Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  17° ANNO

Enciclopedia   Indice

 

Gilles Deleuze

 

Gilles Deleuze (Parigi 1925), filosofo francese. Allievo di Jean Hyppolite e di Ferdinand Alquié, è stato uno dei principali promotori della rinascita di studi nietzschiani che ha caratterizzato la filosofia francese degli anni Sessanta. La sua riflessione si organizza intorno alle nozioni di ripetizione e di affermatività, che egli oppone ai procedimenti dialettici dell'alienazione e del negativo. La ripetizione costituisce una modalità logica e ontologica affermativa perché ciò che si ripete non è, come nell'alienazione, qualcosa di derivato rispetto a un fondamento originario; la ripetizione non si rapporta infatti all'origine, ma afferma l'inesistenza dell'origine stessa, che non viene più assunta come principio positivo in rapporto al quale ogni ripetizione risulta manchevole e negativa. Gilles Deleuze desume questa valenza della ripetizione dall'empirismo di Hume, dove il ripetersi dei singoli eventi non consegue da un evento unico e originario, né può produrlo di diritto. A questa concezione gnoseologica della ripetizione, Deleuze affianca la ripetizione ontologica presente in Nietzsche: nell'Eterno Ritorno ciò che si ripete è l'essere, che si afferma nel divenire in luogo di porsi come fondamento originario. La cultura, sostiene Deleuze proseguendo le tesi nietzschiane, ha invece privilegiato la gerarchia metafisica che attribuisce l'autentico essere a ciò che è originario e primo, e considera invece come negatività e mancanza ciò che è derivazione e ripetizione. Tale gerarchia è particolarmente visibile nella psicoanalisi: il mito di Edipo definisce il desiderio attuale del soggetto come ripetizione alienata dell'investimento originario nel confronti della madre, e istituisce il desiderio come negatività, poiché tutti gli investimenti futuri, che ripeterebbero l'amore originario, risultano in difetto rispetto ad esso. Al contrario, sostiene Deleuze, il desiderio è un'istanza affermativa, che non nasce da alcuna sottrazione; le ripetizioni non sono allora la riproduzione di un rapporto essenzialmente perduto, ma definiscono il desiderio nella sua potenza e nella sua autonomia rispetto alla cultura e alla soggettività.
Deleuze muore suicida il 4 novembre 1995.

 

Tra le sue opere:

Nietzsche e la filosofia (1962);
Differenza e ripetizione (1968);
Logica del senso (1969)
L'Anti-Edipo (1972, con Felix Guattari);
Che cos'è la filosofia? (1991, con Felix Guattari)


Cerca nel sito


Utenti connessi

seguici su facebook



Iscriviti alla Newsletter mensile

Iscriviti alla NEWSLETTER

Riceverai Gratis la Newsletter mensile

con gli aggiornamenti di Riflessioni.it

Un solo invio al mese

IN TUTTE LE LIBRERIE

 

RIFLESSIONI SUL SENSO DELLA VITA

RIFLESSIONI SUL SENSO DELLA VITA

Ivo Nardi ha posto dieci domande esistenziali a più di cento personaggi della cultura, una preziosa raccolta di riflessioni che mettono in luce le prospettive della società contemporanea.

L’intento è quello di offrirti più punti di vista possibili sul senso della vita, così da aiutarti in maniera più obiettiva davanti alle circostanze della tua esistenza. Approfondisci


Leggi l’introduzione
e scarica gratuitamente l'eBook contenente gli aforismi tratti dalle risposte.

 

I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2017

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...