Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 29-06-2011, 14.54.20   #41
nemesi1
Ospite abituale
 
Data registrazione: 29-10-2009
Messaggi: 81
Riferimento: Le formiche invadenti e l'aggressività umana.

Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
In ogni caso, fino a ora abbiamo parlato di questo corpo a corpo che avviene tra cittadini, per i più futili motivi. Addirittura, l'altro giorno, vi è stato il ragazzo che ha ucciso la fidanzata con suo fratello e, a quanto pare, ha affermato che non lo sapeva nemmeno lui il perché lo avesse fatto. In pratica, pare che in questo caso non vi sia nemmeno la parvenza dei futili motivi.

Non sono mai futili i motivi per cui si uccide, quanto meno se non si vuole rimanere su un livello superficiale. C'è sempre uno stato di forte deprivazione alla base dei comportamenti aggressivi.
nemesi1 is offline  
Vecchio 29-06-2011, 16.36.25   #42
Tempo2011
Ospite abituale
 
L'avatar di Tempo2011
 
Data registrazione: 12-04-2011
Messaggi: 630
Riferimento: Le formiche invadenti e l'aggressività umana.

Citazione:
ulysse
Mi pare che né tu né io siamo biologi o etologi esperti per cui credo che mettendo a confronto un’ipotetica eccellenza umana con la strutturazione relativamente primitiva dell’organismo animale ai più bassi livelli e tanto più d’insetti e unicellulari, non possiamo basarci, per fare confronti, su ciò che non conosciamo, ma, piuttosto, su ciò che conosciamo o che comunque appare.
Infatti, la mia mancanza in Biologia ed Etologia è assoluta, pertanto non mi sarei mai permesso di aprire un thread su queste materie; ma, purtroppo, non so perché abbia preso questa strada.
Citazione:
E’ anche da tenere conto che lo scopo di fondo del presente 3d è di valutare se il nostro comportamento nei confronti delle varie specie possa o debba o no assumere un carattere etico…
Come potrai costatare, il punto che ha fatto deviare la discussione, sta proprio in questa interpretazione, poiché il quesito che ho posto è il seguente:
Citazione:
Tempo2011
A parte la sensibilità che vi può essere in ognuno di noi, ma nella vita di tutti i giorni cerchiamo sempre di comprendere le esigenze degli altri, oppure siamo pronti ad accendere la famosa torcia di giornale per appiccare il fuoco a qualcuno?
A parte la premessa "poetica" che ha preceduto il quesito che hai appena letto, mi sembrava che la richiesta rivolta al forum fosse precisa.
Chiarito questo, mi piacerebbe che si argomentasse in tal senso, poiché, in fatto di violenza, quello che accade davanti ai nostri occhi, tutti i giorni, mi sembra evidente e assolutamente preoccupante.
Tempo2011 is offline  
Vecchio 29-06-2011, 20.05.16   #43
ulysse
Ospite abituale
 
L'avatar di ulysse
 
Data registrazione: 21-02-2008
Messaggi: 1,363
Riferimento: Le formiche invadenti e l'aggressività umana.

Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
Infatti, la mia mancanza in Biologia ed Etologia è assoluta,.......... ma, purtroppo, non so perché abbia preso questa strada.
.......….
ULYSSE: “E’ anche da tenere conto che lo scopo di fondo del presente 3d è di valutare se il nostro comportamento nei confronti delle varie specie possa o debba o no assumere un carattere etico…”

In effetti ho pensato tu mettessi in relazione la nostra ipotetica propensione (in realtà non ho mai bruciato formiche) a bruciare formiche con una generale nostra umana attitudine aggressiva verso specie viventi peraltro non così in basso nella scala evolutiva…in particolare verso i nostri simili. (Ma l’argomento è poi così discosto dal tema?)

Comunque la discussione ha proceduto perché tu hai risposto a tono ed ho dovuto, e devo evidenziare che, a mio parere, la mancanza di un senso etico-empatico verso le formiche non ha correlazione con l’empatia e la simpatia o il senso etico verso specie di più elevato livello evolutivo.
Ne tanto meno, ritengo, abbia correlazione con un ipotetico attuale dilagare della violenza, peraltro idea ingiustificata, nella nostra società: nessuno brucia o violenta gente in emulazione al bruciacchiare formiche!

