Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 02-04-2008, 17.42.59   #31
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Il dolore,la Croce e il ribaltamento del Senso.

Citazione:
Originalmente inviato da antares
Ma da qualche altra parte ti ho letto... carino...
Ti ho letto asserire di essere Dio...
non sfuggire, ora... è facile e comodo addossare i problemi della propria esistenza all'altrui volontà...
Ma se asserisci di essere Dio...
Vedo che non ci si capisce..
Cosa c'entra questo con la simbologia cristiana presa alla lettera?
E cosa vuoi dire con quell'affermazione finale?
Ciao
Noor is offline  
Vecchio 02-04-2008, 17.55.55   #32
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Il dolore,la Croce e il ribaltamento del Senso.

Citazione:
Originalmente inviato da andre2
per l'attaccamento al simbolo della croce proprio no. per me è stato un atto violento, un suppizio come tanti. la mia indole rifugge al voler attribuire a queste cose risvolti trascendenti.
piuttosto mi sembra che sia il tolle a manifestare un certo attaccamento. ne fa una filippica tanto lunga....
mi sembra poco rispettoso per chi patimenti del genere li ha subiti e li subisce davvero.
Allora..vedo che si continua a leggere alla lettera..
Charisco: per Croce s'intende il massimo della sofferenza che un 'essere umano si trova ad affrontare..ed a ciascuno il suo: può essere una tragedia in famiglia ,o affrontare una malattia incurabile..
insomma tutto ciò che potrebbe portare alla disperazione più assoluta...
insomma:è quello che comunemente viene detta portare la "propria croce personale"..
Ecco:arrendersi a questo dolore assoluto, offrirlo alla Sua Volontà,spalanca un nuovo Senso e Luce,perchè è la Forza dell'Amore e della Compassione che a quel punto guarisce e illumina lo Spirito..
Non vedo la filippica e l'attaccamento..spiegami dov'è..
Noor is offline  
Vecchio 02-04-2008, 19.23.05   #33
andre2
Ospite abituale
 
Data registrazione: 13-11-2007
Messaggi: 258
Riferimento: Il dolore,la Croce e il ribaltamento del Senso.

[quote]
Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Allora..vedo che si continua a leggere alla lettera..
Charisco: per Croce s'intende il massimo della sofferenza che un 'essere umano si trova ad affrontare..ed a ciascuno il suo: può essere una tragedia in famiglia ,o affrontare una malattia incurabile..
insomma tutto ciò che potrebbe portare alla disperazione più assoluta...
insomma:è quello che comunemente viene detta portare la "propria croce personale"..
oh, adesso è chiaro. per me è più chiaro il linguaggio diretto.

Citazione:
Ecco:arrendersi a questo dolore assoluto, offrirlo alla Sua Volontà..
qui non capisco perchè c'è da offrirlo a terzi, il dolore.
per arrendersi, se intendi osservare serenamente lo stato di sofferenza, ok. comunque sia, qualunque sarà l'epilogo, il meditatore sarà sereno, ovvero non sarà preso da sconforto disperazione ecc.. serenità ovviamente non vuol dire passività, e si darà da fare per curarsi in modo efficace.

Citazione:
...spalanca un nuovo Senso e Luce,perchè è la Forza dell'Amore e della Compassione che a quel punto guarisce e illumina lo Spirito
diciamo che la serenità predispone alla guarigione, se non si è messi troppo male... ma poi anche gli illuminati muoiono....

Citazione:
Non vedo la filippica e l'attaccamento..spiegami dov'è..
questa.

Citazione:
“La croce è uno strumento di tortura.Rappresenta la sofferenza più estrema,la limitazione e l’impotenza più grande che un essere umano possa incontrare.Poi improvvisamente questo essere umano si arrende,soffre di buon grado,consapevolmente,pronunci ando queste parole:
<<Non la mia volontà, ma sia fatta la Tua Volontà>>.
In quel momento la croce,lo strumento di tortura, rivela la sua faccia nascosta:è anche un simbolo sacro, un simbolo per il divino.
Quello che sembra negare alla vita l’esistenza di ogni dimensione trascendentale,attraverso l’arrendersi,diventa un’apertura a quella dimensione.”

Eckhart Tolle
ho nerettato e sottolineato le cose che mi convincono meno.
non perchè non possa succedere, che in un momento drammatico possa verificarsi un apertura.
ma in quanti casi, nella storia dell'uomo, pensi si sia verificata, in circostanze di immane sofferenza, l'apertura descritta nella simbologia della croce?
ovvero, si è verificata con gesù, ma per convenzione era già predisposto.
andre2 is offline  
Vecchio 02-04-2008, 22.08.34   #34
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: Il dolore,la Croce e il ribaltamento del Senso.

