Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 07-08-2005, 10.28.40   #31
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
Citazione:
Messaggio originale inviato da paperapersa
allora vogliamo parlarne di questa "resurrezione"????
Il credo cattolico ci impone di dire credo nella resurrezione della carne, nello steso tempo ci dicono"ricordati che sei polvere e che diverrai polvere"..... Allora o ci attacchiamo a questo corpo e speriamo che un giorno ci rivedremo tutti dandoci delle belle pacche sulle spalle, o comprendiamo bene tutti i messaggi, comprendiamo che conosciamo solo pochi livelli di materia e che esistono altri livelli di cui nessuno, NESSUNO; qui in terra può dire qualcosa senza essere subilto contraddetto.
Allora se si vuole approfondire l'argomento e si è disposti a rinunciare a questo"involucro fisico2, che è solo uno strumento
di conoscenza per acquisire soscienza possiamo discutere altrimenti continuare a dire che i cristiani avranno la vita eterna nel corpo fisico perchè Gesù Cristo è risorto nella carne ed è asceso al cielo nella carne quando lo stesso San Paolo parla del corpo di resirrezione o Corpo di Gloria, non ha alcun senso, sono discorsi sterili che non porteranno a nulla: Ma poi, perchè i cristiani sì e gli altri no? Perchè siccome dicono CREDO allora come per magia i loro atomi fisici oche so io rimangono in eterno??????

Io chiesi a qualcuno una volta (anche in considerazione del fatto che sono un cosiddetto portatore di handicap) se ciò significasse per me un corpo disabile in eterno. Mi fu risposto che avrò un altro corpo, perfetto. Allora qui casca l'asino! Vuoi vedere che si parla di corpo sottile, o spirituale, ecc...? Quindi la carne non risorge anche perché per sua stessa natura, come giustamente fai presente tu, la materia si trasforma in continuazione. Non è eterna. Abbiamo scoperto l'acqua calda dunque?
Mr. Bean is offline  
Vecchio 07-08-2005, 11.54.35   #32
Cornelio
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 21-03-2004
Messaggi: 214
Resurrezione

Può essere una spiegazione illuminante!
Tratto dal grande evangelo di Giovanni di Jakob Lorber

E' la stessa domanda che Pietro rivolse a Gesù sul monte Tabor, ricevendone questo insegnamento!:

"La carne della quale consiste l'attuale tuo corpo, un giorno si decomporrà e passerà ai vermi, nelle piante e nelle loro anime, e fuor da queste sorgeranno degli esseri assolutamente estranei i quali non avranno più in eterno niente de fare nè con l'anima tua, nè tanto meno col tuo spirito."
Il Signore: "Per l'anima tua dunque il più recente giorno (rispettivamente il giorno del giudizio) sarà evidentemente quello in cui sarai levato fuori dal tuo corpo!"
"Per la risurrezione della carne però bisogna che tu intenda le buone opere del vero amor del prossimo; queste saranno poi la carne dell'anima tua la quale nel suo giorno mondano-spirituale del giudizio risorgerà, al vero squillar di tromba di questa Mia Dottrina, a vita eterna come uno splendente corpo etereo!"
"Anche se tu avessi cento volte portato un corpo sulla Terra, nell'aldilà non avresti in ogni caso che un corpo soltanto, e precisamente del genere come l'ho descritto or ora. Hai compreso adesso?"

Secondo me da quanto è stato scritto, non c'entra essere di religione cattolica o cristiana o di altra religione, ma soltanto di opere.
Cornelio is offline  
Vecchio 07-08-2005, 19.45.41   #33
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
Re: Resurrezione

Citazione:
Messaggio originale inviato da Cornelio
Può essere una spiegazione illuminante!
Tratto dal grande evangelo di Giovanni di Jakob Lorber

E' la stessa domanda che Pietro rivolse a Gesù sul monte Tabor, ricevendone questo insegnamento!:

"La carne della quale consiste l'attuale tuo corpo, un giorno si decomporrà e passerà ai vermi, nelle piante e nelle loro anime, e fuor da queste sorgeranno degli esseri assolutamente estranei i quali non avranno più in eterno niente de fare nè con l'anima tua, nè tanto meno col tuo spirito."
Il Signore: "Per l'anima tua dunque il più recente giorno (rispettivamente il giorno del giudizio) sarà evidentemente quello in cui sarai levato fuori dal tuo corpo!"
"Per la risurrezione della carne però bisogna che tu intenda le buone opere del vero amor del prossimo; queste saranno poi la carne dell'anima tua la quale nel suo giorno mondano-spirituale del giudizio risorgerà, al vero squillar di tromba di questa Mia Dottrina, a vita eterna come uno splendente corpo etereo!"
"Anche se tu avessi cento volte portato un corpo sulla Terra, nell'aldilà non avresti in ogni caso che un corpo soltanto, e precisamente del genere come l'ho descritto or ora. Hai compreso adesso?"