Chiedo scusa e ritorno al tuo preciso quesito relativo a questo thread:
A parte la sensibilità che vi può essere in ognuno di noi, ma nella vita di tutti i giorni cerchiamo sempre di comprendere le esigenze degli altri, oppure siamo pronti ad accendere la famosa torcia di giornale per appiccare il fuoco a qualcuno?

Rispondo che, a parte il fatto che è sempre spiacevole, anzi tragico, che persone più o meno innocenti vengano a mancare o siano profanate per criminale violenza di alcuni, non ritengo affatto che ci troviamo, in Italia, ad un livello di generale violenza personale preoccupante: non siamo santi, ma nemmeno l’un contro l’altro armati! ...per quanto, forse, ce ne sarebbe ragione!
E lo siamo stati in passato: per ragioni politiche, sportive, sindacali, di campanile, di sovertimento dello stato, ecc…

Anzi, se ci riferiamo a quanto accaduto o accadeva nei secoli precedenti o allo stesso XX secolo a noi più vicino, mi pare ci sia un miglioramento oggettivo considerando i puri numeri.
Forse gli ultimi delitti di cui abbiamo notizia sono un poco di diverso genere rispetto al passato e ci colpiscono nel sentimento…come sempre quando si tratta di bambini, giovani e donne.

Infatti siamo fortemente impressionati dagli ultimi delitti in cui sono incorse, come vittime ragazzine…e bambini....o, addirittura, ragazzini ne sono stati gli autori.

Anche il conseguente battage che ne hanno fatto i media …in particolare la televisione, non ci ha rincuorati e ridato fiducia.
Anzi a me è sembrato tutto un po’ eccessivo nel suo frugare, sfruttare e incrementare sensibilità psicotiche!

Preoccupante e assurdo è il livello di incidendenti sulle strade e sul lavoro: mi chiedo come sia possibile sopportarlo quasi indiffernti: qui lo stato dovrebbe e potrebbe veramente intervenire con rigore: ne ha le strutture!.

In piu' la preoccupazione mia è piuttosto rivolta al basso livello di valori morali e civili cui siamo attualmente e da tempo esposti ed anche protagonisti…indifferenti.
Rendere la scuola piu' eficace dandole autorità (autorità e prestigio agli insegnnti) e incrementare il wellfare, invece di continue inefficaci e disattese riforme dall'alto, significherenbe incidere fortemente sul comune sentire...quasi a costo zero!

Anche, temo, che il cosiddetto riscatto civile delle ultime elezioni sia un pò un fuoco di paglia.

Ultima modifica di ulysse : 30-06-2011 alle ore 09.05.10.
ulysse is offline  
Vecchio 30-06-2011, 12.39.26   #44
nemesi1
Ospite abituale
 
Data registrazione: 29-10-2009
Messaggi: 81
Riferimento: Le formiche invadenti e l'aggressività umana.

Citazione:
Originalmente inviato da ulysse
.......….
Chiedo scusa e ritorno al tuo preciso quesito relativo a questo thread:
A parte la sensibilità che vi può essere in ognuno di noi, ma nella vita di tutti i giorni cerchiamo sempre di comprendere le esigenze degli altri, oppure siamo pronti ad accendere la famosa torcia di giornale per appiccare il fuoco a qualcuno?

In generale sono d'accordo col taglio del tuo post. Questa domanda però mi piacerebbe più riformulata nel modo seguente:
A parte la sensibilità che vi può essere in ognuno di noi, ma nella vita di tutti i giorni cerchiamo sempre di comprendere che altri abbiano delle proprie esigenze, oppure siamo pronti ad accendere la famosa torcia di giornale per appiccare il fuoco a qualcuno?
Penso che non sia fondamentale il riconoscimento empatico delle esigenze altrui (cioè non è importante riconoscere gli esatti stati emotivi dell'altro), quanto riconoscere che l'altro possa avere delle esigenze che fanno parte del suo essere soggettivo, della sua identità. Questo anche perchè è impensabile poter entrare empaticamente in contatto con l'altro su tutto, però è possibile riconoscere che ci sono degli spazi che appartengono a me e all'altro.
Tu che ne pensi?