Citazione da Rising Star

Non credo che sia rimasto a guardare, credo che abbia sofferto anche Lui nel vedere il proprio Figlio deriso, maltrattato, percosso, fustigato ed ucciso proprio da coloro che Dio stesso ha creato (non smetterò mai di vergognarmi di appartenere ad una specie capace di un tale comportamento!).
Tuttavia è proprio per il profondo amore che Dio prova per noi, che ha lasciato che tutto si compiesse: affinché la morte del Figlio significasse la redenzione dell'uomo.

Ma non riuscite a comprendere la potenza dell'Amore di Dio verso noi uomini? Cos'altro deve fare Dio per farcelo capire? Siamo proprio così stupidi e ciechi da non riuscire a vedere?

Carissimo RisingStar, Penso che tu condivida con me che Dio è grande ed onnipotente,quindi se avesse voluto non gli sarebbe stato difficile evitare la crocifissione e la grande sofferenza di Suo Figlio,non ti pare?E ti dirò di più,Lui non solo è rimasto a guardare privo di sofferenza,ma il tutto era stato da Lui stesso ordinato.La venuta,la vita,il verbo,la sofferenza e la morte in croce di Gesù,fanno parte di un disegno Divino prestabilito a fondamento di quella grande riforma della religione che ha permesso la nascita del Cristianesimo,al fine di trasmettere all'umanità i modi sani e giusti per una convevenza tranquilla ed armoniosa fondata sull'AMORE.Perchè da che mondo è mondo è la forza dell'Amore che lo fà proseguire.Sopratutto l'amore verso il proprio prossimo è quello che ti dona il maggior grado di gioia e felicità.E siccome la maggiore felicità la si ottiene donando più che ricevendo,oggi,se la nostra chiesa avesse interpretato nel modo giusto la leggi del cristianesimo,(invece di strumentalizzarle e modificarla a sua convenienza per ottenere e mantenersi il potere)e le avesse trasmesse ai nostri avi dando loro una maggior istruzione e maturità morale,si sarebbe creato un ambiente più sano,nel quale anche noi avremmo potuto apprendere la giuste norme alimantando così quella forte spinta che viene dall'interno che infervorisce il desiderio di amare il proprio prossimo.
Siccome la fisica ci insegna che la relatività è una realtà assodata,ci è facile capire che a maggior difficoltà nella soluzione di un compito sta la maggiore soddisfazione nel portarlo a termine. Per cui si può dedurre che amando o donando qualcosa ad una persona alla quale si vuol bene la gioia è limitata dalla facilità di esecuzione, mentre riuscire ed amare una persona che non si conosce o addirittura una che ti vuol male o che ti ha fatto del male,la felicità che ne puoi ottenere à relativamente molto più grande.
Ebbene l'esempio che Dio ci ha voluto dare,raffigurandoci un Gesù che,non ha dato poco, ma tutta la Sua vita per salvare con il Suo grande Amore coloro che lo stavano uccidendo.Questo è il grande simbolo della croce rivolto all'umanità intera.

Spero tanto di essere riuscito a farti capire il significato.
Ciao espert 37
espert37 is offline  
Vecchio 02-04-2008, 23.46.28   #35
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Il dolore,la Croce e il ribaltamento del Senso.

[quote=andre2]
Citazione:
qui non capisco perchè c'è da offrirlo a terzi, il dolore.
per arrendersi, se intendi osservare serenamente lo stato di sofferenza, ok. comunque sia, qualunque sarà l'epilogo, il meditatore sarà sereno, ovvero non sarà preso da sconforto disperazione ecc.. serenità ovviamente non vuol dire passività, e si darà da fare per curarsi in modo efficace.

