Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 20-12-2007, 01.05.38   #41
Uno
ospite sporadico
 
Data registrazione: 05-01-2004
Messaggi: 2,103
Riferimento: Quanto condiziona il ritmo della quotidianeità, la consapevolezza?

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Chi si lamenta delle torture nei campi di concentramento… Il corpo o la mente? Chi sa che essere senza la vista è un “minus” Il corpo o la mente?

Il corpo non lo sa e non lo dice…. L’unica cosa che gli interessa è sopravvivere e per fare quello è equipaggiato di una conoscenza vecchia di milioni di anni. I problemi sono tutti della mente.

Quando c’è una reale situazione di pericolo la mente non c’è…. C’è solo il corpo che cerca di gestire quella situazione. Questo è sperimentabile ad esempio negli incidenti gravi quando veniamo travolti dagli eventi e tutta la nostra conoscenza non ci serve.

Gli antichi romani e tutti le antichi tradizione fondate sul controllo corporeo vanno indietro di poco: L’uomo esiste sul pianeta da un tempo pari ad almeno cinque volte la storia scritta. Perché non aveva ancora sviluppato le peculiarità della mente come le conosciamo oggi non era forse un uomo?
Un bambino piccolissimo o un vecchio malato di alzhimer sono già/ancora uomini o sono uomini solo finché hanno una mente funzionante?

Sull’oggettività di quanto dico non posso portare prove, d’altro canto tu sei libero di dire che ciò da me citato è errato….. puoi anche dire di peggio purché ti limiti a ciò che dico.

Grazie per la collaborazione.


La mente non è il cervello, la mente non è il pensiero comune che siamo abituati a credere nostro, quando in situazioni di pericolo o di dolore il corpo stacca la spina, stacca i contatti neurologici (in parte) blocca le informazioni di dolore e per far questo anche altri contatti sensori. La mente però è ancora attiva altrimenti il corpo senza in-forma-zione cadrebbe senza vita e tempi tecnici rispettati si decomporrebbe. Quando dico corpo mente intendo che ogni cellula del corpo ha una sua intelligenza, quell'intelligenza che la fa interagire con le cellule vicine, quell'intelligenza che presa complessivamente (e qualcos'altro che evito ora) è la mente.
Questo tipo di mente è presente in tutto, cambia poi il grado evolutivo, la possibilità di interagire con l'ambiente circostante etc
Dove si organizzerebbe altrimenti la conoscenza che permette al corpo di sopravvivere?
Non a caso sopra ho scritto che in certe situazioni la mente si estranea dalla realtà, non ho scritto che sparisce, spariscono i pensieri, in casi estremi sparisce il dolore, si mette in standby una bella fetta di neurotrasmettitori, ma la mente è quella che continua a dare ordini al corpo perchè se viene frustato si ranicchi, se sta per fare un frontale cerchi di proteggersi con le braccia. E il corpo fa sapere a questa mente "più bassa" che ha bisogno di tali cose perchè lei sopravviva.
Cambiamo punto di vista.
Mangiare più del necessario, ok è la mente che frega il corpo, ma come fa la mente a imparare a desiderare quel cibo in eccesso, oppure se si alza il metabolismo perchè la mente calma il desiderio?
Le due cose sono strettamente correlate, la mente influisce sul corpo, ma il corpo influisce sulla mente, e visto che in caso di necessità la mente si stacca per prima, è il corpo che influisce leggermente di più sulla mente.... a meno che uno sappia mantenere accesa la mente anche in situazioni estreme.

------------------------------------------------------

Io ho sempre parlato di ciò che tu hai detto, mi sono permesso affettuosa amicizia solo nei saluti, se questo è motivo di incomprensione eviterò, ma... ne parlo nell'apposito 3d.

Uno is offline  
Vecchio 20-12-2007, 01.43.16   #42
Uno
ospite sporadico
 
Data registrazione: 05-01-2004
Messaggi: 2,103
Riferimento: Quanto condiziona il ritmo della quotidianeità, la consapevolezza?

