Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 18-03-2006, 20.42.00   #1
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Ancora sull'Eutanasia (dopo le affermazioni di Giovanardi).

L’ho sentito al TG ma riprendo da internet questa affermazione di Giovanardi sull'eutanasia e sulla quale anche Fini si è detto d’accordo.

ROMA, 17 MAR - "La legislazione nazista e le idee di Hitler in Europa stanno riemergendo come ad esempio in Olanda attraverso l'eutanasia e il dibattito su come si possono uccidere i bambini affetti da patologie". Sono queste le parole pronunciate dal ministro Carlo Giovanardi ieri ai microfoni di Radio Anch'io e che a distanza di 24 ore hanno fatto nascere un nuovo caso diplomatico (dopo quello su Calderoli), questa volta con un Paese europeo. Giovanardi, durante la trasmissione radiofonica ha parlato di "selezione eugenetica", che "parte sin dall'inizio, eliminando quelli down, quelli thalassemici o quelli che, già venuti al mondo, non hanno la dignità di vivere perché non sono perfetti. Se poi, magari l'applichiamo anche agli anziani - ha aggiunto - questo è nazismo".

Salto la parte che riguarda i bambini malformati perché bisognerebbe essere medici e capire bene sia la natura della malattia, sia il suo impatto, le previsioni di vita etc….. Aggiungo solo, per chiarezza di cronaca, che alle parole di Giovanardi, Capezzone presente alla trasmissione, ha precisato che si parla di : "bambini con malattie terribili, sofferenze cerebrali disumane, nei casi in cui i genitori siano d'accordo e ben tre consigli medici che danno l'avallo: questo prevede la legge olandese.

Ma a prescindere dai bambini malformati a me, oggi come sempre, sembra molto, ma molto più nazista impedire ad un adulto che lo chieda da se stesso e per se stesso, perché magari gravemente malato, di poter accedere all’eutanasia.
Capisco che per chi ha la fede il rapporto tra l’uomo, la vita e la morte è regolato da Dio ma non capisco perché anche un uomo che non ha fede debba vivere contro la sua volontà, solo perché chi ha fede ritiene di avere ragione.

Qui come in altre parti è evidente che il credente vuole che a tutti siano imposti i suoi valori e che, se per lui la vita è sacra, deve essere sacra per tutti, se per lui esiste Dio, deve esistere Dio per tutti. Mentre il laico dice: - nelle scelte che riguardano il singolo individuo, lasciamo ciascuno libero di scegliere in base ai suoi valori ed al suo sentire. –

Inutile dire che, secondo me, ad essere in una posizione sbagliata verso il prossimo e quindi verso la vita sono i credenti che si arrogano la conoscenza del bene e del male, non solo per se stessi ma per tutti quanti......

VanLag is offline  
Vecchio 18-03-2006, 20.56.07   #2
Kim
Utente bannato
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 1,288
La legislazione nazista e le idee di Hitler in Europa stanno riemergendo come ad esempio in Olanda attraverso l'eutanasia

Già solo con l'introduzione dovevano chiudere i microfoni!!


Kim is offline  
Vecchio 18-03-2006, 22.12.23   #3
Elijah
Utente assente
 
L'avatar di Elijah
 
Data registrazione: 21-07-2004
Messaggi: 1,541
Re: Ancora sull'Eutanasia (dopo le affermazioni di Giovanardi).

È giusto precisare che il discorso eutanasia non è affatto semplice da affrontare e che Kim in passato ha già aperto un thread dicendo il suo parare personale a riguardo, poco dopo la morte...

Ma passiamo a ciò che ha scritto VanLag...
Citazione:
Messaggio originale inviato da VanLag
Qui come in altre parti è evidente che il credente vuole che a tutti siano imposti i suoi valori e che, se per lui la vita è sacra, deve essere sacra per tutti, se per lui esiste Dio, deve esistere Dio per tutti.

