Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 24-07-2007, 18.30.49   #31
NebbiaINvalPadana
Ospite abituale
 
L'avatar di NebbiaINvalPadana
 
Data registrazione: 28-12-2006
Messaggi: 158
Riferimento: Creare menti libere, come facciamo?

Citazione:
Originalmente inviato da vagabondo del dharma
Però nella sezione di psicologia, dove non si parla di aggregati ma di singoli individui e, il più delle volte, di astrazioni mentali, è difficile trovare risposte concrete. Anzi è possibile, ma solo se ti impegni a liberare 6 miliardi di menti umane dal buio, una ad una, senza l'ausilio dell'Enel.

Parlo di menti singole. Non di aggregati. Di quello di cui si parla il più dele volte è piena l'aria, e con ciò? Non ne parliamo? Non mi sto impegnando a liberare 6 miliardi di persone dal buio, questo lo lascio fare ai fantastici Enel-men che ci sono in giro.

Il mio topic andava chiamato così come l'ho chiamato. La società di massa viene coinvolta dal problema, ma non è la questione.
Come ho più volte scritto, non è mia intenzione salvare 6 miliardi di persone (diciamolo un'altra volta, non si sa mai), ma piuttosto tirarne fuori qualcuna.
Non credo peraltro che formare un partito politico sia contiguo alle mie esigenze.

Non sono un salvatore del mondo, non sono un illuminato, non sono uno guarda dall'alto in basso, non sono uno che guarda com passione presunti "altri", non sono nulla di tutto ciò.
Sono un uomo con le sue idee e le sue legittime aspirazioni.

A me non interessa definire il problema con le più adatte parole. Nessuna società di massa da descrivere, combattere o aiutare. Nessun dialogo fine a se stesso. Quello lo lascio fare agli "illuminati", quelli che evitano la comicità perchè questo potrebbe corrodere la loro aurea aura.

Diceva Chopin: Chi non ride mai non è una persona seria.

Psicologia tanto per essere chiari non è astrazione, quella è Filosofia. Se vogliamo essere pignoli. Che poi siano strettamente correlate non ha nulla a che vedere con la base empirica della psicologia.

Vuoi forse dire che se non cambiamo la società allora non potremo avere nessuno che sia una mente (per quanto possibile) libera? Che aspiri a questo?

Io, e ovviamente non solo io, sono la dimostrazione vivente che la società di massa come tu l'hai chiamata, in cui sono cresciuto, non è poi questo mostro, questo asso pigliatutto, da cui non c'è salvezza.

Anche nella società più libera, sono convinto che larghe fasce (come minimo), rimarrebero legate all'idea del libero senza riuscire a essere tale.
NebbiaINvalPadana is offline  
Vecchio 25-07-2007, 08.13.49   #32
MassimoVi
Ospite
 
L'avatar di MassimoVi
 
Data registrazione: 23-07-2007
Messaggi: 10
Riferimento: Creare menti libere, come facciamo?

[quote=NebbiaINvalPadana]Ciao a tutti,
volevo chiedere a voi un parere su una questione che apparentemente banale.
Si possono cambiare le persone?

Si certo è possibile influenzare gli altri in una direzione che si desidera.

Quello che intendo, è che spesso e volentieri ho la netta sensazione che parecchie persone superficiali potrebbero essere assolutamente molto meno tali, e molto più riflessive.
Gente che si beve le storie della tv, degli amici, o di chicchessia. Ho spesso trovato persone intelligenti, non i classici tonti, che uno dice "eh va be', non capisce".
Come si fa ad aprie gli occhi a (parlo soprattutto di adolescenti e gente sui 20 anni), a queste persone?

Se si tratta di influenzare un gruppo di persone ci sone certi metodi, per singole persone altri metodi, cosa vuoi precisamente ?

