Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 28-02-2007, 10.17.38   #31
Lucio Musto
Rudello
 
L'avatar di Lucio Musto
 
Data registrazione: 08-01-2006
Messaggi: 943
Riferimento: se foste per un giorno Presidente del Consiglio

Citazione:
Originalmente inviato da Mary
Ce l'ho il l'idea Ce l'ho io l'idea

basta far pagare le tasse a TUTTI.

...
...
Allora vi dico io: quando l'ho chiesta non mi è stata negata di certo ma...... senza fattura sono 100 euro con fattura sono 150. A me quei 50 euro in più, da onesta cittadina, non mi andava proprio di tirarli fuori. Anche perchè portandoli in detrazione o deduzione, non mi ricordo più, non me li recuperavo di certo. Io pago i miei cento euro, ne sto risparmiando 50 anche se alla fine lo Stato si rifarà su di me e sul mio già misero stipendio.

Io non sono un eroe, ...
..
.


Naturalmente la soluzione c'è, altrimenti non si capirebbe come facciano altre nazioni a funzionare in modo diverso. Ma non si tratta di una legge, e quindi qui sarebbe OT, ma correrò il rischio.

Occorre indurre un cambiamento di mentalità.
Mentalità che tu hai espresso compiutamente nel periodo che ho quotato, ma che non è solo tua, è della quasi totalità degli italiani.

Senza preconcetti rileggiamolo, quel periodo. C'è dentro certamente il giusto sdegno per l'iniquità del professionista che fa "il doppio prezzo" a seconda se debba emettere fattura o meno, ma anche la ricerca di giustificazione per l'onesto cittadino che ben sa di truffare l'erario proprio come il professionista, ma cerca di scaricare la colpa tutta solo su di lui.

Ricordo sempre il ragazzetto che beccato a vendere refurtiva si giustificava:
"Ma il signore che mi compra il Rolex a 100.000 lire, lo sa che è rubato?... o crede che è di mio padre e sta facendo solo fesso il bambino?...
E com'è allora che sono considerato disonesto solo io?..."

E' ragionamento anche analogo a quello che facciamo spesso in politica: "quelli di adesso sono vergognosi, ma lo erano anche quelli di prima!..."

Come se l'una cosa giustificasse l'altra. Il che non è!

Ecco dunque il cambiamento di mentalità: non "vendicarsi" dell'altro che non paga le tasse o sbaglia in altro modo facendo come lui o peggio, ma dimostrare di aver ragione "non facendo" come lui ma secondo regola.

Impossibile?... No, solo lungo e laborioso. Nei nostri nuovi Bus non c'è più la targherra "Vietato sputare per terra" che io ricordo in quelli di una volta. Perché, pochi alla volta, tutti abbiamo imparato a non farlo, anche senza targhetta. Ci sono voluti cinquant'anni.

Quindi non sperare che la soluzione al problema italiano di oggi sia "far pagare le tasse a tutti", perché ci vorrebbe una bacchetta magica che non abbiamo, ma questo sogno potrebbe realizzarsi in futuro, se con pazienza e costanza continueremo a promuovere la corretta mentalità; e fra un pò di tempo, nessuno negherà la ricevuta o sputerà sulla legge per quei cinquanta euro!

Ultima modifica di Lucio Musto : 28-02-2007 alle ore 20.50.54.
Lucio Musto is offline  
Vecchio 28-02-2007, 19.42.14   #32
aurora
.
 
L'avatar di aurora
 
Data registrazione: 03-07-2006
Messaggi: 250
Riferimento: se foste per un giorno Presidente del Consiglio

proposta di legge:
tutte le fatture ottenute da qualsiasi professionista possono essere portate in detrazione sino al 50% dalla dichiarazione dei redditi.

....vedreste come tutti si farebbero dare le fatture e come finirebbe l'evasione fiscale...

domanda: perchè una cosa cosi' semplice non viene attuata?
aurora is offline  
Vecchio 01-03-2007, 14.51.30   #33
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
Riferimento: se foste per un giorno Presidente del Consiglio

io proporrei una legge che limita lo stipendio di parlamentare ad un livello ragionevolmente basso, diciamo all'incirca ciò che percepisce un operaio di pari anzianità lavorativa. Io parto dal principio che fare il parlamentare dovrebbe essere un servizio alla nazione. Quindi, in caso di trasferte (sulla cui bontà poi ognuno dovrà relazionare il popolo italiano) ovviamente rimborso a piè di lista, come per ogni altro lavoratore normalissimo. Infatti, che nell'era dell'informatica si brucino milioni di euro unicamente per i parlamentari, ha dell'incredibile. Poi, abolizione della pensione di parlamentare e abolizione della carica di senatore a vita. Quanto si risparmierebbe? Altrimenti ha senso che si chiedano sacrifici a chi già ne fa di suoi, senza dare il buon esempio?
Mr. Bean is offline  
Vecchio 01-03-2007, 17.12.38   #34
Lucio Musto
Rudello
 
