Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 24-10-2007, 01.51.00   #61
Rising Star
Ospite abituale
 
L'avatar di Rising Star
 
Data registrazione: 29-06-2007
Messaggi: 213
Riferimento: Che cos'è l'ego, come disfarcene?

Che cos'è l'ego, come disfarcene?

Credo che sia innanzitutto una questione di semantica, ossia di dare un preciso significato alla parola "ego". L'ego, intuitivamente, credo sia inteso come l'aspetto interiore della persona. Io posso ipotizzare l'esistenza di due tipi di "ego": l'ego superbo e l'ego umile. L'ego superbo nascerebbe quando l'uomo ha voltato le spalle a Dio, al Creatore, ponendosi al di sopra di esso. È la parte di ego umile che fornisce, all'uomo, gli strumenti per un riavvicinamento al Padre. Proseguendo per questa strada ed estrapolando il tutto, si giunge all'ego umile per eccellenza ed è di colui che opera, totalmente, secondo la volontà del Padre: egli è il Cristo, colui il quale, appunto, dice "Io sono l'io sono". È Lui l'ego per eccellenza!
Io credo che l'uomo si debba disfare dell'ego superbo, poiché è solo l'ego umile, con le sue implicazioni, che permette di avere coscienza di Dio e quindi di ritornare a Lui.
Credo che Dio desideri l'uomo con la sua singola peculiarità (ego umile), diversa da ogni altro uomo e che, insieme, definiscono una sorta di ricchezza, la vera ricchezza della razza umana.
Rising Star is offline  
Vecchio 28-10-2007, 22.08.52   #62
tmusa
Ospite abituale
 
Data registrazione: 29-09-2007
Messaggi: 212
Riferimento: Che cos'è l'ego, come disfarcene?

L'ego è una pura costruzione convenzionale che ci aiuta nella struttura delle relazioni umane.
Lo dimostra il fatto che ciascuno può decidere cosa vuole essere.
Nessuno d'altra parte, me compreso, può dirmi come sarò, o chi sarò, fra 20 secondi.
Stabilito questo, è altrettanto vero che siamo così affezionati a questo costrutto psicologico che chiunque lo denigri o lo offenda, rischia se va bene una denuncia , quando va male un colpo di pistola ( bubble reputation).
Né mai e poi mai saremmo disposti ad abbandonare questa vana e vacua idea del nostra egoità, la nostra personalità.
Ora sta proprio qui la radice di tutti i nostri problemi.
Se siamo destinati a vivere in questo canile di mondo lo dobbiamo solamente alla identificazione intima a questa inconsistente idea dell'ego.
Se riusciamo a liberarcene realizziamo la liberazione a tutti i nostri mali.
Purtroppo è tutto maledettamente troppo semplice. Questo è il motivo per cui quasi nessuno ci riesce.

ciao
tmusa is offline  
Vecchio 28-10-2007, 23.03.51   #63
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Riferimento: Che cos'è l'ego, come disfarcene?

Citazione:
Originalmente inviato da tmusa

Purtroppo è tutto maledettamente troppo semplice. Questo è il motivo per cui quasi nessuno ci riesce.

ciao



Può sembrare una paradossale affermazione, può apparire incredibile, ma è proprio così, anche per me.

Mirror is offline  
Vecchio 30-10-2007, 12.41.24   #64
MissDeath
Ospite
 
Data registrazione: 29-10-2007
Messaggi: 5
Riferimento: Che cos'è l'ego, come disfarcene?

Da un punto di vista psicologico, l'Ego corrisponde all'Io persona. Il primo a teorizzare la sua esistenza come struttura mentale fu Sigmund Freud. In particolare l'Io comprende tutte le funzioni che stanno alla base del rapporto uomo/ambiente. Ad esso si affiancano l'Es, la nostra parte più istintiva, sede delle pulsioni e dei desideri primari; e il Super-Io, la nostra coscienza morale.
In pratica funzionerebbe così: dall'Es parte il bisogno di soddisfare immediatamente un desiderio o un bisogno (soprattutto libidici o distruttivi); l'Io controlla se l'ambiente si presta per la soddisfazione immediata di questo desiderio (se l'ambiente non si presta alla soddisfazione immediata del desiderio, l'energia che lo accompagna viene scaricata attraverso altre vie); il Super-Io controlla che il desiderio sia moralmente accettabile dall'individuo stesso e dalla società.
Spiegarlo in poche parole è un pò complicato, capisco che forse non sono stata chiara. Se avete dubbi al riguardo chiedete pure.
Comunque, per me l'Ego è questo: è parte di noi, della nostra struttura mentale, e non credo che dovrebbe essere annullato o debellato e nemmeno confuso con le personalità devianti.
Se poi l'Ego lo intendete come orgoglio, beh è tutto un altro discorso.
A presto, buona riflessione.
MissDeath is offline  
Vecchio 03-11-2007, 22.41.15   #65
rigolen
.
 
