.55.04   #44
Peppe66
Ospite
 
Data registrazione: 11-06-2006
Messaggi: 21
Per il momento solo una considerazione , Rosanna.
Far terapia insieme o comunque essere partecipi del percorso terapeutico trovo sia importante in quanto insegna ai terzi, ai familiari, a comportarsi, o meglio a relazionarsi con la persona in difficoltà. Insegna loro non a condividere la sofferenza ma a supportarla nel migliore dei modi. Insegna loro a supportare i bambini nel migliore dei modi; insegna loro a essere parte integrnate della terapia.........insegna loro a viverti , insegna loro cosa sono, quando nascono e come nascono i sensi di colpa.
Ma sprattutto insegna ad tutti a condividere i propri segreti, le paure, la rabbia .......il passato..........le resposabilità.

Sai Rosanna forse sarà questo luogo pubblico che non ti fa dire cose tue.........non le dici per timore o ancora non ci hai lavorato sopra........?
Cinzya ci ha raccontato molto di se, lei probabilmente ha fatto tutto un percorso che ha chiarito la sua vita passata e presente.......dandole la tranquillità di poter condividere con noi le sue esperienze....................
Il tuo passato.........il tuo presente..............???????? ???

Buoni pensieri Rosanna e buona notte
Peppe66 is offline  
Vecchio 19-06-2006, 02.15.43   #45
cannella
Ospite abituale
 
L'avatar di cannella
 
Data registrazione: 21-09-2003
Messaggi: 611
Un momento... prima di fare terrorismo sui farmaci e consigliare di diminuire: ma che scherziamo?

Una persona che è in terapia deve innanzitutto seguirla ed avere fiducia nel terapeuta, che sicuramente è competente in materia.

Ogni caso è diverso dall'altro e quindi anche la risposta del paziente.

E' sempre utile scambiarsi esperienze e opinioni, ma come in ogni caso che riguarda la salute, mai seguire consigli che altre persone, in buona fede, passano: possono aver funzionato egregiamente su sè stessi ma essere inutili o nocivi ad altri.

Ci sono persone per le quali la risposta chimica è risolutiva; ci sono altre persone con problemi che richiedono sia una terapia a base di farmaci che una psicoterapia; altre alle quali basta invece l'approccio psicoterapeutico.
cannella is offline  
Vecchio 19-06-2006, 07.37.51   #46
Peppe66
Ospite
 
Data registrazione: 11-06-2006
Messaggi: 21
Citazione:
Messaggio originale inviato da cannella
Un momento... prima di fare terrorismo sui farmaci e consigliare di diminuire: ma che scherziamo?

Una persona che è in terapia deve innanzitutto seguirla ed avere fiducia nel terapeuta, che sicuramente è competente in materia.

Ogni caso è diverso dall'altro e quindi anche la risposta del paziente.

E' sempre utile scambiarsi esperienze e opinioni, ma come in ogni caso che riguarda la salute, mai seguire consigli che altre persone, in buona fede, passano: possono aver funzionato egregiamente su sè stessi ma essere inutili o nocivi ad altri.

Ci sono persone per le quali la risposta chimica è risolutiva; ci sono altre persone con problemi che richiedono sia una terapia a base di farmaci che una psicoterapia; altre alle quali basta invece l'approccio psicoterapeutico.

CANNELLA.....ben lungi dal consigliare modifiche terapeutiche tenendo conto degli sconpensi creati da variazioni di dosaggio.....ma qui si sta consolidando un concetto che vuole che il depresso sia un malato che non ha speranze. Unica alternativa consumare farmaci senza costrutto (vedi il messaggio di uranio)
Si cerca solo di discuttere in maniera critica e costruttiva su un problema che oramai tutta la società affronta senza midollo elargendo solo pacche sulle spalle o farmaci.

Vorrei solo dire che quando parliamo di farmaci e terapie probabilmente ne abbiamo avuto a che fare. Son stato preciso in un mio precedente messaggio citando effetti collaterali di un farmaco che viene prescritto senza che il paziente o i familiari vengano informati. Questa è violenza non terapia. La mancanza di volontà che sta alla base della depressione la si aiuta col farmaco, (ma quale farmaco?) ma non la si induce............
Non è onesto far sperare al paziente che l'utilizzo di una terapia farmacolocica sia solutorio a prescindere...........è comodo.
Peppe66 is offline  
Vecchio 19-06-2006, 19.35.56   #47
borderline65
Ospite abituale
 
