Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

esoterismo

Riflessioni sull'Esoterismo

di Daniele Mansuino   indice articoli

Il sistema trasmutatorio della "Santisima Muerte"

Novembre 2009
pagina 2/2 - pagina precedente

 

Il concetto di totalità temporale si esprime nel sistema per mezzo del numero 60. Non chiedetemi se fosse già così presso gli Aztechi, o se si tratta invece di un adattamento posteriore all’adozione del sistema di conteggio del tempo attuale: non lo so, e non è importante. Quello che mi preme di sottolineare è la possibilità di separare il 60 in due parti, 13 e 47, che sono entrambe associate alla Morte anche nell’immaginario collettivo della civiltà occidentale.
Oltre al 13 e al 47, ha importanza fondamentale nel sistema il numero 40, in quanto 13+27 : il numero della Morte più il numero dei libri del Nuovo Testamento, ovvero la Morte più la Vita.
Ancora, è importante il 37, numero che corrisponde alla Stella Fissa della Santisima Muerte: la Stella Arturo. Senz’altro i (pochi) lettori esperti in quel difficile campo che è l’Astrologia delle Stelle Fisse saranno sorpresi che alla Morte venga associata una Stella luminosa e “benefica” come Arturo, piuttosto che Algol o altre Stelle tradizionalmente considerate malefiche; la cosa si spiega non solo alla luce del paragrafo precedente, ma anche perché Arturo viene detta la Sentinella del Nord - essendo la Stella più meridionale dell’Emisfero Settentrionale, situata poco più a Nord dell’Equatore celeste.
Anche la Morte è la Sentinella del Nord, del Grande Freddo che si affaccia sul calore della Vita, e un articolo a parte meriterebbe di essere dedicato alle corrispondenze Arturo/Morte, a partire dal mito della Tavola Rotonda fino al simbolismo legato a quel simpatico e innocente animale che è l’orso (in greco, arktos).
Un ultimo cenno obbligatorio sul sistema numerologico della Santisima è la denuncia delle sue somiglianze con un altro ugualmente importante e sconosciuto: quello di Martinez de Pasqually, che è fondato sulla Qabbalah ma reca anche notevoli vestigia della Numerologia sciamanica, derivate probabilmente dall’influenza che ebbero sul Martinezismo certe “scuole” numerologiche dell’Africa del Nord.
Già in altri articoli ho avuto modo di stupirmi per la curiosa parentela che risulta evidente dal confronto del Martinezismo (e del Martinismo) con certe parti dello sciamanesimo, ma è senza alcun dubbio nella scienza numerologica che essa appare con maggior chiarezza.
Voglio citare qui di seguito uno degli scritti più sconosciuti (e incompresi) di Martinez - quello che egli presentò come un sistema per… divinare le estrazioni del Lotto – assicurando i lettori che i criteri in esso applicati si possono ritrovare quasi identici nel sistema della Santisima Muerte.

 

Estrazione del 18 Aprile 1758
L’anno aveva mesi 2, il Segno aveva giorni 29, il mese di Aprile giorni 18, la settimana giorni 3, il giorno ore 10. 62 è il numero risultante dall’addizione e si continua l’operazione per avere il primo numero nel modo seguente, addizionando il prodotto con il numero dell’esempio dato sopra:
Giorni della settimana 3, giorni del mese 18, numero dell’esempio 62. 83 è stato il primo numero estratto. Prendiamo il numero dell’esempio 62, il giorno della settimana 3, il numero del Segno 29: totale 94. Il numero prodotto non figura nella Ruota della Fortuna, allora occorre togliere il numero maggiore dei due che è 9 e otteniamo 4 secondo numero estratto.
Per il terzo numero si aggiunge l’ora del giorno, che è 10, al giorno della settimana 3 ed al mese dell’anno 2 : ora del giorno 10, giorno della settimana 3, mese dell’anno 2. Questa addizione dà 15. Il numero non uscì a causa di Marte incontratosi con Venere ; bisognava prendere il numero rovesciato : 51, terzo numero estratto…

 

