Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 17-03-2012, 21.37.23   #31
Tempo2011
Ospite abituale
 
L'avatar di Tempo2011
 
Data registrazione: 12-04-2011
Messaggi: 630
Riferimento: E Se Fossero Le Differenze L’unico Modo?

Citazione:
mioara_elena62
Ciao, Tempo2011. Il tema di questa discussione è "se la differenza fossi l'unico modo". Al riguardo di questo pensiero, io credo che l'unica differenza tra esseri sia quella mentale, anche se condividiamo pensieri(informazioni), nel senso che tutto è a disposizione di tutti.
La domanda chiedeva se: le esistenti differenze siano l'unico modo che possa far funzionare il mondo. Dovresti completare il pensiero poiché non riesco a interpretare la tua risposta.
Ciao.
Tempo2011 is offline  
Vecchio 17-03-2012, 22.21.12   #32
Tempo2011
Ospite abituale
 
L'avatar di Tempo2011
 
Data registrazione: 12-04-2011
Messaggi: 630
Riferimento: E Se Fossero Le Differenze L’unico Modo?

Citazione:
Giorgiosan

Non so se la Differenza sia l'unico Modo, per me l'unico Modo è quello rappresentato dalla realtà e nella realtà non ci sono due entità che non siano per qualche aspetto differenti.
A cominciare dall'energia, senza Differenza se ne può parlare astrattamente ma l'energia reale quella sperimentabile empiricamente senza la Differenza non si dà.... sino al fenomeno umano che mostra con evidenza come la condizione necessaria della relazione sia la Differenza.
Solo nel buio della notte le vacche sembrano tutte nere .... sembrano.

Le differenze fra gli umani non sono solo "mentali", neanche i gemelli monozigoti sono uguali o identici fisicamente.

Solo una operazione riduttiva consente di raggruppare le differenze sotto una identità di "genere" e "specie" ma questa è una operazione semplicemente tassonomica così come le persone collegate al telefono compaiono nell'elenco telefonico come ugualmente abbonati.
Non sono le Differenze a far funzionare il mondo, il mondo è Differenze e qualsiasi filosofia, ideologia che prescinda da questo dato di realtà, non avendo fondamento, è vana e dannosa per la sopravvivenza culturale, economica, civile e politica dell'umanità
Mi sembra che a tutto tondo sei del parere che il mondo può funzionare solo perché esso porta con sé delle differenze, a iniziare da quelle di potenziale dell'energia. Senza dubbio quella tua è un’osservazione interessantissima su cui basare una riflessione unica, per andare alla ricerca delle differenze "globalizzate" esistenti sulla terra e nell'universo, a iniziare dalle parti infinitesimali per arrivare a quelle macro. Per altro, se le cose stessero in questo modo, allora dovremmo chiederci: perché la scelta, anche se casuale, del sistema differente e non di un altro?
Citazione:
Altro discorso è se le Differenze, e non si può fare alcunchè per eliminarle, possano concorrere al bene comune. La mia opinione è che vi sono persone che pur nella loro individuale Differenza vi concorrono ed altre Differenze che vanno in direzione opposta. Con tutte le gradazioni in cui questa netta semplificazione si realizza invece nella realtà esistenziale e storica.
La realtà umana, economica, sociale e politica in ultima ratio è determinata dai comportamenti individuali conseguenti alla coscienza etico-morale di ciascuno. L'esistenza umana nella sua dimensione comunitaria o collettiva è la risultante delle singole coscienze.
Ed è qui la difficoltà vera....io credo fino alla fine del tempo della Terra e dei suoi abitanti.
In ogni caso, se partiamo dal principio che l'energia ha bisogno di una differenza di potenziale per esprimersi ed esistere, poiché l'uomo è energia, l'impronta che lascia o la direzione che prende non può che essere di differenza. Per entrare nel sociale, dovremmo domandarci: perché l'uomo, se per la sua composizione naturale è portato a essere differente, dovrebbe andare contro la sua natura per cercare l'uguaglianza? Non sarà per questa disuguaglianza costituzionale che, per quanto ci si sforzi, non riusciamo a realizzarla? Insomma, come affermi tu, poiché il mondo è nato in questo modo, remare contro la sua e nostra costituzione sarebbe come andare contro natura? Mi sembra che la tua idea potrebbe essere già una risposta.
Tempo2011 is offline  
Vecchio 17-03-2012, 23.02.07   #33
Tempo2011
Ospite abituale
 
L'avatar di Tempo2011
 
Data registrazione: 12-04-2011
Messaggi: 630
Riferimento: E Se Fossero Le Differenze L’unico Modo?

