Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 21-12-2003, 17.25.21   #1
Pierrot lunaire
Ospite abituale
 
L'avatar di Pierrot lunaire
 
Data registrazione: 09-10-2003
Messaggi: 48
La non-dualità

In Oriente molti saggi sostengono che la meta finale del cammino spirituale è la percezione della non-dualità, l'abolizione della polarità soggetto-oggetto e della triade conoscitore-conoscenza-conosciuto (vista come puramente illusoria), il tutto non considerato, ovviamente, come acquisizione puramente intellettuale, ma come esperienza viva.

Leggendo vari thread di questo forum, mi sembra che molti di voi abbiano avuto esperienze spirituali significative; vorrei sapere se tale "percezione" rientra nella vostra esperienza, o, comunque, se la considerate così importante ai fini del cammino spirituale.

Grazie
Pierrot lunaire is offline  
Vecchio 21-12-2003, 18.25.51   #2
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Lightbulb Re: La non-dualità

Citazione:
Messaggio originale inviato da Pierrot lunaire
I vorrei sapere se tale "percezione" rientra nella vostra esperienza, o, comunque, se la considerate così importante ai fini del cammino spirituale.


Non solo é importante, ma é fondamentale.
Se ti dicessi che "io" l'ho avuta, la negherei di fatto.
Cerca d'intuire l' inesprimibiltà delle esperienze di questa natura.
Comunque -la non dualità- é alla portata di ognuno, che la aneli ardentemente, come i "realizzati" affermano continuamente.
E' evidente che se permane l'identificazione con il proprio ego, non può mai accadere.
Ciao!
Mirror
Mirror is offline  
Vecchio 21-12-2003, 19.16.30   #3
Lucifero
Ospite abituale
 
Data registrazione: 07-12-2003
Messaggi: 179
Re: La non-dualità

Citazione:
Messaggio originale inviato da Pierrot lunaire
In Oriente molti saggi sostengono che la meta finale del cammino spirituale è la percezione della non-dualità, l'abolizione della polarità soggetto-oggetto e della triade conoscitore-conoscenza-conosciuto (vista come puramente illusoria), il tutto non considerato, ovviamente, come acquisizione puramente intellettuale, ma come esperienza viva.

Leggendo vari thread di questo forum, mi sembra che molti di voi abbiano avuto esperienze spirituali significative; vorrei sapere se tale "percezione" rientra nella vostra esperienza, o, comunque, se la considerate così importante ai fini del cammino spirituale.

Grazie

Pierrot lunaire, hai mai provato ad innamorarti perdutamente?
Bene, quella è un'esperienza della non dualità. Questo stato, AMORE INCONDIZIONATO lo si può raggiungere in modo permanente.
ciao
Lucifero is offline  
Vecchio 21-12-2003, 20.38.11   #4
Golden
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 28-11-2003
Messaggi: 457
Re: La non-dualità

Citazione:
Messaggio originale inviato da Pierrot lunaire
In Oriente molti saggi sostengono che la meta finale del cammino spirituale è la percezione della non-dualità, ..........
vorrei sapere se tale "percezione" rientra nella vostra esperienza, o, comunque, se la considerate così importante ai fini del cammino spirituale.

Grazie

All'inizio un bimbo non può conoscere se stesso....poi impara un sacco di cose...ma ancora non vede se stesso!
Cresce, crescono le identificazioni, le mezze soddisfazioni ma ancora rimane ignorante, non sa da dove possa provenire e perchè, cosa possa in realtà essere..
Inizia a soffrire.. ed inizia a cercare il perchè di tale sofferenza ma spessissimo nella direzione sbagliata!
Alcune volte nella sofferenza capta, percepisce l'incantesimo a cui è sottoposto e contemporaneamente ha la sensazione che esista una sorgente invisibile, una manifestazione..forse di dio o chissà che cosa. Prende dimora in lui la possibilità che esista un qualcosa simile alla coscienza ...e cercando con volontà, coraggio e pena si avvicina alla più grande esperienza che l'uomo sia chiamato a realizzare: il suo vero essere!
Questa è la più grande storia d'Amore...destinata ad espandersi dove superati gli squilibri del dualismo si approda a ciò che viene menzionato come "paradiso perduto"... o stato alto di coscienza...all'UNO!
Ciò che ho cercato di descrivere...purtroppo non è reale..non è l'esperienza stessa...
un caro saluto

Golden is offline  
Vecchio 21-12-2003, 20.49.10   #5
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Re: Re: La non-dualità

Citazione:
Messaggio originale inviato da Lucifero
Pierrot lunaire, hai mai provato ad innamorarti perdutamente?
Bene, quella è un'esperienza della non dualità. Questo stato, AMORE INCONDIZIONATO lo si può raggiungere in modo permanente.
ciao

Come stabilisci che tutto questo non sia pura suggestione o autoconvinzione? Di fatto, il misticismo può indurre ad una sorta si soluzione come quella da me citata...

Tu dici, innamorarsi perdutamente..., forse, noi conosciamo solo un tipo d'innamoramento, quello passionale, dei sensi.....
Allora diviene arduo anche il solo interpretare..come fare?


