Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  18° ANNO

Sufismo

Riflessioni sul Sufismo

di Aldo Strisciullo    indice articoli


 

Il numero: simbolo e sostanza

Gennaio 2010

 

L’Islam non riconosce un valore assoluto alla ragione umana, facoltà che rende l’uomo atto a conoscere. Tuttavia essa resta limitata e subordinata alla logica e ai suoi aspetti deduttivi e induttivi o analogici, tipici dell’espressione umana. La ragione è un grande strumento per la conoscenza positiva della natura (physis) ma è inadatta alla conoscenza di ciò che è di là di questa natura (meta-fisica). L’Islam riconosce all’uomo altre facoltà, altre vie per raggiungere dimensioni diverse della realtà, in particolare l’intuizione. L’intuizione è necessaria per comprendere gli aspetti della realtà sensibili ed essenziali (Si Hamza Boubakeur).
Il numero: simbolo e sostanzaL’uomo, osservando questo universo, meditando sulla sua natura e sulla sua complessità, percepisce, con la sua intelligenza, che non si tratta di un accidente, né di un ammasso confuso e disordinato in un vuoto infinito, ma di un insieme multiforme, sottomesso a leggi rigorose e immutabili, dove nulla è lasciato al caso. Il numero non è un concetto meramente astratto, ma possiede una sua realtà, ed è un aspetto della manifestazione sensibile e astratta (o essenziale).
L’uomo, come scrisse, Plotino, deve innanzitutto distinguere e mettere ordine alle sue percezioni, onde trovare il proprio coordinamento interiore. Egli scrive, nel capitolo Sui numeri (Enneadi 6,1-18): «Solo il numero è quantità, le grandezze lo sono in secondo luogo. Non dunque un unico genere in senso rigoroso, ma un’unica categoria che contiene anche ciò che è vicino alla quantità in senso originario e in senso derivato. Noi, però, dobbiamo vedere in che senso i numeri in sé siano essenza o quantità anch’essi; ma comunque vengano considerati, i numeri superiori non hanno nulla in comune con quelli di quaggiù, se non il nome [...]. Dopo L’intelligenza viene l’Essere, e, in esso, il numero; per suo mezzo l’Essere genera gli esseri agendo secondo il numero, e fa precedere i numeri alla loro esistenza e, allo stesso modo, congiunge con la sua unità L’Essere stesso col Primo [...]. Dunque il numero, il numero primo e vero, è principio e fonte di esistenza per gli esseri. Perciò, anche quaggiù, la nascita di ogni cosa si accompagna ai numeri; sicché se il generante accoglie un numero diverso, o genera una cosa diversa o si annulla».
In “Scienza e civiltà dell’Islam”, Sayyed Hossein Nasr scrive: «sappi che lo scopo della Scienza degli Antichi è ciò da cui ogni cosa procede: il Dio invisibile e immoto (lo zero), la cui Volontà (l’uno) fa nascere l’Intelligenza (il due). A partire dalla Volontà e dall’Intelligenza si manifesta l’Anima (il tre) nella sua unità; dall’Anima nascono le varie nature, che a loro volta generano corpi composti. Si capisce così che una cosa non può essere conosciuta, se non si sa che cosa viene prima di essa. L’Anima vien prima della natura, e grazie ad essa la Natura può venir conosciuta. L’Intelligenza vien prima dell’Anima, ed è grazie ad essa che vien conosciuta. Infine l’Intelligenza non può far altro che condurre a ciò che le è superiore, cioè a Dio, che l’avvolge e la cui Essenza non è percettibile».
Guardando “dentro” le cose, grazie all’intuizione, il numero è sia simbolo, ma anche e soprattutto essenza o realtà dell’essenza. Quando si osserva il mondo “dal di fuori”, le leggi e i numeri paiono moltiplicarsi e disperdersi e, poiché i nostri sensi sono limitati, fanno sembrare paradossalmente la realtà fisica finita e permanente. Col numero comincia la creazione. Il numero è una proprietà. Si può conoscere, secondo Nasr, solo ciò che vien dopo e non prima in ordine di qualità numerica (e di realtà).
Secondo Plotino, esiste una differenza tra numeri “superiori” e numeri “di quaggiù”, così esiste una differenza tra gli aspetti del mondo e i loro processi. Le apparenze del mondo fisico sono specchio e forma derivata delle realtà spirituali. Tuttavia è l’Essere primo o l’Uno, realtà prima di ogni cosa, a determinare tutta la realtà, secondo il numero. La realtà è molteplice, tuttavia è l’Uno, pietra angolare e principio, che conferma e organizza la realtà. Tutti gli aspetti non sono che porzioni del tutto, ma è il tutto che completa ogni cosa.

 

Aldo Strisciullo

- Articolo apparso sulla rivista Sufismo, n°1/2010

 

Altri articoli dedicati al sufismo


Cerca nel sito


Utenti connessi

seguici su facebook



Iscriviti alla Newsletter mensile

Iscriviti alla NEWSLETTER

Riceverai Gratis la Newsletter mensile

con gli aggiornamenti di Riflessioni.it

Un solo invio al mese

IN TUTTE LE LIBRERIE

 

RIFLESSIONI SUL SENSO DELLA VITA

RIFLESSIONI SUL SENSO DELLA VITA

Ivo Nardi ha posto dieci domande esistenziali a più di cento personaggi della cultura, una preziosa raccolta di riflessioni che mettono in luce le prospettive della società contemporanea.

L’intento è quello di offrirti più punti di vista possibili sul senso della vita, così da aiutarti in maniera più obiettiva davanti alle circostanze della tua esistenza. Approfondisci


Leggi l’introduzione
e scarica gratuitamente l'eBook contenente gli aforismi tratti dalle risposte.

 

I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2018

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...