Citazione:
lightly

Nel testo del thread si fa riferimento a due contesti : sociale e naturale.

Nell'ambiente naturale, eludendo l'antropizzazione, la funzionalità o meglio la sopravvivenza degli ecosistemi dipende dalle differenze, non casuali e caotiche ma interconnesse da un rapporto di complementarietà. L'equilibrio di un ecosistema dipende dalla interrelazione sia tra le diverse forme viventi, che tra queste e l'ambiente fisico, come in un puzzle ogni pezzo si incastra con gli unici sui altri (complementari). Per cui nessuna diversà è inutile o dannosa, anzi risulta funzionale ai fini dell'equilibrio vitale del sistema.
Cara a, allora possiamo concludere che sono le differenze a far funzionare regolarmente il mondo, e che senza di esse non funzionerebbe?
Citazione:
Solo l'uomo con i processi di irrazionale o irresponsabile antropizzazione turba questo equilibrio vitale. Basta poco per turbare irreversibilmente un ecosistema e non è solo cementificazione o altro; un esempio viene dato dai danni prodotti dall'importazione ed introduzione negli ecosistemi australiani del coniglio.
Su questo esempio sono parzialmente d'accordo, poiché una volta le terre emerse formavano la grande Pangea, e che solo nei milioni di anni si è andata dividendo formando quelli che chiamiamo continenti. Mentre sono d'accordo sul fatto che, sempre nei milioni di anni, si siano formate delle isole con adattamenti differenti ma, con il passare del tempo e in modo naturale si potrebbero ripristinare; anche se si andrebbe a modificare sia la flora sia la fauna. Tanto per affermare che certe situazioni si sono già verificate nella storia del mondo e si sono risolte da sole.
Citazione:
E' vero in natura "il pesce grande mangia quello piccolo", anche in questo c' è equità, nella catena alimentare, infatti, ogni predatore è, a sua volta, preda. Se volessimo sottilizzare, solo il mondo vegetale potrebbe avere motivo di disappunto, ma uno studio rigoroso in merito potrebbe trovare altre forme di equità.
Il costruttore, nell'ambiente naturale, ha imperniato la vita sulle varie diversità funzionali, ma per molti aspetti equa nella sua ripetitività istintuale e non responsabile.
La dove esiste lo squalo che mangia tutto quello che gli capita a tiro, non mi sembra che vi sia equità, poiché non vi sono altri animali che mangiano lo squalo. Tanto per rilevare che anche in natura esiste il più ricco e il più povero e, quindi, differenze che non possono ritenersi equitarie. Insomma! La catena alimentare del mare deve essere considerata piramidale.
Citazione:
La società umana è dualista, gli esseri umani, intesi come esseri viventi appartenenti al regno animale, si differnziano tra loro e, in tal senso, le differenze biologiche sono innumerevoli, ma come animali sociali presentano solo due differenze: ricco e povero, buono e cattivo, preda e predatore. La complessità di un qualsivoglia sistema sociale, quindi, si riduce ad una ineluttabile polarità. Dalle molteplici diversità funzionali e cooperative nasce la vita, ma l'umano dualismo conflittuale e competitivo porta nella vita la sofferenza.
Parlando di ineluttabile polarità, la discussione ricade nuovamente sull'energia citata da Giorgiosan che, per esistere, ha bisogno di differenti polarità. In tal senso ti rimando alla lettura della risposta che ho dato a lui.
Citazione:
Per dare la mia risposta alla domanda:l'uguale in natura non esiste, ma esiste nella mente umana come concetto assiomatico, per cui, a mio parere, l'obiettivo sociale dell'uguaglianza è irraggiungibile e, forse, neanche auspicabile, ma una plurarità di ruoli pari per dignità, cooperativi (e non solo collaborativi) nella loro diversità e complementarietà, potrebbero rappresentare un buon inizio ai fini di una vita sociale vitale e vivibile.
Ergo: attenuare le differenze ma senza possibilità di eliminarle in quanto indispensabili per la funzionalità del mondo?