Secondo me da quanto è stato scritto, non c'entra essere di religione cattolica o cristiana o di altra religione, ma soltanto di opere.

ma, allora.... cosa significa questa ressurezione della carne? Di quale carne si tratta?
Mr. Bean is offline  
Vecchio 08-08-2005, 08.11.27   #34
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
" infatti chiedilo ai cattolici e vedi cosa ti rispondono"
cito san Paolo lettera ai Corinzi 1 , dal versetto 36 in poi in cui spiega come saranno i "corpi" della resurrezione.....
e dove dice sempre lui 2 la carne e il sangue non erediterannoil regno di Dio, perchè ciò che è corruttibile non può ereditare l'incorruttibilità e parla di "trasformazione della materia "
La lettera è la numero 15 in cui parla con chiarezza del nostro corpo spirituale....o glorioso. a partire dal versetto 35 in cui si pone le nostre eterne domande sulla resurrezione ed immortalità
quindi come Gesù parla di Nuovo Cielo e Nuova Terra così saranno Nuovi i nostri corpi di resurrezione.
paperapersa is offline  
Vecchio 08-08-2005, 08.18.38   #35
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
MIRROR E LA MOSCHEA


come sempre Mirror dle tue perle di sagezza illuminano e chiariscono confusioni
anche San Paolo dice ma non sapete che ilVostro corpo è ilTempi dello Spirito
E Gesù dice
qyando preghi ritirati nel silenzio del tuo cuore e lì troverai Dio e
la verità.
Chi ha bisogno dei segni esterni e dei riti tuttavia non è da biasimare..... tutti siamo stati così, tutti abbiamo avuto bisogno di simboli e segni esterni prima di convertirci e introiettarci.....
paperapersa is offline  
Vecchio 08-08-2005, 09.12.44   #36
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Citazione:
Messaggio originale inviato da paperapersa
Chi ha bisogno dei segni esterni e dei riti tuttavia non è da biasimare..... tutti siamo stati così, tutti abbiamo avuto bisogno di simboli e segni esterni prima di convertirci e introiettarci.....

Sono d'accordo con te, Paperapersa.

Dal libro di Khalil Gibran - IL PROFETA

SULLA PREGHIERA
Allora una sacerdotessa disse: Parlaci della Preghiera.
E lui rispose dicendo: Voi pregate nell'angoscia e nel bisogno, ma dovreste pregare anche nella pienezza della gioia e nei giorni dell'abbondanza.
Perché non è forse la preghiera l'espansione di voi stessi nell'etere vivente?
Se riversare la vostra notte nello spazio vi conforta, è gioia anche esprimere l'alba del vostro cuore.
E se non potete fare a meno di piangere quando l'anima vi chiama alla preghiera, essa dovrebbe spingervi sempre e ancora al sorriso.
Pregando vi innalzate sino a incontrare nell'aria coloro che pregano nello stesso istante, e non potete incontrarli che nella preghiera.
Perciò la visita a questo tempio invisibile non sia altro che estasi e dolce comunione.
Giacche se entrate nel tempio soltanto per chiedere, voi non avrete. E se entrate per umiliarvi, non sarete innalzati.
O se entrate a supplicare per il bene altrui, non sarete ascoltati. Entrare nel tempio invisibile è sufficiente.

Con la parola io non posso insegnarvi a pregare.
Dio non ascolta le vostre parole, se non le pronuncia egli stesso attraverso le vostre labbra.
E io non posso insegnarvi la preghiera dei monti, dei mari e delle foreste.
Ma voi, nati dalle foreste, dai monti e dai mari, potete scoprire le loro preghiere nel vostro cuore,
E se solo tendete l'orecchio nella quiete della notte, udrete nel silenzio: "Dio nostro, ala di noi stessi, noi vogliamo secondo la tua volontà.
Desideriamo secondo il tuo desiderio.
Il tuo impero trasforma le nostre notti, che sono le tue notti, in giorni che sono i tuoi giorni.
Nulla possiamo chiederti, perché tu conosci i nostri bisogni prima ancora che nascano in noi.
Tu sei il nostro bisogno, e nel donarci più di te stesso, tutto ci doni".


