Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 24-02-2007, 21.18.38   #11
sidmk
Ospite
 
Data registrazione: 21-02-2007
Messaggi: 4
Riferimento: Dio

Bisogna rendere reali a se stessi e poi anche alle altre persone che noi siamo esseri infiniti siamo spiriti e che siamo arrivati in questo casino un po' per colpa nostra ed un po' per volere di spiriti che vivono di ostilità nascosta e che tutt'ora governano il mondo e ci dicono cosa dobbiamo o non dobbiamo fare.
Se certi concetti non vengono diffusi come fa la gente a cambiare?
Bisogna diffondere i nuovi concetti e farli accettare alla gente in qualche modo, solo così la spirale degli eventi può essere rallentata nel suo cammino discendente.
1-Tu sei un essere immortale e sei uno spirito.
2-Tutto quello che vedi è il risultato della media inevitabile delle creazioni di tutti gli spiriti.
3-Il corpo è una cosa che hai, non una cosa che sei.
4-Il corpo astrale è una cosa che hai, non una cosa che sei.
5-La mente è composta da tre parti: mente analitica, reattiva e somatica.
6-Le menti inutili sono la reattiva e la somatica.
7-Il ricordo di se stessi è più importante di qualsiasi pensiero.
8-Salvare le informazioni acquisite durante la vita è un diritto di ogni individuo.
9-La libertà dell'individuo esiste solo fra le barriere.
10-Non essere mai contro la sopravvivenza tua e di un altro individuo anche se la morte è un'apparenza.
11-Il creato è effimero ma è reale solo a chi vi si interfaccia.
12-Esistono 3 universi: Quello personale quello degli altri e quello condiviso.
13-Lo spirito non è materia, non è energia, non è soggetto a tempo, non è spazio. Lo spirito non è nulla.
14-Lo spirito è colui che genera ogni cosa.
15-Noi spiriti siamo giunti a queste condizioni solo per gioco.
16-La vita non ha scopo se non quello di giocare il gioco dello scoprire e sopravvivere.
17-Il comando principale e l'impulso alla vita è "SOPRAVVIVI".
18-Dio è uno spirito designato da noi a sovraintendere tutto il creato.
19-Dio non è il creatore.
20-Coloro che hanno creato tutto siamo noi stessi.
21-Lo spirito può vivere al di fuori del corpo sia fisico che astrale senza che il corpo muoia.
22-Lo spirito può vivere senza nessun tipo di corpo.
23-Lo spirito può creare qualsiasi cosa, postulandola.
24-Lo spirito può distruggere qualsiasi cosa, postulando di distruggerla.
sidmk is offline  
Vecchio 25-02-2007, 10.03.44   #12
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: Dio

Citazione:
23-Lo spirito può creare qualsiasi cosa, postulandola.
24-Lo spirito può distruggere qualsiasi cosa, postulando di distruggerla.

ti rendi conto che grande potere daremmo agli imbecilli, che esistono in gran quantità, se fosse così il numero 24.?
Non credi che queste "verità" siano pericolose per chi non è pronto (e cioè
amorevole, giusto e saggio)?
paperapersa is offline  
Vecchio 25-02-2007, 11.09.49   #13
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: Dio

Citazione:
Originalmente inviato da sidmk
Bisogna rendere reali a se stessi e poi anche alle altre persone che
-.
16-La vita non ha scopo se non quello di giocare il gioco dello scoprire e sopravvivere.
17-Il comando principale e l'impulso alla vita è "SOPRAVVIVI".
.
22-Lo spirito può vivere senza nessun tipo di corpo.
23-Lo spirito può creare qualsiasi cosa, postulandola.
24-Lo spirito può distruggere qualsiasi cosa, postulando di distruggerla.