Ultima modifica di Tempo2011 : 18-03-2012 alle ore 13.53.34.
Tempo2011 is offline  
Vecchio 17-03-2012, 23.22.14   #34
Tempo2011
Ospite abituale
 
L'avatar di Tempo2011
 
Data registrazione: 12-04-2011
Messaggi: 630
Riferimento: E Se Fossero Le Differenze L’unico Modo?

Citazione:
Layla

Ciao! Questa é la mia prima risposta su questo fantastico forum, quindi non vorrei dare una risposta.. diciamo banale.
Allora, vorrei rispondere a questa domanda con un semplice esempio (della vita reale) che risponde da solo alla tua domanda:
Ho studiato (quindi é un fatto) che si é scoperto che se il cibo presente al mondo fosse diviso in parti eque tra ogni essere umano, questo non basterebbe a sfamare nessuno. In poche parole, se le persone su un lato della terra hanno il privilegio (scontato) di mangiare bene e vivere al meglio, é solo grazie al "sacrificio" necessario di tantissime altre vite umane infinitamente piú sfortunate di noi.
Quindi, a quanto pare, la mia risposta é si. Purtroppo é la natura stessa a pretendere le differenze, in qualsiasi caso, che si tratti del mondo animale che del mondo "civile".
Spero di aver risposto in modo accettabile alla tua domanda.

Infatti, per una distribuzione equa del cibo, non si dovrebbe prendere in considerazione quello che già è a disposizione di altri, ma bisognerebbe produrne altro nelle regioni interessate. Questo non è attuato per la semplice ragione che si preferisce inviarglielo e non aiutarli nella produzione, proprio per mantenere dipendenti quelle popolazioni, al fine di continuare a spogliarle delle loro materie prime. Materie che potrebbero essere acquistate a prezzi equi, solo se i ricchi si decidessero a diventare meno ricchi, per far si che i poveri diventino meno poveri. In ogni caso, gli ultimi interventi che sono stati fatti rispondono anche a quest’aspetto sociale, ma alla fine mi sembra che siamo d'accordo che le differenze, per un buon funzionamento del mondo, si rendano indispensabili.
Tempo2011 is offline  
Vecchio 18-03-2012, 18.53.13   #35
paul11
Ospite abituale
 
Data registrazione: 17-12-2011
Messaggi: 899
Riferimento: E Se Fossero Le Differenze L’unico Modo?

La Natura ha costruito le differenze per poter esercitare la propria sopravvivenza, attraverso il dominio.Una sua proprietà è la spietata violenza.
La legge di natura, da cui veniamo, non ha nessuna caratteristica di giustizia. Costruisce un equilibrio sulle differenze delle specie e sulla loro competizione dove l’unica regola del gioco è la sopravvivenza.. La specie sopravvive se ha una “nicchia” , un habitat in cui poter progenerare all’interno di questa totalità.
L’uomo , pur essendone parte, da sempre combatte la natura; è una delle dialettiche storiche dell’umanità.
Su questa terra non vince il saggio o la ragione, vince la forza e la violenza.
Infatti le differenze l’umanità cerca di “piallarle”culturalmente.
Per far questo l’uomo ha dovuto costruire regole antinomiche alla natura: la morale contro la violenza, la giustizia contro la prevaricazione, la conoscenza(ordine) contro l’entropia(disordine).
Tutte le religioni e spiritualità e la nascente filosofia greca tendevano a definire il mondo delle apparenze (maya per gli indiani e doxa per i greci) come un qualcosa di non essenziale.
Noi umani viviamo da sempre questa antinomia: il sapere di far parte della regola spietata del gioco della sopravvivenza e di accettarne le proprietà: competizione, egoismo, ecc.
E dall’altra essere coscienti di poter essere un qualcosa di più che non è nella natura delle cose: i sentimenti, i valori, la spiritualità, l’ontologia.
La nostra condanna è la consapevolezza fra l’essere originario della natura e il poter essere oltre la materialità della natura, tutto questo genera lacerazione.
Non ho più da tempo l’idea romantica che le differenze facciano ricchezza culturale, bensì portano a guerre ed egoismi, così da ricordarci, la Natura, che siamo sotto al suo dominio “naturale”.
Chi giustifica fra gli umani il proprio privilegio sugli altri lo fa proprio per legge di natura.Il capitalismo e le dottrine liberiste si appoggiano ai paradigmi della natura.
La differenza e la competizione sono un dato di fatto quindi, appartengono alla Natura.
Ma io da essere umano ritengo che sia possibile vivere senza differenze e senza competizioni: è la mia utopia.
paul11 is offline  
Vecchio 19-03-2012, 09.49.26   #36
Aggressor
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-07-2010
Messaggi: 405
Riferimento: E Se Fossero Le Differenze L’unico Modo?

