Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 24-09-2014, 14.08.42   #31
vanina
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 22-04-2014
Messaggi: 268
Riferimento: Innamorarsi: perchè non accade a tutti?

Citazione:
Originalmente inviato da acquario69
così dicendo confermi tu stessa tutto quello che ho sin da subito sostenuto
scusa vanina se posso essere sincero,ma io credo che il confronto dev'essere indirizzato per aiutarci a svelare la Verita e non per una personale autogratificazione egoica.
che poi e' appunto quello che succede ai cosiddetti "innamorati" (la tua frase qui sopra e' emblematica)

ti inviterei a rifletterci sopra,altrimenti sarebbe di nuovo un ricominciare da capo,girando e rigirando in tondo,all'infinito..

Naturalmente ti ringrazio di essere sincero, solo che...(emoticon rotolante a riprova) la mia era una solo una battuta scherzosamente provocatoria in risposta alla tua altrettanto scherzosamente provocatoria .

Tornando al punto: la mia domanda era "perchè alcuni si innamorano e altri no?" (dopo aver ristretto il campo di osservazione a coloro che non risultano affetti da particolari patologie psichiche, e nei quali questo può ovviamente essere indotto dalle stesse patologie).

Tu rispondi con decisione e assertività che (sintetizzo io e correggimi se sbaglio, please) non si innamorano quelli che hanno suparato questa forma di infantilismo.

Ma (ora scusami tu), ma...da dove scaturisce questa "verità" ?
Ho letto tanto in vita mia, ma...se quando parliamo di innamoramento parliamo della stessa cosa...io non solo non l'ho mai sentita diagnosticare come forma di infantilismo, ma anzi sono piuttosto certa di poter dire che Psicologia e Psichiatria inneggino al mantenere a vita la capacità di innamorarsi (anche in senso lato: innamorarsi di attività, interessi, hobbies, oltre che di persone e animali) come importante viatico per...non risultare spenti a noi stessi... già da molto prima che signora Morte venga a farci visita!

L'innamoramento, che nel suo piccolo potrebbe ben essere definito una fede, non è degli allocchi che sognano quel che non c'è.
L'innamoramento è un'opportunità impareggiabile e , fuor di ogni dubbio, slancio vitale.
Lo è in quanto espressione della capacità di proiezione, progettazione, apertura all'altro.
Lo è in quanto banco di prova della fiducia in se stessi e nelle proprie intuizioni.
Lo è, anche nel più fallimentare dei casi, in quanto occasione UNICA per riflettere su se stessi, sulle proprie potenzialità umane, sulle proprie possibili derive, e ancora un universo intero di aspetti essenzialissimi alla conoscenza di se stessi.

E tu me lo bolli come "infantilismo" ?
E cerchi una Verità che necessariamente deve partire da questo assunto, perchè altrimenti è infantilismo pure questo?
vanina is offline  
Vecchio 24-09-2014, 14.46.26   #32
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: Innamorarsi: perchè non accade a tutti?

Citazione:
Originalmente inviato da vanina
Naturalmente ti ringrazio di essere sincero, solo che...(emoticon rotolante a riprova) la mia era una solo una battuta scherzosamente provocatoria in risposta alla tua altrettanto scherzosamente provocatoria .

Tornando al punto: la mia domanda era "perchè alcuni si innamorano e altri no?" (dopo aver ristretto il campo di osservazione a coloro che non risultano affetti da particolari patologie psichiche, e nei quali questo può ovviamente essere indotto dalle stesse patologie).

Tu rispondi con decisione e assertività che (sintetizzo io e correggimi se sbaglio, please) non si innamorano quelli che hanno suparato questa forma di infantilismo.

Ma (ora scusami tu), ma...da dove scaturisce questa "verità" ?
Ho letto tanto in vita mia, ma...se quando parliamo di innamoramento parliamo della stessa cosa...io non solo non l'ho mai sentita diagnosticare come forma di infantilismo, ma anzi sono piuttosto certa di poter dire che Psicologia e Psichiatria inneggino al mantenere a vita la capacità di innamorarsi (anche in senso lato: innamorarsi di attività, interessi, hobbies, oltre che di persone e animali) come importante viatico per...non risultare spenti a noi stessi... già da molto prima che signora Morte venga a farci visita!