Citazione:
Rendere la scuola piu' eficace dandole autorità (autorità e prestigio agli insegnnti) e incrementare il wellfare, invece di continue inefficaci e disattese riforme dall'alto, significherenbe incidere fortemente sul comune sentire...quasi a costo zero!
Anche questo passaggio mi piacerebbe di più se al posto della parola "autorità", che richiama regole, ordinamenti imposti dall'alto e livellanti per tutti, si usasse la parola "autorevolezza" che richiama molti concetti pedagoci tendenti a valorizzare di più le singolarità, il consenso, la collaborazione ed il dialogo.

Ciao
nemesi1 is offline  
Vecchio 01-07-2011, 20.23.47   #45
ulysse
Ospite abituale
 
L'avatar di ulysse
 
Data registrazione: 21-02-2008
Messaggi: 1,363
Riferimento: Le formiche invadenti e l'aggressività umana.

Citazione:
Originalmente inviato da nemesi1
In generale sono d'accordo col taglio del tuo post. Questa domanda però mi piacerebbe più riformulata nel modo seguente:
A parte la sensibilità che vi può essere in ognuno di noi, ma nella vita di tutti i giorni cerchiamo sempre di comprendere che altri abbiano delle proprie esigenze, oppure siamo pronti ad accendere la famosa torcia di giornale per appiccare il fuoco a qualcuno?
Penso che non sia fondamentale il riconoscimento empatico delle esigenze altrui.........
.................Anche questo passaggio mi piacerebbe di più se al posto della parola "autorità", che richiama regole, ordinamenti imposti dall'alto e livellanti per tutti, si usasse la parola "autorevolezza" che richiama molti concetti pedagoci tendenti a valorizzare di più le singolarità, il consenso, la collaborazione ed il dialogo.
Perdona il mio linguaggio abbastanza approssimato
In realtà per la parola "autorità" in luogo di "autorevolezza" la scelta non è stata casuale tenuto conto dell'infimo livello di considerazione in cui è tenuta l'istituzione scolastica, in cui ognuno (popolo o ministro che sia) ritiene di avere la competenza oltre che l'autorità di mettere il naso: credo che si debba cominciare ad invertitre le parti!....anche per quanto riguarda il sostentamento pecuniario.
Di contro la "formazione scolastica", debitamente sostenuta e orientata, dovrebbe costituire e costituisce valido argine al diffondersi della violenza fra i giovani.
Noto che non faccio parte della scuola!
ulysse is offline  
Vecchio 01-07-2011, 22.25.51   #46
Tempo2011
Ospite abituale
 
L'avatar di Tempo2011
 
Data registrazione: 12-04-2011
Messaggi: 630
Riferimento: Le formiche invadenti e l'aggressività umana.

Citazione:
Citazione:
Originalmente inviato da ulysse. Con riferimento a Tempo2011
Chiedo scusa e ritorno al tuo preciso quesito concernente questo thread:
A parte la sensibilità che vi può essere in ognuno di noi, ma nella vita di tutti i giorni cerchiamo sempre di comprendere le esigenze degli altri, oppure siamo pronti ad accendere la famosa torcia di giornale per appiccare il fuoco a qualcuno?
Citazione:
nemesi1
In generale sono d'accordo col taglio del tuo post. Questa domanda però mi piacerebbe più riformulata nel modo seguente:
A parte la sensibilità che vi può essere in ognuno di noi, ma nella vita di tutti i giorni cerchiamo sempre di comprendere che altri abbiano delle proprie esigenze, oppure siamo pronti ad accendere la famosa torcia di giornale per appiccare il fuoco a qualcuno?
Penso che non sia fondamentale il riconoscimento empatico delle esigenze altrui (cioè non è importante riconoscere gli esatti stati emotivi dell'altro), quanto riconoscere che l'altro possa avere delle esigenze che fanno parte del suo essere soggettivo, della sua identità. Questo anche perché è impensabile poter entrare empaticamente in contatto con l'altro su tutto, però è possibile riconoscere che ci sono degli spazi che appartengono a me e all'altro.
Tu che ne pensi?
Caro nemesi1, forse è meglio che ti risponda io che ho aperto il thread e, purtroppo, vedo che hai fatto un po’ di confusione. Forse perché non hai seguito il thread fin dall'inizio; infatti, la citazione in grassetto che hai attribuito a ulysse è stata scritta da me, come quesito posto al forum, e si riferiva all'imperante aggressività che tutti i giorni possiamo registrare intorno a noi. Per altro, la modifica che hai suggerito, non mi sembra che cambi, approfondisca o renda più interessante la domanda, pertanto, a mio modo di vedere, non la riterrei indispensabile.
Citazione:
Anche questo passaggio mi piacerebbe di più se al posto della parola "autorità", che richiama regole, ordinamenti imposti dall'alto e livellanti per tutti, si usasse la parola "autorevolezza" che richiama molti concetti pedagogici tendenti a valorizzare di più le singolarità, il consenso, la collaborazione e il dialogo. Ciao
Nei primissimi post riguardanti le motivazioni sulla nascita e propagazione della violenza, è stata rilevata l'importanza della scuola, della famiglia, della giustizia e delle ingiustizie cui è sottoposto il cittadino. Perciò, per fare degli interventi più mirati che possano contribuire alla discussione, forse sarebbe opportuna la lettura dei primi interventi. Ciao

