Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 03-07-2006, 21.10.30   #41
fmoo1949
Ospite abituale
 
Data registrazione: 26-10-2005
Messaggi: 224
Re: Re: sarà il caldo con ventilatore a soffitto...

Citazione:
Messaggio originale inviato da Yam

Rig Veda libro X
Scusa se prendo solo questo Yam, per me è importante.
non c'era il non-essere, non c'era l'essere…
…egli certo lo sa se pur non lo sa.

Senza forma, senza coscienza. Poi …la realtà!?
Manifestazione di ciò che concepito perde l’essenza.
fmoo1949 is offline  
Vecchio 03-07-2006, 21.19.00   #42
fmoo1949
Ospite abituale
 
Data registrazione: 26-10-2005
Messaggi: 224
Citazione:
Messaggio originale inviato da Uno

Il sole ha una forma... se ha una forma ha pure una Coscienza no?
(tanto posso sempre dichiarare che il caldo mi fa vaneggiare )
Belli questi vaneggiamenti.
La coscienza solare, che ci pervade e permea; noi e la Terra; ed insemina nella forma ciò che da ad altra coscienza (alla nostra) la possibilità di scoprirsi come coscienza ...dativa se concepisce d'essere solare.
fmoo1949 is offline  
Vecchio 03-07-2006, 21.32.49   #43
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
In meditazione puoi avere una intuizione profonda.
Tutto cio' che si manifesta ....pensiero...suoni, odori, sapori, visioni (sottili e grossolane), sensazioni, emozioni...e tutti i fenomeni e le forme .....da dove arrivano e dove vanno?
Cio' che si manifesta e' l'Energia e proviene e torna dal/al Vuoto, che non e' Vuoto, mero nulla, ma e' pieno di Essa, e' in unione con l'Energia (Shiva-Shakti) Tu sei quella pura Coscienza che osserva. Onora il Padre e la Madre, fallo in questo modo, senza sentirti separato, perche' non lo sei.
L'Energia e' intelligente. Osserva le forme che assume, quasi ci fossero infinite entita' che eseguono programmi perfetti (sono gli Angeli...privi di Coscienza...perche' pura Energia).
Osserva a partire dal regno minerale, osserva come la Coscienza individuale appaia li. Osserva come un diamante si forma resistendo a pressioni altissime, osserva le meravigliose forme dei Cristalli, osserva gli alberi, gli animali, l'uomo...li c'e' la Coscienza individuale, ma se osservi l'insieme Vedi la Coscienza Universale, vedi il Signore Ishvara, il Brahman Saguna, il Logos, il Nous...cio' che tu stesso diverrai..quando la Coscienza individuale avra' terminato il Suo Viaggio, anche ora,...forse......
Yam is offline  
Vecchio 04-07-2006, 12.45.36   #44
visir
autobannato per protesta
 
L'avatar di visir
 
Data registrazione: 02-05-2002
Messaggi: 436
Rispondo cercando di essere più chiaro.

La coscienza non si può espandere un accidenti oltre i limiti del corpo.
L'illusione di espansione è in realtà solo il prodotto di quanto contenuto in noi stessi.
Tutto il mondo che vediamo, concepiamo è e resta confinato nel perimetro della nostra pelle. L'unico spazio dove siamo realmente padroni, ma che resta buio in quanto la nostra attenzione è rivolta verso l'esterno (di cui non possiamo cambiare un bel niente).
La percezione di una relazione con l'esterno avviene attraverso gli organi di senso (mente compresa).

Quindi semplicemente sottolineavo nel mio precedente intervento che il nocciolo non è, secondo me, nella coscienza o nel corpo che sono interdipendenti, anche se appaiono come distinti, ma nella qualità della percezione attraverso gli organi di senso.

Se la percezione non è autentica quale coscinza/corpo potrà mai viversi liberamente?
visir is offline  
Vecchio 04-07-2006, 13.07.26   #45
Uno
ospite sporadico
 
Data registrazione: 05-01-2004
Messaggi: 2,103
Citazione:
Messaggio originale inviato da visir
Rispondo cercando di essere più chiaro.

La coscienza non si può espandere un accidenti oltre i limiti del corpo.
L'illusione di espansione è in realtà solo il prodotto di quanto contenuto in noi stessi.
Tutto il mondo che vediamo, concepiamo è e resta confinato nel perimetro della nostra pelle. L'unico spazio dove siamo realmente padroni, ma che resta buio in quanto la nostra attenzione è rivolta verso l'esterno (di cui non possiamo cambiare un bel niente).
La percezione di una relazione con l'esterno avviene attraverso gli organi di senso (mente compresa).

Quindi semplicemente sottolineavo nel mio precedente intervento che il nocciolo non è, secondo me, nella coscienza o nel corpo che sono interdipendenti, anche se appaiono come distinti, ma nella qualità della percezione attraverso gli organi di senso.

Se la percezione non è autentica quale coscinza/corpo potrà mai viversi liberamente?

