Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 16-03-2005, 19.36.50   #1
manupaolo
Ospite
 
L'avatar di manupaolo
 
Data registrazione: 13-03-2005
Messaggi: 5
Osho "Luomo nuovo"

C'e' qualcuno che ne ha mai parlato? o ne vuole parlare? Grazie



****************************** ********************
Osho nasce l'11 dicembre nel Madhya Pradesh, in India centrale. Fin dalla più tenera età si pone di fronte all'esistenza come spirito libero, desideroso di sperimentare la vita in prima persona, insofferente a regole e a norme imposte o acquisite ciecamente.
La sua ricerca della verità raggiunge il punto culminante all'età di ventun anni, il 21 marzo 1953. Quel giorno, Osho vive nel proprio essere la più alta vetta di consapevolezza sperimentabile dall'uomo: l'illuminazione. Descritta in Oriente come "l'istante in cui la goccia si fonde nell'oceano, nell'attimo stesso in cui l'oceano si riversa nella goccia", per noi è più facile comprenderla come "la totale rottura e la caduta delle maschere con cui comunemente ci si identifica per sopravvivere, e attraverso cui viviamo la nostra vita e i rapporti con gli altri, perdendo la capacità di metterci in contatto con la realtà dell'esistenza".
Questo suo aprire gli occhi sulla realtà dell'esistenza così com'è, libera da pregiudizi, non condizionata da immagini mentali e non distorta da desideri e speranze, lo spinge a condividere quell'esperienza di trasformazione. Inizia quindi a viaggiare per tutta l'India, prima partecipando a convegni e dibattiti, e successivamente (alla fine degli anni cinquanta) tenendo conferenze a folle di anche centomila persone. Termina comunque gli studi nel 1956, laureandosi in filosofia, e prosegue la carriera universitaria come professore al Sanskrit College di Rajpur prima, e quindi come docente della cattedra di filosofia presso l'università di Jabalpur.
Solo agli inizi degli anni Sessanta si sente pronto ad intraprendere un tipo di lavoro diverso: aiutare altri esseri umani a vivere la stessa esperienza da lui sperimentata. Tenta così di fare ciò che non può essere fatto, di condividere ciò che non può essere condiviso, di insegnare ciò che non potrà mai - per sua stessa natura - essere insegnato. Paradossalmente, è proprio a partire da questa "incomunicabilità" che a lui si uniscono alcuni ricercatori, la cui vera motivazione è conoscere il proprio essere direttamente, senza alcun tipo di mediazione. E nel 1964 Osho inizia a organizzare Campi di Meditazione durante i quali utilizza tecniche innovative, di tipo dinamico, in grado di aiutare a cogliere quel "silenzio oltre i silenzi" in cui la nostra vera natura si manifesta, nell'esplosione di un'esperienza indubitabile.
Nel 1966 egli abbandona completamente la carriera universitaria e alla fine degli anni Sessanta si stabilisce a Bombay, dando vita a un ashram, o "comunità spirituale", che viene trasferito a Pune il 21 marzo 1974, in occasione del ventunesimo anniversario della sua illuminazione.
Riconosciuto come "Maestro di Realtà" da quanti vivono intorno a lui, dopo un'esperienza in America, conclusasi tragicamente con il suo arresto e l'avvelenamento - scoperto grazie ad analisi mediche solo nel 1987 - l'ashram di Pune torna ad essere il cuore del suo lavoro: qui egli crea, alla fine degli anni Ottanta, un "laboratorio di crescita" il cui impatto richiama ancor oggi da ogni parte del mondo ricercatori del vero, consapevoli di trovare in questo luogo, fortemente immerso nella meditazione, lo stimolo esistenziale in grado di scuotere l'equilibrio interiore e spostare il centro della propria autoidentificazione dal senso di separatezza che ci contraddistingue a una profonda appartenenza alla vita.
Osho, per anni conosciuto come Bhagwan Shree Rajneesh, ha spiegato che il nome con cui vuole essere ricordato deriva da "Oceanico" (pronunciato osheanic, in inglese). Questo termine, coniato dal filosofo inglese William James, è stato usato per indicare l'esperienza del "dissolversi nell'oceano dell'esistenza", comune alle varie forme dell'esistenza religiosa.
"Ma oceanico descrive solo l'esperienza," egli ha spiegato. "Come definire colui che fa quell'esperienza della vita? Per definirlo usiamo il termine 'Osho'."
Un suono, dunque, che evoca forti echi nella nostra coscienza, più che una figura storica... così Osho ha voluto essere ricordato da quanti traggono ispirazione e alimento dalla sua visione, quasi a testimoniare che la ricerca del vero, e l'evoluzione della consapevolezza, trascendono la vita del singolo individuo, appartenendo all'esistenza dell'uomo in quanto tale, nei secoli.
Egli ha chiarito: "Io non faccio parte di alcun movimento. Il mio operare è qualcosa di eterno che sta accadendo da quando il primo uomo apparve sulla Terra, e continuerà fino all'ultimo uomo. Non è un movimento, è l'essenza stessa dell'evoluzione: io sono parte dell'eterna evoluzione dell'uomo. Cercare la verità non è cosa nuova né vecchia. La ricerca del proprio essere non ha nulla a che fare con il tempo. Potrei non esserci più, ma ciò che sto facendo continuerebbe. Nessuno ne è il fondatore, nessuno ne è il leader, è un fenomeno immenso! Molti illuminati sono apparsi, hanno dato il loro aiuto e sono scomparsi, ma il loro aiuto ha condotto l'umanità un po' più in alto, l'ha resa un po' migliore, un po' più umana. Essi hanno lasciato il mondo un po' più bello di come l'avevano trovato."

