Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 18-01-2005, 13.49.56   #31
herzog
Ospite abituale
 
Data registrazione: 15-12-2004
Messaggi: 404
Talking hey, aristippo

"Per quanto riguarda il tuo lavoro, bè proprio perchè credo che tu sia nel campo della giustizia (credo di aver capito), mi stupisco quando mi dici che la legge è uguale per tutti. Io non lo credo, e credimi mi fa male sapere che la legge nn è uguale per tutti."

Il fatto che io dica che la legge è (e deve) essere uguale per tutti non vuol dire che, nella realtà, accada...significa, però, che questo è un principio a cui tutti (persone con alte responsabilità, in primis) ci dovremmo attenere...


"-Informazione : Certo che è triste il gesto, ma ancora piu' triste a mio avviso è che l'opinione pubblica, quindi noi, accettiamo che questi giornalisti continuino ad infangare il Giornalismo.Dovremmo essere noi i primi a nn accettare ste cose, nn trovi ? Idem per Fede. Ma qui vien il bello..Fede è su di una tv privata e nn pago il canone per vederlo. Sulla Rai pago e sento fregnacce o comunque solo cose di parte. A me non pare democraticamente giusto. Tutto qui."

Sono d'accordo: l'unica cosa che possiamo fare è testimoniare, nei fatti e quotidianamente, il nostro dissenso a tutto questo, con garbo e senza presunzione...per quanto riguarda la tv privata, a parte i dubbi che mi vengono dal pensare a quanti vantaggi quella tv privata possa aver avuto ed avere dal suo proprietario, oggi Presidente del Consigilio...del resto, temo che oggi la RAI sia abbastanza passata dall'altra parte...il che, ho visto che ne conveniamo, è altrettanto ingiusto...


"- Riforme : Io nn sono sicuro di me, ma per lo meno prima di attacare aspetto la fine della legislatura..e quelle passate non han dato sti gran frutti ( vedi debito pubblico etc.)"

A me sembra che qualche buon frutto l'abbiano dato, al contrario di quelle varate dal governo attuale (quelle sulla giustizia sono veramente indecenti; quelle sulle tasse aspetto qualche anno a giudicarle, anche per saggiarne la copertura finanziaria; sul debito pubblico non mi sembra di aver visto granché, se non una gran confusione, con rimpallo di notizie tra Siniscalco e gli altri ministeri; quella sulla riforma costituzionale è pure largamente discutibile, così come quella, fasulla, sul conflitto di interessi)


"- Fassino & Co. : Pero' mi confermi che nessuno mai parla male di loro se non Berlusca e i suoi sgherri ? O meglio tutti bravi a dargli contro e nessuno che si guarda indietro ?"


A me sembra che molti parlino male di loro (forse proprio perché leggi pochi giornali "di sinistra": dai un'occhiata a "Il manifesto" e vedrai...)

In definitiva, mi sembra di poter dire che le nostre posizioni, con fatica ma con voglia di costruire, si siano chiarite...d'ora in poi torno a parlare del topic...anche se, in fondo, questa digressione è risultata essere una applicazione di come si debba tutelare, de facto, il dissenso...(sia che per dissenziente si intenda il sottoscritto, sia che si intenda Aristippo)...
Herzog
herzog is offline  
Vecchio 18-01-2005, 14.22.28   #32
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751
Citazione:
Ma dico io ma quel che è successo da quando è salito al potere l'ho visto solo io :

- Twin Towers
- Guerra Afganistan
- Guerra del golfo
- Caro petrolio
- Cina
- India
- terrorismo
- Euro
- Debito pubblico -->n.b. nn per colpa dell'attuale Governo, che sivoglia o no.


ma nn e' ke porta sfiga no'?

