Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Scienze
Scienze - Ciò che è, e ciò che non è spiegato dalla scienza.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Scienza e Tecnologia
Vecchio 28-06-2004, 00.54.49   #61
leibnicht
Ospite abituale
 
L'avatar di leibnicht
 
Data registrazione: 06-09-2003
Messaggi: 486
Ma dove sta il problema ?

Amici miei, dove sta il problema, se anche, come è noto e ovvio, emozioni e pensiero esprimono il lato soggettivo dell'attività bioelettrica di un organo grasso e molliccio, il cervello, brutto a vedersi e disgustoso al tatto?
L'oro, puro e lucente, fu la morte di Mida; dal letame, puzzolente e rivoltante, si genera il grano e sbocciano fiori e germogli.
Comunque sia, ho voluto provare a figurarmi la natura come sarebbe, se essa fosse stata prodotta dal dio unico e assolutista degli ebrei, dei musulmani e dei cristiani (cercando nell'immagine da essi adorata qualche tratto comune).
Per primo, questo dio pretende di azzerare ogni altro possibile oggetto di adorazione e di speranza: in quella natura non dovrebbe sussistere alcunchè di grandioso, nulla di sublime, niente che ispiri un sentimento di intrinseca grandezza.
Secondo: è un dio possessivo e totalitario che pretende l'induzione dell'asservimento presso ogni popolo o cultura.
In alcuni casi, come nell'islam, anche attraverso l'eliminazione fisica dei non credenti.
Nella natura da lui creata non dovrebbero esistere le varietà, la diversità, le sfumature ideologiche, i colori politici.
Terzo: si tratta di un dio che parla, anche attraverso il vangelo, di un mondo economicamente immutabile. Non è prevista la possibilità di far crescere da un ettaro di terra molto più grano, ma solo quella di dividerlo in parti uguali per tutti.
Nella natura voluta da questo dio non dovrebbe esistere alcuna possibilità di progresso, non migliori condizioni di vita per molti più esseri umani, ma la semplice condivisione di molta miseria per pochi sventurati.
Quarto: questo dio disdegna la possibilità che l'uomo possa perseguire il piacere, provare la soddisfazione di un cibo non prescritto, avere e dare amore per il solo fatto di desiderarlo.
Nella natura da lui creata non dovrebbe esistere bellezza, nè arte, nè la magia dell'innamoramento che rese così umano il grande re David.
Quinto: questo dio pretende che tutto l'amore sia per lui e che per lui possa essere disdegnato ogni affetto filiale, fraterno, materno e paterno, e quello dell'amicizia più intima.
In quella natura, da lui voluta, genitori e figli dovrebbero voltarsi le spalle ad ogni suo richiamo, gli amici dovrebbero guardarsi con sospetto, i fratelli temersi.
Sesto: secondo questo dio gli esseri umani dovrebbero orientare ogni propria scelta in vista di una vita ulteriore, della quale, tuttavia, egli non si perita di dare alcuna notazione, pretendendo la più stolida e cieca adesione.
Nel mondo da lui creato, la vita umana dovrebbe valere assai poco, vane o nulle vi dovrebbero essere le ambizioni, quasi olimpico e sardonico il sorriso con cui offrire da bere all'assetato, la cui sete, in fondo è contingente...

E potrei continuare.
Mi guardo intorno. Grazie al cielo non è questo il mondo in cui vivo e con piacere e sollievo respiro.
Chiunque l'abbia fatto, da ovunque esso provenga, statene certi, non è opera sua.
leibnicht is offline  
Vecchio 28-06-2004, 01.11.04   #62
nicola185
al di là della Porta
 
L'avatar di nicola185
 
Data registrazione: 15-02-2004
Messaggi: 0
Re: Ma dove sta il problema ?

Citazione:
Messaggio originale inviato da leibnicht
Chiunque l'abbia fatto, da ovunque esso provenga, statene certi, non è opera sua.

