Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Scienze
Scienze - Ciò che è, e ciò che non è spiegato dalla scienza.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Scienza e Tecnologia
Vecchio 07-04-2008, 21.35.41   #1
Crono80
Ospite abituale
 
Data registrazione: 19-05-2007
Messaggi: 189
E se... la velocità della luce fosse infinita?

chiedo questa domanda così in generale a tutti i relativisti x capire come sarebbe il nostro cosmo se la costante c fosse uguale a + infinito.

Lo spazio-tempo sarebbe assoluto? oppure avremmo interconnessioni non locali anche su scale macroscopiche e la realtà così come c appare non esisterebbe essendo tutto un calderone quantistico anche su scale classiche?

oppure cos'altro?

grazie. e scusate se magari sembra banale come domanda.
Crono80 is offline  
Vecchio 07-04-2008, 23.03.59   #2
Sùmina
Ospite abituale
 
L'avatar di Sùmina
 
Data registrazione: 23-05-2006
Messaggi: 143
Riferimento: E se... la velocità della luce fosse infinita?

Io invece ho una domanda alla quale non mi ha risposta mai nessuno (tra i miei amici, alcuni laureati in fisica), forse la risposta è ignota?

Perche' la velocità della luce è proprio quella?
Voglio dire, il limite avrebbe potuto essere la metà (150.000 km/s) oppure il doppio (600.000), oppure qualunque altro valore, ed invece no, il valore è proprio quello.

Qual'è la ragione del valore di questa costante?
Sùmina is offline  
Vecchio 08-04-2008, 12.10.32   #3
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: E se... la velocità della luce fosse infinita?

Citazione:
Originalmente inviato da Sùmina
Io invece ho una domanda alla quale non mi ha risposta mai nessuno (tra i miei amici, alcuni laureati in fisica), forse la risposta è ignota?

Perche' la velocità della luce è proprio quella?
Voglio dire, il limite avrebbe potuto essere la metà (150.000 km/s) oppure il doppio (600.000), oppure qualunque altro valore, ed invece no, il valore è proprio quello.

Qual'è la ragione del valore di questa costante?


premetto da subito che non ho alcuna competenza professionale in materia e se diro delle cavolate..be mi andavi di dire la mia,personalissima idea...

..e se quel limite,quel valore assoluto sarebbe solo un limite "materiale",quindi intinseco del fatto che la materia e' di per se limitata?(quindi noi compresi)

e se lo spazio e il tempo non fosse altro che una dimensione "circoscritta" dal nostro cervello che e' lo strumento che codifica la "realta globale"...il tempo di per se non credo esista se non nella codificazione che il cervello stesso gli assegna..se in ultima analisi la dimensione materiale cui apparteniamo ci fa "vedere" soltanto una piccolissima parte,tra l'altro staccata e frammentata della "realta globale""?....come un pesce in una piccolissima vaschetta che non ha alcuna cognizione dell'immensita degli oceani che stanno fuori?

scusate le mie farneticazioni
acquario69 is offline  
Vecchio 09-04-2008, 14.31.26   #4
Anakreon
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-06-2007
Messaggi: 297
Domande universali.

Caro Sumina,

domandi:

"Perche' la velocità della luce è proprio quella?".

In vero, ci possiamo anche domandare perché non debba essere quella che è.

E la medesima domanda si può porre per tutto ciò, che è:
è così per necessità e, quindi, non potrebb'essere altrimenti, ovvero è così per per caso e, quindi, potrebb'essere altrimenti ?.

Anakreon.
Anakreon is offline  
Vecchio 09-04-2008, 17.41.41   #5
Sùmina
Ospite abituale
 
L'avatar di Sùmina
 
Data registrazione: 23-05-2006
Messaggi: 143
Riferimento: Domande universali.

Citazione:
Originalmente inviato da Anakreon
Caro Sumina,

domandi:

"Perche' la velocità della luce è proprio quella?".

In vero, ci possiamo anche domandare perché non debba essere quella che è.

E la medesima domanda si può porre per tutto ciò, che è:
è così per necessità e, quindi, non potrebb'essere altrimenti, ovvero è così per per caso e, quindi, potrebb'essere altrimenti ?.