Non ho più da tempo l’idea romantica che le differenze facciano ricchezza culturale, bensì portano a guerre ed egoismi, così da ricordarci, la Natura, che siamo sotto al suo dominio “naturale”.
Chi giustifica fra gli umani il proprio privilegio sugli altri lo fa proprio per legge di natura.Il capitalismo e le dottrine liberiste si appoggiano ai paradigmi della natura.
La differenza e la competizione sono un dato di fatto quindi, appartengono alla Natura.
Ma io da essere umano ritengo che sia possibile vivere senza differenze e senza competizioni: è la mia utopia.



Concordo Paul 11. Ho alcuni commenti da fare a quanto è stato detto fino ad ora infatti. è stato detto che le differenza in natura sono necessarie, questo non vuol dire che è necessario il grande divario tra ricchi e poveri, ma solo un divario. Cioè, dire che l'uniformità è idealità, qualcosa che empiricamente non può darsi è scontato, ma nessuno ci dice fino a che punto il reale possa avvicinarsi a questa uniformità che può forse rappresentare l'equilibro. Per esempio è vero che non posso comportarmi nel modo eticamente perfetto (anche considerando un'etica soggettiva), ciò non vuol dire che allora non faccio nulla per avvicinarmi ai precetti che la mente mi impone.

Certo, se potessi rappresentare l'universo con una linea la disegnerei mossa e mai perfettamente dritta, e rappresenterei il nulla in questo'ultimo modo, come qualcosa di statico, uguale a se stesso. Perché l'essente è dato nel molteplice, il quale necessita della distinzione, dunque della famosa "differenza".

Comunque, alla fine, da quanto detto è stato solo dimostrato che qualcuno avrà sempre più potere (o danaro) di qualcun'altro. Questo porta a dire che l'umanità ha bisogno del divario di ricchezza che vediamo oggi? No. Si è lasciato totalmente indeterminato quesito aspetto che effettivamente non è parte della domanda di apertura della discussione ma sicuramente ne è la vera estensione; poiché si può immaginare quel divario in un modo tanto sottile da divenire inesistente è sulla portata di questo divario che si dovrebbe discutere.
Aggressor is offline  
Vecchio 19-03-2012, 20.15.10   #37
Tempo2011
Ospite abituale
 
L'avatar di Tempo2011
 
Data registrazione: 12-04-2011
Messaggi: 630
Riferimento: E Se Fossero Le Differenze L’unico Modo?

