Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 23-11-2002, 10.17.24   #51
firenze
Ospite abituale
 
L'avatar di firenze
 
Data registrazione: 28-04-2002
Messaggi: 341
per acqua tonica

Ti rispondo incollandoti qui sotto ciò che ho scritto a Lukra e Diestop.

Per conoscere e così rivelare a se stessi ciò che il proprio animo nasconde all'eccelsa e sublime mente umana, innanzitutto dobbiamo conoscere il mezzo per farlo. Il mezzo è la meditazione. Chi non la conosce e la pratica resta limitato nel perimetro del proprio mentale razionale. Conoscere la parte nascosta di se stessi significa accedere alla parte irrazionale del cervello, oggi assopita nella quasi totalità della gente che cammina su questo pianeta, parte che se sviluppata apre l'accesso all'intuito, alla veggenza, alla premonizione, ai viaggi astrali, ecc., in sintesi alla parte extrasensoriale, quella parte che come dice la parola stessa va oltre alla percezione sensoriale.

Cari amici miei, a questo punto devo spezzare una lancia a vostro favore. Poichè questa realtà resta interiore e non proponibile in massa, come potrebe essere ad esempio per una dimostrazione di una scoperta scientifica. Per questo semplice motivo, ecco che è facile cadere nella speculazione da parte di esseri senza scrupoli che ne fanno un modo disonesto per guadagnare denaro alle spalle degli sciocchi e creduloni. Voi fate benissimo a dubitare. Il saggio dubita, lo sciocco afferma.

Se volete però toccare con mano ciò che vi ho detto oggi in grande sintesi, dovete imparare la meditazione, praticarla con continuità, alchè sono sicuro che qualcosa di totalmente llogico al vostro pensare succederà.

OK???

firenze is offline  
Vecchio 04-12-2003, 14.27.31   #52
Pierrot lunaire
Ospite abituale
 
L'avatar di Pierrot lunaire
 
Data registrazione: 09-10-2003
Messaggi: 48
strano come certi pensieri ritornino, inavvertiti, quando credevi di averli superati...
T'invitano a fare l'inventario di te stesso, del senso e non-senso di questo mondo, e scopri un filo esilissimo a legarti alla vita...
Un velo sottile...
Pierrot lunaire is offline  
Vecchio 04-12-2003, 19.27.28   #53
sarpina
luna e terra
 
L'avatar di sarpina
 
Data registrazione: 22-11-2003
Messaggi: 148
Fino a sabato scorso vi avrei detto che per me il suicidio era semplicemente fuggire i propri problemi, non avere il coraggio di stare al mondo, non prendersi le prorpie responsabilità, non sopportare le difficoltà della vita.Poi ho visto cosa vuol dire suicidio (se avete tempo andate a vedere il mio post "non buttarti", in questa sezione, e capirete meglio).Così ho dovuto rivedere tutto il mio pensiero.Quello che mi spaventa è che , come scriveva q.cuno, il suicidio è un atto molto personale.IO posso dire che non mi suiciderei (adesso perlomeno, in futuro non so...), ma perchè è la mia vita che lì, chiara e lampante, mi dice che non ne ho ragione.Poi ho la mia fede, per quanto possa sembrare inutile a tutti gli atei del forum, quindi ho fiducia che le cose vadano bene, ho il coraggio di dire che non ce la faccio se non ce la faccio, e ho fiducia in un aiuto.Ma chi non ha questo, e vede le sue speranze distrutte dalla sua stessa vita, come fa?Fa ancora così male a decidere di uccidersi?Mi verrebbe da dire di no, eppure qualcosa ancora mi trattiene, e se non lo si vuole chiamare fiducia in Dio, lo si chiami fiducia nella vita stessa, per quanto orrenda possa essere, lo si chiami desiderio di esserci, di sperare e di sentire...forse questo legame con la vita è molto labile...forse in qualcuno è quasi annullato, forse hanno ragione a dirti che la vita è la loro, e tu non c'entri e non sai niente.Ma spero che anche in loro resti qualcosa che li tenga legati alla vita, anche se non so convincerli.Forse se si desse un po' più di fiducia alla vita saprebbe stupirci...boh, non mi permetto più di giudicare, ma penso che se chi pensa al suicidio, avesse la forza di illudersi, la follia di credere ancora nella vita, forse vedrebbe le cose in modo diverso,forse allora anche la sua vita stessa cambierebbe, e il suicidio sarebbe l'ultima prospettiva.
Scusate il post pseudolacrimoso, ma ho in mente ogni minuto quello che mi è successo sabato.E non riuscire a convincere una persona a vivere è stata la cosa più traumatica che mi sia successa finora.
ciao.
sarpina is offline  
Vecchio 04-12-2003, 23.40.24   #54
urlo dolceamaro
Ospite
 