L'innamoramento, che nel suo piccolo potrebbe ben essere definito una fede, non è degli allocchi che sognano quel che non c'è.
L'innamoramento è un'opportunità impareggiabile e , fuor di ogni dubbio, slancio vitale.
Lo è in quanto espressione della capacità di proiezione, progettazione, apertura all'altro.
Lo è in quanto banco di prova della fiducia in se stessi e nelle proprie intuizioni.
Lo è, anche nel più fallimentare dei casi, in quanto occasione UNICA per riflettere su se stessi, sulle proprie potenzialità umane, sulle proprie possibili derive, e ancora un universo intero di aspetti essenzialissimi alla conoscenza di se stessi.

E tu me lo bolli come "infantilismo" ?
E cerchi una Verità che necessariamente deve partire da questo assunto, perchè altrimenti è infantilismo pure questo?

allora cerchiamo di semplificare una volta per tutte..
ammesso che io condivida quello che dici qui sopra,quello che noto altrettanto e' che non metti in considerazione anche l'altro lato della medaglia da me più volte menzionato e che si può secondo me riassumere nella tua battuta scherzosa,che per quanto tale esprime comunque una sua inconfondibile Verita sul tema in discussione..ed e' vero infatti che chi prova questo sentimento,se così si può definire,prova esattamente quel tipo di gratificazione,che per quanto "magico" ecc..ecc..e' comunque fasullo e percio infantile ed immaturo..potrai pure contestarlo se vuoi ma secondo me e' innegabile.

dunque possiamo provare a dire che,come tutte le esperienze umane e relative,si configurerà sempre una certa ambivalenza,e una certa dualità,almeno per quanto riguarda l'innamoramento,cosa diversa e' secondo me l'amore che non dovrebbe partire da questo assunto,perché,almeno per quello che intendo io parlo di amore in senso "universale" e non specificamente umano (che sarebbe anc'hesso duale)..che ad ogni modo gli appartiene anche e sopratutto quello
quindi anche qui ce l'amore infantile (umano e duale) e l'amore maturo (assoluto)
acquario69 is offline  
Vecchio 24-09-2014, 14.59.55   #33
vanina
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 22-04-2014
Messaggi: 268
Riferimento: Innamorarsi: perchè non accade a tutti?

Citazione:
Originalmente inviato da acquario69
la tua battuta scherzosa,che per quanto tale esprime comunque una sua inconfondibile Verita sul tema in discussione..ed e' vero infatti che chi prova questo sentimento,se così si può definire,prova esattamente quel tipo di gratificazione,che per quanto "magico" ecc..ecc..e' comunque fasullo e percio infantile ed immaturo..potrai pure contestarlo se vuoi ma secondo me e' innegabile.



Per me è necessario che chiariamo proprio questo punto!

Perchè istituisci l'equazione gratificazione = infantilismo = fasullo = infantile

(e anche cercare La Verità è ricerca di una gratificazione soggettiva, perchè a viverla siamo noi, singoli soggetti illusi di ampliarci nell'universo. Volendo ...chi esperimenta di ampliarsi in UN Altro...almeno ce prova e comincia da uno!)
vanina is offline  
Vecchio 24-09-2014, 19.53.38   #34
laryn
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 14-07-2014
Messaggi: 134
Riferimento: Innamorarsi: perchè non accade a tutti?

Citazione:
Originalmente inviato da acquario69
... e' vero infatti che chi prova questo sentimento,se così si può definire,prova esattamente quel tipo di gratificazione,che per quanto "magico" ecc..ecc..e' comunque fasullo e percio infantile ed immaturo..potrai pure contestarlo se vuoi ma secondo me e' innegabile.

L'innamoramento è sempre, a qualunque età, una forma di infantilismo. Sarebbe preoccupante davvero, se non lo fosse... non si darebbe.
L'innamoramento cessa quando si cessa d'essere infantili... allora cessa anche l'astrazione amore.
E' davvero fuori luogo superare l'infantilismo in fatto di innamoramento e amore (visto che alcuni distinguono fra innamoramento e amore ). Significherebbe la loro fine.

E. Berne insegna che in ognuno di noi convivono contemporaneamente tre stati della personalità:
"I tre stati della personalità: Io Genitore, Io Adulto, Io Bambino

L'Io Genitore è la voce dell'autorità in cui riecheggiano gli insegnamenti, i divieti e i messaggi che ci sono stati trasmessi dai genitori e da altre figure educative e che abbiamo interiorizzato fin dall'infanzia.

L'Io Adulto è la nostra parte logica e razionale. Ce ne serviamo per rispondere agli stimoli della realtà attuale. Nelle condizioni psicologiche ottimali, l'Adulto valuta e soppesa i fatti oggettivi, riferisce all'Io Genitore e media le sue osservazioni con quelle dell'Io Bambino.