Anakreon.

Caro Anakreon, non sto chiedendo perche' lo zero assoluto sia -273 gradi centigradi, e non un altro valore, la cui risposta evidente è che dipende dalla scala per misurare la temperatura, dato che mi è chiaro, che se la temperatura rappresenta a livello macroscopico l'energia cinetica delle molecole, le molecole piu' ferme che ferme , non possono essere, su questo dovrai convenire, e quindi quello è il valore per cui le molecole si fermano , e che è diverso a seconda della scala di temperatura utilizzata.

Ovvio che vale anche per la luce, se usiamo le miglia invece che i km, il valore è diverso, ma appunto , la domanda non è quella.....

Perchè se è impossibile pensare che la temperatura possa scendere sotto quel valore, che ripeto, la temperatura è il fenomeno macroscopico del movimento molecolare, non è invece impossibile pensare un velocità limite (massima) maggiore o minore......e allora perchè quella?

Capisci che non è uguale dire che quando un corpo è fermo ha velocità minima e dire che la velocità massima e' c.

Il problema sul valore di un limite fisico massimo, e non un altro, si pone....
Sùmina is offline  
Vecchio 09-04-2008, 23.58.42   #6
Crono80
Ospite abituale
 
Data registrazione: 19-05-2007
Messaggi: 189
Riferimento: E se... la velocità della luce fosse infinita?

Sumina, ma secondo me invece quello ke affermi è del tutto analogo al caso in cui si accettino dei limiti inferiori.

ad esempio lo zero assoluto appunto rappresenta energia cinetica di stato minima delle molecole.

ma, inquadrando la questione della velocità della luce, nei fatti sperimentali e nelle relazioni teoriche che cercano di darne ragione (quindi nella relatività e nei suoi postulati) si scopre che se si dovesse violare in senso maggiorante la costante c accadrebbe che la massa diventerebbe (x cotnrazione di Lorentz penso) piu infinita che infinita. e allora, ragionando col tuo metro, come puo' una quantità essere piu' che infinita se già è infinita?

Crono80 is offline  
Vecchio 10-04-2008, 10.06.26   #7
Sùmina
Ospite abituale
 
L'avatar di Sùmina
 
Data registrazione: 23-05-2006
Messaggi: 143
Riferimento: E se... la velocità della luce fosse infinita?

Citazione:
Originalmente inviato da Crono80
Sumina, ma secondo me invece quello ke affermi è del tutto analogo al caso in cui si accettino dei limiti inferiori.

ad esempio lo zero assoluto appunto rappresenta energia cinetica di stato minima delle molecole.

ma, inquadrando la questione della velocità della luce, nei fatti sperimentali e nelle relazioni teoriche che cercano di darne ragione (quindi nella relatività e nei suoi postulati) si scopre che se si dovesse violare in senso maggiorante la costante c accadrebbe che la massa diventerebbe (x cotnrazione di Lorentz penso) piu infinita che infinita. e allora, ragionando col tuo metro, come puo' una quantità essere piu' che infinita se già è infinita?


A sì?
E perchè è infinita?

Capisci che non è uguale dire.....perchè e' zero, e dire, perchè è infinita, perchè mentre posso porti la questione come ho fatto, non potrei invece dirti....e perchè è zero?

Insomma, una velocità minore di "zero" (nel senso dello stato di quiete, lo zero assoluto, che sia termodinamica o solo dinamica) è inconcepibile, mentre una velocità maggiore di quella......lo e'.

Ecco perche non è uguale.
Sùmina is offline  
Vecchio 10-04-2008, 12.37.18   #8
Loris Bagnara
Ospite abituale
 
Data registrazione: 25-03-2008
Messaggi: 146
Riferimento: E se... la velocità della luce fosse infinita?

Citazione:
Originalmente inviato da Sùmina
Perche' la velocità della luce è proprio quella?
Voglio dire, il limite avrebbe potuto essere la metà (150.000 km/s) oppure il doppio (600.000), oppure qualunque altro valore, ed invece no, il valore è proprio quello.
Qual'è la ragione del valore di questa costante?