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Esiste ,è vero, un "corpo primordiale" a cu fa riferimento Vanlag,e che indica lo "Stato naturale" di UG, ma che presuppone per esserci,l'assenza di ego.
Allora ,solo allora,nell'ascolto puro del corpo senza identificazioni,tutte le risposte sono li nella domanda stessa.

Si se si sta sdraiati però....
In ogni caso proviamo a fare un elettroencefalogramma a questo corpo nello stato naturale... e ripeto, mente e cervello non sono la stessa cosa.
Uno is offline  
Vecchio 20-12-2007, 09.38.59   #43
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
Riferimento: Quanto condiziona il ritmo della quotidianeità, la consapevolezza?

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Il corpo è un estenzione della mente,ne contiene i pensieri,i ricordi,le tensioni,le energie contratte:lo dimostrano la bioenergetica quanto l'hatha yoga.

... il corpo è estensione della mente o la mente è estensione del corpo? ...
Marco_532 is offline  
Vecchio 20-12-2007, 11.17.07   #44
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Quanto condiziona il ritmo della quotidianeità, la consapevolezza?

Citazione:
Originalmente inviato da Marco_532
... il corpo è estensione della mente o la mente è estensione del corpo? ...
A tuo piacere..
A basta capire che sono interdipendenti..
Tu che ne pensi?
Noor is offline  
Vecchio 20-12-2007, 11.40.09   #45
andre2
Ospite abituale
 
Data registrazione: 13-11-2007
Messaggi: 258
Riferimento: Quanto condiziona il ritmo della quotidianeità, la consapevolezza?

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Io invece non vedo questa diatriba mente versus corpo..
Il corpo è un estenzione della mente,ne contiene i pensieri,i ricordi,le tensioni,le energie contratte:lo dimostrano la bioenergetica quanto l'hatha yoga.
per il senso relativo che ha fare distinzione tra corpo e mente, si può dire che sono intersecati, interdipendenti, non hanno un origine divisa.
per capirlo basta seguire la formazione dell'individuo, da quando atomi, molecole, danno origine alle rispettive cellule uovo e spermatozoo la cui unione darà l'embrione, il feto, il nato....
ovvero, partendo dagli atomi, mica si può dire che si portano dietro il bagaglio distinto che all'assemblaggio finale sarà la funzione mentale.
quindi, quest'aggregato che è l'individuo, è una condizione particolare della materia-energia in grado di estrinsecare mente-pensiero, che negli umani ha la massa critica di formulare idee, concetti, astrazioni....
sempre per schematismi di comodo, si può dire che il corpo riceve degli stimoli, grazie agli organi di senso, e la mente ne fa la valutazione.....
non considero la mente come entità, ma come "funzione"....

Citazione:
Non importa partire dall'uno o dall'altro se sono indissolubilmente legati:c'è un po' di corpo nella mente,un po' di mente nel corpo.
infatti la mente non è solo nel cervello, anche se è il ganglo più grosso.... il tessuto nervoso è in tutto il corpo....

Citazione:
A chi appartiene l'energia della kundalini,alla mente o al corpo?
all'aggregato psicofisico....

Citazione:
Esiste ,è vero, un "corpo primordiale" a cu fa riferimento Vanlag,e che indica lo "Stato naturale" di UG, ma che presuppone per esserci,l'assenza di ego.
Allora ,solo allora,nell'ascolto puro del corpo senza identificazioni,tutte le risposte sono li nella domanda stessa.
hmmm, qui andiamo sul complicato .....
andre2 is offline  
Vecchio 20-12-2007, 14.15.10   #46
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Riferimento: Quanto condiziona il ritmo della quotidianeità, la consapevolezza?

