Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 11-10-2007, 14.17.45   #1
Re Sole
Ospite
 
L'avatar di Re Sole
 
Data registrazione: 10-10-2007
Messaggi: 11
"L'uomo può pensare solo ciò che può dire".

Carissimi tutti!
Leggo su un libro di IV Liceo delle Scienze Sociali la seguente affermazione:
"L'uomo può pensare solo ciò che può dire". Potreste aiutarmi a cogliere il significato di questa affermazione. Anticipatamente vi ringrazio.
Re Sole is offline  
Vecchio 11-10-2007, 14.43.36   #2
Bige
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 11-06-2006
Messaggi: 114
Riferimento: "L'uomo può pensare solo ciò che può dire".

Sinceramente la trovo una frase artificiosa, anzi io addirittura la copovolgerei: "l' uomo può dire solo ciò che può pensare", e forse nemmeno questo è corretto... quante volte infatti ci capita di non riuscire ad esprimere certi sentimenti e certe sensazioni?
Bige is offline  
Vecchio 11-10-2007, 17.14.15   #3
TheDruid
Ospite abituale
 
L'avatar di TheDruid
 
Data registrazione: 27-06-2007
Messaggi: 105
Riferimento: "L'uomo può pensare solo ciò che può dire".

La trovo invece una grande verità, detrattrice della verità assoluta stessa.
Il significato sta nel fatto che il ragionare è legato al linguaggio, la logica in se è legata al linguaggio, e ci mostra come molte volte il pensiero non sia altro che una conflittualità di simboli. Negando qualsiasi forma di gnosi, misticismo, o comunque arte "dell'intuizione".
Non che mi vada a genio quest'ultima cosa, ma sicuramente rappresenta una condanna per chi invece che cercare il pneuma delle cose, si batte per l'etimo delle sue parole, perchè gli fa tanto piacere sentire la sua voce...
TheDruid is offline  
Vecchio 11-10-2007, 18.04.37   #4
blackgin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2007
Messaggi: 45
Riferimento: "L'uomo può pensare solo ciò che può dire".

Citazione:
Originalmente inviato da Re Sole
Carissimi tutti!
Leggo su un libro di IV Liceo delle Scienze Sociali la seguente affermazione:
"L'uomo può pensare solo ciò che può dire". Potreste aiutarmi a cogliere il significato di questa affermazione. Anticipatamente vi ringrazio.
Non la metterei in questi termini estremi..
I bambini pensano anche se non sanno parlare, il loro cervello è pieno di immagini..
blackgin is offline  
Vecchio 11-10-2007, 18.47.45   #5
kraMer
Ospite abituale
 
L'avatar di kraMer
 
Data registrazione: 28-07-2005
Messaggi: 80
Riferimento: "L'uomo può pensare solo ciò che può dire".

E' la filosofia del linguaggio.

Il linguaggio non è più uno strumento ma è l'oggetto della filosofia, la quale attraverso esso possiede la conoscenza del reale, proprio perchè solo ciò che possiamo dire può essere pensato.

Ora, la cosa è molto complessa eh.. Spero di averti dato un idea..
kraMer is offline  
Vecchio 11-10-2007, 20.27.18   #6
robian
Ospite
 
L'avatar di robian
 
Data registrazione: 10-10-2007
Messaggi: 7
Riferimento: "L'uomo può pensare solo ciò che può dire".

Scusate se mi permetto.... mi rendo conto che la vostra cultura in materia è vasta,ma non credo che cosi stiate aiutando re sole...perchè utilizzare un linguaggio così complicato?? io purtroppo non riesco a comprenderlo molto bene...e penso che il parlare difficile non sia sinonimo di sapere... al contrario, esprimere concetti complessi con semplicità di linguaggio,questi si che è la vera maestria!!!con questo non voglio offendere assolutamente nessuno e sinceramente credo che sappiate quello che dite,ma dovete permettere che anche una persona con un bagaglio concettuale più povero possa starvi "appresso"!
robian is offline  
Vecchio 12-10-2007, 01.27.55   #7
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Riferimento: "L'uomo può pensare solo ciò che può dire".

Citazione:
Originalmente inviato da Re Sole
Carissimi tutti!
Leggo su un libro di IV Liceo delle Scienze Sociali la seguente affermazione:
"L'uomo può pensare solo ciò che può dire". Potreste aiutarmi a cogliere il significato di questa affermazione. Anticipatamente vi ringrazio.

Cerco di attenermi al suggerimento di Robian (che condivido in pieno).

Ignoro l'autore della citazione, ma a me sembra un assunto molto vero e inevitabilmente condivisibile. E trovo che per comprenderlo sia sufficiente cercare il significato dei termini impiegati ( dove per "cercare" intendo proprio cercare: se dovessi dirlo a mio figlio direi "cercare sul dizionario", cominciando dal termine "pensiero" o "pensare").

"Pensare" non è un atto singolo ed immediato. "Pensare" è sempre e comunque un "procedimento".
Pensare non è percepire (o sognare) UNA immagine, ma è invece "legare" in una trama , più o meno complessa, PIU' immagini.... traendo dal loro insieme qualcosa che va ben oltre la loro semplice somma.

Per recepire UNA immagine , e anche per vivere le senzazioni che ti provoca, non hai bisogno di parole.

