Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 14-05-2006, 17.10.55   #21
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Mi sono assentato un attimo, (cioè per il week-end) ed avete scritto tantissimo, per cui mi riservo di leggere con calma gli intereventi ed eventualmente di controbattere, commentare ed aggiungere e quant’altro.

Dirò soltanto che tra una salamella e l’altra, ho dato un’occhiata a repubblica ed ho visto di un monsignore romano, pare un pezzo grosso del Vaticano, arrestato per resistenza a pubblico ufficiale in una strada vicino ai Parioli di Roma mentre era in cerca di incontri omosessuali con un trans.

Ora, personalmente da parte mia, nessun giudizio morale anche perché, in ultima analisi, sono fatti suoi, ma leggendo il trafiletto non ho potuto non pensare a questo 3d, considerando quanto ci guadagnerebbe la chiesa se rivedesse tutto il suo atteggiamento verso la sessualità.


Ultima modifica di VanLag : 14-05-2006 alle ore 17.20.42.
VanLag is offline  
Vecchio 14-05-2006, 18.26.16   #22
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
A scapito della mia stessa analisi che continuo a ritenere inerente al discorso, ma che pur riconosco è certamente parziale, continuo a credere che ci sia sotto di più

Interessante è l’articolo di Walter Peruzzi postato da bside, come pure è interessante è la tesi di Fragola cioè che l’avversione alla sessualità, sia stata propagandata per contenere i culti certamente diffusi nei primi tempi del cristianesimo legati alla dea madre. A suffragio di questa tesi riporto un altro stralcio di Craveri:

Avendo ottenuto il riconoscimento ufficiale dell’imperatore Costantino, il cristianesimo si trovò automaticamente a rappresentare, come religione di stato, anche tutta la massa dei pagani che non si era mai convertita. Per non creare una rottura troppo profonda con le superstizioni del popolino e per farle più presto dimenticare, il cristianesimo dovette assorbire e adattare certe forme, almeno le più tradizionali della religione pagana. Tra l’altro sorgeva il concetto di sostituire il concetto della dea-madre, che nel paganesimo greco-latino e nelle religioni orientali ormai diffuse per l’impero accompagnava sempre il concetto di dio-padre.
Il più importante culto femminile, in Roma, era quello della Grande Dea della Frigia, che aveva assunto in occidente il nome di Magna Mater Deum Idaea. Verso il secondo secolo a.c si era anche diffuso nell’impero il culto di Iside, in origine simboleggiante le virtù fecondatrici del Nilo, poi divenuta regina del mare e del cielo, regolatrice degli astri e quindi dei destini umani, e come tale detta “la Fortuna”. Più tardi entrò in Roma anche il culto di Astarte fencia, la dea sirena di Ascalon…. Ecc


Resterebbe il fatto che viene da chiedersi il perché continuare ad avversare la sessualità una volta raggiunto l’obbiettivo e “vinti” i culti, e qui potrebbe tornare starci a pennello lo stralcio di Mary dal libro di De Mello sui riti che vanno avanti anche se non si sa più il perché oppure potrebbe starci anche il fatto che tali culti non sono affatto vinti come dice Fragola: - Qualcosa si può dedurre anche dalle tradizioni che sono sopravvissute, che sono molte di più di quelle che immaginiamo.

Inutile dire che se Fragola vorrà ampliare il discorso, mi metto nella lista dei sicuramente interessati. (All’oddio provocato dal mio “lanciare le mani e nascondere i sassi” mi viene da rispondere con un )

Al dotto Elijah, chiedo lo sforzo sovrumano, se riesce per una volta, di svestire il ruolo di “difensore della fede” e di mettere la sua indubbia conoscenza dei testi, al servizio della “pura ricerca” aiutando ad evidenziare eventuali passaggi inerenti l’argomento.

Inerente, secondo me era anche questo passaggio di cincin che era stato messo nel 3d: - Papa: “Il vero amore è possibile solo tra uomo e donna” – ma che appunto si adatta benissimo a questo 3d e che quindi mi permetto di riportare:

Citazione:
Messaggio originale inviato da cincin
Io credo che il motivo principale della lotta al sesso da parte della Chiesa sia qui.
Reprimendo il sesso si rende schiavo l'uomo. Reprimendo il sesso egli diventa infelice perchè innaturale. Ed è molto facile controllare una persona infelice e quindi "malata".
Il sesso è energia che si accumula e che deve essere espulsa, e se ciò non accade o accade in un senso di colpa l'uomo non può essere una persona felice e totale.
Una persona veramente felice, non timorosa di nulla, è un "guerriero" e la Chiesa ha bisogno di persone remissive, arrendevoli, invece.
E uno dei motivi per cui si impone l'istituzione del matrimonio e della famiglia, è perchè il matrimonio costringe la coppia alla convivenza forzata anche quando l'amore non è più presente, e l'infelicità che ne deriva rende fragile la coppia; dal canto suo, la famiglia è un ulteriore mezzo per controllare le persone, perchè quando hai famiglia, quando hai tante bocche da sfamare, non puoi diventare un ribelle se sei vittima di ingiustizie.

