Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum in modalit solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 20-11-2006, 19.52.20   #41
piu' o meno...
Ospite
 
L'avatar di piu' o meno...
 
Data registrazione: 12-11-2006
Messaggi: 15
Riferimento: scelta difficile (Perch scegliere di entrare in terapia?)

Citazione:
Originalmente inviato da MocassinoH2O
Fantastico, mi fa piacere per te....
Anke io sono per le cose rapide, so che ovviamente non saranno indolore ma...
Meglio un contatto pi... diretto che prenderla alle lunghe!!!

Ps non credevo esistessero qusti tipi di terapia, buono a sapersi...
Qnte sedute sono state e... il terapista poneva domande o doveva partire da te?
Grazie se puoi risp!

il primo terapista da cui sono andata si occupava di Psicologia Strategica un qualcosa del genere, funzionava cosi' se entro 7 sedute non era cambiato nulla ti mandava via, io ci sono stata per quasi un anno, i primi 2 mesi ci andavo una volta a settimana, poi una volta ogni 2 poi una volta al mese.
Il secondo terapista ci sono andata da febbraio 2006 a giugno 2006, mi ha letteralmete messa in difficolta' e' stato davvero devastante per un mese e mezzo buono, ho tirato fuori quello che dovevo tirare fuori, molto bravo e molto difficile, non penso sia una cosa da consigliare, a me l'ha consigliato una mia conoscente psicologa che molto probabilmente aveva visto lungo..
piu' o meno... is offline  
Vecchio 02-12-2006, 01.42.58   #42
G-STONED
Ospite
 
Data registrazione: 14-11-2006
Messaggi: 7
Riferimento: scelta difficile (Perch scegliere di entrare in terapia?)

Citazione:
Originalmente inviato da MocassinoH2O
Probabilmente non hai letto gli altri post, ma... te lo risparmio facendoti un breve racconto:
Entrai in terapia poco pi di un anno fa, ma quello con la mia terapista non fu un buon approccio perch lei trabordava di compassione...........
Lo scorso mese (circa) a distanza di un anno dalla mia "tentata" terapia, mi sono riproposta di riprovare, magari con una terapista pi professionale, avevo gi scelto anche chi, ma considerando il fattore economico alla fine non me la sono pi sentita....
Non ho intenzione di rimandare la cosa all'infinito...
.......chiedere circa 60-50 a settimana...
Ah... ho 19 anni.
Spero di non aver tralasciato nulla.
Grazie per la cortesia con la quale mi scrivi!

ho letto qualche tuo post precedente: non mi interessano molto, se hai pazienza vorrei continuare sul mio filo.
io ho provato, direi molto provato e s cosa succede, me vorrei capire come' la tua sofferenza e quanta .
perch sai, per quanto ne s il tuo potrebbe essere un semplice disagio giovanile che, pur avendo una sua valenza, una cosa diversa......
allora inutile che mi spieghi con te su un tipo di esperienza se invece ne stai vivendo un' altra.
e quindi, ancora devo capire.... ma cos' hai?
sei triste o sei stanca di vivere?
sei lucida o per strada quasi non sai dove sei?
pensi di poterne uscire o senti che non ce la farai?
ti ronzano le orecchie o no?
raccontami il tuo malessere, dimmi cosa c' .
prendi farmaci o no?
ancora ti parlo di me, cos vediamo se poi ti apri un po'.
alla mia terpista feci capire che non me la poteva raccontare, mi facevo autoanalisi io, ed un giorno le dissi: "ma tu come fai a dirmi certe cose, le hai lette sui testi di psicologia?"
ci f un breve silenzio, mi guard negli occhi, aveva le gambe accavallate, il palmo della mano le reggeva il mento, il suo braccio appoggiato al bracciolo della sedia, era completamente a suo agio, e mi disse con molta calma: "....perch le ho provate caro mio".
e quella f la chiave per "aprirmi", capii che non mi stava raccontando cazzate, che ne sapeve per vissuta esperienza.
il terapista deve trovare quella chiave, diversamete molto difficile che possa darti una mano.
lei non mi ha mai appoggiato le mano sulla gamba, mai toccato se non per una normale stretta di mano, una volta mi ha dato un fazzoletto, perch era necessario.
dal terapista non si cerca commiserazione ma conferme.
nei momenti pi difficili davanti a lei, semplicemente si interrompeva ed aspettava che fossi pronto a ricomiciare, senza parole di conforto, ma con argomentazioni logiche.
mai compassionevole, sempre comrpensiva.
a volte uscivo dalla seduta gasato e forte, a volte un po' meno.
alla fine, per quanto abile, mi accorsi che non aveva pi nulla da dirmi e la lasciai. non f mai risolutiva ma utile, questo s.
sulla terapia non crearti grandi aspettative, rimarresti delusa, ma SERVE.
lei non ha mai contrattato la sua prestazione: sono 80.000 a seduta, bam! (ti parlo di 8 anni f) e poi centomila, punto!: "pagami quando vuoi", mi diceva, "...tieni tu i conti", nessuna commiserazione.
"oggi ti pago", prendeva i soldi senza dire nulla e li metteva via.
la risalita arriva silenziosa, senza che tu nemmeno te ne accoga: piano piano, cos come il male oscuro arriva e ti porta via, fino al limite della follia, dentro la follia, gi dove tutto nero, pian piano se ne v.... e quasi non te ne accorgi.
una cosa non ho mai smesso di fare: guardare il sole, chiudevo gli occhi e lo fissavo attraverso le palpebre, sentivo la luce entrarmi veramente nella materia grigia... credo fosse autoterapia.
anche nei momenti di sofferenza acuta dobbiamo trovare il modo di aiutarci (a volte ce la si f a volte no).
oggi c' chi mi prende come riferimento se ha delle incertezze.... pensa un po'.
credimi: non esiste un confine vero tra normalit e malattia, davvero non esiste, nessuno davvero al sicuro.
ho una bella famiglia, non certo quella del "mulino bianco", ma abbiamo una vita bella, non chiedo di pi.
la tua famiglia deve sapere: 50/60 euro a settimana sono un buon investimento per la propria giovane figlia.
se tu avessi la piorrea sarebbe giustificabile fare un mutuo per rimetterti i denti in bocca? 30.000 euro, 40.000: ti sentiresti in colpa? non credo!
la depressione e tutti i disturbi legati alla sfera psicolagica sono malattie, malattie mentali, pi o meno gravi, "raffreddori" o "polmoniti".
se avesti una gamba rotta ti sentiresti in colpa?
la stessa, precisa, identica cosa! per la gambe rotte ci vuole il gesso perdio!
ecco, adesso tu hai bisogno del "gesso" perch se no la "gamba" calcifica male! hai diritto a che la tua "gamba" ritorni come prima.
io ho una figlia e quei soldi li spenderei subito, bam!!! anche il doppio se serve!
hai D I R I T T O !
ah! quel pensiero sotto i tuoi posts una vera tragedia, inizia da l.
ecco, ho finito, mi sono raccontato un po', vedi?
adesso tocca a te, se non mi racconti cos' hai, abbiam gi finito!
ciao ragazza.
G-STONED is offline  
Vecchio 24-12-2006, 10.48.43   #43
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Riferimento: scelta difficile (Perch scegliere di entrare in terapia?)