Ultima modifica di Mirror : 08-08-2005 alle ore 09.17.18.
Mirror is offline  
Vecchio 08-08-2005, 09.35.39   #37
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
e' la mia ultima composizione e voglio condividerla con voi
questa mi ha suggerito un progetto ma non ve ne parlo perchè deve crescere nel mio cuoree nella mia mente
un bacio a tutti

L'Amore comincia da me

L'amore comincia da me,
dallo sguardo che poso su ogni cosa,
dal sorriso che nace spontaneo
dal saluto felice
a chi inconro nel mio cammino


L'Amore comincia da me,
dalla gioia che provo
in tutto ciò che intraprendo,
dalla certezza di farcela,
e dal sorriso bonario
per "non essere riuscita nonostante tutto"

L'Amore comincia da me,
dalla cura che do alle mie cose,
dal valore che do alle persone,
dalla comprensione che do ad ogni evento
dalla clama con cui pondero ogni azione

L'Amore comincia da me,
dalla ertezza di essere amata,
dalla gioia nel condividere amore,
dalla semplicità della mia vita.


L'Amore comincia da me,
ma non si esaurisce con me,
proviene da eterna sorgente
come fiume in piena tocca ogni cosa che bagna
inarrestabile avanza
finchè non ci sarà più alcuno che non si sia riconosciuto
della stessa "sostanza"

L'Amore comincia con me
e non vede l'altro da sè
ma vede me in te
e lo specchio fatato risponde
in verità nessuno c'è che sia più bello di te



cadono i veli del vecchio Narciso
limpido specchio riflette per sempre la tua somiglianza
con Dio.
paperapersa is offline  
Vecchio 08-08-2005, 10.05.20   #38
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
thanks

Grazie di quello che hai scritto!!!!!!!!!!!!!1
klee is offline  
Vecchio 08-08-2005, 12.49.30   #39
kantaishi
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-05-2004
Messaggi: 1,885
Come i morti creano le religioni.

Salve,
una delle caratteristiche dei morti è che ripetono eternamente sempre le stesse cose.Il cristianesimo risale a 6000 anni fa e poi è stato ripetuto sotto varie forme e vari nomi ma la sostanza è rimasta sempre quella.
L'ultimo tentativo di rinnovare il cristianesimo è stato quello di Himmler.Riassumiamo brevemente la teologia di Himmler,Guido von List,lanz von Liebenfels e Rosemberg:

Cristo=il Messia.
Hitler=il Messia.
Sommo Sacerdote=Officiava a Gerusalemme nel tempio di Salomone.
Himmler=sommo Sacerdote officiava nel castello di Wewelsburg.
12 Apostoli di Cristo=serviranno come re sacerdoti nel Regno dei Cieli.
12 Gruppenfùrer=Apostoli di Himmler,serviranno come re-sacerdoti
nel Nuovo Ordine del terzo Reich.
Gerusalemme Celeste=la dede dove gli Apostoli avrebbero regnato come re-sacerdoti.
Wewelsburg=il Vaticano SS,la sede da cui i Gerofanti-arconti Gruppenfùrer SS avrebbero regnato come re-sacerdoti.
Regno dei Cieli=durerà mille anni per portare l'umanità alla perfezione originaria dopo l'Armaggedon.
Reich Millenario=durerà mille anni per portare l'ariano alla perfezione degli inizi dopo la lotta cosmica che distruggerà le razze inferiori.

Il Peccato originale secondo il gran sacerdote Lanz von Liebenfels:

Causa di tutti i mali del mondo è stata quella dei primi uomini ariani che si erano accoppiati con i membri delle razze inferiori,disobbedendo al comando di Dio.
La salvezza sarà portata dall'Uomo Forte disceso dal cielo, ovvero
Adolf Hitler ,con la collaborazione del Cristo con i suoi 12 apostoli e cioè Himmler con i suoi 12 Gruppenfùrer che stermineranno tutte le razze inferiori creando il Paradiso Ariano.

Vedi:"I grandi misteri del nazismo" di Pierluigi Trombetti e
Giorgio Galli.

Viedersehen !

