Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 26-03-2007, 09.34.27   #1
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
non se ne parla, ma l'inferno esiste...

«Il vero nostro nemico - ha spiegato il Papa commentando la parabola dell'adultera - è l'attaccamento al peccato che può condurci al fallimento della nostra esistenza».
«Solo il perdono divino - ha aggiunto - ci dà la forza di resistere al male e non peccare più. Dio è giustizia ed è soprattutto amore, odia il peccato ma ama ogni persona umana, ognuno di noi e il suo amore è tanto grande da non lasciarsi scoraggiare da nessun rifiuto».

Secondo Papa Ratzinger, il modello da seguire è «l'atteggiamento di Gesù e a fare dell'amore e del perdono il cuore pulsante della vita seguendo il sentiero del Vangelo senza esitazione e senza compromessi».


quotidiano.net 26.3,07
klee is offline  
Vecchio 26-03-2007, 10.09.54   #2
freedom
Moderatore
 
L'avatar di freedom
 
Data registrazione: 16-10-2003
Messaggi: 1,503
Riferimento: non se ne parla, ma l'inferno esiste...

Citazione:
Originalmente inviato da klee
«Il vero nostro nemico - ha spiegato il Papa commentando la parabola dell'adultera - è l'attaccamento al peccato che può condurci al fallimento della nostra esistenza».
«Solo il perdono divino - ha aggiunto - ci dà la forza di resistere al male e non peccare più. Dio è giustizia ed è soprattutto amore, odia il peccato ma ama ogni persona umana, ognuno di noi e il suo amore è tanto grande da non lasciarsi scoraggiare da nessun rifiuto».

Secondo Papa Ratzinger, il modello da seguire è «l'atteggiamento di Gesù e a fare dell'amore e del perdono il cuore pulsante della vita seguendo il sentiero del Vangelo senza esitazione e senza compromessi».


quotidiano.net 26.3,07
Sono d'accordo.

Mi manda un pò in crisi (Benedetto XVI) quando afferma che i non credenti andranno tutti all'inferno................... ..

Adesso chi glielo dice ai miei colleghi (non credenti) e a tutti i non credenti che conosco?
freedom is offline  
Vecchio 26-03-2007, 11.27.22   #3
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Questa è saggezza... altro che inferno!

Non sarebbe ora di finirla di seminare paure e sensi colpa, che non servono a niente e non fanno bene a noi stessi ed agli altri? Non sarebbe meglio crescere un pò di più, anche spiritualmente? Per me possibile, se usciamo dal gregge e intraprendiamo una libera ricerca. Gli esempi di individui liberati non mancano. U.G. Krishnamurti, che ci ha appena lasciati insegna. Della paura dell'inferno non sapeva che farsene. Ora sarà nel Paradiso dei Risvegliati, come lo è stato in Vita.

°°°°

"La mia idea di paradiso non è lontana dalla terra. Il paradiso è qui – tu devi soltanto sapere come viverci.
E anche l’inferno è qui, e questo sai benissimo come viverlo.
Si tratta solo di cambiare la tua prospettiva, il tuo approccio nei confronti della vita.
La terra è bellissima. Se inizi a vivere la sua bellezza, a goderti le sue gioie senza sensi di colpa nel cuore, sei in paradiso.
Se condanni tutto, ogni più piccola gioia, se diventi uno che condanna, uno che avvelena, la stessa terra diventa un inferno, ma solo per te.

Dipende da te dove vivere, è questione di una tua trasformazione interiore. Non è un cambio di posto, è un cambio di spazio interiore. Vivi gioiosamente, senza sensi di colpa, vivi totalmente, vivi intensamente. E allora il paradiso non sarà più un concetto metafisico, sarà la tua esperienza personale."


Osho - The Book of Wisdom #11, qn 4 -


Ultima modifica di Mirror : 26-03-2007 alle ore 11.45.59.
Mirror is offline  
Vecchio 26-03-2007, 15.33.15   #4
Lupo78
Ospite
 
Data registrazione: 26-02-2007
Messaggi: 36
Riferimento: non se ne parla, ma l'inferno esiste...

Citazione:
Originalmente inviato da freedom
Sono d'accordo.

Mi manda un pò in crisi (Benedetto XVI) quando afferma che i non credenti andranno tutti all'inferno................... ..

Adesso chi glielo dice ai miei colleghi (non credenti) e a tutti i non credenti che conosco?