Salve e buon pomeriggio!
scusate se irrompo :
Allora ,solo allora,nell'ascolto puro del corpo senza identificazioni,tutte le risposte sono li nella domanda stessa.

ma se non c'è identificazione ...chi è che fa la domanda? claudio
fallible is offline  
Vecchio 20-12-2007, 14.38.18   #47
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Quanto condiziona il ritmo della quotidianeità, la consapevolezza?

Citazione:
Originalmente inviato da fallible
Allora ,solo allora,nell'ascolto puro del corpo senza identificazioni,tutte le risposte sono li nella domanda stessa.

ma se non c'è identificazione ...chi è che fa la domanda? claudio
Intendevo dire che non ci sono più domande.
Noor is offline  
Vecchio 20-12-2007, 15.35.35   #48
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
Riferimento: Quanto condiziona il ritmo della quotidianeità, la consapevolezza?

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
A tuo piacere..
A basta capire che sono interdipendenti..
Tu che ne pensi?

... non è la mente estensione del corpo nè il corpo estensione della mente ...
... non esiste nessun corpo separato da quella che si chiama mente e non esiste nessuna mente separata da quello che si definisce corpo ...
... il corpo e la mente sono una cosa sola non c'è distinzione o interdipendenza in un unico organismo ...

... il dualismo corpo-mente è un errore di valutazione scaturito dall'esperienza della realtà "esterna"/"diversa" , dal rapporto cognitivo "io e la cosa" , dall'esperienza mentale dell'altro da me ...

Marco_532 is offline  
Vecchio 20-12-2007, 16.05.52   #49
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Quanto condiziona il ritmo della quotidianeità, la consapevolezza?

Citazione:
Originalmente inviato da Marco_532
... il corpo e la mente sono una cosa sola non c'è distinzione o interdipendenza in un unico organismo ...

... il dualismo corpo-mente è un errore di valutazione scaturito dall'esperienza della realtà "esterna"/"diversa" , dal rapporto cognitivo "io e la cosa" , dall'esperienza mentale dell'altro da me ...
Io concordo ma..
se nelle scuole non-dualistiche come l'advaita,si parla di corpo-mente e non solo di mente o solo di corpo un motivo ci dev'essere...
Io dico allora che dipende se si parla in piano di manifestazione illusoria dualistica o meno,se no, che senso avrebbe parlarne in questi termini?
Noor is offline  
Vecchio 20-12-2007, 21.15.00   #50
Marco_532
Vivi!
 
L'avatar di Marco_532
 
Data registrazione: 28-10-2003
Messaggi: 1,159
Riferimento: Quanto condiziona il ritmo della quotidianeità, la consapevolezza?

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Io dico allora che dipende se si parla in piano di manifestazione illusoria dualistica o meno,se no, che senso avrebbe parlarne in questi termini?

... per quanto riguarda "manifestazione illusoria dualistica" sono in accordo, ma al contrario di te (almeno credo, se ho capito bene la frase ), non vedo il senso del parlare di inter-dipendenza in un dualismo illusorio ...

... il corpo-mente io lo vedo come un "apparato" e non come interazione tra due "soggetti" e quindi, illudendomi che il corpo sia una cosa e che la mente ne sia un'altra, potrei anche parlare di interazione, ma alla fine, se quello di cui abbiamo discusso è compreso come organismo unitario, non ha nessun senso dire che il corpo è più veloce della mente o viceversa, ma rimane solo il soggetto corpo-mente che cade in nell'abisso di forme di pensiero che cercano di saziare ciò che chiamiamo Ego e che invece non è nè mente nè corpo, ma soltanto una manifestazione del nostro stato corpo-mente ...

... proprio mentre stavo rileggendo le ultime otto parole, e pensando a come poter sottolineare "manifestazione del nostro stato corpo-mente, ho risposto al cellulare, confermando un'appuntamento, scavallato le gambe, mi son' grattato con il tallone destro il polaccio della gamba sinistra e detto "alle 7:30" a mio padre, scattando istintivamente con la testa verso destra perchè ho sentito un formicolio al collo ... in tutto questo ...

... forse continua

Marco_532 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it