Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 29-02-2008, 18.08.02   #51
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Riferimento: Utilizzare le offese

Salve e buon pomeriggio!
Claudio,stai dicendo che non soffriresti per tuo figlio,e passerebbe in assoluto secondo piano rispetto all'offensore?
caro amico stavo ipotizzando una situazione nella quale io sarei la persona offesa; per quanto riguarda la situazione da te prospettata, essendo padre di due ragazzi, mi è capitato più volte di vederli soffrire, chiaramente per situazioni meno traumatizzanti, ed ho sofferto per la loro sofferenza, nello stesso tempo ho cercato di prospettargli "visioni" dell'accaduto più distaccate; sia chiaro che parlo di "dolori" non fisici, di fronte ad un mal di denti ricorrerei ad un antalgico claudio
fallible is offline  
Vecchio 29-02-2008, 18.25.39   #52
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: Utilizzare le offese

Citazione:
Originalmente inviato da maxim
Nessuno mi ha risposto se perdonerebbe, non solo a parole, il violentatore della propria figlia…o della propria nipotina!...io, per questa specifica “offesa”, ho risposto di NO!...



ti ri-chiedo se hai figli..
ed aggiungo..
hai mai subito una violenza? fisica, psicologica che ti abbia segnato l'anima?

tu non perdoni

io perdono..

ora ti ho risposto
atisha is offline  
Vecchio 29-02-2008, 20.51.37   #53
espert37
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2007
Messaggi: 498
Riferimento: Utilizzare le offese

Caro Maxim io ti ho risposto tanto chiaramente, a questo punto non so se sei tè che interpreti male o se sono io che non mi so spiegare,comunque su questo argomento,essendomi espresso al meglio delle mie possibilità con questo mio ultimo scritto mi ritiro in santa pace.
Ciao espert37
espert37 is offline  
Vecchio 29-02-2008, 21.28.24   #54
Flow
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2006
Messaggi: 317
Riferimento: Utilizzare le offese

In genere si perdona un fatto non la persona, e' impossibile perdonare la persona, non si riesce mai davvero a trovare la persona come autore del fatto. Alla fine si e' costretti ad abbandoare il concetto di responsabilita' personale, semplicemente perche' altrimenti non se ne esce, e questo non si puo' neanche chiamare perdono, si perdona il fatto che non ci sia nessuno da perdonare, ma qualcuno da perdanare non lo si trova mai.
Flow is offline  
Vecchio 29-02-2008, 23.29.00   #55
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Utilizzare le offese

Citazione:
Originalmente inviato da Flow
In genere si perdona un fatto non la persona, e' impossibile perdonare la persona, non si riesce mai davvero a trovare la persona come autore del fatto.
non credo sia sempre così..
Tornando sempre alle "offese familiari" che sono le più radicate,ad esempio,lì non sono gli atti che fanno "la differenza" ma chi li compie..
Noor is offline  
Vecchio 01-03-2008, 10.14.39   #56
andre2
Ospite abituale
 
Data registrazione: 13-11-2007
Messaggi: 258
Riferimento: Utilizzare le offese

Citazione:
veraluce Citazione:
Da Andre2:
non c'è differenza e separazione tra il tangibile e la comprensione.
comprendi le dinamiche che portano a recare offesa.
il che non vuol dire rimanere passivi.
ma le reazioni non sono speculari, come quelle dettate dall'ego (occhio per occhio dente per dente o pan per focaccia...) ma dalla comprensione.


Ciao Andre2!

La separazione "apparente" c'è se stabilita da noi stessi... se accade che uno "predica bene e razzola male" (dico così giusto per farmi capire) non vedo come si possa non avere almeno un dubbietto riflessivo sul semplice fatto che stia ipoteticamente "creando separazione" (come qui si suol dire) in quel momento... probabile forse che in quel mentre la comprensione è andata in ferie e il suo posto è stato preso dall'"in-comprensione"??
può darsi che individui molto egoici, non abituati ad essere osservatori imparziali, fatichino molto ad avere il dubbietto.
andre2 is offline  
Vecchio 01-03-2008, 10.34.23   #57
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: Utilizzare le offese

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
...un'Energia..che guarisce..

Citazione:
Originalmente inviato da andre2
porta azioni pertinenti alla stessa (la compassione)....

Il grande blocco verso la propria Spiritualità è secondo me opporsi, fingere in sostanza che non vi sia dolore nella propria vita...
e se si nega quel dolore (o sofferenza) significa che o ci si è già svegliati o che si sta soffocando il dolore stesso, lo si sta congelando, attribuendo agli altri un atteggiamento erroneo o fantastico, che gioca con lo strumento amore ancora sconosciuto..

Questo respingere la propria sofferenza radicata è chiudere il proprio cuore dentro una cassaforte.. ma non appena questa cassaforte si apre, causa sicuri avvenimenti della vita stessa, fuoriesce l'imbarazzo di percepire quel "dolore" e di averlo magari intellettualizzato senza poterlo apprendere, senza poterlo sperimentare con un autentico atto sincero verso se stessi...

