Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Scienze
Scienze - Ciò che è, e ciò che non è spiegato dalla scienza.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Scienza e Tecnologia
Vecchio 10-04-2008, 19.12.06   #11
Anakreon
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-06-2007
Messaggi: 297
Numeri e misure.

Caro Simmetria,

osservi:

"C'e' una cosa che dovrebbe far riflettere:
Se effettivamente dovesse essere 300000 chilometri al secondo cio' che a mio parere e' "strano" e' la sequenza di 5 zeri che farebbe pensare ad una combinazione di elementi ben precisa."
Cioe' siamo fuori dalla casualita'."


Benché come Tu stesso noti, la velocità non sia esattamente quella, non di meno, se pur fosse, essa varrebbe per chi togliesse il chilometro, quale misura dello spazio percorso; se, di contro, alcun altro usasse altre misure, per esempio le miglia, gli zeri non sarebbero cinque e forse non sarebbero neppure.

Quel numero perciò è meramente casuale, perché dipende dalla misura usata:
muta la misura, muterà il numero.

Anakreon.
Anakreon is offline  
Vecchio 10-04-2008, 19.32.15   #12
Anakreon
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-06-2007
Messaggi: 297
Velocità e domande.

Caro Sumina,

m'opponi:

"Caro Anakreon, non sto chiedendo perche' lo zero assoluto sia -273 gradi centigradi, e non un altro valore, la cui risposta evidente è che dipende dalla scala per misurare la temperatura, dato che mi è chiaro, che se la temperatura rappresenta a livello macroscopico l'energia cinetica delle molecole, le molecole piu' ferme che ferme , non possono essere, su questo dovrai convenire, e quindi quello è il valore per cui le molecole si fermano , e che è diverso a seconda della scala di temperatura utilizzata.".

Ma la questione, circa il freddo minimo, potrebb'essere così posta:
perché, in un certo stato, le molecole si fermano e non vice versa, continuano a muoversi ?.

E' vero che, se la quiete è quiete, il moto vice versa può essere più o meno veloce;
ma se mi domando per quale causa una cosa nell'universo si muova ad una certa velocità, quale che sia, e non ad un'altra;
perché non posso anche domandarmi per quale causa una cosa nell'universo stia in quiete e non sia sempre in tale movimento perpetuo, che nulla possa fermarla ?.

Per altro, anche quella quiete che Tu affermi sia delle molecole in un corpo freddissimo, mi pare sia quiete apparente, o meglio, quiete per relazione, non certo quiete in sé e per sé, considerando che le molecole sono pur sempre tratte nel moto universale.

Anakreon.
Anakreon is offline  
Vecchio 11-04-2008, 12.15.53   #13
SIMMETRIA
Ospite abituale
 
Data registrazione: 17-05-2007
Messaggi: 248
Riferimento: Numeri e misure.

Citazione:
Originalmente inviato da Anakreon
Caro Simmetria,

osservi:

"C'e' una cosa che dovrebbe far riflettere:
Se effettivamente dovesse essere 300000 chilometri al secondo cio' che a mio parere e' "strano" e' la sequenza di 5 zeri che farebbe pensare ad una combinazione di elementi ben precisa."
Cioe' siamo fuori dalla casualita'."


Benché come Tu stesso noti, la velocità non sia esattamente quella, non di meno, se pur fosse, essa varrebbe per chi togliesse il chilometro, quale misura dello spazio percorso; se, di contro, alcun altro usasse altre misure, per esempio le miglia, gli zeri non sarebbero cinque e forse non sarebbero neppure.

Quel numero perciò è meramente casuale, perché dipende dalla misura usata:
muta la misura, muterà il numero.

Anakreon.

Ciao

L'osservazione non era rivolta agli zeri ma al fatto che un numero che nasce
da valutazioni fisiche e che sia "legato" a formule che a loro volta si "intrecciano" in qualche modo, debba avere una sucessione dello stesso numero per ben 5 volte che sia lo zero o un altro non ha importanza quello che conta e' che sembrerebbe un numero che ricorda una quantizzazione
di un qualche cosa che non riesco a percepire.
Se la velocita' della luce fosse stata es: 287548 chilometri al secondo sarebbe stata relazionata con dei calcoli e non avrebbe meravigliato.
Ritengo anche che se la velocita' della luce si avvicina al numero 300000
non toccandolo con precisione che ci possano essere dei "disturbi"
che non toglierebbero nulla al sospetto di base data la vicinanza.
SIMMETRIA is offline  
Vecchio 11-04-2008, 13.20.30   #14
Crono80
Ospite abituale
 
Data registrazione: 19-05-2007
Messaggi: 189
Riferimento: E se... la velocità della luce fosse infinita?

quindi Simmetria ti riferisci ad una quantità (misurata cn qlsiasi unità scelta e cn qlsiasi sistema numerico) "intera" che fa pensare al discreto? cioè non con numeri con frazioni periodiche?
Crono80 is offline  
Vecchio 11-04-2008, 13.35.30   #15
Anakreon
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-06-2007
Messaggi: 297
Dignità e forme

Caro Simmetria,

qualunque sia la forma di quel numero, essa è tuttavia tale, che dipende da ciò, che usiamo della misura di chilometri e non altra:
se quel numero pur avesse una forma straordinaria, esso l'avrebbe perché misureremmo la velocità della luce col metro; ma non l'avrebbe se la misurassimo col miglio o con lo stadio o con altra misura prodotta per convenzione dall'uomo.

