Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Storia
 Storia - Fatti e personaggi, passato e attualità.
Vecchio 05-12-2003, 18.03.05   #21
dawoR(k)
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-05-2003
Messaggi: 876
che noia sti giudei...

M'accorgo
che per i massmedia
anche le vittime
oltre ai carnefici
vengono divise
in svariate categorie d'interesse...
Stalin
al proposito aveva le idee ben chiare
quando gli chiesero :
"e adesso che ne facciamo dei tedeschi?"
rispose determinato :
"uccidiamoli tutti"
e se avesse potuto
lo avrebbe fatto
ora mi chiedo
se si facesse
la stessa domanda a Sharon
a proposito dei palestinesi
ah,no...
quello aveva già risposto
a Sabra e Chatila...
eppoi sempre con sta storia
parecchio esagerata
dei 6 milioni di ebrei
...ma dove ?
bosnia,ruanda,armenia,cecenia, irak
e avanti,avanti,ancora avanti
mentre si svolgono massacri su massacri
sempre lì con sta fiaba
dei 6 milioni di ebrei...
perchè è di moda
perchè si ricordi il passato
e si chiudano gli occhi
sulle molte realtà scomode
che umiliano il genere umano
ai giorni nostri
giorno dopo giorno
ogni giorno
da sempre
immensi mari di sangue

wahankh .

Ultima modifica di dawoR(k) : 05-12-2003 alle ore 18.05.22.
dawoR(k) is offline  
Vecchio 05-12-2003, 18.08.50   #22
euclide1964
Ospite
 
Data registrazione: 28-11-2003
Messaggi: 13
Per R. Rubin

Finalmente qualcuno ha ha capito il l'indirizzo della discussione.

Se vi va possiamo continuare.
Grazie comunque per le risposte sin qui formulate.
euclide1964 is offline  
Vecchio 08-12-2003, 17.01.31   #23
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
ciao, devo ammetere la mia incapacità ad affrontare il problema in questi termini... richiede una cultura che proprio non ho...
mi spiace ma io passo alla prossima!
r.rubin is offline  
Vecchio 14-12-2003, 03.57.43   #24
salice
Ospite abituale
 
L'avatar di salice
 
Data registrazione: 31-03-2002
Messaggi: 164
Sono rimasto un po’ perplesso vedendo l’invito di Euclide 1964 di parlare su argomenti cosi impegnativi come:
-le ragioni del sterminio ebraico, le conseguenze che hanno subito i tedeschi dopo la guerra e le riflessioni sul accaduto per costruire una società migliore , temi che hanno riempito scafali su scafali di libri . Dopo aver letto qualche ragionamento, pallottole sparate non per colpire ma per dire ”anche io sono armato”- trovo il nostro amico Euclide contento, forse più soddisfatto che contento…affermare che “finalmente qualcuno ha capito l’indirizzo della discussione”.
Dopo un lungo gioco (il cui la destinazione sicuramente era sconosciuta a Irene, R.Rubin e Pennac), Dawor(k) riesce a accontentare Euclide.
E cosa di illuminato scrive Dawor(k)?
-Che Stalin voleva sterminare i tedeschi.
Poteva anche dire quello che dici, tra una bottiglia di vodka e un'altra, perciò, non puoi essere sicuro che aveva le idee ben chiare. Comunque non mi risulta nessun progetto russo di sterminare i tedeschi.
- La determinazione di Sharon di sterminare i palestinesi si manifesta con il caso di Sabra e Shatila? . Per i falangisti cristiani libanesi, il cui capo Hubeika, che ha effetuato materialmente il massacro ed è stato in seguito ministro nel governo libanese - non c’è più spazio nella memoria collettiva. Neanche per Assad che ha ucciso a Hamma tra dieci a quindicimila abbitanti o per Hussein di giordania che nel settembre del 1970 ha ucciso migliaia di palestinesi non c’è memoria.

Vorrei dire, il nostro Dawor(k) usa la memoria dei morti ,”Bosnia, Ruanda, Armenia , Cecenia, Iraq” per diminuire l’importanza di altri morti. Nefandezza pura.

Se il cadavere di un palestinese acquista valore per te solo quando Sharon si trova d’intorni e se l’importanza di un altro cadavere perde la sua rilevanza in quanto “ebreo” – allora hai un problema che forse non sarai capace di risolvere da solo.