Non i " non credenti " in assoluto andranno all'inferno ma soltanto coloro che una volta abbracciata la fede cristiana la rinnegheranno. Questo è quello che dice la Chiesa, non si può infatti pensare che milioni di persone quali musulmani, buddisti, induisti ecc. finiscano all'inferno. Verranno infatti premiati coloro che pur non conoscendo Cristo si comporteranno in maniera " degna ", mentre coloro i quali avendo la possibilità di conoscere Cristo non lo riconosceranno finiranno, secondo quanto dice la Chiesa, all'inferno.
Questo è quello che so.
Lupo78 is offline  
Vecchio 26-03-2007, 15.36.19   #5
Lucio P.
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-02-2007
Messaggi: 274
Riferimento: Questa è saggezza... altro che inferno!

Citazione:
Originalmente inviato da Mirror
Non sarebbe ora di finirla di seminare paure e sensi colpa, che non servono a niente e non fanno bene a noi stessi ed agli altri? Non sarebbe meglio crescere un pò di più, anche spiritualmente? Per me possibile, se usciamo dal gregge e intraprendiamo una libera ricerca. Gli esempi di individui liberati non mancano. U.G. Krishnamurti, che ci ha appena lasciati insegna. Della paura dell'inferno non sapeva che farsene. Ora sarà nel Paradiso dei Risvegliati, come lo è stato in Vita.

°°°°

"La mia idea di paradiso non è lontana dalla terra. Il paradiso è qui – tu devi soltanto sapere come viverci.
E anche l’inferno è qui, e questo sai benissimo come viverlo.
Si tratta solo di cambiare la tua prospettiva, il tuo approccio nei confronti della vita.
La terra è bellissima. Se inizi a vivere la sua bellezza, a goderti le sue gioie senza sensi di colpa nel cuore, sei in paradiso.
Se condanni tutto, ogni più piccola gioia, se diventi uno che condanna, uno che avvelena, la stessa terra diventa un inferno, ma solo per te.

Dipende da te dove vivere, è questione di una tua trasformazione interiore. Non è un cambio di posto, è un cambio di spazio interiore. Vivi gioiosamente, senza sensi di colpa, vivi totalmente, vivi intensamente. E allora il paradiso non sarà più un concetto metafisico, sarà la tua esperienza personale."


Osho - The Book of Wisdom #11, qn 4 -




Ciao Mirror, è ovvio che quanto affermi derivi da tue convinzioni personali basate su non so quali fondamenti, fatto stà che l'insegnamento tramandatoci dagli scritti che noi cristiani riteniamo essere sacri dicono il contrario.
Dici bene che non si deve spaventare nessuno, ma non è affatto questo che i cristiani vogliono. La Bibbia insegna che l'inferno esiste e fu creato per satana e i suoi angeli, ciò non di meno, tutti coloro che rifiutano la salvezza per grazia in Cristo, finiranno per loro scelta in questo luogo Che è comunque l'allontanamento da Dio "già questo è inferno". Inoltre ho già avuto modo di asserire in questo forum che questo inferno che tanto rifiutiamo in realtà è l'inganno più grande che satana abbia mai perpetrato ai danni dell'uomo. Anche qui, è solo una questione di credere in ciò che si vuole.

Ciao Lucio
Lucio P. is offline  
Vecchio 26-03-2007, 15.40.17   #6
ricercatore
Ospite
 
Data registrazione: 26-09-2006
Messaggi: 30
Riferimento: non se ne parla, ma l'inferno esiste...

Citazione:
Originalmente inviato da klee
«Il vero nostro nemico - ha spiegato il Papa commentando la parabola dell'adultera - è l'attaccamento al peccato che può condurci al fallimento della nostra esistenza».
«Solo il perdono divino - ha aggiunto - ci dà la forza di resistere al male e non peccare più. Dio è giustizia ed è soprattutto amore, odia il peccato ma ama ogni persona umana, ognuno di noi e il suo amore è tanto grande da non lasciarsi scoraggiare da nessun rifiuto».