Questa tua ultima affermazione è paradossale, ma come molti paradossi nasconde l'unica verità assoluta ossia che non esiste alcuna verità. I diversi esempi di Dio che hai citato sono miserevoli rappresentazione umane. Io personalmente mi godo a pieni polmoni tutto ciò che mi circonda (nel godere c'è anche la sofferenza), osservo con gli occhi di un bambino, questa materia che si muove, che respira, che defeca, che si sbrana reciprocamente, che emette impulsi elettrici, che implode, che esplode, che vede, che..., che... E'
nicola185 is offline  
Vecchio 28-06-2004, 17.03.25   #63
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
leibnicht

Il dio di cui parli non è quello che vien fuori dalle scritture, ma è quello che hanno voluto far credere alla massa ignorante e paurosa. E' un dio che sta in mezzo fra quello del vecchio testamento e la superstizione.
Gesù ha sempre parlato di "vita" in tutte le sue forme.
San Francesco, che ha capito tutto ha sempre parlato di gioia
e bellezza del creato, Il Maestro dei Maestri ha sempre considerato l'amore importantissimo, ma l'amore non l'asservimento ai sensi, la dipendenza totale, l'annullamento della
propria autocoscienza! Il piacere fisico dei sensi lui non lo disdegnava, beveva e mangiava insieme ai suoi e cibava le
folle, ha benedetto tutti i cibi non vietandone alcuno ma ha detto
soltanto di non essere asserviti al procurarsi cibi e abiti, perchè
chi è in contatto con il proprio Sè, non ha bisogno di
essere in ansia per il domani, perchè vive nell'abbondanza
e nella gioia (il Padre mio sa ciò di cui avete bisogno), i poveri
che sono anche metaforicamente i poveri spiritualmetnte, li avcrete sempre con voi, non perchè egli sia contro il progresso, ma perchè la visione della povertà, il vivere in povertà stimola al
progresso materiale e spirituale....e ci sarebbe tant'altro che se non ti ostini a negare e cerchi di comprendere le Sue parole
Dice Swami Maheshenanda, che Gesù non ha mai istigato
a creare un nuovo problema per la società dicendo va, vendi tutto ciò che hai e seguimi, ma esattamente il contrario, chi sa di essere pellegrino sulla terra, gode e gioisce dei beni terreni
con il distacco di cui solo i maestri sono capaci, perchè sa che sono solo un mezzo per l'applicazione della legge della compassione e dell'amore verso i tuoi simili (che sono il nostro specchio e piccole parti di Dio)
paperapersa is offline  
Vecchio 29-06-2004, 00.27.36   #64
leibnicht
Ospite abituale
 
L'avatar di leibnicht
 
Data registrazione: 06-09-2003
Messaggi: 486
Le parole di cui parli sono vaghe e confuse