Vorrei dire a te Euclide - che ho capito “l’indirizzo” della tua discussione, ma tu hai capito quello mio?
salice is offline  
Vecchio 07-01-2004, 17.09.04   #25
euclide1964
Ospite
 
Data registrazione: 28-11-2003
Messaggi: 13
Citazione:
Messaggio originale inviato da salice
Sono rimasto un po’ perplesso vedendo l’invito di Euclide 1964 di parlare su argomenti cosi impegnativi come:
-le ragioni del sterminio ebraico, le conseguenze che hanno subito i tedeschi dopo la guerra e le riflessioni sul accaduto per costruire una società migliore , temi che hanno riempito scafali su scafali di libri . Dopo aver letto qualche ragionamento, pallottole sparate non per colpire ma per dire ”anche io sono armato”- trovo il nostro amico Euclide contento, forse più soddisfatto che contento…affermare che “finalmente qualcuno ha capito l’indirizzo della discussione”.
Dopo un lungo gioco (il cui la destinazione sicuramente era sconosciuta a Irene, R.Rubin e Pennac), Dawor(k) riesce a accontentare Euclide.
E cosa di illuminato scrive Dawor(k)?
-Che Stalin voleva sterminare i tedeschi.
Poteva anche dire quello che dici, tra una bottiglia di vodka e un'altra, perciò, non puoi essere sicuro che aveva le idee ben chiare. Comunque non mi risulta nessun progetto russo di sterminare i tedeschi.
- La determinazione di Sharon di sterminare i palestinesi si manifesta con il caso di Sabra e Shatila? . Per i falangisti cristiani libanesi, il cui capo Hubeika, che ha effetuato materialmente il massacro ed è stato in seguito ministro nel governo libanese - non c’è più spazio nella memoria collettiva. Neanche per Assad che ha ucciso a Hamma tra dieci a quindicimila abbitanti o per Hussein di giordania che nel settembre del 1970 ha ucciso migliaia di palestinesi non c’è memoria.

Vorrei dire, il nostro Dawor(k) usa la memoria dei morti ,”Bosnia, Ruanda, Armenia , Cecenia, Iraq” per diminuire l’importanza di altri morti. Nefandezza pura.

Se il cadavere di un palestinese acquista valore per te solo quando Sharon si trova d’intorni e se l’importanza di un altro cadavere perde la sua rilevanza in quanto “ebreo” – allora hai un problema che forse non sarai capace di risolvere da solo.

Vorrei dire a te Euclide - che ho capito “l’indirizzo” della tua discussione, ma tu hai capito quello mio?


Prima di tutto mi scuso se rispondo con notevole ritarto. Le feste natalizie mi hanno tenuto un pò lontano.

Quanto precedentemente da me affermato non voleva sminiuire la capacità ci intendere e di volere di nessuno. probabilmente avrei dovuto specificarte meglio che sino a quel punto della discussione si è parlato di cosa è stato il nazismo. Se tizio e caio erano tedeschi, polacchi, austriaci. Sono state fatte affermazioni di ogni genere, però, senza voler polemizzare conte, nessuno ha parlato chiaramente se in termini sociali, politici, etici, religiosi un eccidio quale quello di cui stiamo parlando sia stato giusto catalogarlo solo tra le atrocità commesse dal genere umano. Che il mondo sia pieno di libri sul nazismo e su tutti i genocidi del mondo, è una constatazione che nulla apporta alla discussione.

In fine dei conti, tu come tutti gli altri aldilà dei contenuti storici di quel maledetto fenomeno detto nazismo, cosa ne pensi sul fatto semplice, banale, chiamalo stupido, che un popolo dopo aver creduto nella razza superiore e portato avanti un disegno atroce di sterminio non abbia pagato nulla, è giusto ????????
euclide1964 is offline  
Vecchio 09-01-2004, 19.01.19   #26
lelle 79 ;o)
Ospite abituale
 
L'avatar di lelle 79 ;o)
 
Data registrazione: 09-06-2003
Messaggi: 114
Credo che a pagare realmente siano i posteri di chi si è macchiato di atrocità simili, sopratutto finchè saranno etichettati come figli del regime nazista. Personalmente non trovo giusto punire in nessun caso un'errore, innanzitutto è più importante assicurarsi che non si ripeta, poi assicurarsi che l'errore sia stato realmente compreso da chi l'ha commesso, quando si comprende realmente un'errore simile la morte diventa un sollievo.

