Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 16-03-2008, 10.06.57   #1
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
La Natura Della Compassione

Avendo superato i gruppi di opposti creati dalla mente, diventate come un lago profondo. La situazione esteriore della vostra vita e tutto ciò che avviene in essa è la superficie del lago. A volte calma, a volte ventosa e agitata, a seconda dei cicli e delle stagioni. In profondità, però, il lago è sempre indisturbato. Voi siete l'intero lago, non soltanto la superficie, e siete in contatto con il vostro profondo, che rimane assolutamente calmo. Non opponete resistenza al cambiamento aggrappandovi mentalmente a qualsiasi situazione. La vostra pace interiore non dipende da questa. Voi dimorate nell'Essere (immutabile, senza tempo, senza morte) e non dipendete più per l'appagamento o per la felicità dal mondo esteriore delle forme costantemente fluttuanti. Potete trarne godimento, giocare con loro, creare forme nuove, apprezzare la bellezza di tutto questo. Ma non vi sarà più bisogno di provare attaccamento per nessuna di esse.
Quando riusciamo a essere così distaccati, non significa che siamo anche lontani dagli altri esseri umani?
Al contrario. Fintanto che siete inconsapevoli dell'Essere, la realtà degli altri esseri umani vi sfuggirà, perché non avete trovato la vostra. Alla vostra mente piacerà o non piacerà la loro forma, che non è soltanto il loro corpo ma include anche la loro mente. Il vero rapporto affettivo diventa possibile solo quando vi è una consapevolezza dell'Essere. Provenendo dall'Essere, interpreterete il corpo e la mente di un'altra persona come un semplice schermo, per così dire, dietro cui potete sentire la loro vera realtà, come percepite la vostra. Allora, quando vi trovate di fronte alla sofferenza o al comportamento inconsapevole di qualcun altro, rimanete presenti e in contatto con l'Essere e siate pertanto in grado di guardare al di là della forma e di percepire l'Essere radioso e puro dell'altra persona attraverso il vostro. A livello dell'Essere ogni sofferenza è riconosciuta come illusione. La sofferenza è dovuta all'identificazione con la forma.

Una delle pratiche spirituali più potenti è quella di meditare profondamente sulla mortalità delle forme fisiche, compresa la vostra. Questo si chiama: morire prima di morire. Cerchiamo di approfondire questo concetto. La vostra forma fisica si dissolve, non esiste più. Poi arriva un momento in cui muoiono anche tutte le forme mentali o i pensieri. Eppure voi siete ancora qui, la presenza divina che siete voi. Radiosa, completamente desta. Niente che fosse reale è mai morto, soltanto nomi, forme, illusioni.
§
La constatazione di questa dimensione senza morte, della vostra vera natura, è l'altro aspetto della compassione. A un livello di percezione profonda voi adesso riconoscete non soltanto la vostra immortalità ma attraverso la vostra anche quella di ogni altra creatura. A livello della forma voi condividete la mortalità e la precarietà dell'esistenza. A livello dell'Essere condividete la vita radiosa ed eterna. Questi sono i due aspetti della compassione. Nella compassione i sentimenti apparentemente contrapposti di tristezza e di gioia si fondono assieme e si trasformano in una profonda pace interiore. Questa è la pace di Dio. È uno dei sentimenti più nobili di cui siano capaci gli esseri umani, e ha grande potere di guarigione e trasformazione.

Eckhart Tolle (Il potere di addesso)
Yam is offline  
Vecchio 16-03-2008, 12.34.35   #2
ciro6
AgaeflamO
 
L'avatar di ciro6
 
Data registrazione: 01-03-2008
Messaggi: 76
Riferimento: La Natura Della Compassione

Senz'altro è qualcosa che condivido a livello teorico ma ancor di più in forma pratica, non è il dire che ho risolto tutto quello che c'è da risolvere (non so chissà?) però un tratto l'ho percorso e penso a questo come un dilatarsi della coscienza o meglio ad un riappropriarsi della stessa, lasciare andare tutto a quello che è la sua progressione e dare amore per quello che viene richiesto non già per quello che vorrei io per altri.
ciro6 is offline  
Vecchio 16-03-2008, 18.13.04   #3
sorrydi
Ospite abituale
 
L'avatar di sorrydi
 
Data registrazione: 07-03-2008
Messaggi: 44
Riferimento: La Natura Della Compassione

Sono proprio a meta' di questo libro,lo trovo molto utile,e molto conprensivo.
Certamente leggero' ancora di questo autore,e ti chiedo gentilmente,se hai un altro titolo,che secondo te potrebbe fare al caso mio.


