Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 29-01-2005, 10.34.04   #11
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751
essere kiara e comprensibile nn e' una delle mie migliori qualita'
almeno a giudicare da quante volte vengo fraintersa o reinterpretata a piacimento .. le statistike mi fanno pensare d avere qlk proprieta' espressiva non molto lecita

cmq tu dici van lag

Citazione:
Sulla domanda di Mr. Bean, credo che la mente elabori, in base alle proprie conoscenze, gli "input" che riceviamo. Se arrivano degli input completamente nuovi, come quelle che possono esserci in un cambio radicale, la mente è messa a dura prova..... può destabilizzarsi o anche essere sconvolta e sicuramente deve fare un extra-lavoro per riaddattarsi.


e questo nn e' molto diverso da un'analisi neuroscientifica

perke' e' proprio gli input ke va ad analizzare, e questi input li kiama, stimoli visivi, olfattivi, tattili, insomma dei vari organi d senso

una volta dato un nome allo stimolo poi si da un nome alla 'sostanza' ke da' luogo alle successive trasformazioni kimike

mettiamola cosi' per parlare col pc usiamo un linguaggio
ke lui decodifica e passa come informazione attraverso impulsi digitali
mi sa ke sto incasinando d piu'

cmq le neuroscineze ripercorrono tt il tragitto delle sostanze kimike e loro reazioni all'interno dell'organismo per raggiungere le aree cerebrali preposte ad analizzarle, catalogarle, reinviarle alla parte elaboratrice, e reindirizzarle sempre attraverso molecole e sostanze a tt le zone del corpo collegate tra loro da sistemi organici (vene, arterie, (micro e macrocircolazione sanguigna) o attraverso il midollo spinale)

passo a un esempio pratico

il percorso dello stress

in un esempio molto semplificato ma sarebbe da approfondire a ogni parola:

avvertiamo un pericolo (gli organi d senso passano l'informazione)

l'area preposta a identificarlo e' la corteccia cerebrale ke attiva i centri sensori e del ragionamento superiore
la corteccia a questo punto invia delle altre sostanze all'amigdala ke e' una cosina piiiiccola piccola ma rompe tanto tanto
questa produce un ormone di rilascio della corticotropina ke va a stimolare il tronco encefalico,ossia la parte superiore della spina dorsale appena sotto l'encefalo, ad attivare il sistema nervoso simpatico attraverso il midollo spinale
da questo si raggiungone le ghiandole surrenali ke reagiscono producendo adrenalina
in contemporanea vengono rikiamate da altri circuiti a produrre glucocorticoidi
i due ormoni agiscono su muscoli, cuore e polmoni per predisporre il corpo a un adeguata risposta agli stimoli di pericolo(attacco o fuga)

c sarebbe da approfondire molte cose e so d nn saper essere piu' kiara

se avete avuto la pazienza d leggere , (se v e' venuto il mal d testa mi dispiace), spero troviate tutto questo affascinante almeno quanto me
era solo per questo ke mi piaceva parlarne
La_viandante is offline  
Vecchio 29-01-2005, 11.35.44   #12
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Citazione:
Messaggio originale inviato da La_viandante
essere kiara e comprensibile nn e' una delle mie migliori qualita'
almeno a giudicare da quante volte vengo fraintersa o reinterpretata a piacimento .. le statistike mi fanno pensare d avere qlk proprieta' espressiva non molto lecita

cmq tu dici van lag



e questo nn e' molto diverso da un'analisi neuroscientifica

perke' e' proprio gli input ke va ad analizzare, e questi input li kiama, stimoli visivi, olfattivi, tattili, insomma dei vari organi d senso

una volta dato un nome allo stimolo poi si da un nome alla 'sostanza' ke da' luogo alle successive trasformazioni kimike

mettiamola cosi' per parlare col pc usiamo un linguaggio
ke lui decodifica e passa come informazione attraverso impulsi digitali
mi sa ke sto incasinando d piu'

cmq le neuroscineze ripercorrono tt il tragitto delle sostanze kimike e loro reazioni all'interno dell'organismo per raggiungere le aree cerebrali preposte ad analizzarle, catalogarle, reinviarle alla parte elaboratrice, e reindirizzarle sempre attraverso molecole e sostanze a tt le zone del corpo collegate tra loro da sistemi organici (vene, arterie, (micro e macrocircolazione sanguigna) o attraverso il midollo spinale)

passo a un esempio pratico

il percorso dello stress

in un esempio molto semplificato ma sarebbe da approfondire a ogni parola:

avvertiamo un pericolo (gli organi d senso passano l'informazione)

l'area preposta a identificarlo e' la corteccia cerebrale ke attiva i centri sensori e del ragionamento superiore
la corteccia a questo punto invia delle altre sostanze all'amigdala ke e' una cosina piiiiccola piccola ma rompe tanto tanto
questa produce un ormone di rilascio della corticotropina ke va a stimolare il tronco encefalico,ossia la parte superiore della spina dorsale appena sotto l'encefalo, ad attivare il sistema nervoso simpatico attraverso il midollo spinale
da questo si raggiungone le ghiandole surrenali ke reagiscono producendo adrenalina
in contemporanea vengono rikiamate da altri circuiti a produrre glucocorticoidi
i due ormoni agiscono su muscoli, cuore e polmoni per predisporre il corpo a un adeguata risposta agli stimoli di pericolo(attacco o fuga)

c sarebbe da approfondire molte cose e so d nn saper essere piu' kiara

se avete avuto la pazienza d leggere , (se v e' venuto il mal d testa mi dispiace), spero troviate tutto questo affascinante almeno quanto me
era solo per questo ke mi piaceva parlarne

Il funzionamento biologico dell'elaborazione delle percezioni è indubbiamente interessante e ha i suoi campi di applicazione, ma temo che non risponda alla domanda iniziale.