Voglio aggiungere che in confronto alla Nestlè Hitler era un pivellino. (Visto cha della Nestlè abbiamo tutti una buona immagine)
Baby Milk Action ha segnalato che nel 13.03.94 le autorità dello Sri Lanka hanno impedito lo sbarco di 15 tonnellate di latte in polvere della Nestlè proveniente dalla Polonia perchè era contaminato con particelle radioattive!
La Nestlè ha prontamente risposto: "Non è latte radioattivo, sono i vostri parametri che sono troppo bassi"

Forniscono gartuitamente latte in polvere agli ospedali per i bambini appena nati, creando disaffezione al latte materno, fonti dell'UNICEF parlano di almeno 1.500.000 di neonati morti all'anno nel Sud del mondo.
Questo perchè sciolgono il latte in polvere in acqua malsana, non sanno che il biberon và sterilizzato, o comunque non hanno i mezzi per farlo, infine non ricevono gl'anticorpi presenti nel latte materno.
1.500.000 di neonati, perchè gl'altri (i più grandicelli) non si ha modo di correrarli a tale causa senza rischiare una denuncia milionaria per diffamazione!!
A proposito se non voltete finanziare questa azienda, smettete di comprate questi prodotti:
-Caffe' Nescafe', Orzoro, Nesquik;
-Pasta Buitoni, Pezzullo, Curtiriso;
-Surgelati Surgela, Mare fresco, Valle degli Orti;
-Gelati Motta, Alemagna, Antica gelateria;
-Acqua Vera, S. Bernardo, S. Antonnio, S. Pellegrino, Perrier;
-KitKat, Galak, Lion, After Eight, Quality Street, Toffee, Polo;
-Conserve Berni;
-Formaggi Locatelli;
-Cibi per animali Friskies, Buffet;
-Salumi Vismara, King;
-Cioccolato Perugina, Nestlè, Nesquik;
-Olii Sasso;
-Brodo Maggi;
-Cosmetici L'Oreal.

...a proposito: se quste notizie le conoscono in pochi non è perchè sono false, ma perchè siamo al 53° posto nella classifica di Reporters sans frontières chiamata Second world press freedom ranking (October 2003), la classifica completa la trovate QUI'

Ultima modifica di lelle 79 ;o) : 09-01-2004 alle ore 19.17.51.
lelle 79 ;o) is offline  
Vecchio 20-02-2004, 18.53.04   #27
nemamiah
Utente bannato
 
Data registrazione: 03-11-2002
Messaggi: 601
Re: NAZISMO: una pietra sopra 6 milioni di morti.

Citazione:
Messaggio originale inviato da euclide1964
Interessandomi in generale sugli aspetti che hanno caratterizzato la forma più atroce di sterminio premeditato di un popolo, nonchè delle motivazioni scatenanti, mi sono chiesto: chi ha pagato ? è giusto che un popolo, comunque consapevole di quanto stesse avvenendo, non abbia pagato nulla ? Può tale atteggiamento essere ritenuto un valido fondamento per una società migliore ? Guardando e meditando sul nostro passato probabilmente sapremo costruire una società migliore !


Hai mai sentito parlare di processo di Norimberga? Vuol dire che qualcuno ha pagato,non solo da un punto di vista giuridico,ma anche economico e morale.
La Germania venne divisa in 4,sotto il controllo di Inglesi,americani,sovietici e francesi.
Nel 1962, l'Urss l'ha divisa in due,con la costruzione del famoso muro di Berlino.La Germany ha pagato interamente i debiti di guerra ai paesi vincitori,quelli morali ad Isdraele e alle comunità ebraiche.

Ma c'è chi non ha saldato il suo conto,con la storia,e questi sono i comunisti titini con le famose Foibe,e quelli sovietici che hanno sterminato 30milioni di oppositori al regime. Bisognerebbe iniziare a chiedersi anche perchè e come mai criminali come Stalin e Tito,non hanno saldato il loro conto.....
nemamiah is offline  
Vecchio 21-02-2004, 11.53.50   #28
Giuliano
Ospite abituale
 
Data registrazione: 14-12-2003
Messaggi: 270
Sono d'accordo , si e' parlato fino a adesso poco dei crimini che si sono commessi in nome del comunismo , ora che ,da tempo,e' finita la guerra fredda sarebbe arrivato il momento che gli storici ci facessero sapere tutto anche su quelli,ora poi che dovrebbero aprirsi molti degli archivi prima segreti
secondo me dobbiamo comunque essere consapevoli che ormai si tratta di storiografia,che il fascismo e il comunismo del novecento erano molto diversi dalle nuove barbarie che si presentano adesso
Stalin , Hitler , Goebbels , Tito e la loro nomenklatura non erano anche dei grandi azionisti e dei top managers di multinazionali che hanno interessi in tutto il pianeta,erano certamente piu' sanguinari dei potenti di adesso,ma dobbiamo stare attenti a non cercare tanto i nuovi pericoli per la giustizia e la democrazia in questo nostro villaggio globale,dietro a qualche lugubre simbolo ideologico che sia in caratteri runici o in cirillico,quanto nei consigli di amministrazione delle supermultinazionali (se ne sta parlando anche nel forum psicologia riguardo a quelle farmaceutiche)