Citazione:
paul11

La Natura ha costruito le differenze per poter esercitare la propria sopravvivenza, attraverso il dominio.Una sua proprietà è la spietata violenza.
La legge di natura, da cui veniamo, non ha nessuna caratteristica di giustizia. Costruisce un equilibrio sulle differenze delle specie e sulla loro competizione dove l’unica regola del gioco è la sopravvivenza.. La specie sopravvive se ha una “nicchia” , un habitat in cui poter progenerare all’interno di questa totalità.
L’uomo , pur essendone parte, da sempre combatte la natura; è una delle dialettiche storiche dell’umanità.
Su questa terra non vince il saggio o la ragione, vince la forza e la violenza.
Infatti le differenze l’umanità cerca di “piallarle”culturalmente.
Per far questo l’uomo ha dovuto costruire regole antinomiche alla natura: la morale contro la violenza, la giustizia contro la prevaricazione, la conoscenza(ordine) contro l’entropia(disordine).
Tutte le religioni e spiritualità e la nascente filosofia greca tendevano a definire il mondo delle apparenze (maya per gli indiani e doxa per i greci) come un qualcosa di non essenziale.
Noi umani viviamo da sempre questa antinomia: il sapere di far parte della regola spietata del gioco della sopravvivenza e di accettarne le proprietà: competizione, egoismo, ecc.
E dall’altra essere coscienti di poter essere un qualcosa di più che non è nella natura delle cose: i sentimenti, i valori, la spiritualità, l’ontologia.
La nostra condanna è la consapevolezza fra l’essere originario della natura e il poter essere oltre la materialità della natura, tutto questo genera lacerazione.
Non ho più da tempo l’idea romantica che le differenze facciano ricchezza culturale, bensì portano a guerre ed egoismi, così da ricordarci, la Natura, che siamo sotto al suo dominio “naturale”.
Chi giustifica fra gli umani il proprio privilegio sugli altri lo fa proprio per legge di natura.Il capitalismo e le dottrine liberiste si appoggiano ai paradigmi della natura.
La differenza e la competizione sono un dato di fatto quindi, appartengono alla Natura.
Ma io da essere umano ritengo che sia possibile vivere senza differenze e senza competizioni: è la mia utopia.
Caro paul11.
Quello che tu vorresti senza differenze e senza competizioni esiste già in natura da milioni di anni e si chiama: "Solidarietà utilitaristica", ed è praticata, sia dal mondo animale sia vegetale sia tra i due ecosistemi. Nel mondo vegetale sono tantissimi gli esempi di solidarietà utilitaristica, ma qui ne descrivo soltanto uno; ovvero: quello esistente tra un albero ad alto fusto e i funghi macroscopici, ai quali l'albero cede un po’ della sua acqua e il fungo contraccambia con i suoi elementi chimici come potassio ecc. Nel mondo animale questo principio è ancora più vasto e variato, poiché ammiriamo tanti animali che si scambiano favori a vicenda. In questo senso potrei portare l'esempio del pesce pilota che pulisce i denti al pescecane, facendogli un grande favore mentre lui si ciba con i sui residui. Allo stesso modo si comportano quei pesciolini che puliscono dai parassiti gli anemoni di mare, mentre ad altri è proibito dal veleno degli stessi.
Per quanto concerne il meccanismo di collaborazione tra l'eco sistema animale e vegetale, si potrebbe citare quello che avviene tra le api e i fiori, meccanismo indispensabile per ambedue. In tal senso qualcuno ha parlato di casualità, però sta di fatto che il pescecane, durante la pulizia rimane a bocca aperta come noi quando andiamo dal dentista e le piante che entrano in solidarietà con i funghi sono sempre più alte e rigogliose di quelle che non la attuano. Tutto questo, tanto per ricordare che il dominio "naturale" non è una dittatura, ma lascia alla volontà o alla casualità dei singoli di collaborare per il proprio benessere. Per la verità questo accade anche tra di noi, quando chiediamo l'aiuto dell'idraulico per farci stappare il lavandino, ma in tutto questo notiamo una piccola differenza, ed è quella che: mentre nel dare e avere naturale tutti rimangono soddisfatti, poiché il dare e avere è paritario, tra l'idraulico e il committente non lo è. - Esempio portato a grandi linee solo per evidenziare quanto sia importante e vitale l'azione del primo, nei confronti del compenso ricevuto. - In ogni caso, dopo queste osservazioni, a mio modo di vedere, si evidenzia che l'umanità non ha valide alibi nell'ingigantire le differenze, poiché la natura stessa ci indica l'equità nel dare e dell'avere. Allora, tutto quello che avviene al di fuori di questa equità, potrebbe essere dettato solo dall'egoismo proveniente dalla paura esistenziale.
Tempo2011 is offline  
Vecchio 20-03-2012, 01.09.08   #38
Giorgiosan
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-09-2004
Messaggi: 2,009
Riferimento: E Se Fossero Le Differenze L’unico Modo?

Citazione:
Originalmente inviato da Aggressor


Comunque, alla fine, da quanto detto è stato solo dimostrato che qualcuno avrà sempre più potere (o danaro) di qualcun'altro. Questo porta a dire che l'umanità ha bisogno del divario di ricchezza che vediamo oggi? No. Si è lasciato totalmente indeterminato quesito aspetto che effettivamente non è parte della domanda di apertura della discussione ma sicuramente ne è la vera estensione; poiché si può immaginare quel divario in un modo tanto sottile da divenire inesistente è sulla portata di questo divario che si dovrebbe discutere.

E' certamente importante la "differenza" che ti sta a cuore. E' certamente scandalosa quella "differenza" che si chiama sperequazione, vale a dire la mancanza di un equo criterio distributivo, in senso economico, e talvolta la sperequazione è enorme.
Una sperequazione che tu desideresti essere inesistente ed anch'io, come vorrei inesistente ogni forma d'ingiustizia come il liberismo sfrenato.