Questa domanda non solo è legittima, ma necessaria, e io stesso l'ho posta incidentalmente in un altro 3d; andrebbe posta per tutte le costanti della fisica (ad esempio la costante di gravitazione universale) e per in generale per qualsiasi cosa che potrebbe essere diversamente da quella che è.
Il principio da seguire è il principio di "ragion sufficiente": ci deve essere una ragione sufficiente a far sì che le cose siano ciò che sono. Il caso è accettabile solo a livello locale, ma inaccettabile a livello del TUTTO...
Per quanto riguarda la risposta specifica sulla velocità della luce, ovviamente non la si conosce.
Loris Bagnara is offline  
Vecchio 10-04-2008, 14.38.43   #9
SIMMETRIA
Ospite abituale
 
Data registrazione: 17-05-2007
Messaggi: 248
Riferimento: E se... la velocità della luce fosse infinita?

Citazione:
Originalmente inviato da Loris Bagnara
Questa domanda non solo è legittima, ma necessaria, e io stesso l'ho posta incidentalmente in un altro 3d; andrebbe posta per tutte le costanti della fisica (ad esempio la costante di gravitazione universale) e per in generale per qualsiasi cosa che potrebbe essere diversamente da quella che è.
Il principio da seguire è il principio di "ragion sufficiente": ci deve essere una ragione sufficiente a far sì che le cose siano ciò che sono. Il caso è accettabile solo a livello locale, ma inaccettabile a livello del TUTTO...
Per quanto riguarda la risposta specifica sulla velocità della luce, ovviamente non la si conosce.

C'e' una cosa che dovrebbe far riflettere:
Se effettivamente dovesse essere 300000 chilometri al secondo cio' che a mio parere e' "strano" e' la sequenza di 5 zeri che farebbe pensare ad una combinazione di elementi ben precisa.
Cioe' siamo fuori dalla casualita'.
Ma pare che la velocita' reale non sia proprio quella pero'....
SIMMETRIA is offline  
Vecchio 10-04-2008, 17.52.44   #10
Loris Bagnara
Ospite abituale
 
Data registrazione: 25-03-2008
Messaggi: 146
Riferimento: E se... la velocità della luce fosse infinita?

Citazione:
Originalmente inviato da SIMMETRIA
C'e' una cosa che dovrebbe far riflettere:
Se effettivamente dovesse essere 300000 chilometri al secondo cio' che a mio parere e' "strano" e' la sequenza di 5 zeri che farebbe pensare ad una combinazione di elementi ben precisa.
Cioe' siamo fuori dalla casualita'.
Ma pare che la velocita' reale non sia proprio quella pero'....

Il valore esatto è poco meno di 300.000 (299.792,458) km/s.: una differenza molto piccola, inferiore allo 0,1%.
Se si vuol sostenere che il valore non sia casuale, bisogna dimostrare che l'unità di misura (il metro) è stato costruito allo scopo di far emergere quella particolare cifra "tonda". Però sappiamo che il metro fu definito come 40 milionesima parte del meridiano terrestre passante per Parigi, e quindi si tratta probabilmente soltanto di un caso...
A questo proposito faccio notare che già il pollice inglese (ben più antico del metro) poteva fornire una misura terrestre in cifra tonda: il diametro, mezzo milione di pollici tondi tondi.
E che dire del fatto che la luce impiega quasi esattamente 1000 secondi per attraversare l'orbita terrestre (il diametro terrestre è circa 299 milioni di km)?
In questo caso il punto chiave è l'unità di misura del tempo: il secondo. E' vero che il secondo è una frazione del giorno (la cui lunghezza non è modificabile a piacere), ma è anche vero che il giorno poteva essere frazionato in molti modi diversi che non avrebbero fornito quel bel valore... e guarda caso il sistema di suddivisione del giorni (basato sui numeri 12 e 60) è di origini antichissime... Potrebbe essere che qualcuno abbia inteso suddividere il giorno in modo che ne uscisse un secondo di questa precisa - significativa - durata?
Loris Bagnara is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it