Saluti
Giuliano is offline  
Vecchio 21-02-2004, 15.41.47   #29
nemamiah
Utente bannato
 
Data registrazione: 03-11-2002
Messaggi: 601
Citazione:
Messaggio originale inviato da Giuliano
Sono d'accordo , si e' parlato fino a adesso poco dei crimini che si sono commessi in nome del comunismo , ora che ,da tempo,e' finita la guerra fredda sarebbe arrivato il momento che gli storici ci facessero sapere tutto anche su quelli,ora poi che dovrebbero aprirsi molti degli archivi prima segreti
secondo me dobbiamo comunque essere consapevoli che ormai si tratta di storiografia,che il fascismo e il comunismo del novecento erano molto diversi dalle nuove barbarie che si presentano adesso
Stalin , Hitler , Goebbels , Tito e la loro nomenklatura non erano anche dei grandi azionisti e dei top managers di multinazionali che hanno interessi in tutto il pianeta,erano certamente piu' sanguinari dei potenti di adesso,ma dobbiamo stare attenti a non cercare tanto i nuovi pericoli per la giustizia e la democrazia in questo nostro villaggio globale,dietro a qualche lugubre simbolo ideologico che sia in caratteri runici o in cirillico,quanto nei consigli di amministrazione delle supermultinazionali (se ne sta parlando anche nel forum psicologia riguardo a quelle farmaceutiche)

Saluti


Per quanto riguarda l'Europa,Nazismo,fascismo cessarono di vivere nel 1943/44. Alla fine dei due regimi,si possò immediatamente al giudizio storico da una parte e politico dall'altra. La storia non può pronunciarsi serenamente se non dopo 15/ 20 anni,ciò per eveitare che possano esserci veli di passione politica che ne possano condizionare il giudizio,che deve essere nè pro nè contro.

In 60 anni,abbiamo avuto un bombardamento di notizie,non solo storiche e politiche su fascismo e nazismo,ma anche letterario,cinematografico,fum ettistica ecc,cosa che non è ancora successa col comunismo. Dal crollo spontaneo,son passati 10/12 anni,un tempo diciamo ragionevole per cominciare a riscrivere la storia su questo regime sanguinario.

Ciò che succede oggi,in relazione ai managers e multinazionali,succeeva anche ieri,causa di guerre. Comunque oggi possiamo giudicare solo politicamente i capi di stato,sarebbe una assurdità mettere le due cose sullo stesso piano.

In quanto al discorso principale,tutti sono propensi a parlare dei 6 milioni di ebrei,e non dei 30 milioni sterminati da Stalin,anzi in certi ambienti di partiti istituzionali espongo la foto di Stalin,ed è giudicato un santo,da Bertinotti,Cossutta e seguaci vari.

Degli ebrei se ne parla,loro hanno banche e potenti lobby,ma degli zingari e degli omosessuali, e portatori di andicap,nessun film,nessun nobel,nessun oscar,nessun risarcimento,ne materiale e neanche morale. Questo significa che c'è chi sulla tragedia di milioni di povera gente (ebrei) continua a speculare e scopo esclusivo di interesse economico.
Per esempio,mai un film sulla tragedia di Hiroshima e Nakasaky....o sui bombardamenti anglo-americani,sull'Italia meridionale,anche dopo l'8,settembre.
nemamiah is offline  
Vecchio 21-02-2004, 16.14.38   #30
Giuliano
Ospite abituale
 
Data registrazione: 14-12-2003
Messaggi: 270
Secondo me siamo piu' in accordo su queste cose di quanto tu creda , soprattutto sul fatto che ancora si facciano degli sbaglati distinguo su vittime e carnefici , che certi carnefici tuttora siano ancora celebrati e esaltati , mentre di certe vittime non se ne parla nemmeno
su un punto sono pero' in pressoche' in totale disaccordo,vale a dire che i capi debbano essere guidicati solo politicamente , dato che ormai il Mercato,che ha avuto sempre una frande influenza sulla politica,oggi tende a prendere il ruolo principale nelle decisioni di politica soprattutto internazionale
per rendere meglio l'idea allego queste dichiarazioni di gente che se ne intende (premetto che non so se Gino Strada sia comunista o cosa , io non lo sono,comunque lo ritengo un uomo onesto)