herz, mi dispiace se nn incontro il tuo plauso, ma, purtroppo nn so essere moderata se parlo d queste cose, dovrei evitare d parlarne, e su altri 3d l'ho anke fatto , ma davvero io nn trovo tanto sconcio buttare un treppiedi contro una persona cosi' potente, lo trovo un atto eroico, e se volete kiamarla democrazia anzike' regime devo poter avere il diritto d applaudire ai miei eroi, d'altra parte loro stessi nn so se v e' mai capitato d vederli in azione, casini ke nn fa ke ripetere onorevoli colleghionorevoli colleghionorevoli colleghionorevoli colleghi e tt a fregarsene, e' una farsa.. è tutto vomitevole quello ke c arriva da destra e sinistra, sono apolitica apartitica, apatica e questo e' quanto, nn mi piace rutelli ma nemmeno fassino ne' prodi, ma berlusconi li supera tutti nn c'e' ke dire, ma... ma aristippo, ma mary sono io?
o anke mary kiama bassezze le tue offese?
nn posso rispettare istituzioni ke mi danneggiano, capisco ke le possano difendere quelli ke hanno agito in modo disonesto e sono stati premiati con indulti, riduzioni d pena, depenalizzazione d reati, anticipazione tempi prescrizione reati previti, capisco ke se su una successione miliardaria uno puo' essere contento d vederne ridotte le tasse, e ke ki ha un reddito piu' alto altrettanto alto e' il taglio delle tasse, capisco ke se hai costruito senza permessi su aree nn edificabili e avresti dovuto essere sanzionato, ora te la cavi con poki euro di condono, capsico tt questo e molto altro di piu', e poi vuoi ke in tt questo proliferare d concessioni ai piu' disonesti nn debba potyer applaudire un lancio d un treppiedi? ke sara' mai, oramai la mia parte d lavaggio del cervello l'ho gia' avuta, sono vittima della coercizione mentale operata da ki avrebbe dovuto garantire la legalita'
La_viandante is offline  
Vecchio 18-01-2005, 14.37.59   #33
Aristippo
Ospite abituale
 
Data registrazione: 06-10-2004
Messaggi: 365
Convengo con te su quasi tutto quello che hai scritto nell'ultima parte herzog, tranne che sull'informazione, perchè davvero non digerisco i giornali come il Manifesto, o come la Padania o il Foglio ... concordoo sul fatto che bisogna leggere tuti i giornali questo si, ma ci vuole anche del tempo per farlo e purtroppo no ce l'ho.
Poi del resto era anche ora che la TV pubblica si buttasse anche nell'altra sponda....altrimenti la parcondico dov'è ? :-) .. è un pò uno e un pò l'altro..e si sa che ste cose avvengono ogni volta che un governo cambia....triste, molto triste

Per quanto riguarda l'atto eroico...bè non credo ci sia bisogno di commentare certe sciocchezze, perchè allora giustifichiamo anche i Kamikaze..e credo che Mary già lo faccia ( non è un'accusa a Mary, ma a tutti quelli che come lei danno dell'atto eroico a quel che è accaduto e che secondo me e non solo, è da condannare in tutto e per tutto ) Anzi perchè non dargli una medaglia ?
E mi sovvien un pensiero, e se il berlusca l'avesse denunciato ?? Che putiferio sarebbe nato ? Quando, perdonatemi, ma se uno mi lancia qualche cosa e mi fa male, io appena posso non solo lo denuncio ma se ci riesco lo meno anche .. nn vedo per qual motivo codesta persona a questo potere di farla franca...perchè Mary, son sicuro che se ti lancio un mattone sulla tua macchina, TU come minimo mi denunci ..e siccome NON la penso come te, allora per questo motivo, vuoi farmi intendere, il mio gesto è giustificato e sono un eroe ???

Ma andiamooooooooooo.....atto eroico ?? che c'è di eroico in questo ?? ma??

saluti
Fra
Aristippo is offline  
Vecchio 18-01-2005, 14.45.07   #34
herzog
Ospite abituale
 
Data registrazione: 15-12-2004
Messaggi: 404
Talking viand...

Io cerco di rispettare le istituzioni in quanto tali, anche se, spesso, purtroppo ki le rappresenta nn mi è per nulla sembrato alla loro altezza...però, temo, cara viands..., ke proprio kuelle istituzioni siano l'unika garanzia che c rimane, anche contro le persone indegne ed a favore di quelle che ci posson apparire indegne...
e un a te, cara viands..
Herzog
herzog is offline  
Vecchio 18-01-2005, 15.16.25   #35
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751

si hai ragione anke tu, ma come si fa a voler essere irriverenti verso una persona ma non colpire l'istituzione della quale si fa scudo?
La_viandante is offline  
Vecchio 18-01-2005, 18.50.05   #36
antonio greco
L' Emigrato
 
Data registrazione: 26-05-2004
Messaggi: 637
Come sembra strana l' Italia

Come sembra strana l' Italia vista da un emigrato, come é cambiata !

Se le stessa discussione avesse luogo in un forum europeo (o belga o francese o british o finlandese) cambierebbe in questo modo:
- non si lancerebbero accuse da chi simpatizza per uno schieramento verso chi sta in quello opposto;
- si parlerebbe di fatti (proposte buone, proposte cattive, esperienze migliori di tale proposta X, etc) e non girando attorno i problemi senza conclusioni. Inoltre probabilmente i commenti sarebbero sempre chiari e un migliore linguaggio sarebbe forse usato.

