Home Page Riflessioni.it

LettereOnLine  Indice

 

Socrate all’asilo.

L’innovazione e la trasformazione sono le parole magiche, che impazzano in ogni campagna elettorale che si rispetti. Sulla scuola in particolare ogni governo eletto ha sempre proposto e applicato ritocchi e riforme, dalla mitica media unica, alla libera iscrivibilità a qualsiasi facoltà dopo un qualsiasi diploma, al togliere e rimettere gli esami di riparazione, all’infinita diatriba tra voto e giudizio, fino al delicato e tutt’ora insoluto problema del coinvolgimento delle famiglie. L’empasse di fondo in realtà è che non si è ancora capito e deciso quale debba essere il vero obiettivo della scuola.

 

Deve formare il cittadino, il lavoratore, il genitore, il politico, lo stesso formatore? Oppure deve fare altro? Diciamocelo fuori dai denti: “Perché la scuola?”
E’ quest’incertezza se non pressappochismo che inficia ogni pseudo-progetto educativo e il prodotto di tale confusione è la nostra attuale società, fatta di lavoratori, genitori, politici ma anche da parassiti, asociali, opportunisti, fanatici, mafiosi (dentro), malavitosi ecc, cui difettano e spesso mancano del tutto le peculiari capacità che ci staccano dagli animali, e cioè il saper ragionare, l’applicare lo spirito critico, la curiosità e la voglia di confrontarsi per capire il mondo e noi stessi.
Da anni si discute su quale sia la materia scolastica più importante e formativa e quasi tutte sono state esaminate e ottimizzate, comprese la ginnastica e la religione. Eppure, incredibilmente, è rimasta del tutto ignorata la più importante, quella che si fonda e si alimenta di quel valore unico e gigantesco che è il pensiero e cioè la filosofia.
Il frutto nefasto di questa storica indifferenza e incompetenza didattica è lo scandalo per cui da decenni in Italia ci si può laureare (medicina, ingegneria, legge, giornalismo ecc) senza aver neppure sfiorato il pensiero smisurato di Platone, Kant, Spinoza o Severino. Abbiamo formato dottori, ingegneri e avvocati super specializzati nel risolvere e spianare le asperità biologiche, materiali o legali della nostra vita, che però non sanno e non si domandano neppure chi sono e perché debbano risolvere cotanti problemi, visto che comunque si muore e l’effimero trionfa.
Tornando alla scuola, il vero disastro dunque è che nessuna riforma ha mai proposto di abbassare e generalizzare l’insegnamento della filosofia alle classi più basse (comprese le elementari), alla stregua dell’italiano, della matematica e della stessa religione. In fondo, il metodo didattico (italiano e non solo), si fonda da decenni su un equivoco che sta diventando un vero abbaglio: considerare la scuola meramente propedeutica al lavoro, trascurandone totalmente il fine autentico che è ben altro e più importante. Come ben sapevano e facevano gli antichi greci e latini, la scuola deve insegnare all’infante a pensare, semplicemente, continuamente, necessariamente, applicando lo spirito critico, studiando e accrescendo il sapere e in una parola a essere autenticamente uomini e dunque filosofi. L’alibi della presunta difficoltà della materia non regge, giacché lo stesso varrebbe per la matematica, la storia e lo stesso italiano. Dall’America, bontà loro, sta arrivando l’ennesima ondata culturale (speriamo che non sia solo una moda) che ha un nome che è tutto un programma: “philosophy for children”. Dopo essere apparsa oltre trenta anni forse è tempo che se ne parli anche da noi.
Paradossalmente da anni dilagano le iscrizioni e le lauree in scienza della comunicazione, che preparano migliaia di esperti in questo settore, che certo divulgheranno e accresceranno le “molte conoscenze” tecniche, informatiche, linguistiche, economiche e altro ma che rischiano di mancare il vero obiettivo, quello di trasmettere l’imperitura e incontrovertibile certezza che pochi conoscono e cioè che sappiamo solo una cosa, di non sapere.

 

Guido Martinoli - Bedero Valcuvia (VA)
guido.martinoli@libero.it


Cerca nel sito


Utenti connessi

seguici su facebook



Iscriviti alla Newsletter mensile

Iscriviti alla NEWSLETTER

Riceverai Gratis la Newsletter mensile

con gli aggiornamenti di Riflessioni.it

Un solo invio al mese

IN TUTTE LE LIBRERIE

 

RIFLESSIONI SUL SENSO DELLA VITA

RIFLESSIONI SUL SENSO DELLA VITA

Ivo Nardi ha posto dieci domande esistenziali a più di cento personaggi della cultura, una preziosa raccolta di riflessioni che mettono in luce le prospettive della società contemporanea.

L’intento è quello di offrirti più punti di vista possibili sul senso della vita, così da aiutarti in maniera più obiettiva davanti alle circostanze della tua esistenza. Approfondisci


Leggi l’introduzione
e scarica gratuitamente l'eBook contenente gli aforismi tratti dalle risposte.

 

I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2018

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...