Secondo Papa Ratzinger, il modello da seguire è «l'atteggiamento di Gesù e a fare dell'amore e del perdono il cuore pulsante della vita seguendo il sentiero del Vangelo senza esitazione e senza compromessi».


quotidiano.net 26.3,07

Anzitutto non esiste il peccato, così come viene inteso ed insegnato dalla chiesa. Esistono solo pensieri ed amozioni negativi e positivi che costituiscono il cd karma. Tale karma è registrato nel nostro DNA e lo abbiamo in parte creato noi stessi in questa vita ed in larga parte ereditato dai nostri antenati. Il karma positivo (fatto di pensieri di amore, virtù, bontà, ecc) non dobbiamo scioglierlo, bensì viverlo pienamente.
Il karma negativo invece, fatto da pensieri limitanti (per lo più inconsci), quando emerge ci attira quelle esperienze che dobbiamo viverci per comprendere chi e cosa siamo, cioè quali sono i relativi pensieri ed emozioni che ci hanno attirato quelle esperienze per poi trascenderli e trasmutarli tramite la nostra volontà (o intento).
Detto questo veniamo alla questione "Inferno e Paradiso".
Oggi praticamente tutti gli esseri umani viventi sulla Terra hanno un grosso karma negativo (chi più chi meno) da sciogliere. Il karma negativo si può scioglierlo riconoscendolo per tempo, prima che si manifesti sul piano fisico ( e questo richiede un livello di consapevolezza piuttosto elevato, che pochissime persone hanno oggi); oppure lo si scioglie vivendolo sulla propria pelle, ma anche in quest'ultimo caso può capitare (anzi capita il più delle volte) che chi lo vive non riesca a comprenderlo e quindi a scioglierlo. In tal caso la Vita ce lo ripropone in forma sempre più dura finché non riusciamo a scioglierlo e se non ci riusciamo, il nostro spirito abbandona la nostra forma in quanto questa non è in grado di apprendere la lezione della vita.
E' il karma negativo che quando emerge ci crea l'inferno, attraverso la sofferenza in generale.
In particolare in questi tempi di intensa purificazione, sia della Terra sia di tutte le specie che vi dimorano (inclusi gli umani), stiamo vivendo veramente una vita d'inferno (sia individualmente che collettivamente) in proporzione al nostro karma negativo. Quanto più il nostro karma negativo è grande, e più il nostro livello evolutivo è basso, tanto più saremo soggetti a soffrire.
Tutto questo lo ha stabilito il nostro Spirito che si è incarnato nella nostra forma. Ovviamente la sofferenza la sente anche lui.
Man mano che la Terra, gli esseri umani, gli animali e la Natura si purificano, la sofferenza diminuisce e quando avremo tutti sciolto il nostro karma negativo, allora automaticamente sarà sceso sulla Terra il Regno di Dio, promesso da Gesù, cioè il Paradiso.

Domanda: che fine fanno le Anime (Spiriti) quando lasciano la forma? Le anime sono eterne e quando lasciano la forma se ne trornano sui Piani di Puce dove continuano la loro evoluzione. L'incarnazione in un corpo fisico serve alle anime per comprendere (nell'esperienza materiale, vivendo l'emozione) quello che non sono riuscite a comprendere sui Piani di Luce.
Può esistere l'Inferno permanente? SI!
Recentemente è entrata in vigore di recente, con l'incarnazione di Dio sulla Terra, la LEGGE PENALE, detta anche "legge del non ritorno". Indica che nello spazio-tempo oltre un certo livello di giudizio manifestato si verrà condannati ad una pena.
In altre parole, la Legge penale rappresenta l'applicazione del Giudizio finale di Dio.

Fonte: www.ascensione.com
ricercatore is offline  
Vecchio 26-03-2007, 16.29.15   #7
turaz
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-11-2005
Messaggi: 3,250
Riferimento: non se ne parla, ma l'inferno esiste...

la prima parte di quanto scritto da ricercatore la trovo molto affine alla mia esperienza vissuta.

La seconda parte non essendo vissuta al momento non mi interessa conoscerla
turaz is offline  
Vecchio 26-03-2007, 17.40.57   #8
Il Cavallo Bianco
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-03-2007
Messaggi: 74
Riferimento: non se ne parla, ma l'inferno esiste...

La dottrina della dannazione eterna viene dal satanico, ispirata dal demone nella storia e non dal Dio dell'Amore e dal Cristo ,chi crede che il Dio dell'Amore perfetto castighi un suo figlio per l'eternità è un in vicolo cieco e coloro che insegnano tale dottrina ( Il clero) sono ciechi asserviti al satanico e che guidano altri ciechi perchè non pensano con la loro testa ma con la testa del clero.Il clero insegna la paura e il terrore per avere potere sulle masse degli uomini è sempre stato così. Ogni dittatura crea queste condizioni mentali di paura per asservire le masse.In verità se esistesse veramente un luogo chiamato inferno creato da Dio ci dovrebberò andare per primi tutti coloro che hanno ucciso e lucrato sul nome di Cristo e che hanno insegnato un dio crudele che manda per l'eternità in un inferno: il clero.
Non esiste un luogo chiamato inferno creato da Dio ma è contemplato per i peccatori un perido di riparazione per le anime che si sono incolpate sia sulla terra,magari nelle prossime vite(Reincarnazione)che nei regni delle anime ( mondi astrali).

