Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 17-11-2006, 09.54.09   #11
Sweet Cat
Ospite abituale
 
L'avatar di Sweet Cat
 
Data registrazione: 04-09-2004
Messaggi: 586
Riferimento: Inchiesta su Gesù.

Citazione:
Originalmente inviato da massylety
Ma io cio' che non capisco e' questo credersi sciocchi solo perche' l'autorita' ti dice etc tec...
Scusa partiamo da un presupposto molto semplice : al mondo siamo 6 miliardi di persone giusto? quindi 6 miliardi di teste diverse, ognuna con il proprio mondo da scoprire e le proprie ragioni cosi come i propri torti, allora come si farebbe senza una legge a far rispettare la giustizia anche qui in questo mondo?
Dio ha stabilito l'autorita' proprio perche' non si venissero a creare disordini su tutto.
Intendo dire che chi vive senza autorita' vive senza legge e di conseguenza puo' anche fare tutto quello che vuole , tanto non sara' mai punito ..secondo lui!!
Dio ha preordinato cosi fin dalle origini, per cui non mi pongo il problema se l'autorita' della Chiesa mi dice nel suo Catechismo che commettere adulterio e' un peccato mortale o no!
Anche perche' una coscienza ce l'abbiamo tutti! poi basterebbe osservare i Comandamenti.
Poi perdonami ,se segui cio' che ho scritto sopra, Gesu' condannava l'idea di credere che Dio lo si possa ingannare con due sacrifici al giorno, quando il cuore invece tende al male.
Dice: fate cio' che dicono, ma non fate cio' che fanno!!! perche' loro dicono ma non fanno!
Gesu' li ha chiamati sepolcri imbiancati proprio perche' questo e' l'atteggiamento di molti anche oggi nella Chiesa come del resto fuori dalla Chiesa, fanno tutto per esserne AMMIRATI.
E' quindi da questo modo di pensare che Gesu' ci mette in guardia.
Gesu' e' venuto a Redimere l'uomo per mezzo del suo Sangue Innocente questa e' stata l'opera di Gesu' Cristo!
E da che cosa ci ha redenti Gesu' Cristo? dal peccato che e' entrato nel mondo per invidia del diavolo. lo dice San Paolo non io!
Una persona come dici tu non puo' realmente sapere cio' che e' bene o cio' che e' male, questa e' stata l'astuzia del demonio fin dalle origini, cioe' quella di far credere all'uomo che se avesse disubbidito al comando di Dio sarebbe divenuto un Dio lui stesso conscendo il bene e il male, invece no!!!! l'uomo che ha da subito peccato perdendo l'amicizia di Dio si e' ritrovato in un infinita miseria, quella della colpa! trascinando cosi' l'intero genere umano in questa sciagura!
Poi come dici tu noi siamo animati dallo spirito ma tieni presente che viviamo sotto il giogo del peccato e se leggi San Paolo lo torvi scritto li.
Il concetto del peccato poi e' ben diverso da quello che noi stessi crediamo
ti faccio un esempio:esistono differenze come tu hai citato sul peccato mortale oppure veniale ma chiariamo una volta per tutte almeno questi punti.
Rubare e' un peccato mortale perche' da morte all'anima viola le leggi di Dio cioe' i suoi Comandamenti, ma non solo, fa danno anche al prossimo!
La parolaccia e' peccato veniale perche' l'uomo non vigila attentamente sulla sua condotta pero' non da morte all'anima di per se ..e' successo, capita, te ne confessi se ti senti pentito quanto prima o appena puoi.
Mentire se rechi danno al prossimo ingannandolo, da' morte all'anima, cioe', se in quel momento e Dio non voglia uno dovesse morire con il peccato mortale e senza pentimento o la disposizione di correggersi oppure per il dispiacere di AVERE offeso Dio e il prossimo ...beh secondo Giustizia andrebbe dannato, ma Dio per primo non vuole la morte del peccatore ma che si converta e viva.
Nota per favore almeno i termini, dice che si Converta o perlomeno che abbia la volonta' di farlo!
Poi scusami, cosa ti stimola a fare lo spirito del Signore? secondo me ad Amare Dio e il prossimo poi a rispettare i suoi Comandamenti, se no io bestemmio Dio e poi dico di amrlo magari pecco tutto il giorno sono una persona cattiva di cuore ma mi dico Cristiano, di chi e' la colpa? di Dio? della sua Chiesa? o mia?
Non capisco prorpio queste discussioni intorno alla Chiesa, io credo che se uno vuole capire lo puo' fare tutto il resto e' solo tempo perso.
Se in Chiesa uno non ci vuole andare non ci va, tutto li! o se no stia fuori!
Non capisco proprio perche' poi senti le persone che ti dicono :
ahhhhh io in Chiesa non ci entro piu' perche' qui e perche' li...ok!!!! va bene stai fuori ,non c'e' altro da aggiungere !
se senti che sia una cosa giusta ..mi chiedo perche' allora discuterne?
Dimmi piuttosto in cosa credi tu!
ciao e alla prox!
Pax