Del linguaggio hai però necessità quando vuoi descrivere l'immagine vista o comunicare le sensazioni che ti ha prodotto. Del linguaggio hai poi necessità assoluta quando vuoi esprimere ciò che vedi nell'insieme di PIU' immagini e che va oltre il loro semplice insieme di fatto.

ECCO: per pensare hai necessità di raccontare a te stesso, con calma, le immagini che hai visto e le sensazioni che ti hanno prodotto.
Per far questo hai necessità di poterle "dire" (racontare, appunto) a te stesso (almeno).
Quanto più sarai incapace di "dire", tanto più sarai impossibilitato ad andare OLTRE la semplice percezione dei singoli fotogrammi, e tanto più questi resteranno fotogrammi isolati , magari fonte di innumerevoli sensazioni, ma impossibilitate a fondersi e sublimarsi e nobilitarsi lievitando in "pensiero".


Robian... si capisce?
donella is offline  
Vecchio 12-10-2007, 09.22.39   #8
kore
Ospite abituale
 
Data registrazione: 31-07-2007
Messaggi: 343
Riferimento: "L'uomo può pensare solo ciò che può dire".

Come spiega bene Galimberti, il nostro linguaggio, come il nostro pensiero, è costruto sul principio di identità: A=A, mela=mela,
di non contraddizione: A non è uguale a non-A.
del terzo escluso: tra A e non-A non c'è una terza possibilità.

Anche il pensare, nel senso del ragionamento, obbedisce alle stesse regole logiche.
Da Parmenide in poi il linguaggio dell'occidente è il linguaggio dell'Uno.

Il linguaggio della ragione è diverso dal linguaggio del simbolo.
Il simbolo ci dice che A=A e A=non-A.

Il nostro linguaggio rispecchia il nostro pensare.
A meno che io non stia sognando, difficilmente vedrò una mela e penserò che quella è una mela ma anche qualcos'altro.
Se vedessi anche il qualcos'altro non avrei le parole per esprimerlo, non potrei dirlo.
Potrei esprimerlo raffigurandolo, potrei metterlo in poesia, ma non potrei dirlo con una serie di sillogismi, non potrei dimostrarlo.
Ecco perchè l'uomo occidentale può pensare, nel senso di pensiero logico, solo ciò che può dire, con il linguaggio delle parole.

La parola stessa è come un fascio di luce direzionata che illumina ma anche delimita una cosa, escludendo tutti gli altri sensi e significati.
Il linguaggio simbolico invece è un'apertura di senso.
A differenza del segno che indica una cosa sola, come la parola, il simbolo gravita in prossimità del sacro dove le differenze si annullano.

Non so se sono stata chiara... boh!
kore is offline  
Vecchio 12-10-2007, 09.29.25   #9
robian
Ospite
 
L'avatar di robian
 
Data registrazione: 10-10-2007
Messaggi: 7
Riferimento: "L'uomo può pensare solo ciò che può dire".

Ecco!finalmente si parla in italiano... è abbastanza chiaro il tuo discorso,cara donella...spero che re sole a breve faccia i suoi commenti...
robian is offline  
Vecchio 12-10-2007, 11.38.29   #10
emmeci
Ospite abituale
 
L'avatar di emmeci
 
Data registrazione: 10-06-2007
Messaggi: 1,272
Riferimento: "L'uomo può pensare solo ciò che può dire".

Io comincerei col lasciare da parte tutto quello che potrebbe dire in proposito la filosofia del linguaggio in una o l’altra delle sue concezioni, del resto continuamente discusse e rese più discutibili dall’avvento dell’informatica: e penso che può essere illuminante chiamare a testimone la fede, presa dapprima nel suo ampio significato di adesione a un certo parere o un “si dice”, più che a una ben congegnata proposizione. Eppure anche qui il pensiero cerca qualcosa che va al di là della chiacchiera e degli usi emozionali o pragmatici della parola - forse “la verità”? - e il problema diventa: può il linguaggio arrivare a cogliere la verità? Se lo domandi ai filosofi, presi uno per uno, diranno di sì (la verità è ciò che essi hanno detto) ma se vuoi andare al di là del loro orgoglio professionale e domandi perché non c’è accordo fra loro, potrai anche pensare che è il linguaggio che non è in grado di arrivare a esprimere la verità, mentre il pensiero stentato e anelante del più umile certosino è già in possesso della verità, anzi dell’assoluta verità. In questo caso è la fede che sembra dare ali al pensiero, anche se il fedele non sa dire a che cosa egli pensa e può sentirsi abbandonato dalla grazia di Dio ….E se portiamo all’estremo la fede in una sorta di estasi, qui è certo che il pensiero sembra sollevarsi arditamente di fronte a ciò che si dice – quel pullulare di sante e paradossali parole che può sembrare un amoroso non-senso. Ed è qualcosa che si riduce a un sussurro o un gemito nel fedele che si stringe in sé, e diviene un abisso nel pensiero del mistico – cioè di colui per cui è poca cosa perfino il nome di Dio di fronte a ciò che vede splendere davanti al suo ammutolito pensiero. Dunque la fede è quella che smentisce quella lapidaria sentenza.
emmeci is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it