Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 30-03-2005, 21.04.16   #31
Mistico
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-11-2002
Messaggi: 1,879
Re: acua

Citazione:
Messaggio originale inviato da il pensiero
Dear Sir mistico,

del mio quinquibus tu stai osservando il dito... e ciò conferma la tua superficialità indagatoria,

a me, ed especialmente ai forumisti, mi interessa il risultato finale dell’operato dei due componenti da te impostati il 3° gg after all.

Già che sei titolato a parlarne ti rinnovo il invito a ritentare, xké x adesso hai creato solo H2O...

Wait
Ilpe, lo vedi come sei tu ...superficiale? Non hai "colto" il senso recondito (il pensiero) delle mie parole espresse, hai... come si suol dire... osservato il dito ed hai affermato che l'avrei fatto io ...



P.S.
Non hai vinto. RITENTA!

E poi... Ricorda sempre, quando parli con me, di stare zitto!

Ultima modifica di Mistico : 30-03-2005 alle ore 21.11.34.
Mistico is offline  
Vecchio 31-03-2005, 08.25.44   #32
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Divenire Vita... (X Visechi..)

Citazione:
Ancora una volta parole che riesco a comprendere (forse) nel loro significato esplicito, ma non in quello implicito: <divenire vita>. Ma io mi ritengo già vita… ma ne sono parte, non sono la Vita… questa prescinde da me e da te…. Spesso utilizzi metafore… ora ne utilizzerò una io…. Chissà se riuscirò a farmi capire.
Ciascuno di noi è come un granello di sabbia… ognuno di noi ha il suo colore, il proprio calore, la propria dimensione e consistenza. Tutti insieme costituiamo una bellissima spiaggia, che non ha un colore o un calore uniforme, ma è la risultante della somma dei diversi calori e colori di ciascun suo singolo componente. Ma la spiaggia è cosa diversa da un singolo granellino, da un singolo suo componente, eppure siamo insieme com-partecipi dell’essere spiaggia. Immagina che vi siano grani travolti dalle onde e portati via, oppure altri spazzati dal vento… quei grani non saranno più spiaggia, saranno solo grani di sabbia… così è la genia umana… vi sono i paria e gli eletti. Bene! fintanto che continueremo a considerarci sempre e comunque spiaggia non capiremo che siamo grani di sabbia che possono essere spazzati dal vento… allora forse potremo intuire che dovremo cercare di essere spiaggia, non solo grani… niente paria, niente più eletti… cioè tutta una grande variegata umanità… ma in ciò non vedo nulla di metafisico…. La spiaggia è pur sempre umanità, e i grani di sabbia sono pur sempre umani. Ma è comunque bello e piacevole incontrare chi già si sente, o è, spiaggia. (un abbraccio)

Siamo insieme com-partecipi dell'essere spiaggia
e non vedi nulla di metafisico
vivi coerentemente con quello che sai
ma non basta sapere di essere..
Bisogna acquistare.
..in sintesi portare gli "arti" inutilizzati
ad essere riattivati.
Quando la mente è imbarazzata da qualche problema
che non riesci a risolvere
chiedi l'intervento al tuo "Essere spirituale"..
e non lo sai.
Quando ti trovi in difficoltà, lontano dalla spiaggia
e dimentichi di essere tu stesso granello
chiedi al dio che è in te...
al tuo dio interno
ed il tuo dio interno parte dello stesso corpo
e stessa natura del Tutto
ti porta in segreto il suo Amore impersonale..
e tu non lo sai.

Sentirsi mentalmente Uno con tutte le cose
attraverso l'evoluzione della vita
è il primo passo e progresso da difendere..
La meditazione può aprire un mondo meraviglioso
e farci scoprire come riattivare gli "arti" atrofizzati che vivono al nostro interno
e permettterci di elevarci ad una vita più serena
e non avere più debiti d'amore
ed a rendere le nostre Forze nascoste robuste e provvidenti..
Questo è in parte Essere Vita...divenire Vita.


bellissima la tua metafora!

gentile Amico, ti abbraccio
a.

Ultima modifica di atisha : 31-03-2005 alle ore 08.29.11.
atisha is offline  
Vecchio 31-03-2005, 09.44.07   #33
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Citazione:
Esatto….. un’esperienza è sempre e solo un’esperienza. Potrà essere sublime o infima, ma non va confusa con la realtà che non è un’esperienza fra le altre ma semmai è la base di tutte le esperienze.