ciao massteley....non volevo certo demonizzare i 10 comandamenti...che se Dio le ha istituite c'era un motivo, io comunque parlavo delle miriadi di leggi e riti imposte dalle istituzioni religiose di allora e anche di oggi
Tra Gesù e i farisei c'e sempre stata una conflittualita ben espressa nei vangeli...per Gesù ubbidire alla legge significava qualcosa di completamente diverso da cio che significava per i farisei...l'obiettivo era uguale ma il modo era in contrapposizione. Per i farisei Gesù era un trasgressore della legge e mentre per Gesù i farisei erano degli ipocriti..falsi..li ha chiamati guide cieche..non solo perchè come dici tu predicavano bene e razzolavano male...ma soprattutto perche con le loro leggi cerimoniali , culti , sacririfici ,rituali di purificazione ( da cosa poi?)...e
prescrizioni da osservare scrupolosamente ,mettevano pesi addosso...

"preparano pesi impossibili da portare e poi li mettono sulle spalle degli altri: ma da parte loro non vogliono muoverli nemmeno con un dito" (mat.23,).

Quindi per Gesù cio che era importante era la "misercordia" ..questo è lo Spirito che anima la legge....cio che i farisei di quel tempo e di oggi hanno dimenticato...la misericordia è il fine ultimo della legge..altrimenti tutto quello che facciamo non ha senso...almeno che non ci interessa dimostrare che noi siamo i piu giusti di tutti....sepolcri imbiancati!
Per quanto riguarda la Chiesa cattolica e le istituzioni..io le rispetto....ma
. credo che non è proprio cosi indispensabile, come si vuol far credere, per conoscere Gesù. in quanto Egli è Spirito e come tale è in ogni luogo.
non è che andando in chiesa e seguendo tutti i sacramenti si impari la misericordia verso il nostro prossimo...ma solo attraverso un percorso di interiorizzazione possiamo imparare e soprattutto mettere in pratica il messaggio di Gesù verso il nostro prossimo che è stato riassunto in un unico comandamento "Amatevi come io vi ho amato"
e da tutto cio che saremo giudicati...
E' lo spiirito che ci guida...non la chiesa!

ciao ...
Sweet Cat is offline  
Vecchio 17-11-2006, 10.01.10   #12
Diver
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-11-2005
Messaggi: 50
Riferimento: Inchiesta su Gesù.

La verità ci rende liberi. Da liberi non abbiamo bisogno di leggi, l'unico limite alla nostra libertà deve essere la libertà dell'altro. Ci sono 6 miliardi di individui liberi in quanto tutti unigeniti dello stesso Infinito-Dio.
Diver is offline  
Vecchio 17-11-2006, 10.30.40   #13
Sweet Cat
Ospite abituale
 
L'avatar di Sweet Cat
 
Data registrazione: 04-09-2004
Messaggi: 586
Riferimento: Inchiesta su Gesù.

Citazione:
Originalmente inviato da Diver
La verità ci rende liberi. Da liberi non abbiamo bisogno di leggi, l'unico limite alla nostra libertà deve essere la libertà dell'altro. Ci sono 6 miliardi di individui liberi in quanto tutti unigeniti dello stesso Infinito-Dio.

sono d'accordo ..... come disse uno scrittore di cui non ricordo il nome...
"non esiste liberta senza legge"!



aggiungo anche una cosa sul peccato....per masstely

Il senso del peccato andrebbe compreso non nei confronti della Legge…quindi come trasgressione ad esempio ho tradito quindi ho trasgredito la legge..ho rubato ed ho trasgredito la legge che mi imponeva di non farlo…come i farisei per intenderci...……ma come male che io ho recato a un altro…quindi in rapporto al mio prossimo..questo è il peccato. Peccato che limita la mia crescita perché nella misura in cui io ti faccio del male lo faccio anche a me stesso e mentre l’altro puo superarlo …in me rimane un “buco nero" che mi portero dentro.
ciao
Sweet Cat is offline  
Vecchio 17-11-2006, 15.24.17   #14
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: Inchiesta su Gesù.

