Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 13-03-2008, 00.38.42   #21
Mosè
Ospite
 
L'avatar di Mosè
 
Data registrazione: 02-03-2008
Messaggi: 19
Riferimento: E se le religioni servissero solo a tramandare i testi sacri?

Citazione:
Originalmente inviato da Mary
Potrebbe anche essere, forse, per alcuni sicuramente lo è.

Per me Dio è in un fiore, in un cielo stellato, nello sguardo triste e rassegnato di un vecchio, in quello innocente di un bambino, nell'aria che respiro, nel cuore che trema, nella paura del domani. Dio è in ogni dove, in ogni istante del mio non-essere, dell'illusione della vita che pare certezza.

E quella brezza divina ti entra dentro e ti penetra in ogni fibra e ti sconvolge e ti ammalia e ti possiede. Ma le mie non sono altro che parole, stupide sciocche parole, altro è vivere il bagliore divino.

Le parole sono morte, sono spente perchè hanno smarrito l'energia che le alimentava. Solo nel cuore dell'uomo Dio e l'Amore possono essere tenute in vita.

Cos'è meglio leggere un libro sulla primavera o scendere in cortile e ascoltare il canto degli uccelli e inebriarsi del profumo dei fiori? meglio riflettere sul significato di una frase riportata su di un libro sacro o porgere la mano al fratello e aiutarlo a rialzarsi e ripulirlo della polvere che è rimasta sulle sue mani sui suoi vestiti?

Qualcuno potrà rispondermi che l'uno non esclude l'altro. Certo, è così. Ma troppe volte chi si sofferma e si dedica allo studio dei libri e di ogni altissima teologia rischia di perdere il contatto con il calore del proprio corpo e quello del fratello o sorella.

E' proprio quando apri il tuo cuore che le parole diventano stoltezza, è quando vivi il tuo credo senza sentirlo un credo che la vita diventa divina.

Attaccarsi troppo alle mappe, ai libri sacri o non sacri spesso impedisce di mettersi sulla strada e camminare.

Ciao
mary


Mettere e mantenere sempre fresca una rosa nel mezzo della bibbia in segno di amore verso Dio , leggere una paginetta di parola di Dio al giorno mantenendo nel cuore un po di calore verso il tuo creatore, non sai quanto bene fai nella tranquillità della tua anima , e mantenendo un rapporto armonioso verso tuo fratello e sorella , ti aiutera a capire meglio le scritture fino a raggiungere il tuo creatore .
ciao
Mosè is offline  
Vecchio 18-03-2008, 15.14.00   #22
chlobbygarl
Lance Kilkenny
 
Data registrazione: 28-11-2007
Messaggi: 362
Riferimento: E se le religioni servissero solo a tramandare i testi sacri?

Citazione:
Originalmente inviato da ornella
E se la religioni avessero lo scopo di tramandare i testi sacri, quindi proteggerli dalla distruzione, e basta?
Chiunque ha avuto a che fare con un bambino sin dalla nascita, sa che se non sarà pronto e maturo per apprendere una determinata conoscenza, non ci sarà modo per trasmettergliela .
Seppur sarà maturo, ogni bambino a comunque un modo diverso per apprendere, e diversamente dimostrerà di aver appreso.
In ogni caso, non possiamo essere certi, che avrà appreso in maniera indelebile e completa ciò che era nostra intenzione apprendesse.
Ci saranno delle conoscenze poi,che non gli apparteranno mai, nonostante i nostri sforzi.
Ora detto ciò, se ci pensate, l’essere umano, ha diverse fasi storiche, che possono in qualche modo corrispondere alle fasi di crescita di un singolo essere umano moderno.
Esempio : l’infanzia potrebbe coincidere con la preistoria e via di seguito.
Io sono fra quelli che sostengono che Gesù non poteva nascere molto prima ,o molto dopo di quando è successo, credo infatti, che la nascita di Gesù corrisponda con la maggiore età, in cui non c’è più bisogno di dimostrare la Fede con i sacrifici, o simili.
Nello stesso periodo di tempo circa, in uno spazio ristretto, sono nati altri profeti che nell’insieme rappresentano le maggiori religioni .