Se, ad esempio, parto per un viaggio per visitare Roma, l'imput percettivo che ricevo è esattamente lo stesso che se mi fossi trasferita a Roma per sempre. Eppure per la mia mente la cosa è davvero molto molto diversa! Così come è diverso se mi sono trasferita perchè lo volevo o per cause di forza maggiore. La mente, insomma, non coincide col cervello.

Prendo l'esempio dello stress. Quello che manca nella tua analisi è la spiegazione di "avvertiamo un pericolo". Gli organi di senso passano l'informazione? Questo vale quando una macchina sta per investirci, se ci imbattiamo in un pericolo fisico e contingente. Eppure noi ci stressiamo per cose che gli organi di senso non percepiscono. Cosa percepiscono di diverso i tuoi organi di senso lungo il tragitto casa università quando stai andando a fare un esame da quando stai andando normalmente a lezione? Eppure lo stress è molto maggiore quando vai a fare un esame, no? In media almeno, ci sono lezioni che ...
Insomma, noi percepiamo come pericolo cose che non ci arrivano dai sensi ma dalla mente stessa.

Questa fatto le neuroscienze non sembrano in grado di spiegarlo. Abbiamo input che non derivano dalla percezione sensoriale.
Ci sono, inoltre, cause di stress per le quali il comportamento di combattimento o fuga cui il progesso che hai sopra descritto ci prepara non è adeguato. C'è, quindi, tutta una parte di immaginazione e di interpretazione del contesto che le neuroscienze non sono ancora pronte ad analizzare.
Per questo l'intelligenza artificiale è ancora un mito. Non finzioniamo come computer.

Questo non toglie nulla al fatto che anche l'aspetto che descrivi sia interessante e che conoscerlo possa servire a capire meglio noi stessi. Dico solo che non è tutto.


Fragola is offline  
Vecchio 29-01-2005, 11.51.18   #13
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
Beh, io ho avuto la pazienza di leggere anche se forse con non molta attenzione, perché un po' mi sono perso tra neuroni e tropine varie. Però ritengo che arrivare in una città per noi nuova e ivi stabilirci siano un po' diverse come impressioni. La novità indubbiamente spiazza. Una volta che abbiamo imparato quali mezzi pubblici utilizzare o quali strade percorrere con un nostro mezzo, tutto diventerà più facile. Forse è proprio l'impatto con la novità a spiazzare la mente, e lo è a maggior ragione, se si tratta di una scelta obbligata.
Mr. Bean is offline  
Vecchio 29-01-2005, 11.51.45   #14
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751
in parte sono d'accordo con quello ke dici, e il discorso sul perke' solo in parte lo riprendo dopo, quando ho piu' tempo
ora volevo solo precisare una cosa

io nn ho la laurea in neuroscienze, quindi quello ke dico nn e' assolutamente da prendere come se fosse detto da un esperto
diciamo ke e' una mia passione ma nn pretendo d essere la voce dell'onniscenza in materia

sikke' volevo dire ke se nn sono esaustiva nn si dovrebbe generalizzare dicendo le neuroscienze nn spiegano questo e quello, ma ke le mie conoscenze in materia nn hanno dato la risposta
e la risposta (anke se in parte l'hanno data e t spieghero' poi perke')

manca solo perke' volevo abbreviare il dioscorso e nn farne una cosa lunghissima e incomprensibile

c sono altri fattori ke entrano in gioco in tt le circostanze

io ad esempio ho vissuto l'esame d maturita' come una passeggiata, perke' erano mesi ke praticavo, con costanza, training autogeno

l'universita' l'ho mollata perke' la sola idea d darlo l'esame mi sconvolgeva al livello d stress

questo esempio lo riprendo piu' tardi ora abbiate pazienza ma mi manca poprio il tempo
La_viandante is offline  
Vecchio 29-01-2005, 12.31.09   #15
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Nemmeno io ho la laurea in neuroscienze, anzi non ho nessuna laurea, ma faccio psicologia e quindi non mi baso solo su quello che dici tu. Qualcosina ho letto E ne ho dedotto che le neuroscienze ancora non spiegano tutto. Magari in futuro lo faranno. Non so. Ho qualche dubbio, ma non lo escludo.
Secondo me in noi c'è qualcosa che non è afferrabile dalla sola biologia. Il che non toglie che l'aspetto biologico sia interessante e importante