Citazione:
Originalmente inviato da Sweet Cat
sono d'accordo ..... come disse uno scrittore di cui non ricordo il nome...
"non esiste liberta senza legge"!



aggiungo anche una cosa sul peccato....per masstely

Il senso del peccato andrebbe compreso non nei confronti della Legge…quindi come trasgressione ad esempio ho tradito quindi ho trasgredito la legge..ho rubato ed ho trasgredito la legge che mi imponeva di non farlo…come i farisei per intenderci...……ma come male che io ho recato a un altro…quindi in rapporto al mio prossimo..questo è il peccato. Peccato che limita la mia crescita perché nella misura in cui io ti faccio del male lo faccio anche a me stesso e mentre l’altro puo superarlo …in me rimane un “buco nero" che mi portero dentro.
ciao
e aggiungerei che il peccato è un'occasione perduta, che tuttavia rimane una esperienza acquisita e che pertanto ha la sua innegabile utilità.
Ad alcuni infati è necessario un percorso di cadute per rialzarsi dal fango, per altri basta sollevare il lembo degli abiti per non sporcarsi, altri ancora
non hanno bisogno di fare tali esperienze poichè vi sono già passati oppure
sono già esseri evoluti......
Chi si limita a giudicare dall'alto del suo ruolo, cade sovente, precipitevolissimevolmente.:si :
paperapersa is offline  
Vecchio 17-11-2006, 21.03.32   #15
Marynella
Ospite
 
Data registrazione: 08-08-2006
Messaggi: 35
Riferimento: Inchiesta su Gesù.

Scusami PAPERAPERSA puoi spiegarmi meglio il senso della tua domanda?
Voglio dire, come mai il significato della parola "conoscenza" o "conoscere" ti ha colpita cosi' tanto rispetto al mio discorso?

Forse posso rispondere istintivamente dicendoti che quando dico "che noi la verita' la riconosciamo" voglio dire proprio questo.

Non si tratta di conoscere qualcosa a noi estranea ma si tratta di vedere attraverso l'illuminazione qualcosa di cui la nostra coscienza sa gia' ma che ha perduto.
Tu come fai a sapere che uccidere qualcuno e' sbagliato?
Lo sai?
Te lo hanno detto e lo hai accettato ciecamente?
Lo sa la tua coscienza?
Uccidere e' sbagliato...la tua coscienza lo riconosce come valore veritiero?

Non so perche' scrivi tra virglolette che sono "sveglia" e' un'ironia? Come devo interpretarla questa tua affermazione virgolettata?

Attendo chiarimenti perche' non so se ho risposto in qualche modo alla tua domanda e naturalmente sono pronta a chiarire ogni mio pensiero a presto.
Marynella is offline  
Vecchio 18-11-2006, 01.41.13   #16
massylety
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 30-10-2006
Messaggi: 370
Riferimento: Inchiesta su Gesù.

Citazione:
Originalmente inviato da Sweet Cat
sono d'accordo ..... come disse uno scrittore di cui non ricordo il nome...
"non esiste liberta senza legge"!



aggiungo anche una cosa sul peccato....per masstely

Il senso del peccato andrebbe compreso non nei confronti della Legge…quindi come trasgressione ad esempio ho tradito quindi ho trasgredito la legge..ho rubato ed ho trasgredito la legge che mi imponeva di non farlo…come i farisei per intenderci...……ma come male che io ho recato a un altro…quindi in rapporto al mio prossimo..questo è il peccato. Peccato che limita la mia crescita perché nella misura in cui io ti faccio del male lo faccio anche a me stesso e mentre l’altro puo superarlo …in me rimane un “buco nero" che mi portero dentro.
ciao

Ciao Sweet.
Si e' vero devo confrontarmi avendo peccato, con chi ho offeso non tanto secondo la legge, ma vedi l'autore della legge e' Dio, quindi devo prima confrontarmi con Lui e la sua legge e poi di conseguenza col mio prossimo attraverso una riparazione se possibile.
Qual'e' il primo e piu' grande comandamento?
Amerai il Signore Dio Tuo e il prossimo come te stesso.
Prima viene Dio e poi il prossimo, cioe' devo amore la mio prossimo per amore di Dio.
Il peccato e' tutto cio' che non e' Grazia, per capire il peccato bisogna prima confrontarsi con cio' che abbiamo fatto di fronte a Dio secondo coscienza e conoscenza.
per commettere peccato occorrono pero':

1. materia grave
2. piena avvertenza dell'illiceità dell'atto (conoscenza di una legge che lo vieta)
3. perfetto e deliberato consenso della volontà

Ciao alla prox.
massylety is offline  
Vecchio 18-11-2006, 04.39.20   #17
Diver
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-11-2005
Messaggi: 50
Riferimento: Inchiesta su Gesù.

Perchè abbiamo bisogno di riferirci a Dio per giustificare la legge? Se devo fare un gradino è legge il fatto che debbo fare un passo diverso da quello che faccio camminando in piano. E' in natura! Se vivo con altre persone è logico che non debba fare agli altri ciò che non voglio gli altri facciano a me. Non occorre immaginare un Dio che premia o castiga...
Per cortesia! Facciamo interventi sintetici! La discussione diventa così più vivace!!
Diver is offline  
Vecchio 18-11-2006, 04.44.04   #18
Diver
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-11-2005
Messaggi: 50
Riferimento: Inchiesta su Gesù.