Che differnza fra Italia ed Europa. Vi rendete conto che, se al parlamento si fa eguale, non si puo' costruire niente....

Io non vedo molti progressi negli atteggiamenti, rispetto ai tempi dei principati, di cui ho letto nella storia di qualche secolo fa...

Saluti a tutti, non voglio offendere nessuno, lo dico per voi che, cosi, non potete costruire...

Antonio Greco
antonio greco is offline  
Vecchio 19-01-2005, 14.35.46   #37
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751
io nn credo ke qui in questa discussione se anke un po' pasticciata nn siano emersi lati pragmatici

voglio dire tu dici

Citazione:
si parlerebbe di fatti (proposte buone, proposte cattive, esperienze migliori di tale proposta X, etc) e non girando attorno i problemi senza conclusioni. Inoltre probabilmente i commenti sarebbero sempre chiari e un migliore linguaggio sarebbe forse usato


e io sottolineo ke delle proposte sono state fatte, anke se un po' nascoste,

denunciando tt quello ke nn c va d questa attuale politica, al di la' del rinfacciarsi colpe etc etc, tralasciando il modo in cui sono state espresse, si delinea anke tt quello ke andrebbe fatto, ne emerge ad esempio dalla critica alle multe ke si fanno per cose d per se' insignificanti, come fumare sugli usci, una proposta d multare ki ha aumentato i prezzi in modo indiscriminato

andiamo verso la recessione perke' gli stipendi nn permettono piu' le spese necessarie, figurarsi il superfluo, le aziende nn vendono, riducono il personale, aumenta la disoccupazione , allargando la skiera delle varie delinquenze la cui eta' media degli adepti si abbassa vertiginosamente

quando basterebbe imporre d diminuire i prezzi dimezzarli accanto a un aumento anke minimo degli stipendi, cosi' si rimetterebbe in moto l'economia, cosa ne pensi?

lamentarsi per come stanno le cose nn e' d per se' sterile se fa emergere quali siano le cose sulle quali si puo' agire
La_viandante is offline  
Vecchio 19-01-2005, 15.43.55   #38
Aristippo
Ospite abituale
 
Data registrazione: 06-10-2004
Messaggi: 365
Premetto che ho chiamato Mry la sig.ra Viandante ... errore, e chiedo scusa a Mary, se mai leggerà sto mex.

Per quanto riguarda le ultime cose dette dalla Viandante, bè questa volta non le do torto o meglio in parte no.

Nel senso che i malesseri dell'Italia si sanno e li abbiamo tirati fuori a modo nostro in questa discussione.
Il problema secondo me, che in Italia, tralasciando Berlusconi o Prodi, la maggioranza e l'opposizione ( che poi che differenza c'è ancora non l'ho capito ) non si sa più da che parte guardare. Se all'America o alla Cina. nel senso che ora mai è inutile che ci lamentiamo se c'è disoccupazione. Inutile e Vi spiego il mio perchè. Non si puo' pretendere da nessun governo , di creare posti di lavoro quando realmente il lavoro non c'è. Non c'è per il semplice motivo che la concorrenza sleale o no, dei paesi in via di sviluppo ha fatto si che i prezzi della manodopera calassero notevolmente e quindi le grosse multinazionali, che poi sono quelle che danno lavoro all'Italia terzista di oggi, abbiamo spostato la loro produzione nei paesi in via di sviluppo o addirittura chiudano o licenzino ( del resto se devo licenziare 150 persone di una società che ne conta 300, bè sarà ipocrita e igiusto, ma per lo meno le altre 150 lavorano, non è una buona giustificazione, lo so, a non è buona nemmeno quella di sicoperare cosi' assiduamente, perchè tanto , lo vediamo con la FIAT, nn cambia nulla) perchè incapaci di concorrere. E credo che sia inutile rivolgerci a mamma stato ogni volta che una società chiude, perchè volenti o no lo stato no ci puo' mantenere a tutti. Non ha i soldi materiali per Farlo. Se poi oltre al debito pubblico, nessuno, in questi 20 anni ha mai pensato di sovvenzionare decentemente la ricerca. Bè di che ci possiamo lamentare ? Di berlusconi che fa il porto a casa sua? Mi sembra una sciocchezza pensare che il nostro paese dipenda dal suo porticciolo (legale o no che sia), o per la legge Cirami, o per la legge Salva previti (cosi' chiamata) per fare degli esempi, ma ce ne sono degli altri. Da noi manca lo sviluppo teconologico. Gli investimenti privati e statali. Le fughe dei cervelli . l'immigrazione a flotte. Son problemi ben più seri del porticciolo. Credo.