L'avatar di urlo dolceamaro
 
Data registrazione: 11-11-2003
Messaggi: 3
Unhappy

ciao a tutti..leggo divoro e scoro velocemente i vs messaggi..
ma una cosa vi domando? qualcuno almeno uno di voi ha provato cosa vuol dire essere sull'atto del suicidio?? essere li presenti e coscienti che qualche secondo dopo non sei, non ci sei piu, o perlomeno non seo pou' il conoscibile che ti ha reso vivo...
cavolo.. molti discorsi.. dibattiiti.. ma dico io.. nessuno di voi si è trovato con la lametta in mano a 3 mm dal polso e pensare zac.. e via??
nessuno ha mai pensato, viaggiando in auto, di accelerare schiacciare a chiodo l'acceleratore della macchina puntando al guard rail?? e il colmo lasciando prima un testamento che al tuo funerale ci fosse solo la canzone "unforgiven" e che tu fossi cremata e gettare le ceneri nell'oceano che amavi??
c..-zo provatele certe sensazioni.... arrivare come?' io non credo che il suicidio sia una scelta di coraggio e tantomeno di codardia.. è solo volere porre fine (come dice dd) a una commedia... si la commedia della propria vita fisica.. se mai ci sarà una spirituale chi lo sa.. nessuno lo sa fino a che è qua.. quando sarà la lo potrà sapere..suicidio è la fine delle cose in cui hai creduto.. la fine delle tue illusioni.. la fine di cio' che volevi dalla vita.. non te ne frega un caz..o se gli altri hanno vite migliori.. se hanno combattuto pou' di te.. hanno piu' voglia di lottare.. caparbietà di continuare.. quando ad un certo punto.. dal tuo io.. tutto ti scoppia. nonti basta.. non pensi nemmeno al raffronto con gli altri.. pensi.. che il suicidio sia la nuova strada o meglio l'unica ineluttabile soluzione alla tua strada...una sorta di casello a pagamento dove il pedaggio è tirare l'ultimo respiro... perchè ti schifa respirare ancora la stessa aria di sempre... sentire il solito ritmico e monotono rintocco del tempo...
a nessuno dai la colpa.. e nessuno vorresti che si sentisse in colpa... sei solo tu.. solo e semplicemente tu l'attore e lo spettatore del tuo suicidio..quasi la soddisfazione piu' intima dei propri desideri...
sono incapibile.. lo so.. ma sono solo una sopravvissuta.. per ora!

urlo dolceamaro is offline  
Vecchio 05-12-2003, 02.06.35   #55
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
Wink X urlo dolceamaro.

Messaggio originale inviato da urlo dolceamaro
Citazione:
...io non credo che il suicidio sia una scelta di coraggio e tantomeno di codardia.. è solo volere porre fine (come dice dd) a una commedia... si la commedia della propria vita fisica..

