Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 03-07-2006, 09.44.20   #21
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Citazione:
Messaggio originale inviato da Uno
Ok ci sta anche questa... per questo la Coscienza può modificare la forma e non il contrario...

Che ne dite di provare ad approfondire?

La Coscienza ha bisogno della forma, ma cosa e' innanzitutto la Coscienza?

Partiamo dall'alto, dalla Coscienza Universale, da alcuni dei suoi niomi: Figlio, Logos, CIT. E' nel Vedanta il Brahman Saguna o Ishvara o Jiva Universale o Dio Personale, e' nel Cristianesimo il Figlio, il Logos.
Ma di chi e' Figlia la Coscienza? Perche' Gesu' disse sempre "io e il padre siamo UNO" ma all'ultima cena disse:"il Padre e' piu' grande di me?".
Sul Padre non credo ci siano dubbi: e' il Parabrahman o Brahman Nirguna o Sunyata o Buddha Primordiale o Shiva nello Shivaismo Kashimiro, ossia l'Assoluto Immanifesto.
Ma la Madre, chi e'?
Yam is offline  
Vecchio 03-07-2006, 09.56.32   #22
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
il "vaso" o contenitore di esso (detto in maniera kabbalistica)
turaz is offline  
Vecchio 03-07-2006, 10.07.16   #23
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Citazione:
Messaggio originale inviato da turaz
il "vaso" o contenitore di esso (detto in maniera kabbalistica)

Nella Cabbalah si sotiene che si puo arrivare a Creare una Coscienza individuale (il Golem non e' un Robot).
Ma ho fatto una domanda sulla Coscienza Universale.
Yam is offline  
Vecchio 03-07-2006, 11.07.31   #24
Cornelio
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 21-03-2004
Messaggi: 214
Citazione:
Messaggio originale inviato da Yam
Che ne dite di provare ad approfondire?

La Coscienza ha bisogno della forma, ma cosa e' innanzitutto la Coscienza?

Partiamo dall'alto, dalla Coscienza Universale, da alcuni dei suoi niomi: Figlio, Logos, CIT. E' nel Vedanta il Brahman Saguna o Ishvara o Jiva Universale o Dio Personale, e' nel Cristianesimo il Figlio, il Logos.
Ma di chi e' Figlia la Coscienza? Perche' Gesu' disse sempre "io e il padre siamo UNO" ma all'ultima cena disse:"il Padre e' piu' grande di me?".
Sul Padre non credo ci siano dubbi: e' il Parabrahman o Brahman Nirguna o Sunyata o Buddha Primordiale o Shiva nello Shivaismo Kashimiro, ossia l'Assoluto Immanifesto.
Ma la Madre, chi e'?

In provincia di Novara, ed esattamente a Re in val Vigezzo, c'è una grandiosa e bella Basilica sorta sul luogo preciso dove nel 1494 si trovava la piccola ed umile Chiesa Parocchiale di S.Maurizio sulla cui facciata a lato della porta d'ingresso, un modestissimo pittore aveva dipinto una Madonna con Gesù Bambino in grembo. Ai piedi del dipinto su un cartiglio una iscrizione dice: "In gremio Matris sedet Sapientia Patris" "Nel grembo della Madre siede la Sapienza del Padre". Questo dipinto è diventato famoso perchè nella notte del 29 aprile 1494 fu oggetto di un grande miracolo. Ma non è di questo miracolo che voglio parlare, ma far notare come un modestissimo pittore abbia saputo esprimere cosi bene e con poche parole.. tutto il Mistero.
E' cosi' Yam, Gesù il Figlio è la Sapienza del Padre, ed il Padre è più grande di Lui perchè il Padre è il Suo Amore. Chi è la Madre non è poi cosi difficile da capire.
Cornelio is offline  
Vecchio 03-07-2006, 11.20.26   #25
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Citazione:
Messaggio originale inviato da Cornelio
"In gremio Matris sedet Sapientia Patris" "Nel grembo della Madre siede la Sapienza del Padre

Certo, ma cosa significa questo ad un livello piu' profondo?
Cioe' se il Padre e' l'Assoluto Immanifesto il Vuoto Primordiale, la Madre cosa e'? E perche' nella Trinita' non appare la Madre? Oppure c'e' sotto altro nome?
Yam is offline  
Vecchio 03-07-2006, 11.52.42   #26
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
padre-figlio- spirito santo.