e piene di contraddizioni.
Egli fu il primo a sostenere che la Legge andava rispettata, ma poi disse che per seguirlo sarebbe stato necessario dimenticare il proprio padre e la propria madre, contraddicendo il comandamento che impone di onorarli.
Confutò il sacramento del Sabato, predicando e operando miracoli nel giorno del Signore.
Consegnandosi coscientemente ai suoi sicari contraddisse al comandamento che impone di risparmiare ogni vita, disprezzando la sua.
Accecato dall'ira, nel Tempio, non ebbe compassione dei mercanti, accanendosi contro le loro misere cose.
Trasformando l'acqua in vino, a Canaa, non esitò ad utilizzare il suo potere al fine di procurare dei vantaggi ai suoi.
Interrompendo la lapidazione dell'adultera, impedì l'applicazione della Legge.
Rese falsa testimonianza di fronte a Pilato, negando di aver predicato l'autonomia di pensiero di fronte alle Leggi.
Non concesse al Fariseo la possibilità di accedere ai suoi insegnamenti, ritenendolo indegno di essi per il solo fatto di appartenere ad una diversa fazione politica.
Offese, infine, il suo stesso dio quando, sul punto di spirare, lo accusò di non averlo salvato dalla pena della morte in croce.
(...)
Cosa propugnasse quell'uomo, io non lo so, al di là dell'agiografia didascalica che lo riguarda.
Duemila anni di forzati e pretestuosi incensamenti non sollevano la nebbia dello spirito che lo avvolse.
La sua mitologia non ha eguali: altri secoli attendono un giudizio equanime sulla sua figura.
leibnicht is offline  
Vecchio 29-06-2004, 09.02.54   #65
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Onorare padre e madre vuol dire rispetto per chi ti ha permesso di venire al mondo, ma come ogni psicologia afferma devi uccidere(metaforicamente) le figure genitoriali se vuoi essere un individuo libero di operare scelte.
Per il Sabato, Egli dimostra che se una Legge o un dogma sono ingiusti e contraddicono all'Amore che è l'unico che può importi
di trasagredire, ben venga la trasgressione.
E' la coscienza che giudica e non la legge.
Liberamente scelse il cammino della crocifissione indicandoci
che imitandolo e cioè crocifiggendo la personalità si nasce
a vera individualità avero Figlio di DIO:
Da essere umano provò la stessa paura che nell'intimo prova anche l'eroe che sprezzante della sua vita offerta per gli altri o per un ideale sta per spirare.
L'ira verso i mercanti è necessaria: Nessuno ha il diritto di rendere una spelonca di ladri quanto è sacro e quindi il nostro corpo che è tempio deve essere ripulito da vizi e dipendenze, la terra che è sacra va ripulita da tutto ciò che impedisce la crescita
rigogliosa etc.....
La trasformazione dell'acqua in vino ha significato esoterico che
se studi trovi: E poi egli non pensò certo a vantaggi personali ma a togliere dall'imbarazzo e a dare gioia agli sposi e agli invitati..
Impedendo la lapidazione esortà a non giudicare ma a provare
compassione ed amore per le debolezze altrui come per le proprie.. Per il resto spiegami dove e quando, non capisco
anche perchè mangiò con i pubblicani, si recò a casa di farisei,
un suo discepolo era un esattore, non capisco cosa intendi.
Io vedi, ho molto studiato e continuo a meditare su quanto a te sembra contradditorio, ma riesco a spiegarmi più di quanto tu creda perchè non ho mai avuto una fede "cieca" ma ho voluto studiare, aprire gli occhi, confrontare per potere essere certa di me stessa e di quanto dico per cui chi viene a dirmi che le prove storiche sono fasulle non mi tange, a me importa il messaggio
come ai seguaci di un qualunque maestro importa ciò che quel maestro fa e se con il suo esempio dimostra di crtedere in ciòlche dice, senza interessi economicio altri Ciao e..prova ad approfondire un pò ciò che affermi Un bacetto
paperapersa is offline  
Vecchio 30-06-2004, 00.26.41   #66
leibnicht
Ospite abituale
 
L'avatar di leibnicht
 
Data registrazione: 06-09-2003
Messaggi: 486
Ricevo e ricambio

Ma per la tua strada troverai sempre buone ragioni e valide ragioni per persistere nella tradizione.
Io credo che lo straordinario potere di quell'uomo sia essenzialmente di natura erotica: non altrimenti mi spiego la devozione acritica ed assoluta delle donne nei suoi confronti.
Esse ne sono le vessillifere, in ogni tempo, e ad esse si deve la fortuna del cristianesimo.
Penso che cristo incarni, non dio, ovviamente, ma l'aspirazione delle donne per l'uomo che ostenta il suo rifiuto delle specificità proprie dell'essere uomo: orgoglio, fierezza, dignità, lealtà, disposizione al sacrificio senza premio e calcolo, in vista di una virtù che sia premio a se stessa.
Tutte qualità che la donna, per sua intrinseca natura, aborre e percepisce come sciocche e inconcludenti.
Cristo propugna l'ideale dell'omuncolo: senza colonna vertebrale, disposto ad ogni negazione dell'orgoglio, purchè questa gli permetta la visibilità, l'ascolto, lo pseudosostegno della massa senza corpo ad una mediocrità fatta ideale, consolazione dell'impotenza.
L'estremità paranoica, sia pure espurgata da secoli di purificazioni ed addomesticamenti dei molti evangeli, traluce con evidenza dalla predicazione di cristo: solo l'invertebrato, deposta la propria speranza di possedere un Nome, avrà accesso al suo mondo.
La passione delle donne per questa regressione coincide con il "risentimento" sostanziale che essa nutre verso la sessualità maschile e, nelle sue forme più estreme, essa si appalesa nella mistica di quelle cosiddette "sante" che esprimono nelle proprie estasi il più radicale e velleitario dei masochismi virtuali.
Così spesso, del resto, il rifiuto si rivela desiderio negato.
leibnicht is offline  
Vecchio 30-06-2004, 08.03.05   #67
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
anche a te se lo trovi consiglio di leggere il libro: Gesù il primo uomo nuovo scritto dal filosofo tdesco e giornalista Franz Alt.
Ma cosa dovremmo noi donne invidiare a voi uomini, la brutalità che ha portato i capi di stato a dichiarare sempre guerre per il potere (mascherandole da guerre di difesa?), la forza fisica sempre per la lotta ed il predominio? la violenza gratuita, l'asservimento all'eros, le torture, la mancanza di sensibilità.Gesù non ha mai parlato di vigliaccheria, di arrendevolezza, ma di spada
che taglia in due il bene dal male, e così invita sempre ad essere decisi o per il sì o per il no, a non servire due padroni, a mettere vino nuovo (UOMO NUOVO) in otri nuovi (CORPI PURIFICATI), e quindi ad affrontare le nostre zone scure, a smuovere la volontà
che non è nè maschio nè femmina. La verità è che purtroppo maschile e femminile nell'uomo e nella donna non sono ancora integrati e pertanto mentre prima erano le donne a temere i maschi maschilisti oggi è l'esatto contrario sono i maschi a temere
le donne emancipate quando per emancipazione si spacciano tutti quegli aspetti deteriori dei maschi.
Il maschio che prende contatto e coscienza della propria femminilità produce un tale cambiamento nella sua vita......
diventano mariti e padri eccezionali,uomini comprensivi ed aperti all'Altro. Questa è la vera rivoluzione che vuole Gesù, egli non vuole misticismi sfrenati , ma tensione ed amore verso il prossimo.
Se poi qualcuno sceglie 8sono talmente pochi) la strada della rinuncia all'eros, per trasmutarlo in "agape" e cioè amore vero
ed incondizionato per tutte le creature, non ha più sofferenze, non ha rinunciato a nulla, ma anzi il suo "eros" è creativo
e lo riversa in milioni di gesti quotidiani di amore.
paperapersa is offline  
Vecchio 30-06-2004, 13.57.41   #68
leibnicht
Ospite abituale
 