VanLag... credere che il problema eutanasia sia unicamente un problema legato a chi crede in Dio, nel senso che è per colpa loro che non si può scegliere di morire, mi sembra un po' riduttivo...

Vorrei infatti ricordarti due semplici diritti, che tutti hanno:

Ogni individuo ha diritto alla vita.
(Art. 3 della dichiarazione dei diritti umani)

Tutti i bambini, nati nel matrimonio o fuori di esso, devono godere della protezione sociale.
(Art. 25.2 della dichiarazione dei diritti umani)

E oltre a questi diritti... non mi pare che esista un diritto universale che consenti alle persone a suicidarsi... o esiste?

Di conseguenza, la prima cosa da far notare, è quella che in ogni caso, in generale, non si può uccidere o lasciar morire nessuno, perché contrario a qualsiasi principio di vita. E che tutti hanno il diritto di avere una possibilità, di avere la vita.
Questa è la norma e mi pare giusto che sia così.

Poi, arriviamo nei famosi casi estremi...
E qua incominciano le discussioni... Ma ripeto, si parla solo ed esclusivamente di casi estremi, e non di altro...

La domanda è ora:

Quando il diritto alla vita può venir meno? In che occasione si può giungere a tanto? Due genitori e dei medici possono scegliere loro se far vivere o meno un bambino handicappato? Se sì, in quali esatte circostanze, e perché mai si dovrebbe permettere a qualcuno di non osservare il diritto alla vita?

Credo che sia evidente a tutti i rischi che ci sono a far passare una legge blanda che permette di uccidere, o lasciar morire la gente così...
E non credo che il problema sia dovuto per il parere dei soli credenti...

VanLag, tu che sembri favorevole alla eutanasia, prova a proporre una Legge adeguata... e poi vediamo se è convincente o meno.
Oppure dicci che legge c'è di preciso in Olanda...
Così possiamo vedere un po' come stanno le cose... e farci un'opinione adeguata e il più completa possibile.


Elia
Elijah is offline  
Vecchio 18-03-2006, 22.19.13   #4
Antigone
Ospite
 
L'avatar di Antigone
 
Data registrazione: 18-03-2006
Messaggi: 33
mi permetto

prima di parlare di vita sarebbe il caso di capire come si definisca e dove essa inizi...

Antigone is offline  
Vecchio 18-03-2006, 22.40.50   #5
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Re: Re: Ancora sull'Eutanasia (dopo le affermazioni di Giovanardi).

Citazione:
Messaggio originale inviato da Elijah
VanLag, tu che sembri favorevole alla eutanasia, prova a proporre una Legge adeguata... e poi vediamo se è convincente o meno.
Oppure dicci che legge c'è di preciso in Olanda...
Così possiamo vedere un po' come stanno le cose... e farci un'opinione adeguata e il più completa possibile.
Ho premesso che, in questa sede non volevo entrare nel merito della legge olandese che prevede l’eutanasia per "bambini con malattie terribili, sofferenze cerebrali disumane, nei casi in cui i genitori siano d'accordo e ben tre consigli medici che danno l'avallo.
Penso che, ad esempio, 3 consigli medici, o i medici in genere, siano più qualificati di me a parlarne. In questa sede volevo limitarmi al diritto all’eutanasia per una persona adulta che decida di farne ricorso, magari perché ha problemi tali di salute da trovare il vivere peggiore della morte.
Non tutti hanno un uguale fobia verso la morte….. che per alcuni, (e qui forse mi ricollego a quanto dice Antigone), la morte potrebbe essere la continuazione della vita. In ogni caso è una cosa che riguarda solo l'adulto che decide.

La legge sarebbe molto semplice: - Un adulto in pieno possesso delle sua facoltà mentali che ne faccia richiesta dovrebbe essere aiutato a morire. (Magari pagando il farmaco e le prestazioni, visto che certamente qualcuno dirà..... a caxo sempre a spese della collettività è.....).



P.S. Il diritto alla vita non è l'obbligo alla vita.