La forma di quel numero potrebbe vice versa esser degna di nota, se rappresentasse la relazione tra la velocità della luce ed un altro evento della natura delle cose.

Tale potrebb'essere, per sé, anche il metro, se pur fosse una misura naturale universale od una frazione esatta d'una misura naturale universale:
ma non mi pare sia tale.

Anakreon.
Anakreon is offline  
Vecchio 11-04-2008, 15.34.12   #16
Eretiko
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-10-2007
Messaggi: 663
Riferimento: E se... la velocità della luce fosse infinita?

Scusate se intervengo su questa bagarre della velocità della luce, ma è solo per ricordare che essa è funzione di altre 2 "costanti": la permeabilità magnetica e la costante dielettrica (vedere equazioni di maxwell), le quali sono costanti solo nel vuoto e conosciute con sistemi empirici e troncate ad un certo numero di cifre decimali. Inoltre dato che nel calcolo interviene la radice quadrata, la velocità della luce (teorica) è un numero irrazionale che arrotondiamo a 300.000. Quindi perchè fare tante digressioni ?
Se poi il mezzo nel quale si propaga la luce non è isotropo ed omogeno si complica tutto.

Semmai è da chiedersi da dove vengono fuori (teoricamente) quei valori della costante dielettrica e della permeabilità, visto che li utilizziamo nei calcoli come costanti assegnate (assieme a tante altre costanti): il sogno di tutti i fisici.
Eretiko is offline  
Vecchio 11-04-2008, 16.45.14   #17
SIMMETRIA
Ospite abituale
 
Data registrazione: 17-05-2007
Messaggi: 248
Riferimento: Dignità e forme

Citazione:
Originalmente inviato da Anakreon

..La forma di quel numero potrebbe vice versa esser degna di nota, se rappresentasse la relazione tra la velocità della luce ed un altro evento della natura delle cose...


Anakreon.

Ciao

Per Krono
Esattamente cosi'.

Per Anakreon
Si sono daccordo.
Ma potrebbe essere relazionata proprio con un intreccio di formule portate avanti con il sistema del metro e del secondo.
Io credo ,come hai sottolineato, che potrebbero esserci "altri eventi" della natura delle cose che potrebbero sfuggirci ma racchiusi in quell'informazione
della sequenza non casuale di 5 zeri.
SIMMETRIA is offline  
Vecchio 14-04-2008, 00.11.25   #18
Rising Star
Ospite abituale
 
L'avatar di Rising Star
 
Data registrazione: 29-06-2007
Messaggi: 213
Riferimento: E se... la velocità della luce fosse infinita?

Citazione:
Originalmente inviato da Sùmina
Io invece ho una domanda alla quale non mi ha risposta mai nessuno (tra i miei amici, alcuni laureati in fisica), forse la risposta è ignota?

Perche' la velocità della luce è proprio quella?
Voglio dire, il limite avrebbe potuto essere la metà (150.000 km/s) oppure il doppio (600.000), oppure qualunque altro valore, ed invece no, il valore è proprio quello.

Qual'è la ragione del valore di questa costante?
Se ho inteso bene la domanda, forse perché è una costante "universale" che è quantificata con misure "terrestri"! Se il senso della domanda è un altro, allora credo che tale costante rappresenti un limite fisico per questo universo; come per il suono che non può propagarsi più velocemente di (circa) 340 m/s in aria.
Saluti.
Rising Star is offline  
Vecchio 14-04-2008, 12.37.45   #19
Anakreon
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-06-2007
Messaggi: 297
Cause e questioni.

Suppongo che Sumina voglia proprio di ciò conoscere la causa:
perché la velocità sia pur quella e non un'altra.

Ma la questione potrebb'essere estesa a tutto ciò che è:
è necessario che sia tale e non può essere altrimenti ovvero può essere altrimenti ed è tale solo per accidente ?.

Dubito tuttavia che la scienza possa dare una risposta soddisfacente, perché essa può solo esplicarci che le cose stanno in questo modo, ma non investigare se sarebbero potute stare altrimenti, che stanno.

Anakreon.
Anakreon is offline  
Vecchio 14-04-2008, 13.15.02   #20
Sùmina
Ospite abituale
 
L'avatar di Sùmina
 
Data registrazione: 23-05-2006
Messaggi: 143
Riferimento: E se... la velocità della luce fosse infinita?

Citazione:
Originalmente inviato da Eretiko
Scusate se intervengo su questa bagarre della velocità della luce, ma è solo per ricordare che essa è funzione di altre 2 "costanti": la permeabilità magnetica e la costante dielettrica (vedere equazioni di maxwell), le quali sono costanti solo nel vuoto e conosciute con sistemi empirici e troncate ad un certo numero di cifre decimali. Inoltre dato che nel calcolo interviene la radice quadrata, la velocità della luce (teorica) è un numero irrazionale che arrotondiamo a 300.000. Quindi perchè fare tante digressioni ?
Se poi il mezzo nel quale si propaga la luce non è isotropo ed omogeno si complica tutto.

Semmai è da chiedersi da dove vengono fuori (teoricamente) quei valori della costante dielettrica e della permeabilità, visto che li utilizziamo nei calcoli come costanti assegnate (assieme a tante altre costanti): il sogno di tutti i fisici.

Lo stavo per scrivere io dopo il commento di Rising Star, infatti la relazione con altre 2 (a loro volta) costanti, non è una spiegazione sul valore di c, ma semmai, un'osservazione, perchè evidentemente sposta il problema sulle altre costanti.....


Sùmina is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it