Mi spiego, nessuno è deposidario della verità assoluta, se mi trovo a parlare con un ragazzo di 20 anni, mediamente la penserà come tutti i ragazzi di 20 anni.
Se invece parlo di adolescenti, spesso hanno problemi di umore, bisogno di appartenere al gruppo etc etc.
Voglio dire, che ti prendi una responsabilità grossa se vuoi CAMBIARE il loro modo di pensare.
Preferisco pensare di fare una proposta, di aprire nuovi orizzonti, poi chi è in sintonia con il mio modo di vedere si informerà, ne vorrà sapere di più, chi no troverà la sua strada.

massimo@visualizzazionepositiv a.it
MassimoVi is offline  
Vecchio 25-07-2007, 11.32.26   #33
vagabondo del dharma
a sud di nessun nord
 
Data registrazione: 28-08-2006
Messaggi: 245
Riferimento: Creare menti libere, come facciamo?

Citazione:
Originalmente inviato da NebbiaINvalPadana
Parlo di menti singole. Non di aggregati. Di quello di cui si parla il più dele volte è piena l'aria, e con ciò? Non ne parliamo? Non mi sto impegnando a liberare 6 miliardi di persone dal buio, questo lo lascio fare ai fantastici Enel-men che ci sono in giro.

Il mio topic andava chiamato così come l'ho chiamato. La società di massa viene coinvolta dal problema, ma non è la questione.
Come ho più volte scritto, non è mia intenzione salvare 6 miliardi di persone (diciamolo un'altra volta, non si sa mai), ma piuttosto tirarne fuori qualcuna.
Non credo peraltro che formare un partito politico sia contiguo alle mie esigenze.

Non sono un salvatore del mondo, non sono un illuminato, non sono uno guarda dall'alto in basso, non sono uno che guarda com passione presunti "altri", non sono nulla di tutto ciò.
Sono un uomo con le sue idee e le sue legittime aspirazioni.

A me non interessa definire il problema con le più adatte parole. Nessuna società di massa da descrivere, combattere o aiutare. Nessun dialogo fine a se stesso. Quello lo lascio fare agli "illuminati", quelli che evitano la comicità perchè questo potrebbe corrodere la loro aurea aura.

Diceva Chopin: Chi non ride mai non è una persona seria.

Psicologia tanto per essere chiari non è astrazione, quella è Filosofia. Se vogliamo essere pignoli. Che poi siano strettamente correlate non ha nulla a che vedere con la base empirica della psicologia.

Vuoi forse dire che se non cambiamo la società allora non potremo avere nessuno che sia una mente (per quanto possibile) libera? Che aspiri a questo?

Io, e ovviamente non solo io, sono la dimostrazione vivente che la società di massa come tu l'hai chiamata, in cui sono cresciuto, non è poi questo mostro, questo asso pigliatutto, da cui non c'è salvezza.

Anche nella società più libera, sono convinto che larghe fasce (come minimo), rimarrebero legate all'idea del libero senza riuscire a essere tale.


Ok, la finisco io, altrimenti andiamo a finire a mille e una notte...

Ti auguro che il tuo "progetto" si avveri e, con i tuoi mezzi (non so quali siano, ma per proporti uno scopo così alto devi essere sicuramente ben attrezzato), tu riesca a "tirare fuori" quante più menti libere è possibile...

Io non sono sicuramente un illuminato e faccio fatica pure a considerarmi una mente libera: ma se la società pigliatutto ha fatto sì che tu potessi comunque diventare una mente libera posso sperare anch'io.

Il concetto di "compassione" così come l'ho inteso io, però gradirei che lo comprendessi, non puoi travisarlo per la terza volta, altrimenti diventa lecito sospettare circa la "libertà" della tua mente (prima che dimostrazione vivente - qui non ti vediamo - devi essere dimostrazione scrivente di "mente libera").
vagabondo del dharma is offline  
Vecchio 26-07-2007, 23.23.27   #34
ozner
novizio
 
L'avatar di ozner
 
Data registrazione: 10-10-2006
Messaggi: 371
Riferimento: Creare menti libere, come facciamo?