DA :

Né un soldo, né un uomo



di Gino strada
chirurgo di guerra e fondatore di Emergency

Kabul, lì 26 febbraio 2003

"(....)
Vede, Signor Merlo, io credo che un cervello umano normale, di fronte alla domanda "valeva la pena di ammazzare mezzo milione di bambini?" non possa rispondere "Sì".
Se invece qualcuno lo fa, come ha fatto la Signora Albright, se risponde "Sì, ne è valsa la pena", io le assicuro, Signor Merlo, di non aver più bisogno di inventarmi mostri esotici con i quali guerreggiare: il mostro è già lì davanti ai miei occhi. E' stato talmente disumano quel progetto di distruzione dell'infanzia irachena che due responsabili dell'Onu si sono dimessi "per non essere complici di un genocidio". Cinquecentomila bambini sono stati uccisi in Iraq tra il 1991 e il 1998 a causa dell'embargo, come confermano rapporti dell'Onu, documenti accessibili a tutti. A proposito, di questo ha mai scritto nei suoi editoriali, Signor Merlo? O crede anche lei che ne sia valsa la pena?
In ogni caso, avendo confessato di essere un Né-Né, almeno su una questione, mi è venuta anche qualche curiosità. Perché vede, Signor Merlo, i suoi Né-Né sembrano un pugno di fanatici furbastri, che hanno optato per "il modo peggiore, il più ipocrita di stare con Saddam".





(.............)



"Liberiamoci, dunque, del signor Né-Né. Per una volta, smascheriamolo "prima"". Ecco: smascheriamolo, andiamo a vedere il pericoloso filoterrorista nemico della sicurezza mondiale che si cela sotto le sembianze di Rosy Bindi. Il che, nel codice di un certo giornalismo, significa di solito via libera all'insulto, alla menzogna, alla calunnia preventiva: smascheriamolo "prima". Mi spiace, Signor Merlo, è troppo tardi. Già dal 15 febbraio, lei si accorgerà - ma in fondo lei lo sa già, è che non le va di scriverlo, o a qualcuno non va che lei lo scriva - di quanti Né-Né ci sono in Italia e in Europa. Sa, Signor Merlo, ho l'impressione che il partito della guerra del petrolio - quello di Bush junior della Harken e di Bush papà del Carlyle Group (dove stanno anche un po' di parenti stretti di Osama), quello di Dick Cheney della Halliburton, di Condoleezza della Chevron, di Rumsfel della Occidental, il vertice della "grande democrazia americana" tanto per capirci - non passi un gran momento.""

Basta cercare per es. con google cosa siano Chevron , Occidental ecc e chi ne siano o siano stati ,manager consulenti strapagati azionisti per capire meglio

Altro


Da un'intervista del 14 dicembre 2002 del Corriere Della Sera a De Benedetti
http://www.segnalo.it/SAGG-ART/GOV-B...ebenedetti.htm

(...)E, tuttavia, crediamo in un principio di giustizia per cui ci siano pari opportunità per tutti e in cui le differenze sociali non diventino tanto ampie da essere percepite come eticamente inaccettabili. Come diceva Salvemini, con una frase che mi ha sempre colpito per efficacia e semplicità: "Una società di liberi in cui ci sia per tutti un po' di bene". (La conversazione è finita, l'Ingegnere parte domenica per un mese di vacanze in aereo e nave fra Patagonia e Polo Sud. I viaggi non lo spaventano. Porterà con sé un amuleto che ha sempre nella ventiquattrore: l'invito a parlare alle Twin Towers il 13 settembre 2001, alla stessa ora del crollo. Me lo mostra: «sono vivo per caso, come tanti. E lo sa dov'ero la sera prima dell'attentato? A cena a Washington, al National Building Museum, con George Bush padre e la famiglia Bin Laden, tutti invitati dal Gruppo del Carlyle, una compagnia finanziaria americana».(!!!!)




Da ricordarci poi che
Il sig. Bush quando nel era presidente della azienda petrolifera Harken,nel 1990,si libero' di un pacchetto di azioni per un totale di 848 mila dollari senza darne conto all'autorita' di vigilanza come la legge prescrive.Pochi mesi dopo la Harken crollo' , insieme alle sue azioni.




Saluti
Giuliano is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it