Credo che tra Visechi (o VanLag) e la parola esista un rapporto uguale a quello che esiste tra Visechi (o VanLag) ed una loro fotografia o una scultura che li rappresenti. L’originale contiene la vita, le altre rappresentazioni no.
Non a caso anche nel post precedente parlavo di ombra dell’anima, qualche cosa che assomiglia ma non coincide con l’anima, o se vuoi con la nostra vera essenza.
C’è un'altra incognita da valutare se parliamo di comunicazione ed è la nostra estrema fluidità, altra caratteristica che ci lega alla vita. Non appena abbiamo comunicato un nostro stato d’animo esso è già variato, non è già più quello.
La comunicazione è statica, noi non lo siamo. Siamo fatti per rompere tutti gli schemi, o almeno la vita in noi lo fa in continuazione. Rompe l’ordine, distrugge tutto ciò che è rigido, abbatte i valori, frustra i sogni, stravolge il conosciuto.

Per VanLag

Non ho nulla da aggiungere o da replicare a ciò che hai scritto tu…. Condivido in pieno.
Ricambio la simpatia
P.S.: qualche illuminato l’ho rivalutato, riuscendo anche ad apprezzarlo… taluni, non spocchiosi, sanno trasmettere messaggi che comunque affascinano… è un mondo nuovo.



Per Rodi e VanLag
Citazione:
un sinonimo per 'affabulatoria' o 'affabulatrice'?
da cosa derivano questi aggettivi?
almeno la radice presunta...l'intenzione di radice...
per poter provare a seguire il filo, perchè io nella mia ignoranza non riesco a comprendere il senso della frase

Affabulatoria, affabulatrice, afabulatoria o afabulatrice… beh… che cacchio di termine mi è venuto in mente… rileggendolo mi è sorto il dubbio che richiedesse una sola ‘f’, ma accidenti a me, non potevo trovare un sinonimo, così come suggerito da Rodi? Eppure non me ne viene in mente uno… di solito scrivo di getto, se rileggo lo faccio una sola volta… in sostituzione di quel termine potrei utilizzare logorroica, ecco <eruzione logorroica>, oppure <eruzione di parole>. Comunque richiede le due ‘f’ ed il termine è corretto. Il significato della frase è il seguente: Le emozioni, le intenzioni, le sensazioni sono astrattezza, esse hanno una loro consistenza fumosa e piuttosto complessa. Come un fumo, queste, non assumono una forma facilmente definibile, ma pervadono l’intimo dell’uomo. Cercare di comunicarle compiutamente, tentare di trasmettere il morso o la carezza che producono nel cuore di chi le vive attraverso il linguaggio sia verbale che scritto è impresa quantomeno ardua, perché il linguaggio si esplica attraverso segni concreti o suoni concreti, statici che non colgono nella loro accuratezza le varie sfumature….. è come pretendere di scattare una foto ad una pallina che ribalza… con la foto (con il linguaggio) cogli un attimo dell’intero percorso della pallina, ma non l’intero suo tragitto. Così avviene per il fumus del coacervo delle emozioni di un momento. Quello si muove, vive, la parola trasmette solo un fotogramma dell’intera sequenza.

Per Viandanteinattuale
Che dire? Belle le nostre dispute in merito alla Chiesa cattolica… attendo tuoi interventi… Ciaoooo

Citazione:
Siamo insieme com-partecipi dell'essere spiaggia
e non vedi nulla di metafisico
vivi coerentemente con quello che sai
ma non basta sapere di essere..
Bisogna acquistare.
..in sintesi portare gli "arti" inutilizzati
ad essere riattivati.
Quando la mente è imbarazzata da qualche problema
che non riesci a risolvere
chiedi l'intervento al tuo "Essere spirituale"..
e non lo sai.
Quando ti trovi in difficoltà, lontano dalla spiaggia
e dimentichi di essere tu stesso granello
chiedi al dio che è in te...
al tuo dio interno
ed il tuo dio interno parte dello stesso corpo
e stessa natura del Tutto
ti porta in segreto il suo Amore impersonale..
e tu non lo sai.