Citazione:
Originalmente inviato da NebbiaINvalPadana
Ciao a tutti,
volevo chiedere a voi un parere su una questione che apparentemente banale.
Si possono cambiare le persone?
Quello che intendo, è che spesso e volentieri ho la netta sensazione che parecchie persone superficiali potrebbero essere assolutamente molto meno tali, e molto più riflessive.
Gente che si beve le storie della tv, degli amici, o di chicchessia. Ho spesso trovato persone intelligenti, non i classici tonti, che uno dice "eh va be', non capisce".
Come si fa ad aprie gli occhi a (parlo soprattutto di adolescenti e gente sui 20 anni), a queste persone?
Spesso dialogo con loro. Sono anche recettivi, li trovo a condividere le mie opinioni, eppure mi sembra che nonostante io appaia ragionevole, rimanga una base, un coagulo di emozioni, desideri, falsi immaginari, miti sociali, luoghi comuni, che hanno intaccato il profondo di queste persone.
Spesso dopo che ci parlo dicono che io sono intelligente, cosa che poi non è nemmeno granchè vera, io mi limito a pensare con la mia testa.
Io non voglio che la pensino come me (sarebbe terribile), vorrei solo che fossero menti libere.
Cambiare le persone è molto difficile, spesso neanche con i figli ci si riesce; allora qual'è il rimedio? Penso ne rimanga uno solo, specialmente se chi lo attua è una persona intelligente, ed è questo, secodo me:
se la montagna non và a Maometto, Maometto va alla montagna;
ossia: prova a cambiare te stesso; cioè mi spiego meglio, prova a cercare cosa c'è di buono in chi vorresti cambiare e se proprio non c'è niente, allora cerca di capire i suoi difetti per avere almeno qualcosa su cui agire e parlare.
Vedrai che così riuscirai a interessarlo e probabilmente anche a cambiarlo, facendolo comprendere.
ozner
ozner is offline  
Vecchio 05-08-2007, 16.30.23   #35
DaFnE
Ospite
 
Data registrazione: 05-08-2007
Messaggi: 13
Smile Riferimento: Creare menti libere, come facciamo?

Citazione:
Originalmente inviato da NebbiaINvalPadana
Ciao a tutti,
volevo chiedere a voi un parere su una questione che apparentemente banale.
Si possono cambiare le persone?
Quello che intendo, è che spesso e volentieri ho la netta sensazione che parecchie persone superficiali potrebbero essere assolutamente molto meno tali, e molto più riflessive.
Gente che si beve le storie della tv, degli amici, o di chicchessia. Ho spesso trovato persone intelligenti, non i classici tonti, che uno dice "eh va be', non capisce".
Come si fa ad aprie gli occhi a (parlo soprattutto di adolescenti e gente sui 20 anni), a queste persone?
Spesso dialogo con loro. Sono anche recettivi, li trovo a condividere le mie opinioni, eppure mi sembra che nonostante io appaia ragionevole, rimanga una base, un coagulo di emozioni, desideri, falsi immaginari, miti sociali, luoghi comuni, che hanno intaccato il profondo di queste persone.
Spesso dopo che ci parlo dicono che io sono intelligente, cosa che poi non è nemmeno granchè vera, io mi limito a pensare con la mia testa.
Io non voglio che la pensino come me (sarebbe terribile), vorrei solo che fossero menti libere.

il giorno in cui la gente saprà pensare con la propria testa farò una grande festa e t invito sai ormai se vedi per strada vedi solo persone uguali, identiche, io personalmente vedo solo cloni, gente con mashere così spesse che non trovano più se stessi, vivono immersi nella loro bugia, vivono per essere come gli altri perchè hanno una gran paura di essere chi sono veramente, perchè temono il giudizio altrui, temono di restar isolati perchè non piacciono..penso sempre questo quando cammino per strad, raramente sento gente che ha pensieri propri, perchè se non sono influenzati da amici o parenti, sono influenzati da quei 4 scemi che stanno in tv a dire le solite frasi fatte..speriamo che imparino presto :-) kiss ciapzz
DaFnE is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it