Perch entrare in analisi? Perch ci si sente abbandonati nella propria follia e sofferenza?
sisrahtac is offline  
Vecchio 27-12-2006, 22.26.29   #44
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: scelta difficile (Perch scegliere di entrare in terapia?)

Citazione:
Originalmente inviato da G-STONED
ho letto qualche tuo post precedente: non mi interessano molto, se hai pazienza vorrei continuare sul mio filo.

Mi intrometto perch in diversi passaggi mi sono riconosciuta.

Giustamente terapie brevi o lunghe devono essere sempre riferite al problema che si ha.
Mi ci voluto pi di un decennio per scoprire quel che era nascosto in cantina. Si pu soffrire molto, ma per me ne valsa la pena. Si riprende le redini della propria vita.
La terapia non ti apre le porte del paradiso terrestre, ma ti pu offrire una patente di guida, e l'auto il tuo corpo e la tua mente.

Il traguardo raggiunto quanto ti rendi conto che nessun psicologo sulla faccia della terra pu aiutarti pi di quanto tu possa fare per te stesso.

E riprendi la strada sapendo che non avrai mai certezze, che ora, davvero, tocca a te. Sei solo, lo sarai sempre, ma la vita una partita che vale la pena giocare.

Mary
Mary is offline  
Vecchio 03-01-2007, 18.06.25   #45
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Riferimento: scelta difficile (Perch scegliere di entrare in terapia?)

Si entra in terapia perch ci si sente inadeguati.
sisrahtac is offline  
Vecchio 08-01-2007, 00.23.58   #46
borderline65
Ospite abituale
 
Data registrazione: 23-11-2005
Messaggi: 107
Riferimento: scelta difficile (Perch scegliere di entrare in terapia?)

si entra in terapia perche' si sta male male dentro e da sola non riesci a cavare unragno da un buco io ho passato diversi terapisti la mia diagnosi e'personalita bordelaine i primi due sono stati un disastro non mi hanno aiutata per niente un'altra poi mi si metteva a parlare della sua vita come fossi io la psicoterapeuta il penultimo non era all'altezza troppo giovane ed inesperto finalmente ne ho trovato uno con le.... che sa il fatto suo e forse lui mi puo aiutare almeno lo 'spero anche perche si prende 130 euro a seduta e non e' poco comunque imbroccare il terapista giusto non e' facile ci deve essere subito del feeling altrimenti non funziona auguri a tutti
borderline65 is offline  
Vecchio 18-01-2007, 15.55.32   #47
pallina
...il rumore del mare...
 
Data registrazione: 15-01-2007
Messaggi: 279
Riferimento: scelta difficile (Perch scegliere di entrare in terapia?)

Si entra in terapia perch ad un certo punto ci si rende conto di essere chiusi dentro una stanza....L'aria manca, il posto stretto e ti senti soffocare.....vuoi uscire....devi uscire da l.....

Ogni volta che sono entrata in terapia questa stata la sensazione che mi ha spinto ad iniziarla.
pallina is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright Riflessioni.it