Ultima modifica di Tempo2011 : 02-07-2011 alle ore 15.04.01.
Tempo2011 is offline  
Vecchio 02-07-2011, 10.20.31   #47
nemesi1
Ospite abituale
 
Data registrazione: 29-10-2009
Messaggi: 81
Riferimento: Le formiche invadenti e l'aggressività umana.

Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
Caro nemesi1, forse è meglio che ti risponda io che ho aperto il thread e, purtroppo, vedo che hai fatto un po’ confusione. Forse perché non hai seguito il thread fin dall'inizio; infatti, la citazione in grassetto che hai attribuito a ulysse è stata scritta da me, come quesito posto al forum, e si riferiva all'imperante aggressività che tutti i giorni possiamo registrare intorno a noi. Per altro, la modifica che hai suggerito, non mi sembra che cambi, approfondisca o renda più interessante la domanda, pertanto, a mio modo di vedere, non la riterrei indispensabile.
Nei primissimi post riguardanti le motivazioni sulla nascita e propagazione della violenza, è stata rilevata l'importanza della scuola, della famiglia, della giustizia e delle ingiustizie cui è sottoposto il cittadino. Perciò, per fare degli interventi più mirati che possano contribuire alla discussione, forse sarebbe opportuna la lettura dei primi interventi. Ciao

Caro Tempo, ho interagito con ulysse perchè , benchè riportasse una frase "tua" la comprendeva in un suo pensiero riferendosi all'empatia. Mi interessava infatti sapere la sua idea riguardo a quella variazione che ho proposto la cui sottigliezza credo che tu non abbia proprio colto.
Tra l'altro, non essendo tu un moderatore, non credo ti spetti il compito di giudicare nel merito degli interventi quali siano quelli più o meno costruttivi alla discussione e se la tua preoccupazione principale fosse davvero partecipare ad una discussione filosofica avresti almeno l'apertura mentale di accettare la dialettica.

Ciao
nemesi1 is offline  
Vecchio 02-07-2011, 11.31.32   #48
nemesi1
Ospite abituale
 
Data registrazione: 29-10-2009
Messaggi: 81
Riferimento: Le formiche invadenti e l'aggressività umana.

Citazione:
Originalmente inviato da ulysse
Perdona il mio linguaggio abbastanza approssimato
In realtà per la parola "autorità" in luogo di "autorevolezza" la scelta non è stata casuale tenuto conto dell'infimo livello di considerazione in cui è tenuta l'istituzione scolastica, in cui ognuno (popolo o ministro che sia) ritiene di avere la competenza oltre che l'autorità di mettere il naso: credo che si debba cominciare ad invertitre le parti!....anche per quanto riguarda il sostentamento pecuniario.
Di contro la "formazione scolastica", debitamente sostenuta e orientata, dovrebbe costituire e costituisce valido argine al diffondersi della violenza fra i giovani.
Noto che non faccio parte della scuola!

Invertire le parti che significa? Chi avrebbe la competenza per per stabilire quale tipo di formazione scolastica impartire ai giovani? Il governo, il ministro della pubblica istruzione, i consiglieri del ministro, chi...e quali competenze pedagogiche e quale filone educativo sarebbe più consono secondo te (perchè esistono vari indirizzi educativi)?
nemesi1 is offline  
Vecchio 02-07-2011, 15.43.05   #49
Tempo2011
Ospite abituale
 
L'avatar di Tempo2011
 
Data registrazione: 12-04-2011
Messaggi: 630
Riferimento: Le formiche invadenti e l'aggressività umana.