Saluti
Francesco
Aristippo is offline  
Vecchio 19-01-2005, 16.35.55   #39
antonio greco
L' Emigrato
 
Data registrazione: 26-05-2004
Messaggi: 637
Cari Viandante e Aristippo,
vi parla l' unico che ha fatto un 'inchiesta di anni sulle differnze fra Italia ed Europa. IL problema politico é spiacevole, ma non é l' origine, "é la conseguenza. L' origine é un problema, anzi un' incapacità sociale, che porta a incapacità di gestione ed inefficienze sociali..

Volete sapere le CAUSE ? Vi servo le risposte, ecco:
Parigi, marzo 04
POSSIBILE LO SVILUPPO IN ITALIA ?

IL SUCCO DEL PROBLEMA


Gli Italiani viaggiano, poi scrivono lettere che leggo su diverse rubriche online.

Vedo aumentare il numero di lettere che chiedono:

- una bella cosa, vista in Xlandia, sarebbe possibile vederla in Italia ?
- perché da noi non succede xyz, quando in Ylandia la stessa cosa é facile e piacevole?

Risponderei cosi: il Paese ha avuto negli ultimi anni tante trasformazioni. Ma i fondamenti del sistema Italia sono tali da incoraggiare le trasformazioni negative e scoraggiare quelle positive. L’adattabilità italiana e l’abbassamento del livello di guardia (dei comportamenti accettabili) hanno fatto il resto.

Ho pubblicato un’analisi, dopo lunga inchiesta, riflessione e paragoni con l’Europa. Ed inoltre numerosi articoli che cercano di rispondere alle domande:

- perché cio’ succede solo in Italia, non nel resto della U.E.;
- come potremmo migliorare tale o talaltro risultato ?
- perché l’utopia da noi (cosi definita in una lettera di questa settimana), diventa poi realtà in un altro Paese ?

Le “Lettere dall’Europa” sono pubblicate su:

http://angrema.blogspot.com/
www.accademiaonline.net (le lettere dei mesi precedenti sono nell’archivio del sito)
www.italianiestero.antoniodipi etro.it (nelle rubriche “Editoriali”, “Forum” e “Lettere e Faq”)

Si tratta di lettere di Antonio Greco. Il quale ha lavorato in giro per l’ Europa per trenta anni e vive in Francia da venti anni.

Chissà che non si possa iniziare un dibattito costruttivo, in un Paese ove troppa gente si adatta a tutto (anche al peggio) ?

Antonio Greco ANGREMA@wanadoo.fr
(disponibile per una presentazione delle cause sociali, non politiche, degli insuccessi italiani)


Leggete 5 o 6 Lettere dall' Europa, poi se volete mi contattate, troveremo la strada insieme. Notate che non sono un venditore di fumo, sono più europeo che Italiano.

Antonio Greco
ANGREMA@wanadoo.fr
(ex funzionario europeo, consulente in TLC, analista delle CAUSE del declino)
antonio greco is offline  
Vecchio 19-01-2005, 20.49.46   #40
antonio greco
L' Emigrato
 
Data registrazione: 26-05-2004
Messaggi: 637
Re: hey, aristippo

[quote]Messaggio originale inviato da herzog
[b]"Per quanto riguarda il tuo lavoro, bè proprio perchè credo che tu sia nel campo della giustizia (credo di aver capito), mi stupisco quando mi dici che la legge è uguale per tutti. Io non lo credo, e credimi mi fa male sapere che la legge nn è uguale per tutti."
-------------------

Il mio commento: temo che non ci siano altri paesi, nella ex U.E. dei 15, ove si faccia distinzione, come in Italia, fra:
- le legge scritta e la sua applicazione pratica;
- i diritti dei cittadini e la relativa realizzazione pratica.

Questa coincidenza fra teoria e pratica, che avviene sicuramente nei Paesi a Nord delle Alpi, non avviene in Italia. I motivi sono tanti. Chi li vuol conoscere mi chieda. In sintesi: gli Italiani, come sono divenuti (soprattutto quelli che han preso il potere) non sono capaci di applicare in realtà gli obiettivi che hanno fissato. Per tante ragioni: non hanno gli strumenti per farlo. Sono in troppi furbi e pigri. Chi vuole dettagli mi potrà contattare o andare al sito:


http://angrema.blogspot.com
www.accademiaonline.net (le lettere dei mesi precedenti sono nell’archivio del sito, argomento “società”)

Suggerisco in particol. di leggere "Colli di Bottiglia".

Antonio Greco
ANGREMA@wanadoo.fr
antonio greco is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it