--------------------------------------------------------------------------

Se io fossi in Dio, quindi dono la libertà di scegliere tra bene e male ,famosa mela, a dei bambini, che devono crescere attraverso i secoli.
Ben sappiamo che per Lui la Nostra vita terrena non è importante,
Quindi il potere delle chiese potrebbe essere strumentale alla salvezza dei testi sacri .
Voi che ne pensate?Questo giustificherebbe il rogo di Giordano Bruno avvenuto il 17 febbraio del 1600, o altre atrocità compiute in nome di Dio?
parafrasando un pò la sostanza di quanto affermi tu, le religioni potrebbero essere grandi metafore che servono ad indurre concetti incoglibili e inesprimibili diversamente nella testa di molti.Mettiamoci per un attimo nell'ottica Einsteiniana insospettabile di misticismo metafisico e prendiamo il suo concetto di religiosità cosmica derivato dall'osservazione della natura nel senso più lato possibile:cosa avrebbe potuto fare un umile di mente per cogliere qualcosa di assimilabile a quanto da lui intuìto?Cosa di diverso da quanto hanno fatto miliardi di uomini nell'assecondare le religioni credendogli?
E' vero quindi che le stesse sono l'oppio dei popoli, nella misura in cui però la 'religiosità cosmica' risponde all'anèlito di pochi di cogliere l'assoluto osservando la natura.Quindi le religioni come metafore folkloristiche della gènesi dell'universo e come mezzo paradossalmente democratico ( perchè presupponenti solo semplicità di mente) di avvicinarsi all'inconoscibile.
chlobbygarl is offline  
Vecchio 19-03-2008, 07.32.47   #23
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: E se le religioni servissero solo a tramandare i testi sacri?

Citazione ca Mary:
Sono giunta a pensare che una vera religione "religiosa" non dovrebbe avere nessuno scritto, ma trasmettere oralmente o attraverso l'esempio le indicazioni della strada che portano a percorrere il cammino spirituale, senza alcuna imposizione. L'Amore non può mai sopravvivere alla violenza.

Carissima Mary, da come solitamente ti esprimi,devo dedurne che tù sia stata toccata abbastanza duramente dagli eventi della vita,(Mi raccomando,lungi da mè l'intento di recare offesa) Ma credo che un poco di causa stia nel tuo modo di pensare,alquanto pessimista. Mi è caro ricordarti che se noi ora siamo quì seduti davanti ad un compiuter a trasmetterci tranquillamente le nostre impressioni, è perchè l'amore ha vinto sul male, e vincerà sempre.perchè fisiologicamente se il sole risplende è perchè la luce ha vinto sulle tenebre. Ti invito tanto amichevolmente a interpretare e riflettere su detti eventi e ti accorgrrai in poco tempo che il tuo pessimismo andrà a calare lasciando il posto ad un salutare ottimismo di cui a mio avviso hai tanto bisogno per una esistenza più tranquilla e felice.

Un grande ed amichevole Ciao espert37
espert37 is offline  
Vecchio 19-03-2008, 15.35.38   #24
ornella
farabutta
 
L'avatar di ornella
 
Data registrazione: 05-02-2008
Messaggi: 327
Riferimento: E se le religioni servissero solo a tramandare i testi sacri?

Citazione:
Originalmente inviato da chlobbygarl
parafrasando un pò la sostanza di quanto affermi tu, le religioni potrebbero essere grandi metafore che servono ad indurre concetti incoglibili e inesprimibili diversamente nella testa di molti.Mettiamoci per un attimo nell'ottica Einsteiniana insospettabile di misticismo metafisico e prendiamo il suo concetto di religiosità cosmica derivato dall'osservazione della natura nel senso più lato possibile:cosa avrebbe potuto fare un umile di mente per cogliere qualcosa di assimilabile a quanto da lui intuìto?Cosa di diverso da quanto hanno fatto miliardi di uomini nell'assecondare le religioni credendogli?
E' vero quindi che le stesse sono l'oppio dei popoli, nella misura in cui però la 'religiosità cosmica' risponde all'anèlito di pochi di cogliere l'assoluto osservando la natura.Quindi le religioni come metafore folkloristiche della gènesi dell'universo e come mezzo paradossalmente democratico ( perchè presupponenti solo semplicità di mente) di avvicinarsi all'inconoscibile.
E' una delle possibilità da me prese in considerazione, anche la necessità per personalità molto forti ed intelligenti di sottomettersi per dimostrare una reale umiltà, ai fini conoscitivi. Comunque le religioni sono strutture umane, e sono da imputare a noi, i loro limiti.
ornella is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it