L'Io bambino è la nostra parte più emotiva, associata alle caratteristiche tipiche dell'infanzia come la spontaneità, la creatività e la capacità intuitiva.

Ognuno ha dentro di sé un genitore, un adulto e un bambino, che condizionano il modo di pensare, di agire e di sentire. I tre livelli non corrispondono a delle età anagrafiche."

Quando esplode in noi l'incantesimo dell'innamoramento è perchè emerge "l'IO bambino". Se non diveniamo genuinamente bambini in amore, in ogni età, non potremo mai assaporare davvero le emozioni legate all'innamoramento.
Si deve vivere l'amore con la leggerezza (non superficialità) di un bambino, con la genuinità, con la semplicità e la sincerità che li caratterizza.
Quando lui o lei ritornano al nido e si ricevono con un forte abbraccio si ripete l'incantesimo. Si provi ad arrivare in casa con un mazzo di fiori con in allegato un piccolo papiro pieno d'espressioni d'amore per lei e poi provate a guardarla negli occhi e vedete se si scorge o non si scorge l'incanto del bambino, se i sui occhi non si velano di commozione.
Io dico che in amore bisogna rimanere eternamente infanti, alle prese sempre con il coraggio e l'emozione della prima volta.
Quando (questa fu la mia esperienza) io la prima volta mi appartai con lei un attimo, (ero con lei in casa di una sua vicina), le espressi, pieno d'emozione, il mio desiderio d'averla accanto per la vita; lei rifiutò decisamente e disse che non sentiva battere il cuore e che io non potevo, perciò, essere il suo principe azzurro... classico sogno della fanciulle... lei non ne era esclusa.
Poichè io dovevo ripartire (ero lì, al suo paese, per una vacanza, fatta capitare lì con lo scopo preciso di conoscere la fanciulla diciottenne il cui ritratto avevo visto alcuni mesi prima a casa di un'amica residente a oltre 1000 km di distanza dal quel paesino) le chiesi se almeno mi concedesse di salutarla per l'ultima volta con un bacio sulla fronte. Annuì con un cenno del capo.
Fu a quel punto che la baciai sulla fronte, ma poi, fortemente tentato e incapace di resistere, scivolai velocemente e delicatamente sulle labbra.
A quel punto lei mi mollò un deciso ceffone in viso... forte... me lo aspettavo.
La vidi diventare rossa paonazzo, imbarazzata a ripresentarsi in quello stato fra le sue amiche... ma non proprio urtata. Mi chiese allora la cortesia di chiedere ad una sua particolare amica di mettere anche a lei due gocce di liquore, che prima aveva rifiutato, in un bicchierino. Glielo portai e lo bevve, dopodichè uscì e, a chi le chiedeva come mai fosse così rossa, rispondeva che era stato quell'assaggio di liquore e che quella ragione per cui l'aveva inizialmente rifiutato... ma, secondo me, le amiche avevano capito.
Un mese dopo mi svelò che quel bacio fu galeotto e che, come per incanto, le aveva fatto battere decisamente il cuore.
Ogni tanto, da sempre, le faccio bere un goccio di liquore a ricordo di quel primo suo emozionante rossore... si ripete il miracolo dell'infantilismo.

Citazione:
... cosa diversa e' secondo me l'amore che non dovrebbe partire da questo assunto,perché,almeno per quello che intendo io parlo di amore in senso "universale" e non specificamente umano (che sarebbe anc'hesso duale)..che ad ogni modo gli appartiene anche e sopratutto quello
quindi anche qui ce l'amore infantile (umano e duale) e l'amore maturo (assoluto)

Potresti spiegarmi cosa intendi con "amore in senso universale"?
laryn is offline  
Vecchio 25-09-2014, 02.42.09   #35
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: Innamorarsi: perchè non accade a tutti?

Citazione:
Originalmente inviato da laryn
Potresti spiegarmi cosa intendi con "amore in senso universale"?

amore universale è l'amore puro (non umano,comunemente inteso)
non e' "separato"
non e' mentale
non vi sono distinzioni
non vi e' un inizio e non vi e' una fine
e' la consapevolezza dell'anima che appartiene al tutto
e' liberta

(Chiudo qui la parentesi altrimenti si andrebbe fuori tema)
acquario69 is offline  
Vecchio 25-09-2014, 14.04.23   #36
vanina
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 22-04-2014
Messaggi: 268
Riferimento: Innamorarsi: perchè non accade a tutti?