Data registrazione: 31-10-2007
Messaggi: 31
Riferimento: Che cos'è l'ego, come disfarcene?

Citazione:
Originalmente inviato da Spaceboy
...scusa ma non parificherei come dici Tu, l'ego, l'io o le personalità deviate.

Piuttosto non capisco a che pro disfarsi del proprio ego, della propria essenza.

Ben diverso è il discorso se intendi l'egocentrismo o l'egoismo.

Il mio ego è il più profondo me stesso e come tale va valorizzato come mia essenza.

IMHO

Non esiste nessun Ego perchè nella mente esistono solo pensieri e,nei momenti in cui non pensi,non esiste nessun Ego.
Il pensiero "Io" è un pensiero come tutti gli altri e deriva dalla memoria di avvenimenti passati e il passato non esiste più.
Se l'ego esistesse davvero,allora nessuno avrebbe bisogno di crearsene uno e di chiamarlo:Buddhista,Cristiano, Milanista,Socialista,Interista ,Fascista ecc.
Giusto?

Rigolen .
rigolen is offline  
Vecchio 04-11-2007, 22.03.38   #66
tmusa
Ospite abituale
 
Data registrazione: 29-09-2007
Messaggi: 212
Riferimento: Che cos'è l'ego, come disfarcene?

Citazione:
Originalmente inviato da rigolen

Non esiste nessun Ego perchè nella mente esistono solo pensieri e,nei momenti in cui non pensi,non esiste nessun Ego.
Il pensiero "Io" è un pensiero come tutti gli altri e deriva dalla memoria di avvenimenti passati e il passato non esiste più.
Se l'ego esistesse davvero,allora nessuno avrebbe bisogno di crearsene uno e di chiamarlo:Buddhista,Cristiano, Milanista,Socialista,Interista ,Fascista ecc.
Giusto?

Rigolen .
E' proprio così. In quanto poi al perché c'è la necessità di annientare questa mania di costruire ed affermare un ego, il motivo è semplice: la liberazione.
Nel momento in cui riusciamo a persuaderci della sua insesitenza con la stessa intensità con cui siamo persuasi della sua concretezza, in quel momento siamo liberi dai suoi condizionamenti. E allora?
Beh, allora si sperimenta uno stato di grazia che è stato che è stato definito in vari modi, ma che rappresenta sostanzialmente la stessa cosa, l'Illuminazione, il Nirvana, il Satori, il Samadhi, la Pace Beatifica, l'estasi spirituale o chiamatela come volete; e allora?
Beh allora si comprende che ci sono due strade per ciascuno di noi: una è quella della vita ordinaria e ordinata della materialità che porta ad un vivere affannoso e dolente; l'altra è appunto la strada della liberazione, che porta diritti diritti alla pace profonda, alla felicità, alla meta di ogni andare.
Il prerequisito, in questo caso, è la distruzione dell'ego.
A noi la scelta.
tmusa is offline  
Vecchio 05-11-2007, 16.26.23   #67
rigolen
.
 
Data registrazione: 31-10-2007
Messaggi: 31
Riferimento: Che cos'è l'ego, come disfarcene?

Citazione:
Originalmente inviato da tmusa
E' proprio così. In quanto poi al perché c'è la necessità di annientare questa mania di costruire ed affermare un ego, il motivo è semplice: la liberazione.
Nel momento in cui riusciamo a persuaderci della sua insesitenza con la stessa intensità con cui siamo persuasi della sua concretezza, in quel momento siamo liberi dai suoi condizionamenti. E allora?
Beh, allora si sperimenta uno stato di grazia che è stato che è stato definito in vari modi, ma che rappresenta sostanzialmente la stessa cosa, l'Illuminazione, il Nirvana, il Satori, il Samadhi, la Pace Beatifica, l'estasi spirituale o chiamatela come volete; e allora?
Beh allora si comprende che ci sono due strade per ciascuno di noi: una è quella della vita ordinaria e ordinata della materialità che porta ad un vivere affannoso e dolente; l'altra è appunto la strada della liberazione, che porta diritti diritti alla pace profonda, alla felicità, alla meta di ogni andare.
Il prerequisito, in questo caso, è la distruzione dell'ego.
A noi la scelta.

