Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 30-11-2002, 20.35.49   #11
firenze
Ospite abituale
 
L'avatar di firenze
 
Data registrazione: 28-04-2002
Messaggi: 341
Re: per Fire(nze)

Citazione:
Messaggio originale inviato da Mistico


"il concetto di Dio é qualcosa di talmente grande che non potrà mai entrare nella mente umana: sarebbe come pretendere di tenere il mare nella coppa delle mani...".


ciao...

Non ti devi arrabbiare.
Se ci pensi bene sia Agostino che Firenze hanno voluto fare un semplice esempio per spiegare l'impossibilità per un semplice uomo di fare l'esperienza del Tutto... tutto qui.
Il grande Agostino dice anche: intellige ut credas (comprendi per credere) e crede ut intelligas (credi per comprendere).
Il fatto che si definisse un superficiale mi suona strano, forse voleva dire un "umile di intenti", poichè è solo così che si accede al proprio divino.

Ciao
firenze is offline  
Vecchio 30-11-2002, 23.46.42   #12
Morfeo
 
Messaggi: n/a
OOOOOOOOOOO mi vi state e ci state a coglionà?

State dicendo le stesse cose, credete nelle stesse cose e sembra che stiate litigando!!!

Non potete fare queste cose, qui i neuroni non abbondano e la gente rimane sgomenta...

Spiegazione per tutti :

Fire sta dicendo che l'uomo non può concepire il tutto, non praticamente almeno, non come capiamo un teorema di matematica, ma può solo "sentirlo" dentro, trascenderlo sarebbe
il termine aulico...

Mistico ha fatto finta di non capire ed ha voluto accusare Firenze di falsa modestia dicendogli che in realtà lui che possiede la conoscenza sa che la coscienza si può possedere...

Firenze ha ribattuto paragonandosi ad Agostino e con questo passaggio :

"...per spiegare l'impossibilità per un semplice uomo di fare l'esperienza del Tutto... tutto qui. "

sembra indicare se stesso come uomo non semplice, in quanto ha raggiunto un'alta meta, ma sta facendo solo di finta di coglionare Mistico...

Perché Mistico sa che Firenze è ancora in cammino così come lo è Mistico, entrambi sanno di cosa parlano ma fanno finta di non saperlo...

Ed io qui sembro il commentantore di una storia Zen, dove due vecchi maestri rompiballe si scambiano battute oscure e senza alcun senso solo per far scervellare i poveri allievi...

Con amore,
Morfeo.


 
Vecchio 01-12-2002, 00.12.27   #13
firenze
Ospite abituale
 
L'avatar di firenze
 
Data registrazione: 28-04-2002
Messaggi: 341
per Morfeo

Mi sorprende sempre di più la tua iperintelligenza!

Non sto litigando con Mistico. E' solo che, una volta scrivevo paginate di roba (ricordi?), oggi invece sintetizzo il più possibile, tanto da sembrare le mie parole proiettate in una discussione accesa. Niente di più errato

Chissà, oltre a tutto questo anche la mia indole d'orso mi può far sembrare in discussione.

firenze is offline  
Vecchio 01-12-2002, 00.30.21   #14
Mistico
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-11-2002
Messaggi: 1,879
a Morfeo e Fire


In effetti non si litigava affatto, e tu Morph hai fatto centro come al solito.

Io E Fire stiamo facendo il gioco delle parti. Qualcuno nel forum dice che siamo due santoni... Tanto vale fare la parte dei santoni... no?

Però, effettivamente... ora vorrei togliermi questa tonaca almeno per lavarla... tra un po' metterò su un allevamento di pulci con l'aureola!

Allora morph, che proponi di bello?

ciao...
Mistico is offline  
Vecchio 01-12-2002, 07.55.53   #15
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Citazione:
Messaggio originale inviato da firenze


Noi uomini siamo abituati a concepire tutto con un inizio ed una fine. Immagina invece una realtà che mai è nata e mai morirà. Ecco quello è l'Assoluto Supremo. Questa realtà assoluta è tanto facile capirla teoricamente, quanto è impossibile comprenderla praticamente. Per quello che ne so, per l'uomo che decidesse per assurdo di farne la piena esperienza, sarebbe come far passare un altissimo voltaggio in un sottilissimo cavo elettrico di rame. lo fonderebbe all'istante. Anche perchè è di luce che si parla.
Quindi è meglio restare nella teoria e quindi nel dubbio.

Ok...prendiamo per buona questa tua affermazione, una realtà che mai è nata e mai è morta....non semplice immaginarla, credo sia un concetto che la mente umana non riesca a concepire..ma solo immaginare.
Mi spieghi una cosa...ma vorrei una risposta...se possibile... cos'è per te il non manifesto.
(sono seria stavolta...me lo concedi...?)...vorrei capire e mettere insieme i pezzi del puzzle.... se non è possibile giungere a Kether..e questo lo sappiamo perchè viene spesso riportato che l'esperienza massima raggingibile dall'uomo è Thiphareth...ora, come definisci ciò che è ed era prima della 1a emanazione...
Ain-Ain Soph-Ain Soph Aur... Nulla, Infinito e luce Infinita...nel punto di massima concentrazione della luce infinita li sta Kether, la corona....
E' possibile definire Dio ciò che sta sopra a Kether?