L'avatar di Lucio Musto
 
Data registrazione: 08-01-2006
Messaggi: 943
Riferimento: se foste per un giorno Presidente del Consiglio

Citazione:
Originalmente inviato da Mr. Bean
io proporrei una legge che limita lo stipendio di parlamentare ad un livello ragionevolmente basso, diciamo all'incirca ciò che percepisce un operaio di pari anzianità lavorativa. Io parto dal principio che fare il parlamentare dovrebbe essere un servizio alla nazione. Quindi, in caso di trasferte (sulla cui bontà poi ognuno dovrà relazionare il popolo italiano) ovviamente rimborso a piè di lista, come per ogni altro lavoratore normalissimo. Infatti, che nell'era dell'informatica si brucino milioni di euro unicamente per i parlamentari, ha dell'incredibile. Poi, abolizione della pensione di parlamentare e abolizione della carica di senatore a vita. Quanto si risparmierebbe? Altrimenti ha senso che si chiedano sacrifici a chi già ne fa di suoi, senza dare il buon esempio?

Anche qui c'è qualcosa da dire.
Per forza di cose la più parte dei Parlamentari sono (fuori del loro impegno politico) professionisti di rilievo, persone ai vertici della cultura, dirigenti di istituti di credito, capitani d'industria eccetera. Cioè gente che guadagna molto. Tagliar loro così drasticamente le entrate significa semplicemente abbassare e di tanto (fino al limite di retribuzione che si stabilisce) il livello "sociale" dei parlamentari.

Io non credo (ad es.) che un titolare di cattedra universitaria rischierebbe posto, stipendio e carriera per andar a fare il parlamentare... a meno di non essere un idealista... o di conoscere la strada per "recuperare" in qualche modo il perduto.

Avremmo così alle Camere solo operai anziani (nella tua ipotesi) che, sicuramente persone in gamba come i Parlamentari di oggi e probabilmente anche più buoni, non avrebbero però la preparazione né politica né culturale sufficiente.

No, non credo sia questa una buona strada.

Si certamente invece agli sprechi inutili (fatti salvi i "Doveri di Rappresentanza", su cui andrebbe aperto un thread a parte!), i privilegi ingiustificati, le pensioni allucinanti quanto indecenti, le agevolazioni locative... e via discorrendo.

Riguardo ai Senatori a Vita io proporrei invece di aumentarne il numero, e di molto, trasormandone la carica in "onoreficenza attiva", facendoli sedere in Senato ma senza corrispettivo economico, facendoli partecipare ai lavori come tutti gli altri, ma facendoli votare a parte, prima dei membri effettivi del Senato, in una sorta di "consulta di riferimento"... senza valore legislativo, ma immagina con quanto valore indicativo!...
Una specie di "buona coscienza" alle spalle dei Parlamentari eletti, insomma!
Lucio Musto is offline  
Vecchio 01-03-2007, 20.48.39   #35
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: se foste per un giorno Presidente del Consiglio

Citazione:
Originalmente inviato da Rudello
Io non credo (ad es.) che un titolare di cattedra universitaria rischierebbe posto, stipendio e carriera per andar a fare il parlamentare... a meno di non essere un idealista... o di conoscere la strada per "recuperare" in qualche modo il perduto.

Avremmo così alle Camere solo operai anziani (nella tua ipotesi) che, sicuramente persone in gamba come i Parlamentari di oggi e probabilmente anche più buoni, non avrebbero però la preparazione né politica né culturale sufficiente.

No, non credo sia questa una buona strada.

Si certamente invece agli sprechi inutili (fatti salvi i "Doveri di Rappresentanza", su cui andrebbe aperto un thread a parte!), i privilegi ingiustificati, le pensioni allucinanti quanto indecenti, le agevolazioni locative... e via discorrendo.

Riguardo ai Senatori a Vita io proporrei invece di aumentarne il numero, e di molto, trasormandone la carica in "onoreficenza attiva", facendoli sedere in Senato ma senza corrispettivo economico, facendoli partecipare ai lavori come tutti gli altri, ma facendoli votare a parte, prima dei membri effettivi del Senato, in una sorta di "consulta di riferimento"... senza valore legislativo, ma immagina con quanto valore indicativo!...
Una specie di "buona coscienza" alle spalle dei Parlamentari eletti, insomma!