Kantai.
kantaishi is offline  
Vecchio 08-08-2005, 15.28.32   #40
sunday01
Ospite abituale
 
L'avatar di sunday01
 
Data registrazione: 05-07-2005
Messaggi: 464
Questo è quello che dice il Catechismo della Chiesa Cattolica sulla
resurrezione della carne:

ARTICOLO 11
«CREDO LA RISURREZIONE DELLA CARNE»
988 Il Credo cristiano – professione della nostra fede in Dio Padre, Figlio e Spirito Santo, e nella sua azione creatrice, salvifica e santificante – culmina nella proclamazione della risurrezione dei morti alla fine dei tempi, e nella vita eterna.
989 Noi fermamente crediamo e fermamente speriamo che, come Cristo è veramente risorto dai morti e vive per sempre, così pure i giusti, dopo la loro morte, vivranno per sempre con Cristo risorto, e che egli li risusciterà nell'ultimo giorno. 556 Come la sua, anche la nostra risurrezione sarà opera della Santissima Trinità:
« Se lo Spirito di colui che ha risuscitato Gesù dai morti abita in voi, colui che ha risuscitato Cristo dai morti darà la vita anche ai vostri corpi mortali per mezzo del suo Spirito che abita in voi » (Rm 8,11). 557
990 Il termine « carne » designa l'uomo nella sua condizione di debolezza e di mortalità. 558 La « risurrezione della carne » significa che, dopo la morte, non ci sarà soltanto la vita dell'anima immortale, ma che anche i nostri « corpi mortali » (Rm 8,11) riprenderanno vita.
991 Credere nella risurrezione dei morti è stato un elemento essenziale della fede cristiana fin dalle sue origini. « Fiducia christianorum resurrectio mortuorum; illam credentes, sumus – La risurrezione dei morti è la fede dei cristiani: credendo in essa siamo tali »: 559
« Come possono dire alcuni tra voi che non esiste risurrezione dei morti? Se non esiste risurrezione dai morti, neanche Cristo è risuscitato! Ma se Cristo non è risuscitato, allora è vana la nostra predicazione ed è vana anche la vostra fede [...]. Ora, invece, Cristo è risuscitato dai morti, primizia di coloro che sono morti » (1 Cor 15,12-14.20).

996 Fin dagli inizi, la fede cristiana nella risurrezione ha incontrato incomprensioni ed opposizioni. 570 « In nessun altro argomento la fede cristiana incontra tanta opposizione come a proposito della risurrezione della carne ». 571 Si accetta abbastanza facilmente che, dopo la morte, la vita della persona umana continui in un modo spirituale. Ma come credere che questo corpo, la cui mortalità è tanto evidente, possa risorgere per la vita eterna?
Come risuscitano i morti?

997 Che cosa significa « risuscitare »? Con la morte, separazione dell'anima e del corpo, il corpo dell'uomo cade nella corruzione, mentre la sua anima va incontro a Dio, pur restando in attesa di essere riunita al suo corpo glorificato. Dio nella sua onnipotenza restituirà definitivamente la vita incorruttibile ai nostri corpi riunendoli alle nostre anime, in forza della risurrezione di Gesù.

998 Chi risusciterà? Tutti gli uomini che sono morti: « Usciranno [dai sepolcri], quanti fecero il bene per una risurrezione di vita e quanti fecero il male per una risurrezione di condanna » (Gv 5,29).

999 Come? Cristo è risorto con il suo proprio corpo: « Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io! » (Lc 24,39); ma egli non è ritornato ad una vita terrena. Allo stesso modo, in lui, « tutti risorgeranno coi corpi di cui ora sono rivestiti », 573 ma questo corpo sarà trasfigurato in corpo glorioso, 574 in « corpo spirituale » (1 Cor 15,44):
« Ma qualcuno dirà: "Come risuscitano i morti? Con quale corpo verranno?". Stolto! Ciò che tu semini non prende vita, se prima non muore, e quello che semini non è il corpo che nascerà, ma un semplice chicco [...]. Si semina corruttibile e risorge incorruttibile. [...] È necessario infatti che questo corpo corruttibile si vesta di incorruttibilità e questo corpo mortale si vesta di immortalità » (1 Cor 15,35-37.42.52-53).
1000 Il « modo con cui avviene la risurrezione » supera le possibilità della nostra immaginazione e del nostro intelletto; è accessibile solo nella fede. Ma la nostra partecipazione all'Eucaristia ci fa già pregustare la trasfigurazione del nostro corpo per opera di Cristo:
« Come il pane che è frutto della terra, dopo che è stata invocata su di esso la benedizione divina, non è più pane comune, ma Eucaristia, composta di due realtà, una terrena, l'altra celeste, così i nostri corpi che ricevono l'Eucaristia non sono più corruttibili, dal momento che portano in sé il germe della risurrezione ». 575
1001 Quando? Definitivamente « nell'ultimo giorno » (Gv 6,39-40.44.54; 11,24); « alla fine del mondo ». 576 Infatti, la risurrezione dei morti è intimamente associata alla parusia di Cristo:
« Perché il Signore stesso, a un ordine, alla voce dell'arcangelo e al suono della tromba di Dio, discenderà dal cielo. E prima risorgeranno i morti in Cristo » (1 Ts 4,16).
riunita al suo corpo il giorno della risurrezione dei morti.
La morte
1006 « In faccia alla morte l'enigma della condizione umana diventa sommo ». 580 Per un verso la morte corporale è naturale, ma per la fede essa in realtà è « salario del peccato » (Rm 6,23). 581 E per coloro che muoiono nella grazia di Cristo, è una partecipazione alla morte del Signore, per poter partecipare anche alla sua risurrezione.