Ultima modifica di manupaolo : 16-03-2005 alle ore 19.40.10.
manupaolo is offline  
Vecchio 09-04-2005, 20.29.10   #2
ndrokkietto
Ospite
 
Data registrazione: 09-04-2005
Messaggi: 15
osho

Ciao Manu
imho Osho era un uomo assolutamente fuori dal comune...
un uomo veramente incredibile...
se ne dicono di cotte e crude su di lui..
spesso anche cose per niente positive!
non mi permetto assolutamente di giudicarlo..l'unico modo che ho di conoscerlo e' attraverso i suoi scritti..e sono tantissimi...
in passato leggere osho...mi regalava una tranquillita' unica..quella propensione tantrica verso l' assoluto .senza sforzo ma con partecipatività celebrativa ..e' forse presente in tutti i suoi scritti ovunque.Oggi a distanza di una decina d'anni ..essendo consapevole che lui stesso affermò di non dire sempre la verità nei suoi scritti, poichè la massa non era in grado di accettare certe affermazioni senza condirle di preconcetti. ho iniziato a guardarlo un tantino in maniera diversa ..scoprendo che era un esperto nella dialettica , un grande ipnotista, e che nonostante la sua grandissima caratura spirituale, in effetti spesso difendeva concetti opposti ..per aprire la mente di chi lo ascoltava.
Personalmente non frequento le scuole ispirate a lui e non mi permetto giudizii di merito.. tuttavia non voglio ingenerare discussioni ma personalmente ritengo abbastanza "violente"(vedi le contraddizioni con il senza sforzo di cui sopra) le tecniche di meditazione da lui inventate...anche se riconosco la bellezza e la magnificenza , e l'utilita' in parte , dei 5 eccelsi books of secrets, che ora in Italia sono
disponibili solo in 3 parti.
ciao ndrokkietto
ndrokkietto is offline  
Vecchio 30-10-2006, 13.06.50   #3
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Osho "Luomo nuovo"

Osho….. lo sento nominare spesso e il più delle volte con soddisfazione e con merito, per i suoi discorsi. Eppure di lui, come del resto di Jiddu Krishnamurti, non sono mai riuscito a leggere nulla che mi “facesse vibrare”.
Di J.K. credo di sapere il perché, mentre di Osho credo che dipenda dal fatto che non sono mai incappato nei libri giusti.
Qualcuno saprebbe gentilmente consigliarmi qualcuno dei suoi libri più validi che sia ancora in commercio e che sintetizzi il suo pensiero?