Citazione:
Originalmente inviato da nemesi1
Caro Tempo, ho interagito con ulysse perchè , benchè riportasse una frase "tua" la comprendeva in un suo pensiero riferendosi all'empatia. Mi interessava infatti sapere la sua idea riguardo a quella variazione che ho proposto la cui sottigliezza credo che tu non abbia proprio colto.
Tra l'altro, non essendo tu un moderatore, non credo ti spetti il compito di giudicare nel merito degli interventi quali siano quelli più o meno costruttivi alla discussione e se la tua preoccupazione principale fosse davvero partecipare ad una discussione filosofica avresti almeno l'apertura mentale di accettare la dialettica.
Ciao

Per la verità, da come hai iniziato il post, non vi erano dubbi! Chiunque avrebbe compreso che attribuivi quelle frasi a ulysse; così è stato per me. L'intervento voleva solo rilevare un’inesattezza, non difendevo mica il copyright.
In ogni caso, come mi sembra di comprendere, non ti devi alterare se ho espresso il mio pensiero sulle modifiche da te proposte e che io ritenevo superflue, poiché, a mio modo di vedere, non davano un nuovo contributo alla discussione e l'ho esternato. Per altro, continuando a partecipare al dialogo dimostro, invece, di accettare la dialettica a tutto campo, anche su qualche punto cui non ci troviamo d’accordo e, per farlo, non credo bisogni essere un moderatore.
Per quanto riguarda la sottigliezza e l'apertura mentale, fai un po’ tu: mi appello al tuo buon cuore. Alla prossima. Ciao.
Tempo2011 is offline  
Vecchio 02-07-2011, 16.10.06   #50
Giorgiosan
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-09-2004
Messaggi: 2,009
Riferimento: Le formiche invadenti e l'aggressività umana.

Alcune riflessioni.

Si può distinguere una aggressività, funzionale alla difesa o al rispetto dei propri diritti naturali o civili, che per raggiungere lo scopo cerca di intimorire o comunicare che si è già in attitudine di reagire. Si può manifestare con la postura del corpo oppure con il tono della voce o con contenuti verbali.
Chi sia deputato all’ordine pubblico, per esempio, in certe circostanze, sia per prevenire che per reprimere dovrebbe usare questo tipo di aggressività funzionale e necessaria..

Vi è una aggressività non motivata da quegli scopi che si attua per i più svariati motivi e che si identifica con la violenza. In questo caso infatti la sinonimia è giustificata da uno stesso atteggiamento.

Direi che nel nostro 3d viene stigmatizzata questa forma di aggressività o violenza.

Rispetto alla domanda che ci si pone sull’aumento oggettivo degli episodi di violenza una causa è, secondo me, l’inadempienza della “giustizia” che non reprime con pene adeguate e certe la violenza.

Non credo che si possa addebitare alla scuola, nel suo insieme, di disattendere una educazione che “condanni” la violenza. Nella maggior parte dei casi sono invece i docenti a doversi difendere dalla violenza più o meno larvata e inaccettabile degli studenti. nei loro confronti.

I giovani, d’altro canto, sono il frutto della società e dunque, prima che in loro, alcune responsabilità vanno ricercate in questa.

Il non rispetto dell’autorità in quanto tale, che è condizione per il sussistere di ogni società è piuttosto diffuso, come risultato di una cultura dell’egualitarismo male inteso, secondo me..
La necessità della diversità dei ruoli deve essere accettata ….se si vuole avere una società …e di conseguenza rispettata nella prassi.

C’è poi il contributo negativo delle arti dello spettacolo che spesso svolgono un ruolo “purchessia” nell’educazione dei giovani.

C’è il contributo della stampa che sempre di più adotta un linguaggio estremamente violento, radicalizzato, eccessivo, irrispettoso.

C’è il comportamento di tutta la classe politica che, a dir poco, non da certo un buon esempio.

Il “quaderno delle doglianze” non finisce mai….

Ultima modifica di Giorgiosan : 03-07-2011 alle ore 13.32.11.
Giorgiosan is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it