scusa ma se l'istinto di sopravvivenza è l'unico scopo della vita
vanno bene tutte le manipolazioni genetiche, il disinteresse per le sorti altrui poichè mors tua vita mea, il lottare sempre contro ogni avversità poichè questa è l'unica vera vita?
paperapersa is offline  
Vecchio 26-02-2007, 15.51.18   #14
salvatoreR
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-10-2005
Messaggi: 351
Riferimento: Dio

Non sarà che ognuno ha il senso del Divino che si "merita"?
Il Divino che scaturisce dalla nostra interiorità va cercato e ritrovato ... non può esserci impartito o elargito dall'esterno ... è gia in noi ... attende soltanto che lo si riscopra.
Mirror


Condivido pienamente
Dio è al di là di ogni immaginazione e di ogni sforzo di comprensione.
La sua immensità non può essere percepita dalla mente umana.
Dio è Credo e Dubbio.
Dio è il Conosciuto e l’ Inconoscibile.
Dio è Amore e sofferenza.
Dio è Consapevolezza
Dio è il Tutto e il Nulla.
Dio è Vita e Morte insieme.

salvatoreR is offline  
Vecchio 26-02-2007, 16.16.04   #15
salvatoreR
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-10-2005
Messaggi: 351
Riferimento: Dio

Dio NON è Cattolico, né Islamico, Ebreo o Induista.

“ Quando conoscerete voi stessi, sarete conosciuti e saprete che siete figli del Padre vivente.
Colui che cerca non cessi dal cercare, finché non trova e quando troverà sarà commosso, e allora contemplerà sul Tutto. “

salvatoreR is offline  
Vecchio 26-02-2007, 17.32.45   #16
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Riferimento: Dio

Salve!
ho letto i "nuovi" 24 concetti.....pur nella strana stesura non mi sembra che dicano cose nuove.......quello che mi lascia più perplesso è:Bisogna diffondere i nuovi concetti e farli accettare alla gente in qualche modo è quel "qualche modo" che mi suona male claudio
fallible is offline  
Vecchio 26-02-2007, 19.16.36   #17
hetman
Credente Bahá'í
 
L'avatar di hetman
 
Data registrazione: 26-02-2007
Messaggi: 447
Riferimento: Dio

Innanzi tutto un saluto a tutti,

sono un nuovo iscritto interessato all'argomento "Religiosità".

Ho letto con interesse tutti gli interventi del topic "DIO" è vorrei esprimere la mia modestissima opinione.

"DIO COMPRENDE IN SE' TUTTO, EGLI NON PUO' ESSERE COMPRESO"

Nel vecchio Testamento leggiamo che Dio disse:
<< Facciamo l'uomo a nostra immagine, secondo la nostra somiglianza >>

Nel Nuovo Testamento Gesù disse:
<< Credetemi ch'io son nel Padre, e che il Padre è in me >>

Nel Corano Dio dice:
<< L'uomo è il mistero Mio, ed Io il mistero suo >>

Queste parole sacre ci dimostrano che l'uomo è fatto ad immagine di Dio.
Eppure l'essenza di Dio è incomprensibile per la mente umana; ciò è perchè la comprensione finita non si può applicare a questo mistero infinito.
Dio contiene tutto, Egli non può essere contenuto.
Ciò che contiene è superiore a ciò che è contenuto; l'intero è superiore alla parte.

L'uomo può comprendere soltanto quelle cose che non trascendono la sua intelligenza; perciò è impossibile che il cuore dell'uomo possa comprendere la natura della Maestà di Dio.
La nostra immaginazione può figerare soltanto ciò che è capace di creare.

Dei diversi regni della natura alcuni sono fra loro assolutamente incomprensibili.
Il regno minerale, il vegetale e l'animale non possono concepire creazione alcuna all'infuori della loro.
Il minerale non può comprendere il potere di sviluppo della pianta.
L'albero non può immaginare come l'animale possa muoversi e non può capire che cosa significhi vedere, udire, odorare.
Tutto ciò appartiene alla creazione fisica.

