Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 24-06-2002, 20.58.03   #21
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Caro LIGHT

hai ragione quando dici che " una reazione equilibrata agli sgarbi ricevuti è sempre un atto di rispetto per se stessi, qualche volta di amore verso gli altri."
Ed è sempre e unicamente dal rispetto e dall'amore per se stessi che può scaturire rispetto e amore per gli altri.

Il ladro non ha ricevuto il mio amore, ma abbiamo la certezza assoluta di questo?!

Di certo so che avrebbe ricevuto l'energia negativa della mia rabbia. Energia che sarebbe andata su di lui e rimbalzata raddoppiata su di me.

Tutti i sentimenti, emozioni che proviamo agiscono principalmente su noi stessi, più che sugli altri.

Rabbia, collera, aggressività, odio colpiscono gli altri in misura minore di quanto colpiscano noi.
Io me ne sono resa conto. L'ho già provato.

Apparentemente sembra che se diamo libero sfogo alla collera dopo stiamo meglio e ..... l'altro impara la lezione.

Ma a me dopo la collera è rimasta sempre tanta amarezza e la sensazione di aver perso tanta energia.

E' anche vero che la collera non và soffocata, ma semplicemente compresa. E anche accettata.
Ho imparato a guardare me stessa dal di fuori quando mi lascio travolgere dall'irritazione. Così posso sorridere nel vedermi tutta presa dalle mie ragioni. E posso anche rendermi conto che la mia collera forse nasce da qualche altra parte, forse sono in collera per qualcosa che niente ha a che vedere con la questione in corso. E passa presto, e mi accorgo della lezione che ho ricevuto, sia che abbia torto che ragione. La differenza è relativa
Ciao
Mary
Mary is offline  
Vecchio 25-06-2002, 00.43.04   #22
LIGHT
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 61
Insomma passare la vita ad amare può anche servire solo a se stessi. Ma passarla ad odiare non serve affatto.
Altro insegnamento che trarrei dal tuo racconto è: mai confondere un interesse leso con un diritto leso.
Il mio dubbio invece persistente è:
Un gesto d'amore può, a volte, alimentare un vizio e trasformarsi in danno per il "beneficiario"?
Cioè il ladro della tua bici potrebbe risponderti:
Per colpa del furto della bici di Mary, ho rinunciato a lavorare anche oggi!
LIGHT is offline  
Vecchio 25-06-2002, 09.01.11   #23
kayten
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-05-2002
Messaggi: 57
Per Attilio

Caro Attilio,
la Katana e' una spada giapponese leggermente curva che taglia come un rasoio ed e' usata a due mani! quando qualcuno nel traffico urbano cerca grane....gli sorrido poiche' gli sto salvando la pelle, dal momento in un soffio rimarrebbe senza testa! di solito per risposta pero' ricevo un sorriso quindi...va bene cosi'.
kayten is offline  
Vecchio 25-06-2002, 12.09.23   #24
Morfeo
 
Messaggi: n/a
Kayten... e tu in un soffio vai all'ergastolo!

Per il traffico...

Tutto molto saggio!





 
Vecchio 25-06-2002, 12.21.42   #25
kayten
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-05-2002
Messaggi: 57
x Morfeo

mi dispiace contraddirti ma e' solo questione di numeri, se io batto l' autraliano che ne ha fatti fuori 37 in un colpo il primato diventera' mio e quindi avro' trattamenti di riguardo!!!
piu' in premio una katana originale antica (varore circa 70.000.000 vecchi)
...(scherzo!!!)
kayten is offline  
Vecchio 25-06-2002, 22.59.39   #26
Attilio
 
Messaggi: n/a
Per Kayten

Grazie, ora non mi sentirò più sereno quando, per la fretta, fregherò la precedenza a qualcuno.

Ciao. Attilio.
 
Vecchio 26-07-2002, 11.55.39   #27
neverforever
Ospite abituale
 
Data registrazione: 03-04-2002
Messaggi: 70
ciao

ciao a tutti. Ho letto tutti i messaggi di questa discussione. Sono colpita anch'io dalle parole di Mary. Amare anche il ladro...
Allora mi è venuta in mente una cosa. Ieri sera guardavo il telegiornale. Tra le altre, dava anche la notizia di una condanna x diversi anni ad un marocchino che l'ultimo dell'anno del 2001 ha ucciso a coltellate un ragazzo fuori da un locale. E' stata fatta giustizia, ci sarebbe da dire. Anche se alla madre di quel ragazzo, il figlio non lo restituiranno mai. Proprio la madre mi ha colpito, le sue parole. L'hanno intervistata "Questa condanna per me non rappresenta una vendetta. Non riesco ad odiare il ragazzo che ha ucciso mio figlio, avevano la stessa età, potrebbe essere anche lui uno dei miei figli. Sono solo una goccia nel mare, ma ho voluto lottare xché queste cose non debbano più accadere".
Ecco, io guardavo in TV questa madre, i suoi occhi erano quelli di una madre che deve sopportare il + grande dei dolori, la perdita di un figlio. Eppure nei suoi occhi c'era il perdono. E l'amore. Ho pensato "questa donna è un esempio". E forse, anche una testimonianza del fatto che Lui... esiste davvero. Se mi chiedessero dov'è Dio... E' nei piccoli e grandi miracoli che a volte avvengono davanti ai nostri occhi.