La spiegazione procede fino al quinto dei numeri; ma al di là delle applicazioni lottistiche (peraltro interessanti), anche qui ciò di cui si parla è il Tempo, e i numeri presi nell’esempio non sono affatto scelti a caso.
Studiosi migliori di me potranno un giorno proseguire l’analisi del sistema numerologico della Santisima (al quale, tra l’altro, è legato anche un metodo di divinazione) portandola più a fondo: per esempio mediante lo studio del rapporto 47/13 (3,615…), il quale pare sia imparentato col pi greco per tutta una serie di ragioni che nel corso di una trance la Santisima mi enumerò, e che io – purtroppo - ho dimenticato.
E’ opportuno comunque ribadire che la sua principale utilità è fungere da supporto meditativo del sistema trasmutatorio, nell’ambito del quale l’aspetto numerologico viene considerato niente più di un corollario. E’ giunto ora il momento di esporne succintamente le modalità operative, la cui pratica – ripeto – è riservata ai Vescovi soltanto.
Nella luna crescente di luglio, il Vescovo deve recarsi al Tempio all’alba e accendere una candela sull’Altare; deve poi riempire a metà un bicchiere d’acqua e infondere in esso, per mezzo di un contagocce, una goccia dell’Olio Consacrato della Santisima Muerte. Se la goccia non si disperde, mescolare l’acqua con un dito. Deve poi berlo tutto d’un fiato e subito dopo spegnere a candela; questo per 13 giorni.
Deve poi continuare ad attendere alle sue normali occupazioni per 47 giorni: non è richiesto che si soffermi con la mente sulla parte di rituale già compiuta, né che tenga il conto dei giorni, perché ciò che si ottiene per mezzo di questo rituale è il controllo del Tempo, e non si deve compiere nessun atto di servitù nei suoi confronti. Il Vescovo saprà da solo quando i 47 giorni sono trascorsi (in realtà, l’esperienza insegna che si tratta di 47 giorni simbolici: quasi nessuno dei praticanti azzecca il giorno giusto per riprendere i lavori).
La ripresa si manifesta da sola, perlopiù nel momento che meno ci si aspetta, che talora è anche il meno opportuno: improvvisamente, mentre la persona è in piedi e/o sta camminando, il suo corpo si immobilizza in una postura molto particolare (questa sì, è segreta).
Qual è, nello sciamanesimo e in esoterismo, il significato dell’assumere con il corpo determinate posizioni? Già una risposta si può trovare comparando questo fenomeno con quello – analogo - di determinate sequenze di movimenti, l’utilità delle quali ho trattato nella parte finale dell’articolo I due progetti della Massoneria. Si tratta, in sintesi, dello stabilire un ponte tra i movimenti eseguiti sul piano della realtà oggettiva e quelli eseguiti in sogno in un altro stato dell’essere, al fine di potervisi trasferire consapevolmente (o in termini castanediani: generare uno spostamento consapevole del punto di unione – su quest’ultimo tema si veda anche l’articolo L’ipnosi di massa).
E’ questo anche il fine principale delle forme rituali massoniche più complesse a livello motorio, come l’Emulation, e su questo aspetto avrò senz’altro l’occasione di ritornare in ulteriori articoli.
Ora, lo stesso obbiettivo si può conseguire non solo mediante sequenze, ma anche tramite l’adozione di posture statiche. E’ un classico del genere l’impiego da parte di Gurdjieff del cosiddetto stop, ma appartengono alla medesima famiglia anche i segni d’ordine della Massoneria, le posizioni insegnate da Rudolf Von Sebottendorff nella Scienza delle Chiavi, quelle dello yoga e quella relativa alla meditazione zen; ci sono ovviamente sfumature di significato diverse legate alle caratteristiche peculiari di ciascuna scuola, ma non è questa la sede per esaminarle a fondo.
In linea di massima si può dire che – rispetto alle sequenze di movimenti – le posture statiche pongono l’enfasi sull’aspetto del recupero dell’energia: una fase cioè che in un certo senso può essere considerata preliminare a quella delle sequenze. Ma non sempre è così, perché nel passaggio dall’uno all’altro stato dell’essere viene a spezzarsi la linearità della successione temporale: quindi non è detto che il maestro consideri indispensabile sottoporre il discepolo sul piano della realtà oggettiva a un rafforzamento energetico preliminare mediante le posture, che potrebbe anche rivelarsi del tutto inutile una volta che egli si sia trasferito in un diverso stato.