Data registrazione: 23-11-2005
Messaggi: 107
Ho molta confusione dentro di me non ho ancora elaborato bene il mio stato,il mio malessere che dura da un anno ed e' iniziato con una delusione sul lavoro poi lo stress di due bambini piccoli, il mio voler essere perfezionista a tutti i costi so che ad un certo punto mi e' crollato il mondo addosso ed ho avuto crisi di nervi soprattutto con i miei familiari sul lavoro e con i miei figli che non potevo piu' vedere, la situazione e' andata peggiorando con queste mie idee di autolesionismo
che non so perche' ma non ne potevo fare a meno scaricavo li tutta la mia rabbia.Poi la depressione e' andata aumentando cosi' come le difficolta' relazionali con i miei familiare era come se le emozioni mi si fossero congelate, non provavo piu' niente e volevo solo stare da sola, mi sono persino trasferita al piano di sotto anche per dormire perche' non volevo vedere nessuno vivevo un completo isolamento emozionale. Nel frattempo crescevano i miei sensi di colpa per quello che non facevo piu' che non ero piu' qiundi era un continuo dilaniarsi tra il vuoto che provavo e i sensi di colpa. La terapia ha migliorato un pochino questa situazione cosi' come le sedute dallo psicoterapeuta pero' non ne sono ancora fuori, quando dico che vorrei smettere di prendere i farmaci e' perche vorrei avere la forza di farcela da sola ma per ora sono ancora confusa quindi non ho il coraggio di sospendere così bruscamente una terapia che per certi versi mi ha fatto bene. Devo far luce meglio sull'accaduto devo essere piu' forte altrimenti non ce la faccio un saluto al forum rosanna
borderline65 is offline  
Vecchio 19-06-2006, 20.17.28   #48
cinzya
Ospite
 
Data registrazione: 12-06-2006
Messaggi: 7
.............................. .............................. .............................. ......!!
cinzya is offline  
Vecchio 20-06-2006, 13.53.45   #49
odissea
torna catalessi...
 
L'avatar di odissea
 
Data registrazione: 30-08-2005
Messaggi: 899
Citazione:
Messaggio originale inviato da Peppe66
.

Insomma, una persona che ha lottato e ha vinto esprime le proprie esperinze e gli viene risposto :" affidiamoci a persone esperte" questo mi pare voglia dire che chi è depresso è esentato da preoccuparsi del suo stato perchè è meglio delegare agli altri.(farmaci o medici). Se non è esperta Cinzya chi lo è................!?!?

.

scusa Peppe, rispetto tutte le posizioni, ma la tua mi pare un po' azzardata e, probabilemte, tipica di chi non conosce bene certe situazioni.

Può darsi che cinzia abbia avuto un grave momento di difficoltà, determinato comunque da contingenze esterne: figlio, marito, ecc. Probabilmente il momento di difficoltà di rosanna (scatenatosi sul lavoro e con i due filgi piccoli) si è innestato su qualcosa di latente. Rosanna non è una stupida incapace di reagire con la sua sola forza di volontà, non è una persona che si culla nel suo vittimismo; dal tuo messaggio, peppe, alla fine si dovrebbe dedurre questo tipo di giudizio su chi si trova nella sua situazione.

Un ragionamento come il tuo alla fine rischia di ridursi sull'onda del classico pregiudizio che pesa su chi soffre di problemi psichiatrici; cioè che essi sono delle persone che non sono in grado, o non hanno voglia, di uscire dai loro problemi e ricorrono perciò ai farmaci. Non esiste!

Oltre che poco rispettoso, rischi di alimentare sensi di colpa non solo inutili, ma proprio dannosi; sembri colpevolizzare in qualche modo chi prende una terapia farmacologica, o chi la prescrive: che scherziamo?

Ultima modifica di odissea : 20-06-2006 alle ore 13.54.46.
odissea is offline  
Vecchio 20-06-2006, 16.58.31   #50
Peppe66
Ospite
 
Data registrazione: 11-06-2006
Messaggi: 21
Citazione:
Messaggio originale inviato da odissea
scusa Peppe, rispetto tutte le posizioni, ma la tua mi pare un po' azzardata e, probabilemte, tipica di chi non conosce bene certe situazioni.


Capisco ciò che dici......MA NON HAI IDEA DI CIO' CHE DICI questa è la discussione di Rosanna non la mia

La tua è la tipica posizione di chi ignora ........... di chi delega ...
Possiamo discutere il merito delle mie posizioni, dei miei punti di vista, TI ASSICURO PROVATI SULLA PELLE VERSANDO "SANGUE"e non vorrei sembrare blasfemo dicendo che fino ad ora il racconto di Rosanna mi è "leggero";
possiamo inoltrre criticare tutto e tutti, forutnatamente anche le posizione di una disciplina ancora non esatta........oltrettutto ripeto, non spingo nessuno a decisioni drastiche ...invito solo alla riflessione.
Peppe66 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it