Leggendo cio' che hai postato sulla conpassione,(non sono ancora arrivato a quel capitolo),comincio a conprendere dove sta' il mio problema.
Parlo di problema,perchè è un punto che non riesco a far uscire allo scoperto,cioè quello di una specie di rigetto, per il sentimento "conpassione".
Ricapitolando,nel mio profondo, so che abita il bene,ma in superficie,a volte non accetto di essere conpassionevole,anzi per essere preciso,non è che non accetto di avere conpassione,per un mio simile,ma non ho nemmeno lo stimolo opposto,qualsiasi sia l'opposto di conpassione.
Forse il problema, sta' nel fatto che appunto, non vado oltre,e non vedo,la profondita' dell'essere aldila' della superficie,aldila' dell'onda.
Ora comincio a intravvedere la mia profondita',di conseguenza posso specchiarmi,spero di trovare Amore profondo e conpassione.
sorrydi is offline  
Vecchio 16-03-2008, 18.20.30   #4
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: La Natura Della Compassione

già...il potere di guarire e di trasformare se stessi e gli altri,ma che può nascere solo dal quel "fondo" di Pace che è il Cuore.
Noor is offline  
Vecchio 16-03-2008, 18.59.46   #5
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: La Natura Della Compassione

Citazione:
Originalmente inviato da sorrydi
Certamente leggero' ancora di questo autore,e ti chiedo gentilmente,se hai un altro titolo,che secondo te potrebbe fare al caso mio.

Leggendo cio' che hai postato sulla conpassione,(non sono ancora arrivato a quel capitolo),comincio a conprendere dove sta' il mio problema.
Parlo di problema,perchè è un punto che non riesco a far uscire allo scoperto,cioè quello di una specie di rigetto, per il sentimento "conpassione".
Caro sorrydi,gli altri due libri pubblicati di Tolle,sono un'ottimo approfondimento dello stesso.
E' in uscita "La nuova terra" incentrato molto sull'analisi dell'ego.
Per la compasione non vedo in te nessun problema..tutto si fa strada da sè..
Noor is offline  
Vecchio 17-03-2008, 09.35.35   #6
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: La Natura Della Compassione

Questo scritto e' un piccolo sutra e ogni sua frase contiene preziose indicazioni....pratiche.

Citazione:
Avendo superato i gruppi di opposti creati dalla mente, diventate come un lago profondo. La situazione esteriore della vostra vita e tutto ciò che avviene in essa è la superficie del lago. A volte calma, a volte ventosa e agitata, a seconda dei cicli e delle stagioni. In profondità, però, il lago è sempre indisturbato. Voi siete l'intero lago, non soltanto la superficie, e siete in contatto con il vostro profondo, che rimane assolutamente calmo.


Il Vuoto e' forma e la forma e' vuoto, recita il Sutra del Cuore. Il lago profondo e' il vuoto, siamo noi stessi, e' la vasta spazialita' di cui e' capace il nostro cuore, in grado di abbracciare la Vita intera che come per magia emerge spontaneamente proprio in questo spazio infinito.
Quando siamo cosi grandi, quando il nostro orizzonte e' cosi vasto, contempliamo l'unita' di tutte le cose e sappiamo cogliere le diverse stagioni della vita, ciascuna con il suo sapore, le sue gioie e i suoi dolori e tutto ha il medesimo sapore, un unico sapore.
Quel sapore e' proprio la compassione, che non e' ne' gioia ne dolore, ma entrambi, fusi in un unico sentire.


