Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Scienze
Scienze - Ciò che è, e ciò che non è spiegato dalla scienza.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Scienza e Tecnologia
Vecchio 17-02-2005, 09.34.40   #21
kri
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-06-2002
Messaggi: 1,297
tranquilla non me la prendo
kri is offline  
Vecchio 17-02-2005, 09.44.16   #22
Paolo77
Ospite abituale
 
L'avatar di Paolo77
 
Data registrazione: 20-12-2003
Messaggi: 480
Kri, da quello che posso intuire, mi sembra che nel momento in cui uno viene iniziato, capisce il motivo della segretezza di certi rituali, che vengono chiamati "Misteri"....
Per quanto riguarda all'utilità delle società segrete, bisognerebbe analizzare il contesto storico e sociale del momento in cui proliferavano, cioè il medioevo e il rinascimento dove la caccia a loro era all'apice.
Analizzando ad esempio I Rosacroce, soprattutto i Manifesti, oltre che ad una riforma spirituale, si parla di una riforma sociale e politica, causata dal periodo di subbuglio del XVII secolo.
Con questo voglio dire che non si limitavano ad essere ordini mistici, iniziatici, come ad esempio i templari, gli assassini, i samurai...
Paolo77 is offline  
Vecchio 17-02-2005, 09.46.41   #23
Paolo77
Ospite abituale
 
L'avatar di Paolo77
 
Data registrazione: 20-12-2003
Messaggi: 480
X IRIS

Perchè secondo te gli uomini tendono a riunirsi in gruppi creando una società isolata all'interno della società degli uomini?
Paolo77 is offline  
Vecchio 17-02-2005, 10.23.43   #24
kri
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-06-2002
Messaggi: 1,297
Citazione:
Messaggio originale inviato da Paolo77
Kri, da quello che posso intuire, mi sembra che nel momento in cui uno viene iniziato, capisce il motivo della segretezza di certi rituali, che vengono chiamati "Misteri"....
Per quanto riguarda all'utilità delle società segrete, bisognerebbe analizzare il contesto storico e sociale del momento in cui proliferavano, cioè il medioevo e il rinascimento dove la caccia a loro era all'apice.
Analizzando ad esempio I Rosacroce, soprattutto i Manifesti, oltre che ad una riforma spirituale, si parla di una riforma sociale e politica, causata dal periodo di subbuglio del XVII secolo.
Con questo voglio dire che non si limitavano ad essere ordini mistici, iniziatici, come ad esempio i templari, gli assassini, i samurai...

Allora .. è chiaro che non sto parlando di società segrete presenti in internet che si fan chiamare templari o rosacroce .. e "raccattano" adepti per via telematiche ... sconsacrando la Sacralità degli stessi .

i misteri sono perduti ... le iniziazioni isidiache .. se ne sa qualcosa .. orfiche pochissimo ... quasi nulla purtroppo ed è per me un gran magone .. senza parlare di quelle di Horus i misteri ellenici ?? ne sai niente ? dunque di che misteri si parla ? Si parla di una rievocazione degli stessi ..su movenze, recite .. ma non veri rituali .. ma solo rievocazioni. e la segretezza sta nel rispettare la Sacralità di questi nei tempi. La fratellanza e la credenza sono alle basi di circoli massonici .. il fratello rispetta ogni tipo di credo .. purchè sia credo .. e non vi è dubbio che si possa parlane, esistono milioni di pubblicazioni da parte di massoni ... quel che non puoi fare è ledere con la tua parola il fratello ! Quindi esistono per privacy una serie di saluti di strette di mano di riconoscimento .. ma se provi a scrivere alla sede principale del G.O.I . ... vedrai ti faranno un colloquio. .. purtroppo mi par che tu non sia credente .. e questo sarebbe vincolante.

Sul proliferare nel medio evo .. sono d'accordo, cominciavano a diventare ( e non nascere) movimento politici che si opponevano ad un altro potere che stava offuscando "la luce" .. questi movimenti non è che sono nati per prendersi tutta la verità esistente ( che se rifletti non era nascosta se loro avevano potuto averla .. se fosse vero che nascevano nel medioevo .. ) ma nascevano per opporsi ... riflettendoci ancora un minuto da qualcuno questi misteri dovevano pur averli "rubati" .. e come e da chi ?? da altre "congreghe" ..allora possiamo dire che sia un proseguimento piuttosto che un nascere. Ma allora dove nascono !? La fonte più antica ? L'Egitto ( benedetto Egitto spunta fuori da pertutto ... santo Horus ) .. eppure guarda un pò non si conosce da dove sbuca fuori lo stesso Egitto .. ed ecco qui che arriviamo come per incanto TA TA TA .. Atantide .. e voilà .. la verità si perde ..

cmq mi spiace per iris che se la sia presa .. ti capisco e bene ..ma è bello che ricerchi !!
kri is offline  
Vecchio 17-02-2005, 12.55.45   #25
iris_1
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-06-2004
Messaggi: 493
Citazione:
Messaggio originale inviato da kri
cmq mi spiace per iris che se la sia presa .. ti capisco e bene ..ma è bello che ricerchi !!