diciamo che la serenità predispone alla guarigione, se non si è messi troppo male... ma poi anche gli illuminati muoiono....
Ma quale meditatore?
Non sai uscire da questa benedetta figura che sembra insegui sempre?
Tutto sarebbe più facile...meno ingombro di idee a priori..
Oltretutto lo poni come un guerriero ben fornito di forte identificazione :
quindi usciamo da questa dimensione,quest'idea-forma...
perchè non esiste:è l'ennesima proiezione ipotetica di forza,di opposizione ,che apporta ulteriore "dolore" piuttosto che scioglierlo..
Allora andre,detto questo,ciò di cui si parla è un atto di Fiducia: puoi anche intenderlo verso il Vuoto,l'Esistenza,la Totalità..(se ti dicessi Dio,drizzeresti le antenne e corrugheresti la fronte
E' offrirsi a quelle Mani infinite che ci offre l'Esistenza e che si possono avvertire solo se si "scioglie" il Cuore,come accennava Yam altrove.
Come pensi che agisca o cosa sia la Compassione?
E' unicamente Energia guaritrice impersonale che proviene direttamente dalla Fonte.
Ma se non le facciamo spazio,sbarazzando il campo ,lasciando quieto l'ego e gettando via tutte quelle armature irrigidite del meditatore,allora non accade nulla..e l'alchimia trasformante non si presenta..
NB Guarire significa anche dalla morte,non importa se il corpo continuerà a vivere o la malattia ci porterà alla morte fisica:a quel punto non fa nessuna differenza:la Partita sarà vinta..
Non da noi,ma dall'Esistenza che non muore mai..

Ecco ribaltato il senso del dolore e della vita..
Ciao
Noor is offline  
Vecchio 03-04-2008, 11.20.51   #36
antares
Vivente
 
L'avatar di antares
 
Data registrazione: 19-04-2007
Messaggi: 103
Riferimento: Il dolore,la Croce e il ribaltamento del Senso.

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Vedo che non ci si capisce..
Cosa c'entra questo con la simbologia cristiana presa alla lettera?
E cosa vuoi dire con quell'affermazione finale?
Ciao
Sia fatta la tua volontà non significa forse addossare i problemi della propria esistenza all'altrui volontà?
Se sto male è perchè Dio ha deciso così... quindi va bene...
E' questo il concetto...
Ma da qualche altra parte hai scritto "Io sono Dio", dunque?
antares is offline  
Vecchio 03-04-2008, 16.02.06   #37
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Il dolore,la Croce e il ribaltamento del Senso.

Citazione:
Originalmente inviato da antares
Sia fatta la tua volontà non significa forse addossare i problemi della propria esistenza all'altrui volontà?
Se sto male è perchè Dio ha deciso così... quindi va bene...
E' questo il concetto...
Ma da qualche altra parte hai scritto "Io sono Dio", dunque?
sono parte di quella "Coscienza divina" certo,ma non ho, per questo, una volontà distinta da Quella.

Non c'entra nulla con l'addossare i propri problemi o responsabilità:significa accettare tutto perchè così E' voluto.
Noor is offline  
Vecchio 03-04-2008, 20.12.02   #38
andre2
Ospite abituale
 
Data registrazione: 13-11-2007
Messaggi: 258
Riferimento: Il dolore,la Croce e il ribaltamento del Senso.

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Ma quale meditatore?
Non sai uscire da questa benedetta figura che sembra insegui sempre?
Tutto sarebbe più facile...meno ingombro di idee a priori..
Oltretutto lo poni come un guerriero ben fornito di forte identificazione :
avrei fatto meglio a scrivere "la meditazione", invece de "il meditatore".

Citazione:
quindi usciamo da questa dimensione,quest'idea-forma...
perchè non esiste:è l'ennesima proiezione ipotetica di forza,di opposizione ,che apporta ulteriore "dolore" piuttosto che scioglierlo..
si assume ipotetica l'esistenza del soggetto, perchè, non possiamo nè affermarla e nè smentirla, ma questo ai fini della meditazione è ininfluente.

Citazione:
Allora andre,detto questo,ciò di cui si parla è un atto di Fiducia: puoi anche intenderlo verso il Vuoto,l'Esistenza,la Totalità..(se ti dicessi Dio,drizzeresti le antenne e corrugheresti la fronte
"atto di fiducia", "arrendersi", frasi, parole, dipende dal significato che gli si attribuisce.
non ne vedo la necessità. basta "la meditazione".

Citazione:
E' offrirsi a quelle Mani infinite che ci offre l'Esistenza e che si possono avvertire solo se si "scioglie" il Cuore,come accennava Yam altrove.
offrirsi? ma che offri?
siamo un ipotesi.

Citazione:
Come pensi che agisca o cosa sia la Compassione?
E' unicamente Energia guaritrice impersonale che proviene direttamente dalla Fonte.
messa così, mi dai l'impressione che consideri "la fonte" qualcosa di separato, a cui attingere.
la compassione, è parte della comprensione, se matura comprensione matura parimenti compassione.
probabilmente si può assimilare la comprensione al vuoto, vera natura, "la fonte", ma per quanto intendo non bisogna considerare ciò qualcosa di esterno, grande, infinito, ecc. con cui relazionare, a cui attingere.
è una cosa che si gioca solo sull'intendimento, sulla comprensione.