Ultima modifica di VanLag : 18-03-2006 alle ore 22.42.35.
VanLag is offline  
Vecchio 18-03-2006, 22.50.52   #6
Antigone
Ospite
 
L'avatar di Antigone
 
Data registrazione: 18-03-2006
Messaggi: 33
specifico (ci provo)

..non so se ci sia dopo questa vita altro, il mio dilemma riguarda il suo inizio, la sua fine e la definizione stessa di vita...l

in quanto poi al dovere pagare credo che la "collettività" sia la stessa a cui, lavorando magari per decenni si è contribuito...non è che sia questo ente astratto....
Antigone is offline  
Vecchio 18-03-2006, 23.12.53   #7
Elijah
Utente assente
 
L'avatar di Elijah
 
Data registrazione: 21-07-2004
Messaggi: 1,541
Re: Re: Re: Ancora sull'Eutanasia (dopo le affermazioni di Giovanardi).

Citazione:
Messaggio originale inviato da VanLag
La legge sarebbe molto semplice: - Un adulto in pieno possesso delle sua facoltà mentali che ne faccia richiesta dovrebbe essere aiutato a morire.

Anche se non ha malattie mortali?

Oltre al fatto, che in questo modo tu stai escludendo dal discorso tutte le persone che non sono sani di mente e che non possono scegliere da sole... (e mi pare che i casi estremi siano di solito in questo ambito... perché se uno vuole suicidarsi da solo, lo fa, senza che ci sia la legge apposita che glielo permette...).

Citazione:

Il diritto alla vita non è l'obbligo alla vita.
Il diritto della vita non include il diritto alla morte...

E se si vuole ammettere il diritto alla morte, a chi dare questo diritto? Si può dare questo diritto a una persona sana che deve scegliere per un'altra malata? Sì? In che caso?

Citazione:
Antigone scrive
Prima di parlare di vita sarebbe il caso di capire come si definisca e dove essa inizi...
Non capisco la necessità di entrare in certi discorsi senza soluzione o via d'uscita...
Sul dove inizi poi... è un discorso che vedo maggiormente legato all'aborto, piuttosto che all'eutanasia, cioè la bella morte.


Elia
Elijah is offline  
Vecchio 18-03-2006, 23.29.28   #8
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Re: Re: Re: Re: Ancora sull'Eutanasia (dopo le affermazioni di Giovanardi).

Citazione:
Messaggio originale inviato da Elijah
E se si vuole ammettere il diritto alla morte, a chi dare questo diritto? Si può dare questo diritto a una persona sana che deve scegliere per un'altra malata? Sì? In che caso?
No Elia..... sto parlando di una persona che decida per se stessa. Il padre anziano di un mio amico, malato di un brutto male, piangeva e chiedeva perché non lo aiutassero a morire. Chiedeva un aiuto che non gli è stato dato.....

VanLag is offline  
Vecchio 18-03-2006, 23.35.02   #9
Spaceboy
...cercatore...
 
L'avatar di Spaceboy
 
Data registrazione: 15-03-2006
Messaggi: 604
...ennesima brutta figura internazionale...
...ke governo...
...ke ministri...
...ke tristezza...
Spaceboy is offline  
Vecchio 18-03-2006, 23.36.37   #10
Antigone
Ospite
 
L'avatar di Antigone
 
Data registrazione: 18-03-2006
Messaggi: 33
Re: Re: Re: Re: Ancora sull'Eutanasia (dopo le affermazioni di Giovanardi).

Citazione:

Non capisco la necessità di entrare in certi discorsi senza soluzione o via d'uscita...
Sul dove inizi poi... è un discorso che vedo maggiormente legato all'aborto, piuttosto che all'eutanasia, cioè la bella morte.


Elia [/b]

già appunto

ma se non sappiamo di cosa stiamo parlando di cosa realmente parliamo???

Non sappiamo cosa sia vita, dove inizi, dove finisca... ma pretendiamo di decidere per altri... mi sembra quantomeno curioso..
Antigone is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it