Sentirsi mentalmente Uno con tutte le cose
attraverso l'evoluzione della vita
è il primo passo e progresso da difendere..
La meditazione può aprire un mondo meraviglioso
e farci scoprire come riattivare gli "arti" atrofizzati che vivono al nostro interno
e permettterci di elevarci ad una vita più serena
e non avere più debiti d'amore
ed a rendere le nostre Forze nascoste robuste e provvidenti..
Questo è in parte Essere Vita...divenire Vita.



<Sentirsi mentalmente Uno con tutte le cose>. Ho letto di recente che la separazione dal divino è avvenuta nell’uomo a causa dell’insorgere prepotente e violento della coscienza. La coscienza scoprì il sacro (che significa separato). Lo scoprì e lo percepì altro da sé stessa. Un qualcosa a cui tendere e, al tempo stesso, da cui continuare a mantenersi distinta. Le tue parole riproporrebbero l’uomo nella condizione primigenia, quando la coscienza non si era ancora imposta. La coscienza nasce da una violenza, una decisione, una separazione, e la morale è la conseguenza di questa separazione. Si sarebbe perduta – sempre per l’autore di questo illuminante saggio (Galimberti Umberto – <Orme del sacro>; o anche <Gli equivoci dell’anima>, entrambi edizioni Feltrinelli) – l’antica unità oggi rappresentata dai simboli…. Non so che dire… leggendoti riporti alla mia memoria questi due bellissimi saggi. Ciao, ricambio l’abbraccio


Ciaooooo
visechi is offline  
Vecchio 31-03-2005, 14.53.35   #34
rodi
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 07-05-2003
Messaggi: 1,952
Citazione:
Messaggio originale inviato da visechi
...
Il significato della frase è il seguente: Le emozioni, le intenzioni, le sensazioni sono astrattezza, esse hanno una loro consistenza fumosa e piuttosto complessa. Come un fumo, queste, non assumono una forma facilmente definibile, ma pervadono l’intimo dell’uomo. Cercare di comunicarle compiutamente, tentare di trasmettere il morso o la carezza che producono nel cuore di chi le vive attraverso il linguaggio sia verbale che scritto è impresa quantomeno ardua, perché il linguaggio si esplica attraverso segni concreti o suoni concreti, statici che non colgono nella loro accuratezza le varie sfumature….. è come pretendere di scattare una foto ad una pallina che ribalza… con la foto (con il linguaggio) cogli un attimo dell’intero percorso della pallina, ma non l’intero suo tragitto. Così avviene per il fumus del coacervo delle emozioni di un momento. Quello si muove, vive, la parola trasmette solo un fotogramma dell’intera sequenza.

Ciaooooo


quanto vale di più uno sguardo rispetto ad una parola,
o anche un contatto fisico, anche una sola pacca sulla shiena...
o il conoscere la persona che c'è dietro delle parole e completarle con la sensazione che abbiamo di lei...
le parole da sole sono monche.
rodi is offline  
Vecchio 31-03-2005, 16.33.25   #35
Mistico
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-11-2002
Messaggi: 1,879
Le parole, per qualcuno, sono come i colori per un pittore, il marmo per uno scultore, sono il mezzo per creare quella parte di Tutto che a lui spettava divinamente compiere.

Meravigliosamente o dozzinalmente non conta. Quando qualcosa non è bello, forse sarà utile, forse non importante e sicuramente mai inutile se è vero che Tutto deve Essere.

Il bello ed il brutto sono reletivi ai discutibili gusti di noi Parti temporanee e quel che facciamo, potrebbe sopravviverci di gran lunga e chissà... se, come e quando, le nostre conseguenze fioriranno a favore di un evento che farà la differenza tra lo ieri ed il domani.

Molti uomini oggi riconosciuti "grandi" sono morti in povertà e sconosciuti.

Certamente non è possibile esistere senza partecipare alla costruzione della storia, magari ignota... ma storia!


P.S.
...e qualunque cosa venga in esistenza è funzione di quel che l'ha preceduto. Siamo figli di Dio. Siamo dei, padri di Dio. Siamo fratelli di dei. Non credete a nulla meno di tanto... e, soprattutto, non amatemi, che siete H2S e non ve lo potete permettere!