Dice il Vangelo che pregare è ritirarsi nella propria cameretta e pensare all'Infinito. Altro che cerimonie!
Diver is offline  
Vecchio 18-11-2006, 07.40.49   #19
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: Inchiesta su Gesù.

Citazione:
Originalmente inviato da Marynella
Scusami PAPERAPERSA puoi spiegarmi meglio il senso della tua domanda?
Voglio dire, come mai il significato della parola "conoscenza" o "conoscere" ti ha colpita cosi' tanto rispetto al mio discorso?

Forse posso rispondere istintivamente dicendoti che quando dico "che noi la verita' la riconosciamo" voglio dire proprio questo.

Non si tratta di conoscere qualcosa a noi estranea ma si tratta di vedere attraverso l'illuminazione qualcosa di cui la nostra coscienza sa gia' ma che ha perduto.
Tu come fai a sapere che uccidere qualcuno e' sbagliato?
Lo sai?
Te lo hanno detto e lo hai accettato ciecamente?
Lo sa la tua coscienza?
Uccidere e' sbagliato...la tua coscienza lo riconosce come valore veritiero?

Non so perche' scrivi tra virglolette che sono "sveglia" e' un'ironia? Come devo interpretarla questa tua affermazione virgolettata?

Attendo chiarimenti perche' non so se ho risposto in qualche modo alla tua domanda e naturalmente sono pronta a chiarire ogni mio pensiero a presto.

E' solo un problema di interpretazione dei termini.
Per me conoscere (e credo che anche biblicamente voglia dire la stessa cosa)
è entrare in mistica unione a tal punto da diventare Uno.
E' ciò che accade nel rapporto d'amore vero ed è ciò che accade nelle estasi
dei santi ed è ciò che accade a tutti coloreo di qualunque religione o addirittura atei che hanno avuto esperienze di "satori" o di illuminazione.
A quel punto cadono tutti i dogmi, tutte le verità rivelate e "conosci la verità"
Quanto a "sveglia" è sia ironico che reale.
Tu sei un tipo sveglio sicuramente e sei anche risvegliata ogni volta
che esci fuori dagli schemi e riconosci il Dio in te ed in tutti.
Namaste
paperapersa is offline  
Vecchio 18-11-2006, 08.42.02   #20
Sweet Cat
Ospite abituale
 
L'avatar di Sweet Cat
 
Data registrazione: 04-09-2004
Messaggi: 586
Riferimento: Inchiesta su Gesù.

Citazione:
Originalmente inviato da massylety
Ciao Sweet.
Si e' vero devo confrontarmi avendo peccato, con chi ho offeso non tanto secondo la legge, ma vedi l'autore della legge e' Dio, quindi devo prima confrontarmi con Lui e la sua legge e poi di conseguenza col mio prossimo attraverso una riparazione se possibile.
Qual'e' il primo e piu' grande comandamento?
Amerai il Signore Dio Tuo e il prossimo come te stesso.
Prima viene Dio e poi il prossimo, cioe' devo amore la mio prossimo per amore di Dio.
Il peccato e' tutto cio' che non e' Grazia, per capire il peccato bisogna prima confrontarsi con cio' che abbiamo fatto di fronte a Dio secondo coscienza e conoscenza.
per commettere peccato occorrono pero':

1. materia grave
2. piena avvertenza dell'illiceità dell'atto (conoscenza di una legge che lo vieta)
3. perfetto e deliberato consenso della volontà

Ciao alla prox.

carissimo massylety hai letto la mia risposta precedente?
abbiamo due visioni completamente diverse su Dio...vorrei spiegarti cosa è Dio per me...
Dio non vuole nulla da noi...Lui ci ha gia dato abbondantamente, l'unica cosa che ci chiede è di metter l'amore in pratica.. "amatevi come io vi ho amato" questo è il comandamento che Gesù ha lasciato ai suoi discepoli prima di essere messo a morte.....
non c'è un Dio da servire, da obbedire...questo era il Dio concepito dai farisei in quanto pensavano che ogni uomo doveva fare qualcosa per MERITARE l'amore di Dio...quindi doveva sottomettersi ai vari riti, sacrifici , offerte ..ecc....
con il sacrificio di Gesù noi siamo salvi da tutto cio.. e anche dal peccato e dalla colpa...questo non vuol dire che possiamo fare tutto quello che vogliamo tanto...no!....io credo che tutte le volte che sbagliamo c'è sempre un prezzo da pagare ..Gesù ci ha liberati dalla colpa ma siamo comunque responsabili dei nostri comportamenti verso noi stessi e verso gli altri.

ciao
Sweet Cat is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it