Solo che l'eliminazione di qualsiasi differenza economica, l'egualitarismo economico, sarebbe un'altra forma d'ingiustizia perchè svuoterebbe l'esistenza umana e ucciderebbe la società: spazzerebbe via il merito, omologherebbe pigrizia e laboriosità, sperpero e previdenza, premierebbe il parassitismo e l'ignavia. Senza lo stimolo del profitto, parlo di un giusto profitto, l'economia regredisce e muore.

Ci sono stati esperimenti storici che lo hanno ampiamente dimostrato e comunità politiche che sono implose, non per non avere perseverato abbastanza ma per inevitabile esaurimento.
La conclusione di un italiano, Enrico Belinguer, che aveva creduto nel raggiungimento di quell'utopia fu: "Si è esaurita la spinta propulsiva della Rivoluzione d'Ottobre!”

Uno meno umile di lui che ha tentato di eliminare le differenze e forse c'è riuscito per qualche giorno è stato quell'angioletto di Pol Pot di venerata memoria.

La Rivoluzione Cinese ha fatto un bagno di pragmatismo...mi dicono che è un ottimo mercato per le Ferrari.

La Corea del nord è diventata una grottesca dittatura che ha realizzato l'eguaglianza con le sole eccezioni della Dinastia, dei funzionari di corte, e dei gradi alti dell'esercito ... elemosina dagli stati più ricchi come può.

Fidel Castro è un asino cocciuto che ha mantenuto il suo popolo nella miseria ... fortuna che c'è il turismo sessuale ... si fa per dire.

Ecc. ecc. ecc.
Giorgiosan is offline  
Vecchio 21-03-2012, 12.12.52   #39
Aggressor
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-07-2010
Messaggi: 405
Riferimento: E Se Fossero Le Differenze L’unico Modo?

Solo che l'eliminazione di qualsiasi differenza economica, l'egualitarismo economico, sarebbe un'altra forma d'ingiustizia perchè svuoterebbe l'esistenza umana e ucciderebbe la società: spazzerebbe via il merito, omologherebbe pigrizia e laboriosità, sperpero e previdenza, premierebbe il parassitismo e l'ignavia. Senza lo stimolo del profitto, parlo di un giusto profitto, l'economia regredisce e muore.


Giorgiosan, volevo dirti che io non ho parlato di egualitarismo, cioè non mi sono espresso sulla misura di quel divario.
Ho detto altre cose che non mostrano a priori una propensione per l'egualitarismo, semplicemente ho fatto notare che affermando la necessità delle differenze non si afferma gran che, perché manca la quantificazione di quella differenza.

La mia opinione personale in merito a quel divario e alla meritocrazia è questa, che mi sembra strano una persona possa effettivamente meritare 30 o 40 volte di più rispetto ad un'altra, mentre nella società attuale, forse per colpa del capitalismo, ci sono uomini che guadagnano anche 1000 volte di più di altri (ed anche peggio). Per dire che c'è un problema di meritocrazia evidenziato dal divario tra ricchi e poveri; forse se esistesse un metro di retribuzione più sensato tutto questo divario si assottiglierebbe, magari qualcuno guadagnerebbe il doppio, il triplo, il quadruplo o dieci volte di più rispetto agli altri, ma non 1000 volte tanto...

Inoltre non credo nel libero arbitrio, dunque nella mia coscienza chi riesce a fare di più degli altri non ci riesce perché è meglio, ma perché ha avuto fortuna a nascere con certe caratteristiche e a svilupparsi in certi ambienti. Ma non credere che per questo io non creda nella meritocrazia. Infatti, nonostante tutto, una società per andare avanti ha bisogno di gente che lavora, e se uno mi dice "non voglio lavorare perché non mi va, non ci posso fare niente, sono costretto dalla necessità", non è che allora lo pago lo stesso perché so che non lo fa apposta, semmai lo esilierei per una questione pratica (si tratta di un esempio).

Ultima modifica di Aggressor : 21-03-2012 alle ore 19.59.07.
Aggressor is offline  
Vecchio 23-03-2012, 00.17.10   #40
paul11
Ospite abituale
 
Data registrazione: 17-12-2011
Messaggi: 899
Riferimento: E Se Fossero Le Differenze L’unico Modo?