Esatto !
ma c'è anche un altro modo molto convincente per spiegare l'illusione dell'Ego:
considera una lavagna nera di m4x2.Dividi col gesso bianco la lavagna in due parti di cui la parte di sinistra la chiami :"Io" e la parte destra la chiami "Dio".
Infine l'Io si mette a pregare Dio.Ma non c'è nessun Io e nessun Dio ma solo la lavagna! Così nella mente:non c'è nessun Io e nessun Tu ma solo la mente.

Rigolen.
rigolen is offline  
Vecchio 05-11-2007, 18.02.18   #68
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Riferimento: Che cos'è l'ego, come disfarcene?

Salve e buon pomeriggio!
a volte penso che questa idea di "distruggere" l'io possa divenire un'ossessione e le venga data una valenza eccessiva, l'io cioè la parte manifesta dell'E' esiste ed è "regolata" dalle 4 nobili verità; possiamo e dobbiamo "lavorare" su il "valore" da dare a questo io ma prendendo in esame quello che scrive tsuma (scusa se ti coinvolgo):
Nel momento in cui riusciamo a persuaderci della sua insesitenza con la stessa intensità con cui siamo persuasi della sua concretezza, in quel momento siamo liberi dai suoi condizionamenti. come ho detto sopra l'io non è inesistente eventualmente vacuo...che ci porta vivere
una è quella della vita ordinaria e ordinata della materialità che porta ad un vivere affannoso e dolente con il giusto distacco può essere vissuta degnamentel'altra è appunto la strada della liberazione, che porta diritti diritti alla pace profonda, alla felicità, alla meta di ogni andare.questa in un contesto sociale nel quale stiamo scrivendo è praticamente impossibile; se la si vuole veramente dovremmo staccare la spina da tutto...ma anche qualcuno più in gamba di noi ci ha provato...e alla fine si è seduto sotto un albero claudio
fallible is offline  
Vecchio 05-11-2007, 22.42.28   #69
Flow
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2006
Messaggi: 317
Riferimento: Che cos'è l'ego, come disfarcene?

Un cumulo di definizioni dell'ego, non e' ego ?
Flow is offline  
Vecchio 05-11-2007, 23.14.32   #70
tmusa
Ospite abituale
 
Data registrazione: 29-09-2007
Messaggi: 212
Riferimento: Che cos'è l'ego, come disfarcene?

Citazione:
Originalmente inviato da fallible
a volte penso che questa idea di "distruggere" l'io possa divenire un'ossessione...
E' giusto. Infatti non c'è niente da distruggere, in quanto l'ego non esiste. E come si fa a distruggere qualcosa che non esiste? Ogni tentativo fatto in quel senso non fa che riaffermare l'ego. Qui sta l'elusività di tutta la questione. Ma qui si entra nel vivo della ricerca che appartiene a ciascuno di noi: non ci sono ricette.
In quanto poi al distacco dal mondo, esso va inteso in senso sostanziale.

Dal punto di vista formale puoi anche andare a vivere in una grotta sul Tibet ma rimanere attaccato alla tua ciotola; al contrario puoi possedere ville ed auto da corsa, e raggiungere la più totale e perfetta Illuminazione.

Se, beninteso, si sia proceduto con l'azzeramento del concetto dell'ego.
Mi dispiace di dover tornare ancora su questo argomento. Ma bisogna capire che per noi ocidentali l'ego rappresenta il punto centrale della nostra esistenza.
La nostra cultura è tutta orientata alla costruzione di un'idea di personalità e di un'individualità ben definita. Al punto che perdiamo la cognizione che essa è puramente convenzionale. Non solo. Come il sistema operativo di un computer essa sta alla base di tutti i nostri ragionamenti. Il che significa che sta alla base di come vediamo il mondo, e di come viviamo il mondo.
Se non usciamo da questa camicia di forza non avremo alcuna speranza di attingere alla visione illuminata. Il che tradotto non è altro che un modo di intelligere il mondo senza l'ego.
L'annichilimento dell'ego è il modo più diretto ed istantaneo di attingere all'Illuminazione. Ovviamente è anche il più difficile.
E, badate bene, questa non è solamente una pratica Buddista.
Anche nel Cristianesimo si insegna la stessa cosa: amare il nemico non è un modo per annientare un istinto profondo? O lavare i piedi ad un lebbroso di Teresa di Calcutta. O dare una speranza alle prostitute come faceva don Benzi.

Insomma, bisogna chiudere gli occhi per vederci meglio, per citare un verso shakespeariano.
tmusa is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it