Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 23-01-2005, 09.34.58   #11
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Re: ????????

[quote]Messaggio originale inviato da fallible
[?

non gettate perle ai porci che dopo averle calpestate vi si possono rivoltare contro.
attenzione a chi sono i porci e chi i porcai. Gesù dice anche "non fare agli altri quello che non vuoi sia fatto a te stesso"

giustissimo, ma Gesù ha anche detto: ... siate prudenti come serpenti e docili come colombe.
Vuol dire che essere buoni non equivale ad essere deboli e stupidi. La persona veramente buona ha una forza immensa.
Permettere agli islamici di invaderci e ripristinare quel che noi abbiamo già superato: santa inquisizione, roghi, torture, obbligo di sottomettersi alla religione dominante, privazione totale di libertà. Non abbiamo usato saggiamente la prudenza!

Il grande dono che Dio potrebbe farci è quello di ...... toglierci dio. O si ha fede o no, non su crede per ragionamento.

E' ovvio che non si può credere per ragionamento ma anche il termine fede non mi appartiene.
Io non ho fede, io so che Dio esiste perché esiste dentro di me.

Non conosco Dio e so di non poterlo conoscere ma non credo nella Sua esistenza so della Sua esistenza.

Quando andavo al catechismo mi dicevano che la fede era un dono di Dio. Allora mi chiedevo: e perché Dio non l'ha data a tutti indistintamente?! non mi è mai sembrato un Dio giusto quello di cui mi parlavano.

Ho ritrovato Dio quando sono andata direttamente alla Sua ricerca, abbandonando quelli che si ritengono i depositari di ogni verità.

Gli uomini che pretendo di avere il lasciapassare unico e diretto per il paradiso sono i primi che rischiano di portarci all'inferno.
Perché invece di aiutarci a camminare con i nostri piedi ci fanno salire su di un carro (in nome della fede) e ci portano dove più gli pare e piace.

Ciao
Mary
Mary is offline  
Vecchio 23-01-2005, 15.33.50   #12
antonio greco
L' Emigrato
 
Data registrazione: 26-05-2004
Messaggi: 637
LA RABBIA E L' ORGOGLIO

Un commento sul libro di Oriana Fallaci.
Ritengo che Oriana abbia fatto un grosso errore, in queli libro "La rabbia..". Ha messo la civiltà occidentale in un unico sacco, che comprende gli europei e gli Americani. Enorme errore e noi europei abbiamo intersse a fare i distinguo. Una delle più grosse ragioni, mi sembra, per l' odio di tanti arabi contro l' Occidente é:
la Politica dell' Impero Americano. Fate una ricerca e cercate in quanti Paesi sottosvilupp. glii USA sono entrati coll' esercito oppure colla CIA che va a sobillare di nascosto ( e si viene a sapere 20 anni dopo).

L' odio arabo é diretto contro gli USA che si arrogano il diritto di dire ai sotttosvilupati; "il tuo governo non mi piace. Cambialo !"
Noi europei non abbiamo alcun intersse ad essere a fianco degli Americani e vedre quindi la vilenza anche contro di noi.

Il ns interesse é spiegare agli Americani quale é il motivo dell' odio arabo. Gli Americani infatti non son capaci di capirlo, per la loro forma mentis e cultura. ma noi potremmo spiegarglielo, per ottener che smettano di essere imperialisti (anche Putin sta in una situazione simile).