Ps. ci torniamo sopra, ti va? A me interessa e ... mai aiuta anche a studiare un argomento che non mi appassionava. La passione è contagiosa

Ultima modifica di Fragola : 29-01-2005 alle ore 12.36.31.
Fragola is offline  
Vecchio 29-01-2005, 14.24.15   #16
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751
mumble mumble

nn so da dove iniziare...

proviamo dalla tua ultima frase frag, quando dici ke

Citazione:
c'è qualcosa che non è afferrabile dalla sola biologia


dal mio punto di vista se quel qualcosa esiste e la biologia nn lo spiega, prima o poi arrivera' a spiegarlo. almeno questa e' la mia predisposizione mentale ma, sia chiaro, nn intendo convincere nessuno

Citazione:
Il funzionamento biologico dell'elaborazione delle percezioni è indubbiamente interessante e ha i suoi campi di applicazione, ma temo che non risponda alla domanda iniziale.


e qui sono d'accordo in parte perke' parziale e' quello ke ho detto nel senso ke ho usato un esempio (il percorso dello stress) ke nn voleva essere la spiegazione d come agisce la mente davanti a situazioni nuove cioe' nn come risposta al topic, ma come introduzione al piu' ampio discorso ke sarei andata a fare dopo, in caso d approfondimento, avevo gia' premesso infatti ke ogni frase e ogni parola era solo l'inizio d discorsi molto piu' approfonditi

ma in parte va a rispondere al topic, perke' ogni percezione e' uno stressor, (forse lo sto usando impropriamente) nel senso ke e' un agente ke attiva tutta una serie d mecanismi (tra i quali uno e' quello dell'esempio) al fine d permettere all'organismo d reagire al meglio
detto questo, anke un virus ha la stessa azione della percezione, ma interessa aree diverse
il fine ultimo di questi circuiti e' sempre quello d preparare l'organismo alla migliore reazione
naturalmente molti di questi stress sono positivi e quotidiani
senza una minima dose d stress nn c alzeremmo dal letto per fare nulla
ma la stessa cosa potrebbe avvenire con un surplus di stimolazione
come puo' essere quella d un cambiamento radicale
(per i suddetti motivi,(scusa mr.bean, ma devo perforza nominare corticotropina e glucocorticoidi e tanti tanti altri ancora, pero' te kiamali ormoni, sostanze, in fondo nn cambia molto se nn hai la curiosita' spasmodica ke ho io, il senso e' quello) possono avere luogo continue sollecitazioni a produrre piu' adrenalina, ke riandra' a stimolare insieme alla corticotropina indovinate cosa? cuore, polmoni, muscoli, e cosi' ad ogni situazione nuova ke c si propone davanti, fino a causare, ad es. la tachicardia)
dico potrebbe perke' e' auspicabile ke cio' nn avvenga, e cioe' ke invece la risposta dell'organismo sia adeguata e l'eventuale gestione della nuova situazione si risolva nel modo piu' ottimale
La_viandante is offline  
Vecchio 29-01-2005, 21.12.06   #17
uranio
Ospite abituale
 
L'avatar di uranio
 
Data registrazione: 22-10-2004
Messaggi: 470
Re: cosa accade nella mente?

Citazione:
Messaggio originale inviato da Mr. Bean
Cosa accade nella mente umana, quando si è costretti ad un cambiamento radicale della propria vita? Penso, per esempio ad un trasferimento di lavoro o ad un incidente che paralizza le gambe o anche tutto il corpo. Secondo voi?

Non possiamo saperlo finchè non ci troviamo in tale situazione. Mia sorella è stata investita gravente l'avevano data per spacciata, oggi sta iniziando a ricamminare. Il giorno in cui mi hanno detto che era difficile la sua sovravvivenza, io mi chiesi dentro di me cosa avrei voluto fare io al suo posto, mi risposi che era meglio morire pur di vivere in brutte condizioni. Lei ce l'ha fatta, non so come, forse con la forza di volontà di vivere!!!!!!!Ancora me lo chiedo oggi , e non so darmi più una risposta, certamente la paura è la prima cosa che sentiamo, ma poi cosa elaborerà il ns cervello ??.......
uranio is offline  
Vecchio 30-01-2005, 17.17.46   #18
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
uranio, così facendo (cioè interessandoci al futuro) perdiamo di vista il presente con i pro e i contro.
Mr. Bean is offline  
Vecchio 01-02-2005, 20.08.45   #19
uranio
Ospite abituale
 
L'avatar di uranio
 
Data registrazione: 22-10-2004
Messaggi: 470
Citazione:
Messaggio originale inviato da Mr. Bean
uranio, così facendo (cioè interessandoci al futuro) perdiamo di vista il presente con i pro e i contro.

Ma se il presente è catastrofico, non ti viene spontaneo di pensare al futuro? E' bello vivere alla giornata, ma una volta finita non pensi al domani?
uranio is offline  
Vecchio 01-02-2005, 21.33.07   #20
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
Non sappiamo nemmeno se esista un domani. Dovremmo vivere sempre come se fosse l'ultimo giorno della nostra vita, solo che la mente non ci riesce, e noi siamo nei guai per causa sua....
Mr. Bean is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it