Firenze non ho mai fatto a nessuno questa domanda...anche se è da tempo che mi ronza nel cervello....se vorrai rispondermi ne sarò lieta. Grazie.
deirdre is offline  
Vecchio 01-12-2002, 11.50.21   #16
Morfeo
 
Messaggi: n/a
X Firenze e Mistico.

Hmmmmm quando mi fate i complimenti non so che pensare...


Cosa propongo?

Di educare un po' la massa.

Se uno entra in un forum di "Riflessioni", vuol dire che un minimo di interesse per la ricerca interiore deve pur averlo, lasciando perdere i bigotti astiosi che sono ovunque e sempre ci saranno.

Parliamo, anche ad alto livello, ma senza fronzoli e sofismi, chario esplicito, pane al pane e vino al vino.

Anche se il concetto è difficile è inutile indorarlo o addolcirlo, si farebbe quello che fanno le religioni e i politici, dire quello che la gente vuole sentire. Quando la gente è la prima che non sa cosa vuole...

Tanto siamo tutti cibo per i vermi, almeno cerchiamo di servire a qualcosa, che non sia seminare odio, prima del lauto pasto...


Tutto qui.
 
Vecchio 01-12-2002, 12.50.42   #17
firenze
Ospite abituale
 
L'avatar di firenze
 
Data registrazione: 28-04-2002
Messaggi: 341
Citazione:
Messaggio originale inviato da deirdre


Ok...prendiamo per buona questa tua affermazione, una realtà che mai è nata e mai è morta....non semplice immaginarla, credo sia un concetto che la mente umana non riesca a concepire..ma solo immaginare.
Mi spieghi una cosa...ma vorrei una risposta...se possibile... cos'è per te il non manifesto.
(sono seria stavolta...me lo concedi...?)...vorrei capire e mettere insieme i pezzi del puzzle.... se non è possibile giungere a Kether..e questo lo sappiamo perchè viene spesso riportato che l'esperienza massima raggingibile dall'uomo è Thiphareth...ora, come definisci ciò che è ed era prima della 1a emanazione...
Ain-Ain Soph-Ain Soph Aur... Nulla, Infinito e luce Infinita...nel punto di massima concentrazione della luce infinita li sta Kether, la corona....
E' possibile definire Dio ciò che sta sopra a Kether?

Firenze non ho mai fatto a nessuno questa domanda...anche se è da tempo che mi ronza nel cervello....se vorrai rispondermi ne sarò lieta. Grazie.

Amica mia, vorrei tanto rispondere al tuo quesito, ma onestamente non conosco uno dei nomi che hai scritto. (Vedi che anch'io ho i miei limiti? )

Ti incollo ciò che ho scritto sul mio libro in riferimento al Tutto/Dio/Assoluto Supremo/Brama, o come lo vuoi chiamare.

L'Assoluto Supremo è quella unità che tutto comprende.

L'Assoluto Supremo è una fonte illimitata d’energia che vibrando da vita a tutto quello che una mente può immaginare. Ed ancor di più! Esso va oltre la stessa mente umana, tanto che non può essere compreso da questa. E' il passato, il presente ed il futuro. E' l'emanazione ed il riassorbimento. E' l'illogica razionale per assoluto. E' ciò che impropriamente nelle religioni monoteiste è chiamato Dio.
Mentre è possibile mettere dei picchetti in un campo per delimitarne il confine e la superficie, disegnare una figura, costruire un cubo, una sfera, è impossibile delimitare in qualsiasi modo il Tutto.
Dal nostro regno minerale, vegetale, animale, all'essere umano, a tutte le realtà extraumane ed extraterrestri, a tutti i piani di coscienza, ai Padri, agli Angeli, ai mondi, alle galassie, agli universi, fino ai cosmi, sono compresi nell'Assoluto Supremo. Tutto è compreso nel Tutto. Non dovremo scordarlo mai.

firenze is offline  
Vecchio 01-12-2002, 12.57.08   #18
firenze
Ospite abituale
 
L'avatar di firenze
 
Data registrazione: 28-04-2002
Messaggi: 341
sempre per Deidre

Il non manfesto è ciò che se anche esiste non riuscimo a percepire. Ti faccio un esempio. Tu hai una emozione dentro di te, se la manifesti rendi tutti partecipi, se non resta non manifesta in te. La cosa sembra palese, ma in realtà è più complessa di quanto si creda.