Antonio Greco
antonio greco is offline  
Vecchio 23-01-2005, 18.18.27   #13
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Re: LA RABBIA E L' ORGOGLIO

Citazione:
Messaggio originale inviato da antonio greco
Il ns interesse é spiegare agli Americani quale é il motivo dell' odio arabo. Gli Americani infatti non son capaci di capirlo, per la loro forma mentis e cultura. ma noi potremmo spiegarglielo, per ottener che smettano di essere imperialisti (anche Putin sta in una situazione simile).
E’ vero si sono inimicati mezzo mondo, non solo il mondo arabo ma anche il sud America, paesi dell’Africa, dell’Asia, etc….. e con Bush stavano/stanno riuscendo ad inimicarsi anche l’Europa e sembrano inconsapevoli di quanto oddio si tirano addosso…… Ma cosa porta una persona ad essere così cieca da non vedere che sta rompendo le uova ad altri, che è in casa d’altri, che sta opprimendo e vessando gli altri, che la sua arroganza e prepotenza e volontà egemonica non potrà che risolversi in sempre maggior oddio e terrore?
Tu sai qual’è il motivo di questa cecità?
Te lo chiedo perché me lo sono chiesto spesso anche io domandami, se sono coscienti e se ne fregano per interesse, oppure se sono realmente incoscienti e convinti di essere nel giusto?
VanLag is offline  
Vecchio 23-01-2005, 19.08.21   #14
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
AMERIKANI

La loro protervia e tracotanza è dovuta,secondo me, ad una giovanissima cultura nazionale, non dimentichiamoci che fino ad 170 anni fà circa erano dediti alla distruzione ed assoggetamento dell'unica cultura che avrebbe potuto dare loro un'identità storica, quella dei "pellerossa" e di conseguenza l' identificazione nell'unica capacità che possono manifestare "la forza", esiste poi la favola della libertà di espressione abilmente manipolata dai mass-media gestita dalle Multinazionali.
In questo 3D comunque si trattava del delirio paranoide della Fallaci e ,purtroppo, di tanti simpatici amici che in un certo senso Le vanno dietro manifestando un' avversione o paura verso quella globalizzazione di cultura pensiero e credo (nel senso di fratellanza) a cui ci dobbiamo adattare se vogliamo mantenere alti i valori della storia Europea e quindi non soccombere allo stesso pensiero di Demokratizzazione che gli Amerikani e i loro lacchè (l'homo ridens) ci propongono
fallible is offline  
Vecchio 23-01-2005, 20.21.51   #15
antonio greco
L' Emigrato
 
Data registrazione: 26-05-2004
Messaggi: 637
SUGLI AMERICANI

Rispondo alla domanda fattami.

Ci ho un po' lavorato con loro. Sono tanto pragamatici ed efficienti nella organizzazione del lavoro (noi non conosciamo questo affatto) quanto ignoranti.

La loro cultura é al livello di quella di un campagnolo del Lazio o napoletano. La loro psicologia non esiste. Ma il loro realismo é enorme (che noi non conosciamo affatto, é il nostro problema dei fallimenti istituzionali).

Sono dotati di una lente di ingrandim. per analizzare anche il minimo, di misura. Ma non sanno che differenza c' é fra un Italiano e un Francese.

Non sanno che la filosofia esiste a questo mondo.

Eppure noi dovremmo imparrae da loro tante cose per imparare a gestirci, ad es. la determinazione e la serietà....

Se vuoi dettagli scrivimi.

Antonio Greco
ANGREMA@wanadoo.fr
antonio greco is offline  
Vecchio 23-01-2005, 22.29.29   #16
giovanni
Ospite abituale
 
Data registrazione: 29-08-2004
Messaggi: 464
Io non sono razzista, ma...
Io non sono fascista, ma...
Io non sono comunista, ma...
Io non sono cattolico, ma...
Io non sono [inserire a piacere], ma...