Ultima modifica di Mistico : 31-03-2005 alle ore 16.44.16.
Mistico is offline  
Vecchio 31-03-2005, 20.42.35   #36
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
X Visechi

<Sentirsi mentalmente Uno con tutte le cose>. Ho letto di recente che la separazione dal divino è avvenuta nell’uomo a causa dell’insorgere prepotente e violento della coscienza. La coscienza scoprì il sacro (che significa separato). Lo scoprì e lo percepì altro da sé stessa. Un qualcosa a cui tendere e, al tempo stesso, da cui continuare a mantenersi distinta. Le tue parole riproporrebbero l’uomo nella condizione primigenia, quando la coscienza non si era ancora imposta. La coscienza nasce da una violenza, una decisione, una separazione, e la morale è la conseguenza di questa separazione. Si sarebbe perduta – sempre per l’autore di questo illuminante saggio (Galimberti Umberto – <Orme del sacro>; o anche <Gli equivoci dell’anima>, entrambi edizioni Feltrinelli) – l’antica unità oggi rappresentata dai simboli…. Non so che dire… leggendoti riporti alla mia memoria questi due bellissimi saggi. Ciao, ricambio l’abbraccio

Galimberti!...mi è sempre piaciuto...
Bene...ora che abbiamo "scoperto" questa chiave ...usiamola!

La coscienza...cosa è mai la coscienza?? solo la coscienza di esistere? di muoverci?

è cercare di comprendere cosa risiede all'origine di ogni atteggiamento, evento e senso dell'esistenza...

è acquisire consapevolezza, andare oltre lo specchio delle nostre illusioni, uscire dalle nostre assurde creazioni e quindi uscire dai nostri confini "mentali"....dalle nostre gabbie..

pensi che l'uomo non le abbia??


ciauuuu
atisha is offline  
Vecchio 02-04-2005, 01.10.49   #37
tigli
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 02-04-2005
Messaggi: 1
Vedo, pagine bianche che deridono mentre la penna sanguina perchè vuole dire e ancora dire.
Vedo rincorrersi pensieri, musica, emozioni mentre pensi che forse è giunta l'ora di appendere la tua lira al solito salice.
Vedo POESIA che chiede di sporcare quell'irriverente candore del tuo foglio.
Allora non è tempo ancora di smettere di dire.
tigli is offline  
Vecchio 04-04-2005, 08.50.30   #38
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Citazione:
Messaggio originale inviato da visechi
..chi, come me, diffida delle troppe certezze, resterà, giustappunto, in una condizione di sospensione..

Bene! fintanto che continueremo a considerarci sempre e comunque spiaggia non capiremo che siamo grani di sabbia che possono essere spazzati dal vento… allora forse potremo intuire che dovremo cercare di essere spiaggia, non solo grani… niente paria, niente più eletti… cioè tutta una grande variegata umanità… ma in ciò non vedo nulla di metafisico…. La spiaggia è pur sempre umanità, e i grani di sabbia sono pur sempre umani..



Secondo me è qui che ti 'perdi'..
Le parole sono strumenti bellissimi purché usate con parsimonia ed arte aiutano e dipingono sfumature difficilmente comunicabili nei particolari seppur con tutti i limiti dell'interpretazione personale e non -per fortuna o purtroppo- oggettiva; ma le stesse che arricchiscono la tua vita comunicativa dandogli maggiormente possibilità di accenti, vengono ad essere in questo caso per tuo limite auto-imposto -e non insito quindi nella limitatezza del linguaggio verbale!- motivo e trappola fondamentale di errore.

Le parole crescono, si evolvono, si arricchiscono con noi, con la nostra consapevolezza, attraverso il nostro cammino..
Non sono stantie, non sono mai morte, ma sempre in perenne
movimento, si trasformano con noi, col nostro percorso, nel nostro ampliarci, nella nostra sempre nuova coscienza del sentire, del percepire, del vivere.
Ora ciò che vedo fallire non sono le parole e la loro potenza
ma il fermarti ad affermare che essendo la vita umana alquanto comprensibile ciò la privi in un qualche modo della sua sostanziale sacralità..
Come se godendo di un Monet tu potessi affermare che essendo in fin di conti, nient'altro che tela e colori e giochi di consistenze e profondità, l'opera non valga poi quel granché..