Citazione:
Ma se non le facciamo spazio,sbarazzando il campo ,lasciando quieto l'ego e gettando via tutte quelle armature irrigidite del meditatore,allora non accade nulla..e l'alchimia trasformante non si presenta..
ma è implicito della meditazione sbarazzare il campo, abolire il punto di vista.
per meditazione intendo la condizione di non ego, non le tecniche per affinare la mente e il corpo che le possono esserle di supporto.

Citazione:
NB Guarire significa anche dalla morte,non importa se il corpo continuerà a vivere o la malattia ci porterà alla morte fisica:a quel punto non fa nessuna differenza:la Partita sarà vinta..
Non da noi,ma dall'Esistenza che non muore mai..
mah, sarà che sono indietro con la mia maturazione, ma ho una visione prosaica. si nasce. si vive. si muore. game over (sempre ipotetico, ma quello che mi assuona di più).

Citazione:
Ecco ribaltato il senso del dolore e della vita..
Ciao
se devo esser sincero, non l'ho ancora capito, questo ribaltamento.
andre2 is offline  
Vecchio 04-04-2008, 08.45.56   #39
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Il dolore,la Croce e il ribaltamento del Senso.

Citazione:
Originalmente inviato da andre2
"atto di fiducia", "arrendersi", frasi, parole, dipende dal significato che gli si attribuisce.
non ne vedo la necessità. basta "la meditazione".

messa così, mi dai l'impressione che consideri "la fonte" qualcosa di separato, a cui attingere.
la compassione, è parte della comprensione, se matura comprensione matura parimenti compassione.
probabilmente si può assimilare la comprensione al vuoto, vera natura, "la fonte", ma per quanto intendo non bisogna considerare ciò qualcosa di esterno, grande, infinito, ecc. con cui relazionare, a cui attingere.
è una cosa che si gioca solo sull'intendimento, sulla comprensione.

ma è implicito della meditazione sbarazzare il campo, abolire il punto di vista.
per meditazione intendo la condizione di non ego, non le tecniche per affinare la mente e il corpo che le possono esserle di supporto.

si nasce. si vive. si muore. game over
Caro Andre..se c'è voglia di comprendersi bene..sennò amen..
Hai fiducia nel tuo maestro,o mi rispondi anche qui "basta la meditazione"?
Credi che non sia necessario un pò di fiducia in quel che si fa,anche se questa fiducia ce la rappresenta un maestro esteriore come il tuo oppure una stessa una Voce Interiore?
Se la comprensione,il vuoto,la meditazione sono tutte ,come tu dici ,la stessa cosa:
tu cosa sei?
Sei quella cosa ,corpo-mente,ego presumo tu intenda,che nasce che muore, oppure?
Sei quel Vuoto?O lo sei solo se comprendi?
E chi è che comprende,qualcosa che nasce e che muore,oppure?

PS Le metafore dualistiche servono per creare sfumature al linguaggio e per non dire sempre le stesse cose..
E per non riferirci solo a meditazione e comprensione..
Allora ti dico "Tutto è Uno" e chiudiamo il forum
ciao
Noor is offline  
Vecchio 04-04-2008, 11.49.00   #40
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: Il dolore,la Croce e il ribaltamento del Senso.

Citazione da Andre2
E' offrirsi a quelle Mani infinite che ci offre l'Esistenza e che si possono avvertire solo se si "scioglie" il Cuore,come accennava Yam altrove.

offrirsi? ma che offri?
siamo un ipotesi.

Carissimo Andre2. Dio è Grande, Onnipotente,Misericordioso,ed anche ricchissimo di ogni cosa,materiale e spirituale,per cui non ha assoluto bisogno delle offerte di noi poveri mortali, bensì Lui ha un un enorme desiderio di vedere le Sue creature vivere in pace,in armonia ed in amore.per cui ciò che Lui ama e ci ha insegnato e che noi stentiamo a capire è l'offrirsi completamente al nostro prossimo e dargli una mano a vivere in armonia perchè è nel nostro prossimo che quotidianamente Lui alberga.
Tutto ciò si trova sulla strada della felicità e ci fa avvicinare alla Verità.

Ciao un amichevole saluto da espert37
espert37 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it