Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 03-07-2005, 21.46.06   #11
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
ah,ecco,ora è tutto più ....
sisrahtac is offline  
Vecchio 04-07-2005, 08.06.09   #12
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Re: tentativo di spiegazione

Citazione:
Messaggio originale inviato da fallible Ho letto da qualche parte che secondo Buddha e seguendo una logica concettuale condivisibile, l'impermanenza, il non-io, e l'interconnesione oggetto di contemplazione possono anzi allontanano dall'E' perchè ci si ferma sulla soglia dell'..*
*"Risveglio"

Esatto! Il punto non è la contemplazione
del non-io, ma l'attenzione a ciò che accade
nel momento in cui ci si accorge dell'apparenza dell'io;
quindi il fuoco è diretto alla Consapevolezza (!!!)
(e non ai concetti!)





Gyta
gyta is offline  
Vecchio 05-07-2005, 12.14.03   #13
Uno
ospite sporadico
 
Data registrazione: 05-01-2004
Messaggi: 2,103
Citazione:
Messaggio originale inviato da gyta
Sì, è vero.. l'individualismo porta all'egoismo ed all'egocentrismo..

Ci aggiungerei un "forse può portare"

Ci aggiungerei che molti non trovano gli altri prorprio perchè non hanno un individualità ben formata.....

Ci aggiungerei che l'indivudalità mentre si forma assume delle caratteristiche che poi condizioneranno il resto....

Ci aggiungerei che decidere come formare questa individualità fa la differenza rispetto una individualità che si forma "a caso"


Scusa Gyta ho aggiunto troppe cose
Uno is offline  
Vecchio 06-07-2005, 17.18.18   #14
kantaishi
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-05-2004
Messaggi: 1,885
Chi sono io? Risponde Shamkara.

Om! Shanti,
alla domanda:"Chi sono io?"risponde per tutti noi il mistico poeta Adi Shamkara(IX sec.):

"Io non sono il corpo,nè i sensi,nè la mente,non sono il senso dell'io,nè l'insieme delle energie vitali e nemmeno l'intelletto.
Sono ben lungi dall'identificarmi con moglie,figli,possedimenti,ricc hezze di varia specie.
Io sono l'intimo Sè,il testimonio Eterno:io sono Shiva!"

Ed è proprio così.
Tu sei Shiva....o meglio,lo eri fino all'età di 2 mesi circa.
Poi è arrivato il mostro(genitori,insegnanti,pol itici e preti)per divorarti.E quel mostro ti ha detto:
"IO !,IO !,IO ! sono Shiva e non tu ,vile peccatore!"
Ma,con Shamkara,il mostro non ce l'ha fatta!....e neppure con me.....e mia madre lo ha capito............e si è rassegnata.
Povera donna! Essere la madre del Dio Shiva e non saperlo!

Owaysi kantai.
kantaishi is offline  
Vecchio 06-07-2005, 17.50.41   #15
kantaishi
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-05-2004
Messaggi: 1,885
Inno a Gyta.

INNO A GYTA.

Oh,Gyta,tu che riveli tutte le lettere,dalla prima all'ultima !
Madre del Cosmo grezzo e sottile e anche del suo Signore!
Sovrana del cielo e della terra e degli inferi,
che racchiudi in Te stessa le onde della Creazione,della sostentazione e della dissoluzione!
Eterna Causa senza causa,che sei la densa tenebra della dissoluzione cosmica!
Tu che porti il desiderio nel cuore degli uomini,che doni loro il benessere terreno!
Oh Tu l'Imperatrice e Regina della sacra Kasi!
Oh divina Gyta,
sii misericordiosa nei miei confronti e concedimi la carità.

Da:"Atmabodha",la Conoscenza di Sè,di Adi Shamkara.

Oh Gyta,
la verità è una ma vi sono due modi di esprimersi,il modo assoluto e il modo relativo.
Ciò che Shamkara dice di te è vero e sacrosanto perchè,anche se ciò che dice sembra incredibile e fantastico,lui non accetta la poesia retorica ,ma solo la poesia che rispecchia la conoscenza dell'Advaita vedanta.
E la sua è la visione assoluta,ma esiste anche la visione relativa.
Ad esempio tu hai detto non mi ricordo dove,che tu o chi non so, è autodidatta spirituale.
Bene! E io sono andato a cercare in certe riviste e ho scoperto che gli autodidatti e cioè quegli aspiranti-Dio che non hanno un maestro,si chiamano:"Sufi Owaysi" e sono gli esseri più misteriosi che esistono.Sono loro che hanno creato il mito della lampada di Aladino con tanto di Genio.
E quel Genio si chiama Khidr,il Verdeggiante.
Ma il nostro Amico Jesus cosa diceva?
Diceva:

"Non chiamate nessuno Padre su questa terra e non chiamate nesuno maestro perchè esiste un solo maestro che è il Cristo."

E chi sarebbe questo Cristo?
Probabilmente intendeva dire il Khidr,il Verdeggiante.
Infatti,come dice Osho,probabilmente Gesù era un Sufi.
Come?? Un Sufi prima dell'avvento dell'Islam?
Certo! Perchè Omar kayam disse:

"Bevemmo di quel vino prima che la vigna fosse piantata."