neverforever is offline  
Vecchio 26-07-2002, 11.57.22   #28
neverforever
Ospite abituale
 
Data registrazione: 03-04-2002
Messaggi: 70
ciao

ciao a tutti. Ho letto tutti i messaggi di questa discussione. Sono colpita anch'io dalle parole di Mary. Amare anche il ladro...
Allora mi è venuta in mente una cosa. Ieri sera guardavo il telegiornale. Tra le altre, dava anche la notizia di una condanna x diversi anni ad un marocchino che l'ultimo dell'anno del 2001 ha ucciso a coltellate un ragazzo fuori da un locale. E' stata fatta giustizia, ci sarebbe da dire. Anche se alla madre di quel ragazzo, il figlio non lo restituiranno mai. Proprio la madre mi ha colpito, le sue parole. L'hanno intervistata "Questa condanna per me non rappresenta una vendetta. Non riesco ad odiare il ragazzo che ha ucciso mio figlio, avevano la stessa età, potrebbe essere anche lui uno dei miei figli. Sono solo una goccia nel mare, ma ho voluto lottare xché queste cose non debbano più accadere".
Ecco, io guardavo in TV questa madre, i suoi occhi erano quelli di una madre che deve sopportare il + grande dei dolori, la perdita di un figlio. Eppure nei suoi occhi c'era il perdono. E l'amore. Ho pensato "questa donna è un esempio". E forse, anche una testimonianza del fatto che Lui... esiste davvero. Se mi chiedessero dov'è Dio... E' nei piccoli e grandi miracoli che a volte avvengono davanti ai nostri occhi.



neverforever is offline  
Vecchio 27-07-2002, 22.28.08   #29
Attilio
 
Messaggi: n/a
Per Neverforever

Davvero vorrei che potesse essere così.

Mi cascano però le braccia quando vedo tanta gente sputare veleno contro gli altri per la più piccola stupidata contro di loro.

Vorrei che potesse essere così, ma è realistica la mia speranza? Solo guardando ai miei atteggiamenti perdo ogni speranza....
 
Vecchio 28-07-2002, 09.04.14   #30
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
x Attilio

Quando leggevo nel Vangelo che bisogna amare il proprio nemico non riuscivo a comprenderne il senso. Per comprenderlo ho fatto un lungo cammino. Non ci si sveglia la mattina e si dice: oggi voglio amare il mio nemico. Forse neppure i pazzi potrebbero farlo. Il nemico puoi amarlo solo quando lo vedi per quello che è e non unicamente per le sue azioni. Comprendi il nemico quando ti accorgi che anche tu sei stato il "nemico" per qualcun altro.

Quasi sempre pensiamo di essere dalla parte della ragione, ma ci accorgiamo sempre del male che facciamo? Magari non assassiniamo nessuno ma quante ferite siamo in grado di infliggere! Così noi diveniamo il nemico da odiare per qualcun altro.

Non che io sia giunta all'illuminazione e sia una santa.
Quando ieri sera ho sentito al telegiornale di quella bambina americana uccisa da un pedofilo, mi sono sentita in grado di uccidere quell'uomo con le mie stesse mani.

Siamo solo esseri umani, ma il nostro compito è comprendere noi stessi ed il mondo in cui viviamo.

Quel mostro assassino, perché è giunto sino a tanto?
E' stato violentato da piccolo?! E' vissuto senza amore? Ha un circuito fuori posto nel cervello?!
Più che seviziarlo a sua volta gli dovrebbe essere impedito di fare altro male.
Molte volte nelle attuali leggi (specialmente italiane) si confonde il perdono con l'assoluzione. Un uomo che ha ucciso un bambino per pedofilia non può essere rimesso liberamente nella società. Un assassino lo si può anche perdonare ma non può tornare a vivere liberamente in mezzo agli altri.

Io posso amare una tigre ma credo che non lascerei gironzolare affamata in una piazza affollata.

Giudicare gli altri è facilissimo ma imparare a vedere noi stessi per quello che siamo lo è molto meno.

Prima di andare all'università il giovanotto è andato prima alle scuole elementari.

Dobbiamo cominciare dalle piccole cose, dalla nostra vita quotidiana a comprendere.

Mio marito inveisce sempre contro chi non guida correttamente.
Ed io gli dico (spesso) forse era distratto (l'altro o l'altra autista) forse va di fretta, forse ha la macchina guasta, forse ...... e mi viene in mente quando quello che mio marito rimprovera agli altri è successo pure a me.
Quando impariamo a vedere un piccolo riflesso di noi stessi negli altri allora le porte della comprensione non sono più chiuse a doppia mandata.

Ciao
Mary
Mary is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it