Non si possono negare le differenze anche fra gli umani, siamo simili, non uguali. Si tratterebbe di capire se una persona che nasce con un handicap , con un talento o una genialità, ricco o povero, possano insieme convivere costruendo una propria vita anche retributiva dove l’interesse di ognuno non collida con gli interessi generali del bene comune.In altre parole la propria libertà deve necessariamente riferirsi alla libertà dell’intera comunità e con questa confrontarsi e limitarsi. Questa per me è la base della socialità. E non può che nascere da principi morali ed etici.
I più “forti” coloro che nella vita hanno molto anche per loro capacità dovrebbero mettere una mano sulla loro “coscienza” e decidere che il proprio talento è anche al servizio della comunità.
Questo differenzia una organizzazione biologica da quella morale, anche se pure in natura esistono molti casi simbiotici (un lichene è dato da un fungo e un alga).
Non si tratterebbe di mortificare quindi le differenze e le punte date dal talento e genialità, ma che coloro che lo abbiano si sentano in dovere anche di dare al proprio prossimo.
La domanda che viene spontanea è : “ Ma chi glielo fa fare”?
Infatti diventa individuale la volontà di compierlo.
Prima della nascita dello stato moderno i nobili agivano , se volevano, volontariamente per spirito di carità verso i poveri.
Lo stato sociale e politico attuale lo ha formalizzato nel diritto. Ma lo attua,come lo attua? Questo fa la differenza fra i valori sanciti nei principi e il come opera il potere dello stato.

Quando uno stato di cittadinanza (democrazia)diviene di sudditanza(dittatura) vuol dire che sta cadendo in contraddizione con i suoi principi costituenti.
Fra le altre cose l ‘economia ha sempre più il sopravvento sulla politica, la mondializzazione del mercato che uniformerà e standardizzerà le culture travalica i confini di stati nazioni e culture, pensare in piccolo nel proprio stato è impossibile e gli eventi di questi periodi lo insegnano.

A titolo di esempio esplico una famosa teoria, quella della giustizia distributiva di John Rawls .Si schierò contro la teoria utilitaristica in quanto questa ritiene che la felicità di una comunità è data dalla somma delle singole felicità individuali. Se conta di più la somma finale che i singoli addendi significa che questa teoria può violare i diritti fondamentali di alcuni o parte della comunità, per rendere più felici altri.
Rawls contrappone che ogni persona ha un uguale diritto alla più estesa libertà compatibilmente con gli altri individui e che le ineguaglianze economiche e sociali sono ammissibili soltanto se sono per il benessere dei più svantaggiati.
Rawls è celebre anche per il seguente esempio.
Nessun uomo conosce il suo posto nella società, la sua posizione di classe o di status sociale, né si conosce la sua fortuna nella distribuzione delle risorse naturali e le capacità, la sua intelligenza e forza. Attraverso questo “velo d’ignoranza”, la gente può quindi concordare principi di giustizia indipendentemente da interessi personali, cioè imparziale e razionale. Tali principi dovrebbero essere quindi socialmente equi.
Al centro del suo pensiero Rawls pone il diritto della libertà inalienabile e quello di “giusto” al posto di “bene”.
Rawls è famoso per il pensiero neocontrattualista, le cui origini risalgono al contrattualismo della filosofia politica della corrente del giusnaturalismo o diritto di natura tra i cui massimi pensatori sono stati: Kant, Hobbes, Rousseau. Ma se per questi ultimi il contratturalismo era una teoria per giustificare il potere sovrano , per Rawls è il tentativo di creare una società “giusta” che deve praticare “il principio di riparazione” secondo cui se si vuole assicurare a tutti un’effettiva eguaglianza di opportunità la società deve prestare maggiore attenzione a coloro che sono nati con meno doti.
Per la teoria della giustizia Rawls adotta il “principio di differenza” che collega all’idea di fratellanza, il più trascurato nella rivoluzione francese (libertà, fratellanza, uguaglianza) e per avvalorare la teoria addita nell’ambito familiare il rifiuto della massimizzazione della somma dei vantaggi, così allora nella società si dovrebbe migliorare chi sta peggio; oppure le ineguaglianze sono ammesse se massimizzano le aspettative nel lungo periodo.
In definitiva Rawls è per una società anti-meritocratica a favore del cooperativismo.
paul11 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it