Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 13-02-2004, 12.38.12   #1
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Che valore ha la parola riflessione?

Che valore ha la parola riflessione?

L'uomo è una nullità? E' zero...come alcuni sostengono e..conseguentemente diviene stupido cercare un qualsivoglia scopo, origine e "provare a comprendere" attraverso le molteplici possibilità che nella storia diversi "saggi" hanno lasciato?
E' tutto inutile quanto stiamo facendo oppure, a dispetto di chi si limita a sostenere le incapacità umane, è possibile trovare qualche risposta?
deirdre is offline  
Vecchio 13-02-2004, 12.59.15   #2
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
...l'uomo è l'uomo...la riflessione dovrebbe essere comprensione di ciò che è possibile comprendere...ovviamente è possibile trovare risposte e l'utilità dipende dal fine...ho il dubbio di non aver centrato la domanda... ...

Ciao, Marco .
Marco_532 is offline  
Vecchio 13-02-2004, 13.16.02   #3
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
Citazione:
...l'uomo è l'uomo...la riflessione dovrebbe essere comprensione di ciò che è possibile comprendere...
Marco! Questa impostazione è sbagliata. Ciò che è "possibile comprendere" non si può sapere in anticipio. Ma attraverso la riflessione, seguendo ragionamenti logici, si può raggiungere la comprenzione. Se si rifletta solo su quello che si pensa sia "possibile comprendere", non si espande la conoscienza della vita.
Ciao
Rolando is offline  
Vecchio 13-02-2004, 13.18.28   #4
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
... ...hai ragione, ma ho sottolineato "quanto è possibile conoscere", per il semplice fatto che il Tutto non può essere Compreso...anche un credente ammette di non poter Comprendere Dio... ...

Ciao, Marco .
Marco_532 is offline  
Vecchio 13-02-2004, 13.47.26   #5
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
Citazione:
...hai ragione, ma ho sottolineato "quanto è possibile conoscere", per il semplice fatto che il Tutto non può essere Compreso...anche un credente ammette di non poter Comprendere Dio...
Penso che sia appunto i "credenti" che non possono "comprendere Dio", anzi provarlo è considerato un peccato, e la Bibbia insegna che le vie di Dio sono "inscrutabili".
Ma per il libero pensatore non ci sono limiti fissi. Cosí come abbiamo raggiunto una certa conoscenza della natura del mondo fisico, così raggiungeremo sicuramente anche conoscenza riguardo alla natura del mondo psichico o spirituale.
È giusto che "il Tutto" non può essere "compreso" fisicamente. Ma se "il Tutto" rivela che ci sono certi principi su cui il Tutto si fonda, comprendere questi principi non dev´essere inpossibile, e significherebbe infatti comprendre il Tutto.
Ciao
Rolando is offline  
Vecchio 13-02-2004, 14.07.17   #6
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
...è possibile comprendere ciò che ha un ciclo, un inizio, una fine, ma il Tutto?...che ne sai del Tutto?...sai che è...sai che c'è...per l'uomo viene naturale INscrivere il Tutto in un inizio/fine, ma è illogico pensare che questo possa corrispondere alla sua natura in quanto esiste il famoso problema :" E prima del Tutto?"...segue quindi che ciò che può essere compreso è ciò che segue dalle logiche descritte, per il resto ....nel Tutto, tutto ha un ciclo, un inizio e una fine, tutto può essere compreso, ma il Tutto stesso inteso come unico organismo è incomprensibile...la sua eventuale e presumibile Origine non può essere compresa così come la sua eventuale e presumibile fine...questo è un limite insuperabile per le nostre logiche...e finalmente ci siamo accordati in questo punto......

P.S. X D.D. scusa se siamo andati fuori discussione...

Ciao, Marco .
Marco_532 is offline  
Vecchio 13-02-2004, 14.14.41   #7
Uno
ospite sporadico
 
Data registrazione: 05-01-2004
Messaggi: 2,103
Ciao DD
Lo stai chiedendo agli altri, o è una riflessione?
Uno is offline  
Vecchio 13-02-2004, 15.19.11   #8
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Marco, ogni contributo è valido, anche se devia un po' la discussione.
Hai messo sul piatto ciò che io volevo venisse fuori, ovvero... se l'uomo non ha possibilità d'andare oltre ciò che è umanamente comprensibile... che significato ha cercare risposte? Forse sarebbe più semplice limitarsi a vivere nel mondo terreno, reale senza porsi troppi enigmi in merito all'esistenza. Purtroppo, però..una volta iniziato un cammino, una sorta di desiderio di capire, è difficile gettare la spugna e ritornare sui propri passi (non so se riesco a spiegarmi bene... spero) ...

La comprensione del famoso tutto..è impossibile, allora perché cimentarsi in questa impresa?

Girasole, ambedue heheheh
deirdre is offline  
Vecchio 13-02-2004, 16.08.52   #9
Uno
ospite sporadico
 
Data registrazione: 05-01-2004
Messaggi: 2,103
DD mi permetto se permetti ,
Sai la storia delle due sedie?
Tu stai su una sedia, non è un granchè però è salda ti tiene e non si romperà mai perchè ci sono gli operai chiamati tranquillità, società, finto benessere, qualunquismo ect, che la riparano in continuazione anche se sarebbe il caso di buttarla via..... poi vedi un pò più in là una bella poltrona comoda, elegante che non ha bisogno di manutenzione (e che è posizionata in un punto con una bella visuale da dove puoi vedere Tutto) perchè va bene così com'è, allora decidi vado sulla poltrona, ma durante il tragitto non stai nella sedia ma neanche nella poltrona, e una volta partita dalla sedia questa si rompe cioè non puoi più tornare indietro.... in pratica DD visto che la sedia l'hai lasciata, e di questo sono sicuro anche se non ti conosco, cosa ti rimane da fare? (non vorrai cercare di rattoppare la sedia ormai sarà sempre brutta)
Ciao
Uno is offline  
Vecchio 13-02-2004, 16.39.03   #10
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
Citazione:
Messaggio originale inviato da deirdre
La comprensione del famoso tutto..è impossibile, allora perché cimentarsi in questa impresa?

...perchè è naturale cimentarsi, un po' più difficile accettare i limiti imposti dalla nostra natura...
Marco_532 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it