Ciao,
vedi..., io credo che nella commedia tu sia uno degli attori, e questo non lo puoi negare...se il tuo ruolo non ti piace, puoi sempre cambiarlo...nessuno ti obbliga ad essere ciò che non sei...il fatto che vedi la commedia intorno a te, è già un passo avanti...è l'inizio di un distacco dal copione...non sei più solo attore inconsapevole, ma attore che può divenire regista della stessa scena....sei tu che puoi scegliere la tua parte.....quella che più si avvicina Te, a quello che senti dentro,....non sei un attore costretto ad intrpretare una parte....non ti licenzia nessuno...il bello è proprio questo, che tu puoi scegliere che ruolo avere nella stessa commedia, puoi scegliere di fare il cameraman, di fare il primo o secondo attore, di essere il regista,...la Vita è un'immenso abbozzo di copione, sei tu che, a tua discrezione scegli e scrivi la tua parte...basta guardarsi intorno per vedere quanto c'è di bello fuori dal copione che hai sempre interpretato....perchè privarsi di tutta quella bellezza?...la puoi vedere nella tua fantasia...nel momento in cui immagini la tua parte...l'hai vista?....ora, se è veramente quello che vuoi, la puoi raggiungere...ma guardala con te stesso, non con l'attore c'è il te....secondo me vale la pena avvicinarsi a tutte quelle bellezze....alle quali gioie si rinuncia con il suicidio, sentendo di non farcela a cambiare le cose....non devi pensare di cambiare gli altri attori.....la scena nella sua complessità è bella.......sono gli attori che interpretano male il loro copione e solo loro possono cambiarlo.....quindi devi sprecare energie inutilmente cercando di farlo....cerca prima di cambiare la tua parte....non privarti di tutto quello che senti di bello dentro...

Citazione:
...la fine delle tue illusioni...la fine di cio' che volevi dalla vita.. non te ne frega un caz..o se gli altri hanno vite migliori.. se hanno combattuto pou' di te.. hanno piu' voglia di lottare.. caparbietà di continuare.. quando ad un certo punto.. dal tuo io.. tutto ti scoppia. nonti basta.. non pensi nemmeno al raffronto con gli altri.. pensi.. che il suicidio sia la nuova strada o meglio l'unica ineluttabile soluzione alla tua strada...a nessuno dai la colpa.. e nessuno vorresti che si sentisse in colpa... sei solo tu.. solo e semplicemente tu l'attore e lo spettatore del tuo suicidio..quasi la soddisfazione piu' intima dei propri desideri...

Lo vedi che una parte di te vorrebbe cambiare il ruolo che hai interpretato?.....fallo.....ca mbia....non aspettare che gli altri ti indichino la via....non aspettare che gli altri ti seguano....scrivi il tuo copione con la parte di te che ancora sta male....solo tuo puoi cambiare le cose.... solo tu puoi far star bene quella parte....solo tu puoi farcela...ma devi rinunciare al ruolo che hai avuto fin'ora, a tutto ciò che hai scritto...a tutto ciò che quelle che consideri illusioni ti hanno portato...in questo modo ce la farai sicuramente...questo non significa che devi stravolgere la tua vita...devi solo cambiare telecamera ...e vedere più chiaramente ciò che realmente Vuoi, attraverso la parte che sta male...ma attenta a pulire bene l'obbiettivo, portebbe essere impolverato......

Citazione:
sono incapibile.. lo so.. ma sono solo una sopravvissuta.. per ora!

....e lo sarai ancora....riscrivendo il tuo copione....e vedrai che riuscirai a vedere il bello anche dove ora, forse, non lo vedi....

Ciao, Marco .

Ultima modifica di Marco_532 : 05-12-2003 alle ore 02.08.43.
Marco_532 is offline  
Vecchio 05-12-2003, 08.16.01   #56
urlo dolceamaro
Ospite
 
L'avatar di urlo dolceamaro
 
Data registrazione: 11-11-2003
Messaggi: 3
x marco


urlo dolceamaro is offline  
Vecchio 05-12-2003, 09.43.11   #57
Pierrot lunaire
Ospite abituale
 
L'avatar di Pierrot lunaire
 
Data registrazione: 09-10-2003
Messaggi: 48
Sì, cara 'Urlo'... so cosa vuoi dire...

Un abbraccio da un altro sopravvissuto

Pierrot lunaire is offline  
Vecchio 05-12-2003, 17.50.16   #58
Zarathustra83
Ospite
 
L'avatar di Zarathustra83
 
Data registrazione: 05-12-2003
Messaggi: 24
Di fronte alla crudeltà della vita...

Come Nietzsche afferma nel suo "così palò Zarathustra2 : Di fronte alla crudeltà della vita bisogna essere più crudeli!
la vita è tragedia ma bisogna accettarla per quello che è e poi perchè abbattersi? W la vita, anche se essa dà poche gioie e molti dolori!!!
Zarathustra83 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it