L'avatar di leibnicht
 
Data registrazione: 06-09-2003
Messaggi: 486
L'invidia

Non intendevo parlare di "invidia" del pene: questo è un principio dinamico della psicanalisi classica, al quale non volevo fare riferimento.
In effetti io credo che la dinamica conflittuale dell'invidia del pene, a differenza di quanto riteneva Freud, e più ancora Anna Freud, vada collocata nella patologia dello sviluppo della personalità femminile, e non ne sia una tappa evolutiva costante.
Io parlavo di erotismo, in termini di suggestione erotica, non di pulsionalità psicobiologica.
Le prerogative che ti ho citato, infatti (fierezza, orgoglio, etc...) non rappresentano una costellazione di tratti sublimati della pulsionalità fallica e non tendono, infatti, a strutturarsi di per se stessi dentro delle dinamiche conflittuali, a meno che non rappresentino, individualmente, aspetti di una cattiva e faticosa introiezione della normatività superegoica.
Quando parlo di "dignità", intendo un tratto eminentemente etico e culturale e lo stesso quando mi riferisco all'esercizio della virtù senza calcolo, nell'attesa di una gratificazione che è data dall'esercizio stesso e non dagli obiettivi che essa raggiunge.
Questi sono aspetti dell'uomo che la donna non aggredisce affatto, che non suscitano quella rabbia inconscia, quel risentimento impotente che ispira l'invidia.
Semplicemente essi sono indifferenti, salvo eccezioni e salvo contesti culturali molto particolari, portatori di un mondo di valori "forti", all'universo ed alla psicologia femminile.
Non essendo percepiti essi non sono oggetto di contestazione, in quanto tali, ed in effetti nemmeno i movimenti femministi più radicali li hanno mai presi in considerazione.
Nel tempo, è vero, molte donne li hanno utilizzati: ma al modo in cui un ubriaco usa un lampione, non già per rischiararsi la via, bensì per appoggiarvisi.
leibnicht is offline  
Vecchio 30-06-2004, 16.17.13   #69
openmind
Ospite abituale
 
Data registrazione: 15-06-2004
Messaggi: 50
Gesù non ha mai parlato di vigliaccheria, di arrendevolezza, ma di spada
che taglia in due il bene dal male,


il male esiste solo perche' esiste il bene.....quindi non si dovrebbe piu pensare in quest'ottica dualistica
openmind is offline  
Vecchio 28-08-2004, 17.28.42   #70
AngelaPaola
Ospite
 
Data registrazione: 27-08-2004
Messaggi: 12
Quando dio tace, gli si può far dire qualunque cosa (Sartre)
AngelaPaola is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it