Anche l'uomo fa parte di questa creazione fisica, ma non è possibile a nessuno dei regni inferiori comprendere ciò che avviene nella mente dell'uomo.

Tutti i regni superiori sono incomprensibili a quelli inferiori.
Allora, come è possibile che la creatura uomo comprenda l'Onnipotente Creatore di tutte le cose?
Ciò che immaginiamo non è l'essenza di Dio; Egli, l?incomparabile, è di gran lunga superiore a quel che di più eccelso possa immaginare l'uomo.

La superiorità dell'uomo su tutto ciò che è creato nel mondo si vede anche in questo: che l'uomo ha una anima nella quale sta lo Spirito Divino.

Gesù Cristo disse: << Chi mi ha veduto, ha veduto il Padre >> (Matteo,XI:27).

Dio si manifesta nell'uomo come il sole, pur non discendendo dal cielo, si riflette in uno specchio, perchè le azioni di salire e di discendere, di venire e di andare non sono dell'infinito, ma soltanto degli esseri finiti.
Più lo specchio è terso e più il sole vi si rispecchia, cosi è per la manifestazione di Dio sugli uomini, più essi sono puri di cuore e di buona volontà e più in essi si manifestano le qualità di Dio.
E come in uno specchio non è lo specchio a vedere i raggi riflessi del sole ma chi nello specchio guarda, così sono gli altri uomini che vedono, nell'uomo puro e di buona volontà, le qualità di Dio.

Cio vale per le MANIFESTAZIONI di Dio, per i PROFETI ed i Santi; questo concetto è così semplice che tutti possono caprlo, e quello che si può capire si può accettare.

Il Padre Nostro non ci rimprovererà se non accettiamo i dogmi, che non possiamo capire nè quindi credere; perchè Egli è sempre infinitamente giusto verso i Suoi figli.

Sinceri saluti. Hetman
hetman is offline  
Vecchio 27-02-2007, 18.03.26   #18
Brucus
Ospite abituale
 
L'avatar di Brucus
 
Data registrazione: 14-09-2004
Messaggi: 347
Riferimento: Dio

Dio!.... parola usata e abusata da sempre che non significa nulla, un semplice contenitore dove gli uomini riversano le loro frustrazioni, sogni, speranze, ambizioni, paure, ecc., ecc. Tutto esiste soltanto nella Mente, anche se tutto quello che E' non è soltanto Mente. E il nostro Dio, gli dei degli altri, i demoni, gli angeli, i paradisi e gli inferni, sono soltanto il riflesso di ciò che è l'uomo dentro e che lo proietta attraverso il pensiero, i sentimenti, le emozioni, in quella dimensione psichica dove tutto questo diventa realtà, dipendendo dalla forza collettiva con cui la gente sostiene queste creazioni, fino al sorgere di vere e proprie entità che agiscono secondo il potere conferitogli dalle credenze e superstizioni popolari. Ed ecco allora che abbiamo dei del tutto improbabili, che hanno molto più di umano che di divino, che possono passare tranquillamente dall'amore più sublime alle efferatezze più atroci. Vi siete mai chiesti perchè la Madonna appare solo ai cattolici, perchè i santi fanno miracoli unicamente a chi crede in loro. Se fossero esseri veramente di luce e non soltanto creature psichiche, la loro azione sarebbe universale, non farebbero distinzioni tra credo e credo, miracolerebbero indifferentemente il bimbo del Durfur, il musulmano ammalato o apparirebbero e trasmetterebbero messaggi a dei pastorelli cinesi. Ma queste entità sono indissolubilmente legate psichicamente ai loro creatori, dei quali sono il loro riflesso interiore. Si possono fare i percorsi spirituali più elevati, conoscere fusioni cosmiche, sperimentare il Nirvana, il "vuoto" che va tanto di moda, ed essere convinti che si è sul cammino dell'illuminazione, o scendere negli abissi infernali. Tutto questo è solo il cammino dell'uomo dentro se stesso, dentro la sua mente e dentro l'incoscienza e oscurità della materia. Ma proprio per questo siamo qui, per creare noi stessi e il nostro mondo così come la Mente ha creato noi, infatti siamo un pensiero sostenuto da "Dio". Il discorso potrebbe allungarsi troppo, aggiungerò soltanto che i nostri "dei" e in genere le nostre creature psichiche possono morire come un qualsiasi essere umano, ma non per malattia o vecchiaia, ma per l'oblio degli uomini.