….. grazie

VanLag is offline  
Vecchio 30-10-2006, 20.07.45   #4
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: Osho "Luomo nuovo"

se ti vuoi divertire.. "LA MEZZA ETA': un nuovo inizio" credo sia reperibile su rete.. Oshoba edizioni

se ti vuoi impegnare. "LA DOTTRINA SUPREMA" - Bompiani ed. reperibilissimo in libreria

"LA GRANDE SFIDA".. - Bompiani ed... - reperibile... mette un po' a disagio, almeno a me aveva irritato parecchio..ora no, niente di più nuovo sotto l'attuale cielo

un capolavoro secondo me: LA MIA VIA - La Via delle Nuvole Bianche" mediterranee - reperibile.. abbastanza..

un altra chicca, sempre secondo me: "LA RIVOLUZIONE INTERIORE - La psicologia del'esoterico" - mediterranee

questi sono parte dei testi classici..

ne vuoi altri?

un caro saluto...
atisha is offline  
Vecchio 30-10-2006, 20.39.08   #5
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Osho "Luomo nuovo"

Citazione:
Originalmente inviato da atisha
se ti vuoi divertire.. "LA MEZZA ETA': un nuovo inizio" credo sia reperibile su rete.. Oshoba edizioni

se ti vuoi impegnare. "LA DOTTRINA SUPREMA" - Bompiani ed. reperibilissimo in libreria

"LA GRANDE SFIDA".. - Bompiani ed... - reperibile... mette un po' a disagio, almeno a me aveva irritato parecchio..ora no, niente di più nuovo sotto l'attuale cielo

un capolavoro secondo me: LA MIA VIA - La Via delle Nuvole Bianche" mediterranee - reperibile.. abbastanza..

un altra chicca, sempre secondo me: "LA RIVOLUZIONE INTERIORE - La psicologia del'esoterico" - mediterranee

questi sono parte dei testi classici..

ne vuoi altri?

un caro saluto...
Grazie Atisha...... contavo sull’aiuto di qualche vecchio, (vecchio in senso forumistico), compagno di merende…. Ops…. Di forum…..
Direi che la lista è sufficente.....Prima di recarmi in libreria sceglierò uno dei titoli che mi hai elencato ponderando bene il commento breve ma incisivo che hai messo per ogni voce.
Sento una lacuna nel non conoscere il pensiero di questo maestro e voglio vedere se interseca in qualche modo il mio percorso, per altro, non voglio “oschizzarmi”. Sono troppo vecchio per questo…. O forse sono troppo vecchio, (vecchio non in senso forumistico), per tante cose......

VanLag is offline  
Vecchio 31-10-2006, 07.17.47   #6
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: Osho "Luomo nuovo"

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Osho….. lo sento nominare spesso e il più delle volte con soddisfazione e con merito, per i suoi discorsi. Eppure di lui, come del resto di Jiddu Krishnamurti, non sono mai riuscito a leggere nulla che mi “facesse vibrare”.
Di J.K. credo di sapere il perché, mentre di Osho credo che dipenda dal fatto che non sono mai incappato nei libri giusti.
Qualcuno saprebbe gentilmente consigliarmi qualcuno dei suoi libri più validi che sia ancora in commercio e che sintetizzi il suo pensiero?

….. grazie



Io posso consigliarti "l'essenza segreta" Cairo editore
è l'unico che ho letto e ho trovato molto bello
anche se chi ha letto tanto di altri come tu ed io
troverà somiglianze e concetti uguali
Buona lettura
paperapersa is offline  
Vecchio 31-10-2006, 09.06.58   #7
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: Osho "Luomo nuovo"

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Grazie Atisha...... contavo sull’aiuto di qualche vecchio, (vecchio in senso forumistico), compagno di merende…. Ops…. Di forum…..
Direi che la lista è sufficente.....Prima di recarmi in libreria sceglierò uno dei titoli che mi hai elencato ponderando bene il commento breve ma incisivo che hai messo per ogni voce.
Sento una lacuna nel non conoscere il pensiero di questo maestro e voglio vedere se interseca in qualche modo il mio percorso, per altro, non voglio “oschizzarmi”. Sono troppo vecchio per questo…. O forse sono troppo vecchio, (vecchio non in senso forumistico), per tante cose......

oshizzarti? non è possibile.. stai tranquillo...
chi si oshizza è solo alle prime armi.. e come tutte le cose innovative e che gridano una certa libertà sotto e sopra le righe, attraggono a tal punto da divenire l'unica voce del campo.. ma il campo è pieno di Voci e canzoni.. basta saperle ascoltare e saper discernere.. non farci abbagliare..
Senz'altro potrà arricchirti e dipanare alcuni concetti che ancora non sono diventati carne e sangue... poi come tutti i maestri o che si voglia chiamarlo (tanto per rispettare le visioni altrui ) si può leggere a più livelli..
Senz'altro è un gran Poeta... diciamo così.. ma riesce molto bene a mettere in ginocchio le nostre "convinzioni" e condizionamenti più di qualunque altro, e ti offre alcune chiavi importanti, tipo varie meditazioni...
in questo gli rendo grazie.. ha scremato molto bene il mio iniziale cammino..
basta non fermarsi lì.. perchè credo che ogni Maestro abbia un compito da svolgere
Sta a noi scoprirlo..