Giustissimo allora perchè non dare quel che prima di essere eletti guadagnavano? e se erano disoccupati dargli una via di mezzo, una media rispetto agli altri parlamentari. Fermo restando la pubblicazione delle loro denunce di reddito.

Niente più onorevoli a vita, ovviamente qualsiasi posto di lavoro occupavano prima di essere eletti, dovrebbe essere loro garantito per istituzione.

E occorrerebbe garantire una percentuale di non laureati, di donne, e di fasce diverse.

Ma solo il padreterno credo riesca a scollarli dalle sedie in cui si sono avviluppati.
Mary is offline  
Vecchio 01-03-2007, 23.21.27   #36
Lucio Musto
Rudello
 
L'avatar di Lucio Musto
 
Data registrazione: 08-01-2006
Messaggi: 943
Riferimento: se foste per un giorno Presidente del Consiglio

Citazione:
Originalmente inviato da Mary
Giustissimo allora perchè non dare quel che prima di essere eletti guadagnavano? e se erano disoccupati dargli una via di mezzo, una media rispetto agli altri parlamentari. Fermo restando la pubblicazione delle loro denunce di reddito.

Niente più onorevoli a vita, ovviamente qualsiasi posto di lavoro occupavano prima di essere eletti, dovrebbe essere loro garantito per istituzione.

E occorrerebbe garantire una percentuale di non laureati, di donne, e di fasce diverse.

Ma solo il padreterno credo riesca a scollarli dalle sedie in cui si sono avviluppati.


1) Ancora no, perché si creerebbe il principio di pagare in modo diverso persone che fanno lo stesso lavoro. La paga dovrebbe essere alta perché il loro è un lavoro di grande responsabilità, dovrebbe essere limitata al solo tempo in cui coprono il mandato parlamentare ed incidere sullo laro pensione, se ne stanno maturando una, "nella stessa identica misura" di come avrebbe inciso il loro lavoro abituale. In più dovrebbe essere loro garantito il rientro nello stesso ruolo lavorativo che avevano prima di diventare parlamentari. E nient'altro se non una medaglia ricordo di metallo con nastrino tricolore e stemma della Repubblica.

2) Sugli onorevoli a vita ho già detto. Secondo me dovrebbero essere "ad onorem", offrire, se vogliono, la loro competenza gratis e non incidere col voto sulle decisioni democratiche.

3) No alle percentuali "garantite per legge". Tocca alla "base" scegliersi da chi vuol essere rappresentata. Bianco, nero, rosso, maschio, femmina, eunuco, professore o manovale alla legge non deve interessare. Per la legge devono essere tutti uguali. La discriminazione la devono fare gli iscritti ai partiti, prima, e gli elettori poi.

4) Il Padreterno potrebbe schiodarli di li con molta facilità, visto che è padrone della vita e della morte, ma non penso che sia un compito suo, e se li facesse morire per raccomandazione di qualcuno considererei la cosa come una ingerenza non democratica.

( anche perché toglierebbe a noi il gusto di defenestrarli! )
Lucio Musto is offline  
Vecchio 05-03-2007, 10.16.32   #37
cind
Ospite
 
Data registrazione: 20-11-2006
Messaggi: 35
Red face Risposta a Rudello

Saro il primo a votarti!... non appena mi avrai spiegato dove prenderai i soldi necessari... perché mi pare che meno che il punto otto, che pure condivido, siano tutte uscite... e nessuna entrata.

Ah!.. quella povera ricerca... l'hai affossata proprio, vero?...


Ciao Rudy,
mbeh...non l'hai proprio letto con attenzione il mio programma...
in ogni caso, penso che il dove andare a prendere i soldi sia un falso problema, ti faccio un esempio: è come quando i nostri figli ci chiedono i soldini per le caramelle e noi diciamo di non averne, in realtà li abbiamo e come... è solo che diamo la priorità ad altro, magari li investiamo o li accumuliamo per comprare casa nuova... Io credo che tutti i gov. fino ad oggi abbiano dato priorità ad altro e non a quello che è essenziale per i cittadini...non credi?

aggiungo un altro punto nel mio programma :
11) aumenterei l'importo pensionistico a tutti quei nonni che danno una mano concreta nella crescita dei nipotini, che li accudiscono al posto delle baby sitter
Cind
vota Cind vota Cind
cind is offline  
Vecchio 05-03-2007, 17.29.26   #38
Lucio Musto
Rudello
 
L'avatar di Lucio Musto
 
Data registrazione: 08-01-2006
Messaggi: 943
Riferimento: Risposta a Rudello

Citazione:
Originalmente inviato da cind
Saro il primo a votarti!... non appena mi avrai spiegato dove prenderai i soldi necessari... perché mi pare che meno che il punto otto, che pure condivido, siano tutte uscite... e nessuna entrata.