Il "vero Dio" senza dubbio esiste, ma non ne sappiamo assolutamente nulla, non possiamo neanche lontanamente immaginare come deve essere quella realtà divina, possiamo solo conoscere, dopo lunghi e durissimi percorsi che possono impiegare una vita intera o molte "vite", una parte di noi, cioè una parte di quel "Dio". Possiamo anche accorgerci di questa presenza dal riflesso che proietta nelle nostre vite, così come un essere bidimensionale può accorgersi di un oggetto tridimensionale dall'ombra che proietta sul suo piano. E' possibile l'esperienza di "Dio", ma solo fuori dalla mente, e là deve restare, come la luce di un faro lontano e incomprensibile che ci guida nell'oscurità della notte delle nostre coscienze. Nessuno ne potrà parlare mai, perchè per farlo deve passare per il vaglio della mente, e in quel momento tutto svanirà come una bolla di sapone per convertirisi in tutt'altra cosa, cioè in una ennesima creazione dell'uomo.

Saluti
Bruck
Brucus is offline  
Vecchio 27-02-2007, 19.14.12   #19
hetman
Credente Bahá'í
 
L'avatar di hetman
 
Data registrazione: 26-02-2007
Messaggi: 447
Riferimento: Dio

[CODE]Citato da Brucus:
Il "vero Dio" senza dubbio esiste, ma non ne sappiamo assolutamente nulla, non possiamo neanche lontanamente immaginare come deve essere quella realtà divina, possiamo solo conoscere, dopo lunghi e durissimi percorsi che possono impiegare una vita intera o molte "vite", una parte di noi, cioè una parte di quel "Dio". Possiamo anche accorgerci di questa presenza dal riflesso che proietta nelle nostre vite, così come un essere bidimensionale può accorgersi di un oggetto tridimensionale dall'ombra che proietta sul suo piano. E' possibile l'esperienza di "Dio", ma solo fuori dalla mente, e là deve restare, come la luce di un faro lontano e incomprensibile che ci guida nell'oscurità della notte delle nostre coscienze. Nessuno ne potrà parlare mai, perchè per farlo deve passare per il vaglio della mente, e in quel momento tutto svanirà come una bolla di sapone per convertirisi in tutt'altra cosa, cioè in una ennesima creazione dell'uomo.[/CODE]

Non vorrei essere stato frainteso, mi limito a dire che è assolutamente inutile cercare di sapere qualcosa su Dio inquanto è assolutamente fuori dalle capacità umane.
Come un animale qualsiasi non potrà mai capire un essere umano, cosi un essere umano non potrà capire Dio.
E' semplicemente una questione di stadi, l'unica cosa che l'uomo può fare è accettare l'esistenza di Dio per il solo fatto che non può essersi creato da solo, pensare poi di essersi creato l'universo in cui vive.
Non voglio andare fino al "BigBang" perchè sorgerebbe la domanda di cosa vi era prima.
Premesso che L'uomo è stato creato da qualcuno o qualcosa, può la creazione essere perfetta ed il creatore imperfetto?

A presto, Hetman
hetman is offline  
Vecchio 27-02-2007, 21.02.32   #20
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Dio

Citazione:
Originalmente inviato da Brucus
Dio!.... parola usata e abusata da sempre che non significa nulla, un semplice contenitore dove gli uomini riversano le loro frustrazioni, sogni, speranze, ambizioni, paure, ecc., ecc. Tutto esiste soltanto nella Mente, anche se tutto quello che E' non è soltanto Mente.