Salam'aleikum!

Muhammad Kantai.
kantaishi is offline  
Vecchio 07-07-2005, 08.27.10   #16
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Citazione:
Messaggio originale inviato da kantaishi
Tu sei Shiva....o meglio,lo eri fino all'età di 2 mesi circa.

Nì.. Kant: nì !

Citazione:
Messaggio originale inviato da gyta
In tal modo, il non-io viene identificato con lo stato infantile precedente allo sviluppo dell’ego, cioè con quello del neonato al seno che non distingue tra se stesso e la madre, ma è immerso in un’unione simbiotica e indifferenziata.

Tale formulazione è complicata dal fatto che in meditazione sono davvero accessibili simili sensazioni di armonia, unità e perdita dei confini dell’ego; ma non sono questi gli stati che definiscono la nozione di non-io.

..la specifica strategia attenzionale del buddismo non è la concentrazione,

bensì la consapevolezza o pura attenzione
:


La chiara e semplice consapevolezza di ciò che accade a noi e in noi negli istanti successivi della percezione”. È questa pratica che negli stati avanzati concentra l’attenzione sul concetto del sé, sull’esperienza dell’«io» nel meditatore, conducendo alla comprensione del non-io.

Vedi, non è per cavillare..!
Ma davvero diventa o può divenire un limite
paragonare l'inconsistenza dell'io
con lo stato d'indifferenziazione del neonato col mondo (o la madre)..

Il punto d' "arrivo" non è il riscontro di una non-realtà dell' "io",
ma l'attenzione a ciò che succede (in noi e fuori) nel momento
in cui ci accorgiamo dell'infondatezza di ciò che di norma definiamo "io"
..

Questo intendevo sottolineare!
La distinzione è sottile ma.. determinante!

Non basata sulla con-fusione
ma sulla consapevolezza
la percezione, l'attenzione sta centrale nell'indagine..!



Gyta
gyta is offline  
Vecchio 07-07-2005, 08.36.33   #17
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Citazione:
Messaggio originale inviato da GiraSole
Ci aggiungerei un "forse può portare"

Sì, certo: "può portare"!
Dipende naturalmente cosa intendiamo
con "individualismo", se con questo intendiamo
semplicemente un'attenzione profonda e consapevole
a ciò che siamo e non quindi un disinteresse sociale
privilegiando l'individuo in senso negativo..!



Gyta
gyta is offline  
Vecchio 07-07-2005, 09.32.16   #18
il pensiero
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-10-2004
Messaggi: 1,265
Devo capire...

Condivido i tuoi interventi che trovo sensati ma, proprio non riesco a pensare un nesso fra il tuo pensiero e la tua signature. Vuoi per favore relazionare su questo se ci fosse?

PS
Citazione:
sta centrale nell'indagine
....passiva, indifferente, noncurante, distaccata, ma attenta...

è l’arrabbiato che diventa quieto e vede disciogliersi la sua rabbia

non perché
la ha soffocata con un atto volitivo pescato da non so quale comandamento

non perché
la ha sfogata dando calci ad un incolpevole muro ma,

ma per il semplice fatto che
un lampo gli fa vedere l’inconsistenza e l’inutilità di questo sentimento generato da un altrettanto inconsistente immagine mentale.
il pensiero is offline  
Vecchio 07-07-2005, 09.43.43   #19
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Re: Devo capire...

Citazione:
Messaggio originale inviato da il pensiero
..ma per il semplice fatto che
un lampo gli fa vedere l’inconsistenza e l’inutilità di questo sentimento generato da un altrettanto inconsistente immagine mentale.

Sì.. trovo che tu l'abbia ben espresso
attraverso l'attenzione al sentimento della rabbia!

Riguardo alla signatura..
A cosa ti riferisci, al pezzo-fiaba di "Alice"??
Se ti riferisci a questo, il mio messaggio vuole semplicemente essere a considerazione della sostanziale inestistenza di 'opposti' ben chiari e definiti, nell'esempio del fungo 'perfettamente rotondo' dove solo le nostre scelte e considerazioni parziali individuano estremi di sorta..
Così spesso ciò che valutiamo come contradditorio non è che visione parziale di un qualcosa che sostanzialmente è invece ben esteso, miscelato ed integro mentre risulta inconcepibilmente separato e scisso solo nella nostra immaginazione che per autorappresentarsi diviene tale..!



Gyta
gyta is offline  
Vecchio 07-07-2005, 10.37.17   #20
Uno
ospite sporadico
 
Data registrazione: 05-01-2004
Messaggi: 2,103
Citazione:
Messaggio originale inviato da gyta
Sì, certo: "può portare"!
Dipende naturalmente cosa intendiamo
con "individualismo", se con questo intendiamo
semplicemente un'attenzione profonda e consapevole
a ciò che siamo e non quindi un disinteresse sociale
privilegiando l'individuo in senso negativo..!



Gyta

Supponevo (forse errando) che tu intendessi una condizione dell'essere.... "individuo" in termini generali non definiti ad un individuo in particolare "individualismo".
Cambiando termine per evitare equivoci, può un individuo ben formato e completo essere non interessato socialmente?


Uno is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it