No no kri... non me la sono presa; veramente
E' normale trovare persone che hanno delle opinioni divergenti dalle nostre e diventa anche stimolante poter esporre i propri punti di vista (anche se non ci troviamo d'accordo) con persone che sono cmq civili e che rispettano le tue opinioni (e ormai qui ne sono rimaste ben poche).
Tra l'altro sono convintissima che i tuoi pensieri si basano su qualcosa di concreto e che, come si suol dire, non parli tanto per...
Purtroppo però il forum non ci permette di poter parlare liberamente, quindi tutto deve rimanere ad un livello molto superficiale eludendo la possibilità di chiarire determinati argomenti.
Cmq continuerò a ricercare e se la ricerca farà crollare quelle che sono le mie attuali convinzioni non me la prenderò affatto, perché preferisco una scomoda verità piuttosto che tante belle illusioni
iris_1 is offline  
Vecchio 17-02-2005, 12.57.42   #26
kri
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-06-2002
Messaggi: 1,297
Citazione:
Messaggio originale inviato da iris_1
No no kri... non me la sono presa; veramente
E' normale trovare persone che hanno delle opinioni divergenti dalle nostre e diventa anche stimolante poter esporre i propri punti di vista (anche se non ci troviamo d'accordo) con persone che sono cmq civili e che rispettano le tue opinioni (e ormai qui ne sono rimaste ben poche).
Tra l'altro sono convintissima che i tuoi pensieri si basano su qualcosa di concreto e che, come si suol dire, non parli tanto per...
Purtroppo però il forum non ci permette di poter parlare liberamente, quindi tutto deve rimanere ad un livello molto superficiale eludendo la possibilità di chiarire determinati argomenti.
Cmq continuerò a ricercare e se la ricerca farà crollare quelle che sono le mie attuali convinzioni non me la prenderò affatto, perché preferisco una scomoda verità piuttosto che tante belle illusioni

kri is offline  
Vecchio 17-02-2005, 13.07.16   #27
kri
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-06-2002
Messaggi: 1,297
.. ho dimenticato di dire ..

la bibblioteca di alessandria ..andò bruciata ..con lei la conoscenza antica racchiusa dentro ..lì dove era la culla del mondo ..

Se vogliamo credere in Atlandite .. ( non mi vergogno di dire che ci credo ... visto che non è del tutto illogico ... ) .. in una civiltà pre-nostra ... allora anche lì ci fù un bel disastro .. raccontano Socrate e Platone... e considerando che la nostra civiltà si potrebbe essere formata sulle orme della loro .. allora è ragionevole credere che i loro documenti fossero racchiusi in templi costruiti nelle principali città. Quindi distrutti ! Ciò che rimaneva erano i ricordi, le parole ... i fuggiaschi ... THOT
kri is offline  
Vecchio 17-02-2005, 13.35.26   #28
iris_1
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-06-2004
Messaggi: 493
Re: X IRIS

Citazione:
Messaggio originale inviato da Paolo77
Perchè secondo te gli uomini tendono a riunirsi in gruppi creando una società isolata all'interno della società degli uomini?