Come se tranquillamente osservando e descrivendo da lontano
due esseri che si accoppiano ne potessi dedurre dal di fuori
il significato profondo di ciò che accade tra loro..

Questo è il rischio di ogni scienziato e d'ogni mente analitica,
ma come ben saprai il poter conoscere e descrivere un qualcosa
è lungi dall'esserlo e dal 'possederlo-percepirlo-in sé'..
Non è mettendo distanza tra te e le cose che ne potrai cogliere l'<anima> né attraverso l'identificazione..
Lo può essere -a mio avviso- il percorrere un sentiero che non sia l'uno né l'altro e tanto meno un ipotetica matematica via mediana..
Ma al massimo cercando -quando possibile- di vivere l'esperienza tanto più 'intensamente' possibile senza identificazioni di sorta, né banalizzazioni di superficie..
Sarebbe sennò come voler scoprire il mistero della vita tramite autopsia..

Tutto fila liscio in ciò che dici..: le parole, la loro limitatezza, l'osservatore, la sua limitatezza che è egli stesso..
Il posto d'onore del dubbio come migliore strada all'indagine,
ma alla fine ti perdi come uno scienziato deluso di fronte al suo cadavere fatto a pezzi..

Ed allora dimmi.. : cos'è per te 'metafisico' (nominabile da questa bocca umana)???
Cos'è in grado -qui da essere umano in terra- di farti vibrare tutto l'essere di stupore..??
Di meraviglia??
Il dolore della vita è dunque così forte o così troppo lieve da impedire al tuo essere di Osare la via del <dubbio infantile>, quello capace di non fermarsi di fronte a qualsiasi domanda,
a qualsiasi dubbio ed all'unisono dell'uno e dell'altro vibrare del non sapere, sapendo questo incredibilmente potente e miracoloso??

C'è un rischio tra il contenere troppo dentro sé ed il contenere nulla, nel primo caso si è talmente pieni da non aver spazio sufficiente ad accogliere in sé (e quindi ti saluto stupore e mistero-miracolo); nel secondo caso conoscere talmente nulla di se stessi da essere incapaci di rapportarsi a qualunque altra cosa, poiché tutto è non solo sconosciuto ma anche fondamentalmente rifiutato per impossibilità a poterlo accogliere non sapendo <come>..

Non è polemica la mia.. Apprezzo l'anima in ciò che scrivi,
nel come cerchi di far di parole colori e carezze -a volte buchi neri, ma come tutti d'altronde!-
Ciò che non apprezzo è la tua fermata anticipata.. Perché?(!)

Non mi interessa aver ragione o torto dichiarati..
Quando e se posso dare, prendere, bere ed offrire un poco di
quel che ho.. (quando l'ho.. !)..

Un abbraccio..



gyta
gyta is offline  
Vecchio 04-04-2005, 13.05.31   #39
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Citazione:
Galimberti!...mi è sempre piaciuto...
Bene...ora che abbiamo "scoperto" questa chiave ...usiamola!


Galimberti, grande e complesso…. Appena avrò tempo inserirò qualche suo pensiero, qualche pagina scovata fra le tante da lui scritte… illuminanti, interessanti, che colpiscono, che fanno ‘riflettere’…. Ma non è il riflettere la strada che lui propone… eppure fanno riflettere…. Appena avrò tempo… duro lavoro di ricopiatura, sempre che non riesca a trovare i medesimi passaggi su qualche sito Web.
Si potrebbe partire da lì…. Ahhh, per quel che ho avuto la grazia (sorriso non provocatorio e tantomeno ironico) di vedere, molti suoi pensieri riflettono bene il tuo modo di concepire le cose.


Citazione:
di tigli il 02-04-2005 01:10:
Vedo, pagine bianche che deridono mentre la penna sanguina perchè vuole dire e ancora dire.
Vedo rincorrersi pensieri, musica, emozioni mentre pensi che forse è giunta l'ora di appendere la tua lira al solito salice.
Vedo POESIA che chiede di sporcare quell'irriverente candore del tuo foglio.
Allora non è tempo ancora di smettere di dire.
Vedi bene e vedi male allo stesso tempo. Non ci sono fogli bianchi che deridono, mentre c’è sicuramente una penna che vuol dire, e ancora dire. La comunicazione verbale o scritta è il modo più semplice, ancorché monco, dei rapporti fra umani. Per questo assurge a strumento, a mezzo, mai a fine. Neppure l’arte è mai un fine, è sempre un sistema, un mezzo di comunicazione. Niente lira sul salice, per me la comunicazione è quasi una vocazione, non saprei fare a meno di scrivere o di parlare.