Oh adesso sei stato più chiaro, grazie.
Dunque secondo te gli organi di senso sono staccati dal corpo/coscienza?
Uno is offline  
Vecchio 04-07-2006, 14.40.05   #46
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Citazione:
Tutto il mondo che vediamo, concepiamo è e resta confinato nel perimetro della nostra pelle. L'unico spazio dove siamo realmente padroni, ma che resta buio in quanto la nostra attenzione è rivolta verso l'esterno (di cui non possiamo cambiare un bel niente).
La percezione di una relazione con l'esterno avviene attraverso gli organi di senso (mente compresa).

agli inizi della mia conoscenza una delle cose più difficili da comprendere era pensare che esistesse qualcosa al di fuori di me.. al di fuori della tangibile pelle...

la meditazione mi ha aperto l'accettazione e la comprensione di detti "spazi" al di fuori ..e tutto il viaggio mi ha fatto sperimentare (sperimentare.. non comprendere intellettualmente) che non sono neanche padrona del mio corpo.. o per lo meno non in modo supposto fino allora..

sapevo che al "principiante" non rimaneva che accettare sulla parola ciò che si diceva a riguardo,
per ciò mi riservavo di constatare la validità di ciò che mi veniva raccontato.. senza spirito di opposizione..

In questa apertura e "desiderio" di conoscenza, necessario allo sviluppo evolutivo, ho potuto allargare il mio "punto di vista"...
atisha is offline  
Vecchio 04-07-2006, 17.54.47   #47
sunday01
Ospite abituale
 
L'avatar di sunday01
 
Data registrazione: 05-07-2005
Messaggi: 464
Secondo me la coscienza prende la forma del corpo che la ospita...
La coscienza in se stessa può non avere forma... ma senza una forma non può manifestarsi...
Quando la coscienza non ha una sua forma, penso si possa parlare di coscienza universale, ma non so se questo abbia molto senso, visto che la coscienza universale è la somma di tutte le coscienze individuali... a meno che non parliamo di Dio, in questo caso il Tutto è coscienza universale....
La coscienza prima di tutto è consapevolezza di esistere, e questa si manifesta attraverso le nostre percezioni sensoriali e mentali, prima di tutto...
Un sasso ha questa consapevolezza???? e un diamante????
Io penso che si possa parlare di coscienza quando si parla di esseri senzienti, che sanno discernere il bene dal male...
Gli angeli hanno coscienza???? Non credo come la intendiamo noi, essendo puri spiriti non soggetti alla corporeità....
Forse avranno una coscienza superiore, puramente spirituale, di consapevolezza di esistere....
La coscienza, per come la vedo io, è quella vocina che ci fa star male quando non ci sentiamo a posto, appunto perchè sappiamo discernere il bene dal male, dal punto di vista spirituale.
Dal punto di vista materiale la coscienza è essere consapevoli di esistere in questo mondo e di far parte di qualcosa di più grande, di cui tutti abbiamo la consapevolezza, e che possiamo sempre cercare di migliorarci, modellando e rimodellando la nostra coscienza man mano che procediamo nel viaggio che è questa vita.

Ciao

sunday01 is offline  
Vecchio 05-07-2006, 14.18.11   #48
visir
autobannato per protesta
 
L'avatar di visir
 
Data registrazione: 02-05-2002
Messaggi: 436
I nodi e il pettine non si incontrano mai

Certamente no, senza corpo niente organi di senso e niente coscienza. Quello che secondo me è da "osservare" è il flusso degli stimoli che raggiungono la nostra coscienza e influenzano il corpo, ma non necessariamente in questo ordine.

Una coscienza più libera influenza il corpo che diventa più ricettivo agli organi di senso, ma un corpo libero da tensione vive le sensazione con maggiore profondità e permette alla coscienza di essere più centrata nel momento presente.

Questa interconnessione è semplicemente un nodo giordano, di cui non è possibile tracciare un confine; poichè questi elementi non hanno un limite, ma un agglomerato interdipendente. Tuttalpiù il nodo si può recidere (forse) ma non slegare.

Come il pongo, che quando si mischiano diversi colori non è più possibile nè utile separarli, ma tutti possiamo vederne i colori diversi che formano nelle striature di questo "composè".

Tuttavia, attraverso l'attenzione deidentificata possiamo vedere sorgere la coscienza influenzata dai sensi e dal corpo, ma il problema è comprendere la relatività di questi fenomeni rispetto al nostro essere immutabile e quieto e nondimeno connesso e influenzato.

A me pare che più che una norma la nostra vita sia un paradosso.
visir is offline  
Vecchio 05-07-2006, 14.32.26   #49
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Citazione:
Messaggio originale inviato da sunday01

Un sasso ha questa consapevolezza???? e un diamante????

E' quello che potresti indagare.....il diamante ha piu' coscienza di un sasso.
Yam is offline  
Vecchio 05-07-2006, 14.36.30   #50
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Re: I nodi e il pettine non si incontrano mai

Citazione:
Messaggio originale inviato da visir
Tuttavia, attraverso l'attenzione deidentificata possiamo vedere sorgere la coscienza influenzata dai sensi e dal corpo, ma il problema è comprendere la relatività di questi fenomeni rispetto al nostro essere immutabile e quieto e nondimeno connesso e influenzato.


Io direi cosi: attraverso la coscienza centrale posso percepire le coscienze periferiche (dei sensi di cui la mente pensante e' il sesto) che al contatto con l'oggetto sviluppano sensazione ed emozione (attrazione-repulsione-indifferenza). La disidentificazione accade nell'osservare il flusso di quell'unica energia che si manifesta in modo apparentemente molteplice.

Ultima modifica di Yam : 05-07-2006 alle ore 14.37.41.
Yam is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it