Di conseguenza, nella pratica trasmutatoria sequenze e posture possono essere insegnate in qualunque ordine – in certi casi (come il mio) anche prima le sequenze e dopo le posture, a seconda di quelle che sono le caratteristiche psicologiche del discepolo e del tipo di lavoro che il maestro intende operare su di lui.
Per comprendere meglio in cosa consiste il recupero dell’energia legato alle posture, è opportuno partire dalla grandiosa allegoria castanediana dell’uovo luminoso, della quale ho già trattato in diversi articoli (soprattutto ne L’ipnosi di massa), ponendo in evidenza come essa non vada riferita al corpo sottile o corpo energetico dell’uomo, bensì piuttosto all’insieme delle possibilità di manifestazione che l’essere umano può percepire nella totalità degli stati dell’essere; in altre parole, l’uovo luminoso corrisponde precisamente al concetto guenoniano di Uomo Primordiale, anche se l’allegoria castanediana – sciamanica, quindi strettamente operativa – pone di più l’accento sul punto di vista “psichico” e Guénon sul punto di vista cosiddetto spirituale.
Non a caso, Don Juan amava sottolineare il fatto che - a colui che vede - l’uovo luminoso appare come unico: non una molteplicità di uova luminose ciascuna delle quali corrisponde a un dato individuo, ma un solo uovo luminoso nell’Universo, che ognuno percepisce diversamente a seconda delle caratteristiche della propria individualità.
(Di sfuggita: è proprio questa osservazione il punto di partenza per dimostrare l’ortodossia sul piano esoterico della concezione marxista di “coscienza collettiva”, nonché dell’errore di qualsiasi presunta via iniziatica che si sia sviluppata a partire dal concetto di “realizzazione individuale”).
Tornando all’uovo luminoso, è fatto per essere percorso – tanto sulla superficie quanto all’interno – dal punto d’unione, ovvero dalla consapevolezza dell’individuo: in teoria, l’uomo perfetto (ovvero l’ Uomo Primordiale) dovrebbe poter disporre di energia sufficiente a esplorarlo per intero, potendo accedere in questo modo alla totalità degli stati dell’essere.
Se questo non avviene, è perché i nostri livelli di consapevolezza sono assai più bassi, in quanto la nostra energia è preda abituale di un gran numero di parassiti che se ne nutrono abitualmente (suggestivo e indimenticabile l’esempio, portato da Castaneda, di Quelli che volano, su cui conto di ritornare in uno dei prossimi articoli di questa rubrica).
Questi esseri, come spiega allegoricamente Castaneda, hanno divorato gran parte dell’uovo luminoso, lasciandone solo una piccola parte che circonda la pianta dei nostri piedi (e anche quest’ultimo dettaglio – se vogliamo – è interessante per comprendere meglio il significato delle posture: evidentemente, la gran parte del tempo che trascorriamo in piedi ottiene il risultato di imprigionare un po’ di energia tra i piedi e il suolo, precludendo ai parassiti la possibilità di raggiungerla – riflessione, questa, che consente di comprendere meglio il significato della postura suggerita dalla Santisima Muerte).
Quali sono le tecniche a disposizione dell’uomo per recuperare l’enorme quantità di energia dispersa? A parte il metodo creato da Castaneda, Tensegrità – efficacissimo, ma di carattere in un certo senso “troppo sciamanico”, ovvero assai scarsamente sviluppato sul piano della teoria – la migliore esposizione è quella che si ritrova ne La quarta via di Gurdjieff e Ouspensky. La tecnica regina è ovviamente quella del ricordare sé stessi: ovvero essere in grado di svolgere le attività di tutti i giorni mantenendo l’attenzione costantemente concentrata sul pensiero Io sono.
E’ infatti l’identificazione (ovvero l’uscire da sé, per concentrarsi esclusivamente sulle azioni che si stanno compiendo) l’errore basilare che apre la porta del nostro uovo luminoso ai parassiti, mentre al contrario il semplice gesto mentale della consapevolezza di sé è già di per sé sufficiente a metterli in fuga ; ricordare sé stessi è quindi il passo fondamentale per poter ricominciare a accumulare energia (che poi, in seguito, si imparerà anche a trattenere mediante l’adozione di esercizi più elaborati, volti a chiudere i buchi praticati dai parassiti nel guscio dell’uovo).