Citazione:
Non opponete resistenza al cambiamento aggrappandovi mentalmente a qualsiasi situazione. La vostra pace interiore non dipende da questa. Voi dimorate nell'Essere (immutabile, senza tempo, senza morte) e non dipendete più per l'appagamento o per la felicità dal mondo esteriore delle forme costantemente fluttuanti. Potete trarne godimento, giocare con loro, creare forme nuove, apprezzare la bellezza di tutto questo. Ma non vi sarà più bisogno di provare attaccamento per nessuna di esse.


Le infinite forme, che noi identifichiamo con infiniti nomi, il loro infinito manifestarsi, apparire e scomparire, e' movimento continuo, trasformazione continua. Osservando la natura e tutti gli esseri viventi possiamo vedere una unica realta' che chiamiamo vita.

Nella vita cosi come e', c'e' il dolore, non c'e' solo il piacere o la gioia o la felicita' che abbiamo sempre ricercato affannosamente. Accettare la vita cosi come e', significa accettare anche il dolore...per poi scoprire quell'unico sapore, che e' proprio la compassione...ossia ne questo ne quello...ma entrambi.
cosi abbiamo unito gli opposti, trasformato alchemicamente il piombo in oro....
Yam is offline  
Vecchio 17-03-2008, 10.08.10   #7
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
Riferimento: La Natura Della Compassione

verissimo... mi fa venire in mente l'archetipo dell'arca di noè ))

in quelle parole ho sentito assonanza con parte della mia esperienza.
grazie yam.
un abbraccio
turaz is offline  
Vecchio 17-03-2008, 11.58.47   #8
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: La Natura Della Compassione

“Usa il tempo che ti rimane da vivere in questo corpo
Per aiutare gli altri su questo pianeta e in tutti gli altri regni di esistenza.
Sii l’Essere e aiuta chiunque.
Non è un’aspirazione,ma un naturale arrendersi:
sei un semplice strumento.
Come per un impiegato di banca
Non sono tuoi i soldi che stai distribuendo:
sei solo lo strumento.
Dai sempre e non avrai mai bisogno.
Non dare significa essere sempre bisognosi.
Dissolviti nel Sé
E tutto il mondo è protetto.
Se vuoi aiutare il pianeta
Vivi una vita di compassione per tutti gli esseri
Vivi una vita d’amore.”

Poonja
Noor is offline  
Vecchio 17-03-2008, 12.37.16   #9
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Riferimento: La Natura Della Compassione

Salve!
bravo yam hai esposto benissimo quello che il leggere lo scritto di tolle emanava, una sola considerazione...bisogna tener presente, nel cogliere questo agrodolce, che non sempre, che non per tutti è così! claudio
fallible is offline  
Vecchio 17-03-2008, 12.44.37   #10
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: La Natura Della Compassione

Citazione:
Originalmente inviato da turaz
verissimo... mi fa venire in mente l'archetipo dell'arca di noè ))





....scherzo...(Bob Seal sa che ogni tanto pubblico una sua vignetta in questo forum....e ne e' contento anche se non capisce l'italiano...lui e' australiano...chi le volesse utilizzare e' pregato di avvertirlo con una mail...con il link di dove ha messo la vignetta....)

Citazione:
A livello dell'Essere ogni sofferenza è riconosciuta come illusione. La sofferenza è dovuta all'identificazione con la forma.

Anche in riferimento alle visioni negative della vita dell'altro 3d.

Quella stessa forma sofferente appare come la Divinita' e non puo' che scaturire compassione nel nostro cuore, non certo disgusto!
Se sorge il disgusto, che comunque in una fase iniziale e' desiderio di cambiamento...ma ancora relativo, c'e' ancora identificazione con la forma....e il nome, cioe' la mente.
Quando sorge la compassione non siamo inattivi, passivi, ma possiamo rispondere efficacie-mente, per quanto e' possibile, alla circostanza.
La compassione sorge spontanea solo quando abbiamo spostato il nostro centro, la nostra consapevolezza, dall'identificazione con le forme (pensiero) al nostro pacifico centro interiore. Questo pero' non avviene se non c'e' una corretta visione della pratica, anche se siamo ferventi meditatori (o meditamucche come direbbe Atisha).
Yam is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it