Se i primi due sono già definiti....

turaz is offline  
Vecchio 03-07-2006, 12.06.16   #27
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
La missione dello Spirito Santo è sempre congiunta e ordinata a quella del Figlio. 122 Lo Spirito Santo, che è « Signore e dà la vita », 123 è mandato a santificare il grembo della Vergine Maria e a fecondarla divinamente, facendo sì che ella concepisca il Figlio eterno del Padre in un'umanità tratta dalla sua.

http://www.vatican.va/archive/catech...122a3p2_it.htm

Questo in ambito Cristiano. Nelle altre Tradizioni o nella Scienza si potrebbe parlare di Energia.
L'uso di terminologie e simbolismi ora maschili ora femminili varia e a volte si capovolge a seconda delle tradizioni. In molte l'Energia e' Maschile i altre Femminile (vedi Shakti).
Vorrei cercare di non andare OT per arrivare a parlare della Coscienza Individuale.

Avrei anche bisogno per questa Riflessione dell'aiuto di qualche Alchimista perche' non sono molto ferrato sullo stato dell'energia prima che diventi Materia.
Yam is offline  
Vecchio 03-07-2006, 12.10.52   #28
visir
autobannato per protesta
 
L'avatar di visir
 
Data registrazione: 02-05-2002
Messaggi: 436
Contenitori e contenuto

Personalmente considero il corpo una unità inscindibile dalla mente e quindi dalla coscienza (quest'ultima espressione dinamica della mente).

Considerare, come nell'esempio di un palloncino (corpo) da riempiere di aria (coscinza) esprime un'approccio duale e di separazione che non è nella mia esperienza.

Infatti ogni manifestazione di coscienza (intesa come comprensione vera di qualche cosa) provoca una manifestazione più o meno visibile nel corpo. Così come la vecchiaia si conosce invecchiando e l'amore amando, non si può scindere da un cambiamento del nostro corpo.

Ma, se il corpo modifichi la coscienza o viceversa è una disquisizione per così dire di lana caprina, semplicemente perchè sono indivisi.
Certamente l'uomo possiede solo ciò che può contenere, e per estensione vede solo ciò pensa di vedere ecc. ecc.

Allora penso che bisogna riflettere sul fatto di quanto le nostre categorie mentali, cioè condizionamenti pensieri schemi, influenzano la nostra percezione e quindi la nostra "coscienza".
Il corpo se vissuto liberamente ci da quel riscontro di realtà che un approccio razionale non ci permette. Meglio se un'esperienza e vissuta mentalmente, emotivamente e corporealmente solo così si può cosiderare veramente tua.
Ma come essere certi che questo vissuto non sia disturbato da automatismi, blocchi e tensioni che ci impediscono di conoscere la cosa vera?
Allora l'osservazione libera dall'identificazione è forse l'unica misura per farci dire "è così".
visir is offline  
Vecchio 03-07-2006, 12.44.36   #29
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
beh... in una coscienza individuale cosa è il "vaso" che contiene e genera il "figlio"?

se siamo a sua immagine e somiglianza cosa è Heuwhà in sostanza?
che essa sia il "vaso" di cui stiamo parlando?
turaz is offline  
Vecchio 03-07-2006, 13.30.24   #30
Uno
ospite sporadico
 
Data registrazione: 05-01-2004
Messaggi: 2,103
Re: Contenitori e contenuto

Citazione:
Messaggio originale inviato da visir
Personalmente considero il corpo una unità inscindibile dalla mente e quindi dalla coscienza (quest'ultima espressione dinamica della mente).

Considerare, come nell'esempio di un palloncino (corpo) da riempiere di aria (coscinza) esprime un'approccio duale e di separazione che non è nella mia esperienza.

Infatti ogni manifestazione di coscienza (intesa come comprensione vera di qualche cosa) provoca una manifestazione più o meno visibile nel corpo. Così come la vecchiaia si conosce invecchiando e l'amore amando, non si può scindere da un cambiamento del nostro corpo.

Ma, se il corpo modifichi la coscienza o viceversa è una disquisizione per così dire di lana caprina, semplicemente perchè sono indivisi.
Certamente l'uomo possiede solo ciò che può contenere, e per estensione vede solo ciò pensa di vedere ecc. ecc.

Allora penso che bisogna riflettere sul fatto di quanto le nostre categorie mentali, cioè condizionamenti pensieri schemi, influenzano la nostra percezione e quindi la nostra "coscienza".
Il corpo se vissuto liberamente ci da quel riscontro di realtà che un approccio razionale non ci permette. Meglio se un'esperienza e vissuta mentalmente, emotivamente e corporealmente solo così si può cosiderare veramente tua.
Ma come essere certi che questo vissuto non sia disturbato da automatismi, blocchi e tensioni che ci impediscono di conoscere la cosa vera?
Allora l'osservazione libera dall'identificazione è forse l'unica misura per farci dire "è così".

Ma in soldoni che hai detto?
Uno is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it