Ora, mantenere una data postura rimanendo immobili per un certo periodo di tempo innanzitutto costringe l’uomo a ricordare sé stesso; poi, esistono anche variazioni della circolazione energetica legate alle diverse posizioni del corpo; inoltre, una data posizione ha l’effetto di richiamare un certo tipo di energie sottili piuttosto che altre. E c’è infine un ultimo aspetto non desumibile da quanto ho scritto finora ma non meno importante, strettamente legato alla prospettiva dello spaziotempo, cioè dell’Universo a quattro dimensioni: un corpo immobile nello spazio (per quanto si tratti di un’immobilità assai relativa) lascia nel tempo una traccia più consistente rispetto a un corpo in movimento, favorendo in questo modo il progressivo ricompattarsi del corpo sottile.
Torniamo ora al sistema trasmutatorio della Santisima Muerte. Se, nell’attimo in cui il corpo si immobilizza, il cuore pulsava al di sopra del numero di battiti relativi allo stato di quiete, o se comunque la persona ha avuto una giornata attiva, il fenomeno di immobilizzazione non sarà perfetto, e il corpo sarà percorso da un lieve tremore: la sola cosa da fare è rilassarsi il più possibile, cercando di creare il vuoto mentale, perché il tremore cessi o perlomeno sia limitato.
Quando si sarà raggiunto uno stato di quiete soddisfacente, il corpo lo segnalerà mediante il raddrizzamento della colonna vertebrale. Se si vorrà allora passare in esame lo stato dei vari muscoli (operazione che è consigliabile fare partendo dai piedi), si rileverà che quasi tutto il corpo è in stato di relax, fatta esclusione per le spalle, le braccia e soprattutto le mani.
Va bene così: stupido e inutile sarebbe cercare di raggiungere lo stato di relax assoluto, che non esiste in natura ed è in realtà una delle tante “chimere” inventate dai maestri disonesti di certe forme esoteriche allo scopo di mantenere i discepoli in uno stato di perenne inferiorità e soggezione.
Occorre invece socchiudere gli occhi, e attendere che nella mente comincino a visualizzarsi in modo spontaneo i numeri da 1 a 60 (in lettere o in cifre).
Appariranno uno dopo l’altro, e quando si arriverà a 13 ci sarà una pausa, nel corso della quale occorre nuovamente rilassarsi il più possibile. Potranno verificarsi vari fenomeni (voci, sensazioni di “presenze”, visualizzazioni di paesaggi, di colori, pensieri involontari di tipo meccanico ecc.) ai quali occorre prestare un’attenzione per così dire da guerriero: prenderne atto e memorizzarli se ci si riesce, ma non lasciarsene influenzare più di tanto.
I numeri poi riprendono a scorrere nella mente, e quando si arriva a 60 lo stato di immobilità si interrompe da solo. Ci sono ora da compiere due gesti rituali – il primo con la mano sinistra, il secondo con entrambe le mani – dopodiché si può riprendere il corso normale della giornata come se nulla fosse accaduto; solo nel caso le condizioni fisiche e ambientali siano particolarmente favorevoli, la Santisimaordinerà di ripetere l’enumerazione una seconda volta, raramente una terza.
Questa seconda fase del rituale di trasmutazione non ha un termine: va avanti tutta la vita, e non è affatto un peso per il Vescovo che scelga di praticarlo, perché col tempo la tecnica operativa si perfeziona da sola, e le esperienze psichiche legate alla pratica divengono progressivamente più forti, ordinate e comprensibili; consentendogli di estendere giorno dopo giorno la propria familiarità  con quell’Universo degli stati molteplici dell’essere in cui, dopo la morte, sarà chiamato a vivere in eterno – o, per dirla alla guenoniana: per una indefinità temporale.

 

Daniele Mansuino


Lettura consigliata:


LA NOVENA DI FUOCO

(Il culto sciamanico della Santisima Muerte Negra)
Di Daniele Mansuino

Edizioni Amenothes - Genova

pagina 2/2 - pagina precedente

Altri articoli di Daniele Mansuino

 

Daniele Mansuino offre gratuitamente il suo Ebook:

666 Daniele Mansuino

Scaricalo nel formato PDF > 666

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...