Alla base del dolore psicologico e infantile (perchè solo di quello si tratta) c'è sempre un'offesa ricevuta.. c'è il nostro essere stati vittime senza possibilità di elaborazione, senza aver potuto gridare a pieni polmoni il nostro dissenso, il senso di "tradimento" ricevuto più e più volte che negandolo va giù, nel tempo, in profondità fino a castigare la nostra superficie (corpo/mente) che repressa, non si permette più di sentirsi bambina tanto da entrare innocentemente in contatto con le varie ragioni e regioni che hanno prodotto tale "dolore"...

Chi ha fatto il viaggio verso il proprio inferno ed è tornato indietro ha incontrato il bambino e le offese che vivevano come uniche compagne nell'ombra.. ed ha visto ciò che è accaduto, ha visto dove sono nate le identificazioni ed i propri "pulsanti" d'arresto dell'ascensore vitale, che tutti inconsapevolmente usavano, tranne lui..
ed ha potuto dirigersi verso una considerazione degli altri e di se stesso più spirituale, più alta, meno integrata con la sola rabbia (dolore) scelta come unica guida sicura...

atisha is offline  
Vecchio 01-03-2008, 11.22.28   #58
andre2
Ospite abituale
 
Data registrazione: 13-11-2007
Messaggi: 258
Riferimento: Utilizzare le offese

Citazione:
Originalmente inviato da atisha
Il grande blocco verso la propria Spiritualità è secondo me opporsi, fingere in sostanza che non vi sia dolore nella propria vita...
e se si nega quel dolore (o sofferenza) significa che o ci si è già svegliati o che si sta soffocando il dolore stesso, lo si sta congelando, attribuendo agli altri un atteggiamento erroneo o fantastico, che gioca con lo strumento amore ancora sconosciuto..
non ci deve essere negazione. è questa volontà, scelta, sempre approccio egoico. non si deve negare nulla.
meditazione non è affermazione o negazione. è osservazione e comprensione. non ha bisogno di risposte, affermazini o negazioni.

Citazione:
Questo respingere la propria sofferenza radicata è chiudere il proprio cuore dentro una cassaforte.. ma non appena questa cassaforte si apre, causa sicuri avvenimenti della vita stessa, fuoriesce l'imbarazzo di percepire quel "dolore" e di averlo magari intellettualizzato senza poterlo apprendere, senza poterlo sperimentare con un autentico atto sincero verso se stessi...

Alla base del dolore psicologico e infantile (perchè solo di quello si tratta) c'è sempre un'offesa ricevuta.. c'è il nostro essere stati vittime senza possibilità di elaborazione, senza aver potuto gridare a pieni polmoni il nostro dissenso, il senso di "tradimento" ricevuto più e più volte che negandolo va giù, nel tempo, in profondità fino a castigare la nostra superficie (corpo/mente) che repressa, non si permette più di sentirsi bambina tanto da entrare innocentemente in contatto con le varie ragioni e regioni che hanno prodotto tale "dolore"...

Chi ha fatto il viaggio verso il proprio inferno ed è tornato indietro ha incontrato il bambino e le offese che vivevano come uniche compagne nell'ombra.. ed ha visto ciò che è accaduto, ha visto dove sono nate le identificazioni ed i propri "pulsanti" d'arresto dell'ascensore vitale, che tutti inconsapevolmente usavano, tranne lui..
ed ha potuto dirigersi verso una considerazione degli altri e di se stesso più spirituale, più alta, meno integrata con la sola rabbia (dolore) scelta come unica guida sicura...

la comprensione dell'ego e delle sue dinamiche è comprensione della sofferenza....
andre2 is offline  
Vecchio 01-03-2008, 11.28.05   #59
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Riferimento: Utilizzare le offese

Citazione:
Originalmente inviato da atisha
ti ri-chiedo se hai figli..
ed aggiungo..
hai mai subito una violenza? fisica, psicologica che ti abbia segnato l'anima?

tu non perdoni

io perdono..

ora ti ho risposto

Che differenza fa aver dei figli?...io riesco benissimo ad immedesimarmi anche nel bimbo leucemico o in quello che muore di stenti...nei loro genitori e di chi ha usato violenza ai loro figli. Come vedi quando parli continui a far riferimento al tuo personalissimo ego senza tener conto che prima o poi il castello di niente che posa sul nulla svanirà di fronte all'evidenza dei fatti.

Paura della morte...MAI
Perdono...SEMPRE
Ego...ANNULLATO
Sofferenza...NON FA PAURA
Amore...INCONDIZIONATO
Consapevolezza...AI MASSIMI LIVELLI

Orsù...a volte è sufficiente un lungo respiro e guardarsi dritti sugli occhi davanti ad uno specchio da ergere a Maestro per quell'occasione...vale più di mille meditazioni e mille corsi Yoga, costa meno ed è efficacissimo...sapeste quante cose saltano fuori!

Vi lascio al Brodo Cosmico!

maxim is offline  
Vecchio 01-03-2008, 12.13.28   #60
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Utilizzare le offese

Citazione:
Originalmente inviato da andre2
non ci deve essere negazione. è questa volontà, scelta, sempre approccio egoico. non si deve negare nulla.
meditazione non è affermazione o negazione. è osservazione e comprensione. non ha bisogno di risposte, affermazini o negazioni.
L'osservazione è senza scelta,quindi senza ego,ed è vedere quella negazione..
Questa comprensione (il vedere) è già un'affermazione..
anche se non è dettata dalla volontà o non scelta..
Noor is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it