Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  17° ANNO

Enciclopedia   Indice

 

Advaita Vedanta

>>> indice dizionario religioni

 

Advaita vedanta

Il Vedanta è uno dei sei sistemi ortodossi (darshana) della filosofia indiana, nonché quello che costituisce la base della maggior parte delle scuole moderne dell'Induismo. Il termine Vedanta significa in Sanscrito "la conclusione" (anta) dei Veda, la letteratura sacra più antica dell'India; si utilizza in riferimento alle Upanisad (Upanishad), che erano elaborazioni dei Veda ed alle scuole nate dallo studio (mimamsa) delle Upanisad. Così per Vedanta si intende anche il Vedanta-Mimamsa (riflessione sul Vedanta), Uttara-Mimamsa (riflessione sulla parte finale dei Veda) e Brahma-Mimamsa (riflessione sul Brahman).

 

I tre testi fondamentali del Vedanta sono:

Le Upanisad (le più note, ampie e antiche delle quali sono la Brhadaranyaka, la Chandogya, la Taittiriya ed la Katha);
Il Brahma-sutras (anche denomi-nato Vedanta-sutra), che sono anche delle brevi, persino singole interpretazioni di una sola parola della dottrina del Upanisad;
Il famoso dialogo poetico, la Bhagavad-gita (Canzone del Divino), che, per l'immensa popolarità, è considerato realizzato a supporto delle dottrine delle Upanisad.
Nessuna interpretazione dei testi è prevalsa sulle altre e parecchie scuole Vedanta si sono sviluppate, differenziate dalla loro concezione della natura, della relazione e del grado di identità fra il Sé individuale (jiva) e l'Assoluto (brahman). Queste spaziano dal non-dualismo (Advaita) VIII secolo del filosofo Shankara, al teismo (Vishi-stadvaita) XI-XII secolo di Ramanuja, al dualismo (Dvaita) XIII secolo di Madhva.

Tutte le scuole Vedanta, tuttavia, mantengono in comune un certo numero di principi:
La trasmigrazione del Sé (samsara) e l'opportunità della liberazione dal ciclo delle rinascite;
L'autorità dei Veda sulle modalità di liberazione;
Che il Brahman è sia la causa materiale (upadana) che quella strumentale (nimitta ) del mondo;
Che il Sé (atman) è l'agente dei propri atti (karma) e quindi il destinatario dei frutti o delle conseguenze delle azioni (phala).
L' influenza del Vedanta sul pensiero indiano è stata profonda.

A causa della preponderanza di testi Advaita, in Occidente si ha spesso l'errata convinzione che Vedanta significhi Advaita, mentre questa corrente non-dualistica è solo una delle molte scuole vedantine, benché forse la più importante.

Il primo maestro che espose la dottrina upanisadica della non dualità in un'opera pervenuta fino a noi fu Gaudapada.

 

Pagine consigliate

- Tra le rubriche d'autore: Riflessioni sulla Cultura Vedica di Parabhakti das e l'articolo La Cultura Vedica.

 

- Krishna
- Bhagavad-gita
- A.C. Bhaktivedanta Swami Prabhupada
- Bhagavata. La filosofia, l'etica e la teologia
- Definire il divino. I concetti su Dio esposti nella Bhagavad-gita e quelli delle altre tradizioni religiose

 

Vedi anche: Nisargadatta Maharaj e Ramana Maharshi e la Tradizione dell'Advaita

 

Tra le LettereOnLine del sito due articoli di Isabella di Soragna:
- Advaita e terapie alternative
- Advaita e illuminazione: realtà o moda new age?

Utenti connessi


Cerca nel sito


Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook



I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2017

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...