Ultima modifica di deirdre : 21-12-2003 alle ore 20.51.23.
deirdre is offline  
Vecchio 21-12-2003, 20.55.56   #6
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
vorrei sapere se tale "percezione" (l'abolizione della polarità soggetto-oggetto e della triade conoscitore-conoscenza-conosciuto), rientra nella vostra esperienza

Non è un esperienza tra le altre. Le esperienze, anche le più sublimi hanno tutte lo stesso valore perché sono transuenti. Quello di cui parla il Vedanta è la fine del tuo ‘io’ che viene ovviato una volta e per sempre.
E’ un qualche cosa che nessun uomo può coscientemente cercare e volere, anzi, i mastri più avveduti suggeriscono di non giocare con queste cose.
VanLag is offline  
Vecchio 21-12-2003, 21.24.15   #7
Golden
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 28-11-2003
Messaggi: 457
Citazione:
Messaggio originale inviato da VanLag
vorrei sapere se tale "percezione" (l'abolizione della polarità soggetto-oggetto e della triade conoscitore-conoscenza-conosciuto), rientra nella vostra esperienza

Non è un esperienza tra le altre. Le esperienze, anche le più sublimi hanno tutte lo stesso valore perché sono transuenti. Quello di cui parla il Vedanta è la fine del tuo ‘io’ che viene ovviato una volta e per sempre.
E’ un qualche cosa che nessun uomo può coscientemente cercare e volere, anzi, i mastri più avveduti suggeriscono di non giocare con queste cose.

Quello di cui parla l'Advaita Vedanta è esattamente la punta della piramide, la stessa sostanza di cui parlano tutte le "filosofie" orientali e non..ovvero arrivare alla trascendenza e la trascendenza.......è la "conseguenza", la fine del viaggio dell'Anima, la Realtà Suprema (Parabrahman)
Golden is offline  
Vecchio 21-12-2003, 22.42.37   #8
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Ehmmmm no!

Quello di cui parla l'Advaita Vedanta è esattamente la punta della piramide, la stessa sostanza di cui parlano tutte le "filosofie" orientali e non..ovvero arrivare alla trascendenza e la trascendenza.......è la "conseguenza", la fine del viaggio dell'Anima, la Realtà Suprema (Parabrahman)

L’Advaita non postula nessun’anima, nessuna trascendenza, nessuna realtà suprema, ne tanto meno un cammino per arrivare a quelle mete, questo proprio per la sua sintesi non duale che non può ammettere la frammentazione della realtà.
Nella non-dualità non c’è proprio posto per la mente e le sue “brillanti” effusioni. Il che vuole dire che se esiste un qualche cosa come la realizzazione o l’illuminazione essa non sarà a gloria di un IO.

P.S. Non ho interesse a dire altro sull’argomento ma non vorrei che le mie parole vengano “usate” per avvallare idee e concetti atti a convincere le persone che, così come sono, non vanno bene e che c’è un traguardo “più alto” da raggiungere. Cosa questa che, secondo mè, è l’invenzione delle religioni dalle loro origini e che è anche l’inizio del disagio negli uomini.

Dolce notte.
VanLag is offline  
Vecchio 22-12-2003, 01.40.47   #9
Dynamo
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-12-2003
Messaggi: 54
Sic...!

Hihihihhiii...Non fa una piega e bravo Van Lag ... RI-HOIBO!
Dynamo is offline  
Vecchio 22-12-2003, 08.18.10   #10
Golden
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 28-11-2003
Messaggi: 457
Cool Ehmmmm sì!

Citazione:
Messaggio originale inviato da VanLag
[b]

come la realizzazione o l’illuminazione essa non sarà a gloria di un IO.

Dolce notte.

Confusione..solita confusione! Ecco il perchè invito a farne esperienza.
L'esperienza ultima dell'Atman è l'esperienza finale (non-duale) in cui si dissolvono tutti i concetti.. quindi annullamento dell'Io e conseguente stato di beatitudine (sat-chit-ananda) che è la natura stessa dell'Atman e questo è il sentiero espresso che porta alla Conoscenza che TRASCENDE sia il manifesto che l'immanifesto (fenomeno o noumeno), gioia e dolore, che disvela Maya, conseguente stato di Conoscenza e Liberazione....
Mi spiace contrastare, ma l'Atman (l'Assoluto) sfugge a qualsiasi costruzione intellettuale, ecco il perchè solo dallo studio del fenomeno a livello metafisico difficilmente si potrà realizzare.
Per la trasmissione è necessaria la presenza di un Maestro...quindi tralasciamo la realizzazione della non-dualità perchè non è dimostrabile dialetticamente e tantomeno rende a parlarne in un forum..si lascerebbe solo libero l'impulso di dimostrare la propria capacità concettuale "scolastica".
Ciò che tendo ad unificare è lo stato di Comunione presente in tutte le scuole esoteriche di "crescita armonica" dell'uomo, poi...chiamatelo un po' come vi pare, ma la fine (o l'inizio) del vero Viaggio è Quello...la Verità ultima....l'annullamento o fusione nella Coscienza Suprema.
Qualcuno intenderà...
Un saluto.


x Dynamo....
T'invito a disfarti della tua cultura....ed a scendere nell'esperienza.
Poi potremo ridere insieme...

Ultima modifica di Golden : 22-12-2003 alle ore 08.23.29.
Golden is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it