Ciao Brucus ben tornato.

Cosa c'e' oltre la mente?
E la mente e' un inutile orpello o e' parte di qualcosa da cui e' inscindibile?

Citazione:
E il nostro Dio, gli dei degli altri, i demoni, gli angeli, i paradisi e gli inferni, sono soltanto il riflesso di ciò che è l'uomo dentro e che lo proietta attraverso il pensiero, i sentimenti, le emozioni, in quella dimensione psichica dove tutto questo diventa realtà, dipendendo dalla forza collettiva con cui la gente sostiene queste creazioni, fino al sorgere di vere e proprie entità che agiscono secondo il potere conferitogli dalle credenze e superstizioni popolari. Ed ecco allora che abbiamo dei del tutto improbabili, che hanno molto più di umano che di divino, che possono passare tranquillamente dall'amore più sublime alle efferatezze più atroci. Vi siete mai chiesti perchè la Madonna appare solo ai cattolici, perchè i santi fanno miracoli unicamente a chi crede in loro. Se fossero esseri veramente di luce e non soltanto creature psichiche, la loro azione sarebbe universale, non farebbero distinzioni tra credo e credo, miracolerebbero indifferentemente il bimbo del Durfur, il musulmano ammalato o apparirebbero e trasmetterebbero messaggi a dei pastorelli cinesi. Ma queste entità sono indissolubilmente legate psichicamente ai loro creatori, dei quali sono il loro riflesso interiore.

Perfetto.

Citazione:
Si possono fare i percorsi spirituali più elevati, conoscere fusioni cosmiche, sperimentare il Nirvana, il "vuoto" che va tanto di moda, ed essere convinti che si è sul cammino dell'illuminazione, o scendere negli abissi infernali. Tutto questo è solo il cammino dell'uomo dentro se stesso, dentro la sua mente e dentro l'incoscienza e oscurità della materia.

Questo e' quello che pensi tu. C'e' una sola conoscenza spirituale. Il vuoto, che non e' un mero nulla, e' il Padre, l'assoluto immanifesto.
In pratica, la mancanza di Vuoto nella propria vita e' l'assenza di Dio perche' assenza di spazio vitale, di silenzio.
Esiste una sola spiritualita', non ne esistono molte, spesso pero' i nostri pregiudizi, la nostra ignoranza e pigrizia ci impediscono di indagare in profondita' e soprattutto con semplicita'. Il dio che traspare dal tuo scritto fa paura, e' talmente irraggiungibile e lontano (dal nostro cuore e comune sentire) che tanto vale non pensarci proprio e quel che sara' sara' (un certo fatalismo).

Citazione:
Ma proprio per questo siamo qui, per creare noi stessi e il nostro mondo così come la Mente ha creato noi, infatti siamo un pensiero sostenuto da "Dio". .

Se hai voglia di spiegare queste cose te ne sono grato, non capita tutti i giorni di sentire qualcuno che dice qualcosa.

Citazione:
Il "vero Dio" senza dubbio esiste, ma non ne sappiamo assolutamente nulla, non possiamo neanche lontanamente immaginare come deve essere quella realtà divina

Certo che non lo possiamo immaginare, ma possiamo comprendere qualcosa*, anche perche' molti prima di noi lo hanno fatto e non possiamo fare a meno della guida di chi e' gia' passato di qui.

*chi comprende e' sempre e solo l'intelletto dove trasmigrazione e comprensione si manifestano. Oltre l'intelletto non vi e' mai stata ne comprensione ne trasmigrazione (c'e' il cielo libero dalle nubi con un sole che splende).

Ultima modifica di Yam : 28-02-2007 alle ore 09.15.54.
Yam is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it