1007 La morte è il termine della vita terrena. Le nostre vite sono misurate dal tempo, nel corso del quale noi cambiamo, invecchiamo e, come per tutti gli esseri viventi della terra, la morte appare come la fine normale della vita. Questo aspetto della morte comporta un'urgenza per le nostre vite: infatti il far memoria della nostra mortalità serve anche a ricordarci che abbiamo soltanto un tempo limitato per realizzare la nostra esistenza.
« Ricordati del tuo Creatore nei giorni della tua giovinezza [...] prima che ritorni la polvere alla terra, com'era prima, e lo spirito torni a Dio che lo ha dato » (Qo 12,1.7).
1008 La morte è conseguenza del peccato. Interprete autentico delle affermazioni della Sacra Scrittura 583 e della Tradizione, il Magistero della Chiesa insegna che la morte è entrata nel mondo a causa del peccato dell'uomo. 584 Sebbene l'uomo possedesse una natura mortale, Dio lo destinava a non morire. La morte fu dunque contraria ai disegni di Dio Creatore ed essa entrò nel mondo come conseguenza del peccato. 585 « La morte corporale, dalla quale l'uomo sarebbe stato esentato se non avesse peccato », 586 è pertanto « l'ultimo nemico » (1 Cor 15,26) dell'uomo a dover essere vinto.

1013 La morte è la fine del pellegrinaggio terreno dell'uomo, è la fine del tempo della grazia e della misericordia che Dio gli offre per realizzare la sua vita terrena secondo il disegno divino e per decidere il suo destino ultimo. Quando è « finito l'unico corso della nostra vita terrena », 597 noi non ritorneremo più a vivere altre vite terrene. « È stabilito per gli uomini che muoiano una sola volta » (Eb 9,27). Non c'è « reincarnazione » dopo la morte.
1014 La Chiesa ci incoraggia a prepararci all'ora della nostra morte (« Dalla morte improvvisa, liberaci, Signore »: antiche Litanie dei santi), a chiedere alla Madre di Dio di intercedere per noi « nell'ora della nostra morte » (« Ave Maria ») e ad affidarci a san Giuseppe, patrono della buona morte:
« In ogni azione, in ogni pensiero, dovresti comportarti come se tu dovessi morire oggi stesso; se avrai la coscienza retta, non avrai molta paura di morire. Sarebbe meglio star lontano dal peccato che fuggire la morte. Se oggi non sei preparato a morire, come lo sarai domani? ».

In sintesi:
1015 « La carne è il cardine della salvezza ». 600 Noi crediamo in Dio che è il Creatore della carne; crediamo nel Verbo fatto carne per riscattare la carne; crediamo nella risurrezione della carne, compimento della creazione e della redenzione della carne.
1016 Con la morte l'anima viene separata dal corpo, ma nella risurrezione Dio tornerà a dare la vita incorruttibile al nostro corpo trasformato, riunendolo alla nostra anima. Come Cristo è risorto e vive per sempre, così tutti noi risusciteremo nell'ultimo giorno.
1017 « Crediamo [...] nella vera risurrezione della carne che abbiamo ora ». 601 Mentre, tuttavia, si semina nella tomba un corpo corruttibile, risuscita un corpo incorruttibile, 602 un « corpo spirituale » (1 Cor 15,44).
1018 In conseguenza del peccato originale, l'uomo deve subire « la morte corporale, dalla quale sarebbe stato esentato se non avesse peccato ». 603
1019 Gesù, il Figlio di Dio, ha liberamente subìto la morte per noi in una sottomissione totale e libera alla volontà di Dio, suo Padre. Con la sua morte ha vinto la morte, aprendo così a tutti gli uomini la possibilità della salvezza.

Ciao a tutti


sunday01 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it