Il non manifesto è percepibile tramite la percezione extrasensoriale, e cioè quella percezione che va oltre i nostri sensi, come ad esempio il terzocchio. Chi ha questo chakra aperto (il sesto per intenderci) può vedere il mondo astrale come ad esempio le entità disincarnate.
Comprì?

firenze is offline  
Vecchio 01-12-2002, 13.48.04   #19
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Ti ringrazio per la spiegazione, mi spiace che tu non conosca quei termini..avremmo potuto sviluppare una buona discussione. però, vorrei provare a dare io una spiegazione per chiarire ciò che sto dicendo.

I cabalisti riconoscono 4 piani di manifestazione e 3 piani di non manifestazione, o Esistenza Negativa. Il primo di questi è chiamato AIN (Negatività), il secondo AIN SOPH (l'Infinito) ed il terzo è AIN SOPH AUR (Luce infinita) Ed è da questo che Kether si concentra. (Kether viene fatto corrispondere sul piano microcosmico con Il Loto dai Mille petali, Il Cranio Yechidah). Questi tre termini sono chiamati I tre veli di Esistenza Negativa e dipendono all'indietro da Kether (primo Sephirah dell'Albero della Vita). In altre parole essi sono i termini algebrici che permettono di pensare a ciò che trascende il pensiero e che nasconde ciò che essi stessi rappresentano, è possibile definirli delle maschere che nascondono realtà trascendenti.
In fondo il simbolo altro non è che un qualcosa che nasconde un significato, e rimane velato fintanto che non si riesce a ridurlo in termini capibili. Nell'albero della vita non è possibile comprendere il signifcato di un Sephirah se non si conosce il significato degli altri, i suoi simboli si chiariscono l'un l'altro, questi Veli servono come impalcature del pensiero. Questi Veli, però..non hanno alcun valore a meno che non confinino con qualcosa di conosciuto, essi nascondono ciò che rappresentano ma permettono di vedere ciò cui essi servono da sfondo.
Questi tre veli anche se non è possibile comprenderli, suggeriscono alla mente determinate idee. La Negatività implica Essere, o Esistenza di una natura che non è possibile comprendere, non è possibile concepire qualcosa che non è...quindi è necessario concepire una forma di essere che, in base ai nostri concetti di esistenza, non esite, eppure se ci possiamo esprimere in questa maniera, esiste in base alla sua propria idea di esistenza.
"Esistono più cose in cielo ed in terra di quante vengono sognate dalla nostra filosofia."

Sebbene l'Esistenza Negativa sia fuori dal nostro campo di percezione non significa che noi siamo fuori dal suo campo d'influenza, tutto ciò che noi conosciamo come esistenza fonda le sue radici in questa Esistenza Negativa. Ovvero, non conosciamo la sua natura ma ne percepiamo i suoi effetti.

buona domanica
deirdre is offline  
Vecchio 01-12-2002, 16.14.54   #20
firenze
Ospite abituale
 
L'avatar di firenze
 
Data registrazione: 28-04-2002
Messaggi: 341
Citazione:
Messaggio originale inviato da deirdre

Sebbene l'Esistenza Negativa sia fuori dal nostro campo di percezione non significa che noi siamo fuori dal suo campo d'influenza, tutto ciò che noi conosciamo come esistenza fonda le sue radici in questa Esistenza Negativa. Ovvero, non conosciamo la sua natura ma ne percepiamo i suoi effetti.

E' proprio destino che oggi abbia tempo per te, poichè l'evenienza mi vede tutto il giorno a casa.

Che i cabalisti siano degli incasinati, questo è chiaro a tutti. La cabala nasce in un tempo nel quale la verità spiattellata poteva dire... zac! Via la testa! Così la simbologia ha ben annacquato il rischio. Oggi nessuno brucia nessuno sul rogo, tanto che possiamo addirittura parlare di queste cose anche in un forum.
Ti confesso che la prima parte del tuo racconto è abbastanza contorta e di difficile comprensione, se non per gli addetti ai lavori, quali penso tu sia. Dove invece posso dire qualcosa è sulla seconda parte, che quoto qui in alto.
L'Esistenza negativa per me non è altro che il nostro subconscio, nel quale vive tutta la nostra parte più occulta e quindi negativa. Il subconscio resta fuori dal nostro campo cosciente, anche se poi ne subiamo il suo effetto nel quotidiano: paure, fobie, manie, complessi, impulsi incontrollati, deviazioni sessuali, e così via.
In sintesi. L'esistenza vista dal suo positivo è il conscio, ovvero ciò che percepiamo nel nostro quotidiano. L'esistenza vista dal suo negativo, invece è l'inconscio, che in maniera occulta ci stimola a fare o a non fare cose che non possiamo controllare. Morale della favola: conosci il tuo inconscio e potrai essere libera di vivere la tua vita nella perfetta gioia ed armonia.

That's all!
firenze is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it