Citazione:
Originalmente inviato da acquario69
amore universale è l'amore puro (non umano,comunemente inteso)
non e' "separato"
non e' mentale
non vi sono distinzioni
non vi e' un inizio e non vi e' una fine
e' la consapevolezza dell'anima che appartiene al tutto
e' liberta

(Chiudo qui la parentesi altrimenti si andrebbe fuori tema)


Perchè "fuori tema", Acquario?
Quelli che tracci non sono forse il Sogno e l'Idea di cui....sei innamorato TU, senza averne alcuna prova?
vanina is offline  
Vecchio 27-09-2014, 19.23.22   #37
maral
Moderatore
 
L'avatar di maral
 
Data registrazione: 03-02-2013
Messaggi: 1,314
Riferimento: Innamorarsi: perchè non accade a tutti?

Citazione:
Originalmente inviato da Duc in altum
Nella mia esperienza personale ... l'innamoramento è inconcepibile senza l'intervento di Cupido: nessuno s'innamora davvero senza il tocco magico dell'intervento trascendentale.
Citazione:
Originalmente inviato da laryn
L'innamoramento è sempre, a qualunque età, una forma di infantilismo. Sarebbe preoccupante davvero, se non lo fosse... non si darebbe.
L'innamoramento cessa quando si cessa d'essere infantili... allora cessa anche l'astrazione amore.
E. Berne insegna che in ognuno di noi convivono contemporaneamente tre stati della personalità:
"I tre stati della personalità: Io Genitore, Io Adulto, Io Bambino
Forse l'innamoramento è il gioco a cui un dio bambino invita a giocare un io bambino. l'io bambino che si trova in noi presente e quanto mai necessario necessario a qualsiasi età.
Ma accade che l'io adulto non tolleri il rischio del gioco pur sapendo quanto potrebbe essere bello ed entusiasmante e dunque chiuda al bambino le orecchie dicendogli: non c'è alcun richiamo, solo echi che rimbalzano, è tardi, è ora di rientrare in casa, alle proprie occupazioni, compiti e abitudini di cui ti potrai tranquillamente innamorare invecchiando con loro.
E a volte lo convince, altre no e l'io bambino come un discolo proprio non ne vuole sapere.
Forse è questione di udito, forse di essere (senza volerlo per carità!) più o meno discoli.
maral is offline  
Vecchio 28-09-2014, 13.19.24   #38
jeangene
Moderatore
 
L'avatar di jeangene
 
Data registrazione: 30-08-2012
Messaggi: 335
Riferimento: Innamorarsi: perchè non accade a tutti?

In ventisette anni non mi sono mai innamorato e ormai mi sono convinto di essere precluso a questo tipo di esperienza.
Non credo ci sia un motivo, ognuno di noi è a questo mondo con la propria sensibilità, con la propria emotività.
Credo comunque nel rapporto di coppia perchè alle ragazze che mi sono state accanto mi lega un bene profondo.
jeangene is offline  
Vecchio 29-09-2014, 14.26.01   #39
vanina
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 22-04-2014
Messaggi: 268
Riferimento: Innamorarsi: perchè non accade a tutti?

Citazione:
Originalmente inviato da jeangene
Non credo ci sia un motivo, ognuno di noi è a questo mondo con la propria sensibilità, con la propria emotività.

D'accordo, ma dunque la diversa sensibilità ed emotività sarebbero (almeno) l'indizio di un motivo.

E (proprio questo era il senso della domanda) perchè alcune sensibilità si sentono di vivere pienamente quando vivono da innamorate, mentre altre ne rifuggono senza alcun problema e vivono serene (magari) proprio per questo?
vanina is offline  
Vecchio 30-09-2014, 12.17.18   #40
jeangene
Moderatore
 
L'avatar di jeangene
 
Data registrazione: 30-08-2012
Messaggi: 335
Riferimento: Innamorarsi: perchè non accade a tutti?

Citazione:
Originalmente inviato da vanina
D'accordo, ma dunque la diversa sensibilità ed emotività sarebbero (almeno) l'indizio di un motivo.

E (proprio questo era il senso della domanda) perchè alcune sensibilità si sentono di vivere pienamente quando vivono da innamorate, mentre altre ne rifuggono senza alcun problema e vivono serene (magari) proprio per questo?

Va bene, ma dove lo vogliamo cercare questo motivo? Nella struttura del sistema nervoso o del sistema endocrino? Nella psicologia dell' io? Nell' inconscio? É una mission impossible...
Io non rifuggo nulla, perché mai dovrei fuggire da qualcosa di potenzialmente piacevole? Anzi... Semplicemente non mi innamoro.
jeangene is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it