namastè..

ps.. sono felice di essere considerata una "vecchia" forumista.. ed anche vecchia ricercatrice.. ma che ho trovato non so..
qualcuno dice che era già tutto lì.. io dico che non lo avrei mai visto, per cui nel fenomenico non era un bel niente tutto lì..
uscire da matrix non è alquanto facile...
felicità e buona lettura..

atisha is offline  
Vecchio 31-10-2006, 11.23.49   #8
parsifal8
In Cammino
 
L'avatar di parsifal8
 
Data registrazione: 07-07-2004
Messaggi: 33
Passi nella via

Osho è stato ed è tutt'ora l'unico faro che, nella nebbia della vita mondana, nelle impetuose onde del mare mentale, mi ha saputo guidare verso la vera meta.
Non mi bastava la vita "reale", non mi bastava il tram tram dei soliti giorni ripetitivi.
Volevo uscire dal Samsara, questo cerchio in continuo movimento.
Osho è stato il mezzo con cui mi sono tirato fuori dalla "ruota" e ho cominciato a percorrere la strada verso il "nulla".
Grazie di tutto e per tutto quello che hai fatto.
Bisogna andare comunque oltre Osho per capire veramente, ascoltare i suoi silenzi anzichè le sue parole.
Un caro saluto ad Atisha e a Paperapersa, che gentilmente mi hanno accolto il primo giorno che sono entrato nel Forum.
parsifal8 is offline  
Vecchio 31-10-2006, 12.41.37   #9
vagabondo del dharma
a sud di nessun nord
 
Data registrazione: 28-08-2006
Messaggi: 245
Riferimento: Osho "Luomo nuovo"

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Osho….. lo sento nominare spesso e il più delle volte con soddisfazione e con merito, per i suoi discorsi. Eppure di lui, come del resto di Jiddu Krishnamurti, non sono mai riuscito a leggere nulla che mi “facesse vibrare”.
Di J.K. credo di sapere il perché, mentre di Osho credo che dipenda dal fatto che non sono mai incappato nei libri giusti.
Qualcuno saprebbe gentilmente consigliarmi qualcuno dei suoi libri più validi che sia ancora in commercio e che sintetizzi il suo pensiero?

….. grazie


Invece a me leggere Osho regala una pace immediata. Entro subito in uno stato maggiormente ricettivo, anche perchè so che i suoi discorsi erano finalizzati proprio a creare questo "stato" negli ascoltatori, sebbene la parola scritta non lo rappresenti al meglio.

Se ne può dire bene o male (il male secondo me è legato soprattutto ad una deriva marcatamente commerciale della sua "parola"), ma quello che è certo è il fatto che le cose che lui dice sono tremendamente sensate e valide.
vagabondo del dharma is offline  
Vecchio 01-11-2006, 09.57.12   #10
angelo2
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-08-2006
Messaggi: 237
Riferimento: Osho "Luomo nuovo"

se l'obiettivo che dobbiamo raggiungere è la stesso per tutti, e sapendo che ognuno di noi ha una sua chiave speciale per fondersi con l'universo, allora tutto ciò che è stato scritto, detto e fatto nei millenni di storia, non sono altro che delle vie che vanno a toccare il cuore prima di uno poi dell'altro. L'importante è concedere a queste parole di aprirci. Una cosa semplice che mi capitò fu quando smisi di fumare attraverso alcune tecniche di meditazione. Io fumavo 2 pacchetti e mezzo al giorno. Con l'entusiasmo di chi aveva raggiunto un obiettivo importante donai questa opportunità ad un'altro amico fumatore incallito; mi rispose che era solo un lasciarsi condizionare e che lui non credeva in queste fandonie. Io non ho più fumato, lui continua a fumare e lamentarsi nel non riuscire a smettere. Quella chiave che andava bene per me evidentemente non ha aperto la sua serratura.
angelo2 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it