Questa particolare costruzione della frase, secondo gli studi moderni sulla retorica del discorso, è tipica di chi sa di rappresentare un'opinione che sarà sicuramente criticata, ma non vuole che lo si etichetti secondo le idee che pure espone.
Rientra nel caratteristico tentativo di mascherare la nostra ipocrisia giocare con le parole per dire ciò che pensiamo cercando di non pagarne il fio.
In fin dei conti, così, si sbaglia tutti.
Tranne la Fallaci, che ha trovato un ottimo modo per moltiplicare i suoi incassi.
Out
Giovanni
giovanni is offline  
Vecchio 23-01-2005, 22.31.13   #17
giovanni
Ospite abituale
 
Data registrazione: 29-08-2004
Messaggi: 464
dimenticavo di inserire il riferimento a quanto scritto sopra: Michael Billing, Ideologia e opinioni, Laterza
Ciao
Giovanni
giovanni is offline  
Vecchio 24-01-2005, 21.58.03   #18
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Re: SUGLI AMERICANI

Citazione:
Messaggio originale inviato da antonio greco
Sono tanto pragamatici ed efficienti nella organizzazione del lavoro (noi non conosciamo questo affatto) quanto ignoranti.
...................
Ma il loro realismo é enorme (che noi non conosciamo affatto, é il nostro problema dei fallimenti istituzionali).
Grazie per la risposta,

comunque....... pragmatismo, realismo….. significano senso pratico, occhi disincantati e ben affacciati sulla realtà del mondo.
Anche io, che li frequento abbastanza, ho percepito queste qualità che però non spiegano, anzi sono in contraddizione, con la cecità verso la loro politica estera.
Boh mi rimane il dubbio.

P.S. Ti ringrazio per l’offerta di dettagli ma preferisco dibattere qui in forum.

VanLag is offline  
Vecchio 24-01-2005, 23.32.40   #19
antonio greco
L' Emigrato
 
Data registrazione: 26-05-2004
Messaggi: 637
PROVO A SPIEGARE A MODO MIO

Immagina una persona tanto relista, dotata di una gran senso pratico per risolvere le situazioni che ha davanti (ottima analisi, ricerca ossessiva della via d' uscita, mai abbandonare).

E insieme non ha immaginazione per correre dietro a idee astratte (dst e snst per es.); non sa passare bene dal particolare reale al generale (derivare un principio da tanti dettagli). Non sa che nel mondo qualcuno usa la psicologia/comprensione dei comportamenti. Calcola tutto in moneta o in peso o in %.

Il manco di psicologia non gli fa intuire quali sono i principi di di Bush (i predicatori che gli dicono che l' america é il centro del mondo e della democrazia).

Il manco totale di cultura generale, non gli fa supporre che un arabo o un europeo potrebbe avere dei valori diversi dal soldo. Che ogni popolo puo avere Valori diversi...etc.

Infine le somiglianze fra USA e Italia sono forti in certi campi precisi. Solo se sei curioso ti indichero quale capitolo del saggio.

Saluti.

Antonio
antonio greco is offline  
Vecchio 25-01-2005, 09.37.04   #20
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Re: PROVO A SPIEGARE A MODO MIO

Citazione:
Messaggio originale inviato da antonio greco
Immagina una persona tanto relista, dotata di una gran senso pratico per risolvere le situazioni che ha davanti (ottima analisi, ricerca ossessiva della via d' uscita, mai abbandonare).

E insieme non ha immaginazione per correre dietro a idee astratte (dst e snst per es.); non sa passare bene dal particolare reale al generale (derivare un principio da tanti dettagli). Non sa che nel mondo qualcuno usa la psicologia/comprensione dei comportamenti. Calcola tutto in moneta o in peso o in %.

Il manco di psicologia non gli fa intuire quali sono i principi di di Bush (i predicatori che gli dicono che l' america é il centro del mondo e della democrazia).

Il manco totale di cultura generale, non gli fa supporre che un arabo o un europeo potrebbe avere dei valori diversi dal soldo. Che ogni popolo puo avere Valori diversi...etc.

Infine le somiglianze fra USA e Italia sono forti in certi campi precisi. Solo se sei curioso ti indichero quale capitolo del saggio.

Saluti.

Antonio
Grazie Antonio..... Ho capito cosa intendi, ora devo meditarci un po’……
VanLag is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it