Il motivo, a mio avviso, può nascere da due necessità che sono prettamente umane.
Il primo... la ricerca della verità. Si tratta di un desiderio che caratterizza più o meno ogni uomo (io e te per esempio ne siamo una prova no?). Ogni persona ricerca la verità scegliendo la via che più preferisce... c'è chi la ricerca nella religione, nella spiritualità, nella storia, nella leggenda, nell'astrologia, nei fatti concreti e tangibili della vita ecc. Nonostante queste vie siano completamente differenti l'una dall'altra hanno in comune appunto il desiderio di scoprire la verità. Qual è questa verità? Il punto è che neanche noi lo sappiamo e tantomento sappiamo quale sia la giusta strada per raggiungerla e se mai riusciremo realmente a raggiungerla. La ricerca è lo scopo della vita di ogni uomo, una ragione per vivere e per mettersi continuamente in gioco, poi ciascuno sceglie di compierla nel modo che più preferisce.
Il secondo... il desiderio, il bisogno di appartenenza. Lo ritroviamo anche nella psicologia. Un signore di nome Maslow per esempio propose una piramide in cui classificava i bisogni di ogni uomo ponendo alla base della piramide i bisogni primari, cioè quei bisogni necessari per la vita fisiologica (bere, mangiare, dormire ecc) ed è interessante vedere come subito dopo tali bisogni siano menzionati il bisogno di sicurezza e il bisogno di appartenenza senza il cui soddisfacimento sarebbe impossibile giungere ad ottenere la stima e l'autorealizzazione. E' parte della natura umana sentire di appartenere ad un gruppo, sentire di non essere soli, ma facenti parte di una società nella quale siamo in grado di identificarci. Questo lo possiamo notare ogni giorno e se ci facciamo caso notiamo che intorno a noi tutta la "grande società" è costituita da piccoli gruppi... dalla famiglia al gruppo di colleghi che ogni tanto si ritrova al di fuori dell'ambiente lavorativo, il gruppo di amici della scuola o dell'università, il gruppo di amici conosciuti in palestra, gli amici con i quali siamo cresciuti... ognuno di noi è membro di più di un gruppo ristretto e se ci pensi bene è difficile che questi gruppi si mescolino tra loro, rimangono cmq separati. Ogni gruppo è caratterizzato da uno scopo comune, da opinioni comuni, da hobby comuni, da un passato o da un probabile futuro in comune ecc.
Con lo stesso principio secondo me nascono le società segrete.... uomini che si riuniscono in un gruppo isolato per il bisogno di appartenenza e uniti dall'obbiettivo comune della ricerca.
Per te invece quel è il motivo della nascita delle società segrete?
Ciao
iris_1 is offline  
Vecchio 17-02-2005, 19.51.16   #29
AM3
Ospite abituale
 
Data registrazione: 28-12-2004
Messaggi: 75
Di sicuro il bisogno di riunirsi in gruppi esoterici o meno ha qualcosa di ancestrale nonchè di affscinante .
Partendo dal principio , in cui magari il messaggio è puro e originale , si finisce col deviare e col creare delle società all'interno della società stessa , rimanendo quindi invischiati in un discorso quanto mai strane .
Le riunioni di gruppi di persone è direi in questi anni aumentato : c'è bisogno di comunicazione e di credere in qualcosa .
Ho notato come la maggiranza delle loggie e delle sette , si vengono a creare per un bisogno disperato di comunicazione e di vedere un'altra realtà al di fuori di quella che vi è .
Le origini dell'esoterismo è legata al bisogno di unirsi e di vedere una luce , che i più non vedono e non comprendono .
C'è bisogno di avere dei principi comuni e di parlare con qualcuno che condivida i tuoi temi e le tue idee , questa è una delle tante cause della proliferazione delle loggie , delle sette e dei gruppi spirituali .

Saluti
Alessio
AM3 is offline  
Vecchio 17-02-2005, 20.15.17   #30
Paolo77
Ospite abituale
 
L'avatar di Paolo77
 
Data registrazione: 20-12-2003
Messaggi: 480
x KRI

Penso che al giorno d'oggi, internet sia un ottimo metodo per certi ordini di diffondere i loro programmi e la loro esistenza, di gruppi che raccattano ce ne sono in ogni ambito...
I culti e i rituali dell'antichità erano adatti per quel tipo di mentalità, quel ritmo di vita, la struttura interna dell'uomo è diversa e poi non c'erano i mezzi di diffusione di oggi. Forse possono essere alcuni dei motivi per cui non vedi piu i misteri egizi e greci (poi mi spiegherai come potresti tu vederli a meno di non farne parte). Cmq io come faccio a dire se sono perduti? Non so nemmeno se sono esistiti e nemmeno dove cercarli, posso solo presupporli avendoli letti su dei libri, ma per quanto riguarda l'esperienza, niente.
Per quanto riguarda le fonti, non saprei, a me piace e affascina pensare che sia l'egitto, e anche se dall'egitto fosse Atlantide, da Atlantide? e prima di Atlantide...secondo me la ricerca non va fatta i questo senso a meno che non si ha come obbiettivo una ricerca storica...
Per quanto riguarda Alessandria, secondo me non cambia molto che sia bruciata o meno, la conoscienza non puo essere rinchiusa in una biblioteca, nella storia si è scritto tantissimo già...
Paolo77 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it