Citazione:
ma le stesse che arricchiscono la tua vita comunicativa dandogli maggiormente possibilità di accenti, vengono ad essere in questo caso per tuo limite auto-imposto -e non insito quindi nella limitatezza del linguaggio verbale!- motivo e trappola fondamentale di errore.

Le parole crescono, si evolvono, si arricchiscono con noi, con la nostra consapevolezza, attraverso il nostro cammino...
Non sono stantie, non sono mai morte, ma sempre in perenne
movimento, si trasformano con noi, col nostro percorso, nel nostro ampliarci, nella nostra sempre nuova coscienza del sentire, del percepire, del vivere.


Parli di limite auto-imposto, come se trattenessi nella penna parti essenziali di quel che intendo comunicare, come se mi volessi intenzionalmente fermare al di qua di un limite impostomi per riservatezza, timore o chissà perché… non so se sia così, potrebbe essere, ma non è una difesa consapevole… di solito non ho alcun timore a raccontarmi, ma non capisco cosa potrebbe trovarci d’interessante una terza persona. Come dicevo prima, secondo me le parole possiedono un limite congenito, non riescono a trasmettere tutto,… neppure il sanscritto, che è nota per essere il sistema di comunicazione verbale più completo che esista sul pianeta, è in condizione di superare il limite estremo dell’incomunicabilità del profondissimo messaggio metafisico insito nella spiritualità orientale. Per questo motivo , per sopperire a questa limitatezza invalicabile e non altrimenti superabile o aggirabile, l’uomo, nel percepire o nell’entrare in contatto con il ‘sacro’ o il ‘divino’, si affida maggiormente al simbolismo. Il simbolismo, a differenza della parola, che è un de-cidere (de-caedere… cioè tagliare), che promana dall’attività riflessiva dell’uomo, quindi mentale, tiene unite le differenze, le raggruma, non è soggiace ai principi di ‘non contraddizione’ o di’ commensurabilità’; non è, in poche parole, scientifico. Il simbolo travalica la mente, infiggendosi ed instillandosi proprio nel nucleo dell’umano ‘sentire’. Al divino, al sacro, non appartiene il giudizio, nessuna morale, né bene, né male… queste cose le comprendo con la mente, per cui, ragionandoci su, pensando a queste cose, non posso far altro che operare dei tagli, de-cidere anch’io. Il simbolismo spiegato, è un simbolismo depauperato ed in sterilità della sua peculiarità primigenia ed ‘essenziale’, cioè la sua capacità di travalicare le capacità di analisi e spiegazione della mente. Ovvio che quanto scrivo è solo capito, non certo sentito… saranno mie connaturate limitatezze?
In relazione a quanto affermi circa la dinamicità e la ’vitalità’ del linguaggio, non potrei che darti ragione, sono d’accordo, ma è una dinamicità e vitalità che inerisce più che altro alla sintassi, alla costruzione del pensiero attraverso l’utilizzo di nuovi termini, proprio perché il linguaggio avverte il proprio limite. Il nucleo del logos, intendendosi con questo il nucleo centrale del sentire, cioè la Verità, è indicibile, incomunicabile di per sé. Il modo di esprimere sé stessi varia con il mutare delle condizioni, con il crescere delle esperienze e dell’età… questo è quantomai vero; il linguaggio è vivo, è cosa viva che si rigenera e si evolve, ma, posti i propri limiti intrinseci, assume un verso spiraliforme senza mai riuscire a sfociare nella comunicazione omnicomprensiva.