Non cadete nell'inganno e nella paura perchè Dio è amore e misericordia!!!!, Solo il dio degli inferi desiderà far credere ad un'inferno eterno per potere creare paura agli uomini e così dominarli tramite il clero.

La verità in Cristo rende liberi!

Un fraterno saluto nel Cristo.
Il Cavallo Bianco is offline  
Vecchio 26-03-2007, 18.08.23   #9
Lucio P.
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-02-2007
Messaggi: 274
Riferimento: non se ne parla, ma l'inferno esiste...

Citazione:
Originalmente inviato da ricercatore
Anzitutto non esiste il peccato, così come viene inteso ed insegnato dalla chiesa. Esistono solo pensieri ed amozioni negativi e positivi che costituiscono il cd karma. Tale karma è registrato nel nostro DNA e lo abbiamo in parte creato noi stessi in questa vita ed in larga parte ereditato dai nostri antenati.



Ciao ricercatore, "Anzitutto non esiste il peccato, così come viene inteso ed insegnato dalla chiesa."


Non capisco come fai ad essere così categorico a tal proposito, affermando quello che dici "non esiste peccato" dando poi a questa parola un contorno tutto particolare che evidentemente racchiude il pensiero certamente non tuo ma che proviene da religioni non cristiane. Se tu avessi asserito il peccato secondo il mio modo di vedere è..... non ci sarebbe nulla di male, ma rigettare completamente il pensiero cristiano a tal riguardo, a prò dei pensieri altrui, preclude il fatto che devi dimostrare quanto dici attraverso scritture storiche le quali racchiudono tale pensiero. Non solo del cristianesimo o cattolicesimo ma, anche e soprattutto dimostrabili concettualmente. Quando affermi a proposito di pensieri "negativi e positivi" non provengono forse essi dalla nostra coscienza "bene e male?"
Detto in breve il peccato secondo il pensiero cristiano è prorpio quello di trasgressione, di cosa?
Trasgressione a quella vocina della tua coscienza che puntualmente ti richiama quando stai facendo sia male che bene. Questa coscienza vige nell'uomo creato da Dio. Potrei ncora aggiungere che "peccato" è trasgressione della legge di Dio data all'uomo.

Ciao Lucio
Lucio P. is offline  
Vecchio 26-03-2007, 19.44.54   #10
massylety
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 30-10-2006
Messaggi: 370
Riferimento: non se ne parla, ma l'inferno esiste...

Citazione:
Originalmente inviato da Lupo78
Non i " non credenti " in assoluto andranno all'inferno ma soltanto coloro che una volta abbracciata la fede cristiana la rinnegheranno. Questo è quello che dice la Chiesa, non si può infatti pensare che milioni di persone quali musulmani, buddisti, induisti ecc. finiscano all'inferno. Verranno infatti premiati coloro che pur non conoscendo Cristo si comporteranno in maniera " degna ", mentre coloro i quali avendo la possibilità di conoscere Cristo non lo riconosceranno finiranno, secondo quanto dice la Chiesa, all'inferno.
Questo è quello che so.


Ciao Lupo, mi sa che sai bene, allora perche' hai centrato il nocciolo di un lungo discorso gia' intrapreso da Johannes, da Me e da Letizia.
I Cristiani tutti che non riconoscono Cristo e lo rifiutano nella vita, se ne allontanano e quindi inevitabilmente lontani da Cristo i piu' scelgono il peccato inevitabilmente, poiche' non riconoscendo piu' il Creatore nemmeno credono alle Sue Leggi e cosi' per questi cari fratelli il rischio aumenta sempre di piu'.
Ma tra questi non siamo esclusi nemmeno noi...dipende cosa e Chi vogliamo scegliere nella nostra vita.
Aggiungo anche che i Cattolici non sono meglio dei Cristiani di ogni professione, quindi siamo tutti responsabili di quello che facciamo e di dove andremo.
massylety is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it