Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 26-01-2008, 09.59.27   #81
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: Pensare di cambiare il mondo cambiando noi: è attuabile?

Citazione:
Originalmente inviato da misterxy
Sì, però credo che a tutto debba esserci un limite, anche ai continui insulti nei confronti del sesso maschile tutto, nonché alla favola secondo la quale "le donne possiedono un potere naturale che le rende più forti e possenti rispetto agli uomini".
Fatti, non parole, please!

E tuttavia, sai cosa c'è di veramente significativo, in voi donne? Il fatto che quando parlate degli uomini - quindi anche dei vostri padri, fratelli, mariti, figli - ne parlate sempre, solo ed esclusivamente male.
A quanto pare, la misandria dilaga...



P.S. Anch' io potrei uccidere, se qualcuno/a osasse toccare miei cari.


No, mai. Il mio cuore non è disposto ad offendere nessuno, tantomeno gli uomini.

Ne stiamo parlando, in generale o in particolare di come vengono usati gli strumenti in "dotazione".

Come potrei parlare male del mio braccio destro o sinistro? del mio occhio destro o sinistro? del mio polmone destro o sinistro? No, non potrei parlare male degli uomini perchè sono una parte di me stessa.

Se odio me stessa odierò anche gli uomini, e l'ho fatto, per decenni ho odiato entrambi covando una rabbia un rancore che poco ci è mancato mi distruggesse.
Ma è stata una prova, una esperienza. Tante altre donne e uomini stanno, in questo momento, attraversando l'inferno che io ora guardo come un dolore da parto, necessario per rinascere.
L'importante è non restare imprigionati nella propria esperienza bella o brutta che sia, ma riuscire ad andare avanti, riprendere sempre il cammino.

Qualcuno ricorda la favola di Aladino e della sua lampada magica?
Bene, io ce l'ho sempre presente.
Nella caverna incontrò una stanza piena d'argento ne riempì le tasche e proseguì, poi trovò una piena di oro, dovette svuotarsi le tasche dell'argento per poterle riempire di oro, poi incontrò quella dei diamanti e dovette liberarsi dell'oro per prendere i diamanti (non so se erano diamanti o altro più prezioso dell'oro). Alla fine giunse davanti ad una vecchia e arrugginita lampada che mai avrebbe immaginata più preziosa di oro e diamanti.
Questa è la nostra vita, lasciare quel che abbiamo creduto importante per accogliere il nuovo, il più prezioso. Persino lo sconosciuto, perchè la nostra lampada siamo noi stessi. Usata, vecchia, sporca, ma siamo noi ed è solo toccando, cercando di ripulirci un poco che scopriamo il potere più grande che è in noi stessi.
Il mondo possiamo cambiarlo solo riprendendoci la nostra umile e preziosa lampada che altri ci hanno sottratto.
Possiamo cambiare il mondo usando noi stessi, non facendo, dicendo, volendo, pensando, agendo per quel che "gli altri" vogliono o pretendono o impongono.

Religione, stato, società, ego rappresentano il mago nero che vuole a tutti i costi impadronirsi del potere della lampada. Sta a noi impedirlo.

E non con la violenza, la sopraffazione ma astuzia e amore.
Mary is offline  
Vecchio 08-02-2008, 08.35.51   #82
nuages
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-12-2007
Messaggi: 196
Riferimento: Pensare di cambiare il mondo cambiando noi: è attuabile?

tra l'uovo e la gallina c'è il nostro libero arbitrio, che decide, tra laccettare un modo di essere o l'altro, alla fine pochissimi di noi potranno essere schierati di qua o di la, c'è sempre una mediazione in ogni istante della nostra vita, sta sempre ancora a noi a raccogliere i frutti delle nostre esperienze ed usarle bene ai fini di una nostra evoluzione, che trascinerà anche altri nel fiume in piena, l'individuo non può quindi che essere al centro di questo discorso. Il DNA di un popolo porta p'oi ad essere più predisposti verso un certo tipèo di evoluzione piuttosto che altri, per esempio il fenomeno mafia non è nato in Finlandia.....nonostante tutto ogni popolo ha i suoi problemi evolutivi, per esempio nel nostro profondo nord Europeo non hanno problemi di mafia ma registrano il più alto tasso di suicidi, ogni popolo in base anche ai suoi problemi ambientali ha il suo cammino evolutivo, ma al centro vi è sempre l'individuo con il suo libero arbitrio.
nuages is offline  
Vecchio 09-02-2008, 18.54.43   #83
daniele75
Ospite abituale
 
L'avatar di daniele75
 
Data registrazione: 12-10-2007
Messaggi: 127
Riferimento: Pensare di cambiare il mondo cambiando noi: è attuabile?

Il conoscere se stessi può cambiare il mondo!
Il problema é che non conosciamo noi stessi,siamo vittime di un "sistema" che ci fornisce continuamente "ideali".Se minimamente,dico per sbaglio,capiremo noi stessi e i nostri veri bisogni,questo mondo cambierebbe in un bater d'occhio.

Ma penso che a "qualkuno" convenga avere una massa semi-dormiente(me compreso).

daniele75 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it