Citazione:
ma come ben saprai il poter conoscere e descrivere un qualcosa
è lungi dall'esserlo e dal 'possederlo-percepirlo-in sé'..
Ecco, appunto, potrei descriverti delle sensazioni, trasmettendoti emozioni, le mie, ma mai interamente, tu capteresti queste mie emozioni, la mia ‘anima’ (ossimoro per un senz’anima), attraverso il tuo vissuto, le tue emozioni, la tua Anima (coerente per una persona che si dichiara di possederla). Tu vivresti le mie emozioni attraverso le tue, non capteresti mai il nucleo centrale intangibile delle mie emozioni. Ciò accade un po’ per limiti insiti al linguaggio, e soprattutto perché se vivessi interamente le mie emozioni, così come promanano dal mio intimo, il tuo Essere, la tua Anima, la tua individualità e personalità resterebbero annichiliti al cospetto della mia ‘non-anima’, della mia personalità, del mio essere, della mia individualità. Saresti, in poche parole, spettatore passivo che vive di luce riflessa, in quanto capteresti solo la mia di luce (Fulgida e luminescente Sorrisone presuntuosissimo). Le relazioni fra umani, quando due persone entrano in contatto intimistico, avviene proprio perché nel coniugarsi , le due individualità si arricchiscono ciascuna della Luce altrui, e crescono attingendo ciascuna dalla ricchezza altrui. Credo non esista umano privo di una seppure labile fiamma (UMANA… dico io .- DIVINA… diresti tu). E’ questo coagulo inscindibile che rende uniche le relazioni fra umani, questa amalgama inedita che le rende meravigliose, che, all’altro, rende di ciascun protagonista la propria intima stupefazione.



Citazione:
Tutto fila liscio in ciò che dici..: le parole, la loro limitatezza, l'osservatore, la sua limitatezza che è egli stesso..
Il posto d'onore del dubbio come migliore strada all'indagine,
ma alla fine ti perdi come uno scienziato deluso di fronte al suo cadavere fatto a pezzi..
No! qui non sono d’accordo. Io mi perdo sì, ma non deluso come uno scienziato al cospetto del cadavere sezionato, ma mi perdo di fronte alla stupefazione della luce altrui, al cospetto di un’umanità che si esalta entrando in contatto con la mia umanità. Due umani che si APRONO ciascuno nei confronti dell’altro… mi perdo per queste cose, ma qui c’è umanità, non trascendenza, luce umana, non divina (sono ottuso… se non sento non affermerò mai quel che non sento).


Citazione:
Cos'è in grado - qui da essere umano in terra - di farti vibrare tutto l'essere di stupore..??
Di meraviglia??
Me lo domandi… Io non dirò, descriverò… proverò a descriverti un quadro… prova a vederlo se ci riesci.
Immagina un bambino in braccio ad una donna. Immagina la sua testa fra le mani e le braccia di questa mamma. Prova a vedere le sue labbra attaccate al capezzolo di questa donna. Prova e vederlo mentre con una manina si tiene aggrappato al seno della mamma, con un sorriso fra le labbra e con gli occhietti vividi osserva il volto della madre che lo sostiene, rimirandolo con un sorriso. Che osserva suo figlio mentre le protende le braccia e le mani in segno di fiducia, di abbandono totale, mentre da lei attinge la vita, il nutrimento. C’è abbandono in questo? Osserva, sempre come in un’immagina eidetica, il viso della mamma mentre con uno sguardo protettivo e felice allatta il bimbo, e lo guarda dritto negli occhi come per dirgli <sono qui con te, tu sei me, io sono te… in te ci sono io, in me ci sei tu>. E’ abbandono questo? Credo che questa immagine (fra l’altro vera e osservata da me tantissime volte) ci sia un po’ anche il significato della vita. Una confusione totale fra esseri concreti, che vivono… questa immagine non la potrai, credo, paragonare con null’altro di astratto. La meraviglia più grande? La vibrazione cosmica che ho sempre percepito? Mia moglie con suo figlio, mio figlio con sua madre. E’ vita!

Ciao anche a te… ci hai messo un po’ di tempo per apparire su questo sce(m)nario, ma alla fine sei giunta.
visechi is offline  
Vecchio 04-04-2005, 13.24.25   #40
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Scritto e parlato

Salve a tutti con molta umiltà porto una mia impressione (non ho letto tutto il 3d)........

Un giorno, nel corso di una conversazione un po’ accesa, mi dissero che le mie parole non avevano anima,

sei poi passato alla descrizione della "limitatezza" (scusatemi il neologismo) della parola scritta......i limti sono nella mancanza del rapporto diretto (visivo) tra i due o piu "inrterlecutori";
se tutto questo non centra niente scusate il disturbo
fallible is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it