Ah!.. quella povera ricerca... l'hai affossata proprio, vero?...


Ciao Rudy,
mbeh...non l'hai proprio letto con attenzione il mio programma...
in ogni caso, penso che il dove andare a prendere i soldi sia un falso problema, ti faccio un esempio: è come quando i nostri figli ci chiedono i soldini per le caramelle e noi diciamo di non averne, in realtà li abbiamo e come... è solo che diamo la priorità ad altro, magari li investiamo o li accumuliamo per comprare casa nuova... Io credo che tutti i gov. fino ad oggi abbiano dato priorità ad altro e non a quello che è essenziale per i cittadini...non credi?

aggiungo un altro punto nel mio programma :
11) aumenterei l'importo pensionistico a tutti quei nonni che danno una mano concreta nella crescita dei nipotini, che li accudiscono al posto delle baby sitter
Cind
vota Cind vota Cind


su questo sarei anche molto d'accordo, ma sono altri soldini da far uscire dal cappello del prestigiatore... ma se tu dici che ci sono, ben vengano!
Lucio Musto is offline  
Vecchio 07-03-2007, 23.20.50   #39
MAGDA
Ospite abituale
 
L'avatar di MAGDA
 
Data registrazione: 25-09-2006
Messaggi: 46
Riferimento: se foste per un giorno Presidente del Consiglio

Citazione:
Originalmente inviato da aurora
Se poteste essere PDC per un giorno e fare una sola legge,quale legge proporreste?
non una cosa generica ma rispondete possibilmente in maniera precisa con obblighi e punizioni riguardanti l'unica legge che protreste fare.


meditate gente, meditate

La prima legge che farei è quella relativa alla riforma elettorale.
Dalle urne è necessario che sia stabilita una maggioranza assoluta, che rappresenti la volontà espressa dagli italiani di vedere governare una coalizione. Questo comporterebbe una redistribuzione del numero dei seggi assegnati, attraverso un sistema maggioritario, alla coalizione vincente, mentre i restanti all' opposizione. Inoltre un Premierato più forte, del tipo tedesco.
Il fine è quello di creare un governo forte, che possa attuare il suo programma, votato dagli italiani, per l' intera legislazione, senza essere alla mercè di un deputato o senatore che si alza,alla mattina e fa appello alla sua vecchia ideologìa partitica per affossare il lavoro del governo.
Governo debole.... tempo di riforme che si rallenta..... l' economia subisce un duro colpo e alla fine a rimetterci sono sempre i poveri italiani.
MAGDA is offline  
Vecchio 08-03-2007, 01.23.10   #40
Lucio Musto
Rudello
 
L'avatar di Lucio Musto
 
Data registrazione: 08-01-2006
Messaggi: 943
Riferimento: se foste per un giorno Presidente del Consiglio

Citazione:
Originalmente inviato da MAGDA
La prima legge che farei è quella relativa alla riforma elettorale.
Dalle urne è necessario che sia stabilita una maggioranza assoluta, che rappresenti la volontà espressa dagli italiani di vedere governare una coalizione. Questo comporterebbe una redistribuzione del numero dei seggi assegnati, attraverso un sistema maggioritario, alla coalizione vincente, mentre i restanti all' opposizione. Inoltre un Premierato più forte, del tipo tedesco.
Il fine è quello di creare un governo forte, che possa attuare il suo programma, votato dagli italiani, per l' intera legislazione, senza essere alla mercè di un deputato o senatore che si alza,alla mattina e fa appello alla sua vecchia ideologìa partitica per affossare il lavoro del governo.
Governo debole.... tempo di riforme che si rallenta..... l' economia subisce un duro colpo e alla fine a rimetterci sono sempre i poveri italiani.


Sicuro?

Nessun pentimento, poi?..

Ce lo ricordiamo, no, come salì il Fascismo?... 34% dei voti!

Certo che con l'attribuzione di una maggioranza assoluta, un mucchio di fastidi si evitano.

Ma siamo davvero sicuri?...
Lucio Musto is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it