VanLag is offline  
Vecchio 14-05-2006, 20.49.18   #23
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Citazione:
Messaggio originale inviato da VanLag

Resterebbe il fatto che viene da chiedersi il perché continuare ad avversare la sessualità una volta raggiunto l’obbiettivo e “vinti” i culti, e qui potrebbe tornare starci a pennello lo stralcio di Mary dal libro di De Mello sui riti che vanno avanti anche se non si sa più il perché oppure potrebbe starci anche il fatto che tali culti non sono affatto vinti come dice Fragola: - Qualcosa si può dedurre anche dalle tradizioni che sono sopravvissute, che sono molte di più di quelle che immaginiamo.


Beh, un po' le abitudini sono dire a morire! Soprattutto quando se ne perde di vista il senso! Quella favoletta postata da Mary me la sono tenuta appesa davanti alla scivania per anni! Mary ha dimenticato la frase finale (o forse nella versione che ha lei non c'è, io lpjo presa da un altro testo) che diceva : "nei secoli a venire gli studiosi continuarono ad interrogarsi sul significato simbolico del legare un gatto".
E certamente quei riti e quelle credenze non sono mai stati del tutto vinti. Ma sono stati sufficientemente vinti. Più forse dal positivismo che dalla Chiesa, credo. Sono legati alla natura ed alla terra e, io credo, la terra stessa li emana. La sacralità della terra li emana. Sono dirompenti, e si sono manifestati anche tra gli anni '60 - '70 al grido caro alle donne della mia generazione "tremate, tremate, le streghe son tornate". Lì non c'era ricerca mistica, ma c'era la consapevolezza del potere dirompende del femminile. Il femminile fa paura. La donna è una porta. E' la porta di entrata nella vita. E' la porta della piccola morte dell'orgasmo. La grande madre dà e toglie la vita. E' generosa ma anche terribile. ... mi sto lasciando prendere la mano...
Ultimamente, tra l'altro, stiamo assistendo ad un fenomeno simile alla cara vecchia new age che cerca di recuperarli, anche se banalizzandoli un po'. Basta fare una richerca su internet e contare i forum a tema sulle streghe che sono presenti in rete.

Ma credo che la risposta vera alla tua domanda è che il tagliare fuori il corpo e la sessualità è un po' una scelta senza ritorno. Il lavoro di recupero dovrebbe essere un lavoro di risanamento. Un percorso di guarigione. E si fa sempre più in fretta ad ammalarsi che a guarire. A distruggere che a ricostruire. La Chiesa dovrebbe scegliere di risanarsi e fare su di sè un lavoro terapeutico. Ma che motivo avrebbe ora di fare questa fatica?


Fragola is offline  
Vecchio 14-05-2006, 22.40.52   #24
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Citazione:
Messaggio originale inviato da Fragola
Ma che motivo avrebbe ora di fare questa fatica?
Suggestiva la tua spiegazione.....

Per altro, direi che il motivo che la chiesa potrebbe avere per risanarsi e fare su di sè un lavoro terapeutico, potrebbe essere la sua stessa sopravvivenza.....

VanLag is offline  
Vecchio 14-05-2006, 23.16.56   #25
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Citazione:
Messaggio originale inviato da VanLag
Suggestiva la tua spiegazione.....

Per altro, direi che il motivo che la chiesa potrebbe avere per risanarsi e fare su di sè un lavoro terapeutico, potrebbe essere la sua stessa sopravvivenza.....


Credo che alla sopravvivenza nel mondo della spiritualità la Chiesa abbia rinunciato un migliaio di anni fa. (anche se all'interno del mondo cattolico si annidano piccole relatà di spiritualità autentica, questo non lo nego affatto e le ho pure incontrate!!)
Dal punto di vista temporale, invece, mi sembra in ottima salute! Una vera conversione, un ritorno ai valori autentici del cristianesimo, un bel "fate l'amore non fate la guerra" invece, probabilmente la metterebbe veramente in crisi. Stupisce come i richiami antipacs, anti-anticoncezzionali e anti-fecondazione assistita siano più frequenti dei richiami anti guerra, anti mafia o anti-sfruttamento del sud del mondo. Avete mai sentito il papa sollecitare i suoi fedeli a votare schieramenti che si oppongono alla guerra? O a boicottare le multinazionali che sfruttano il lavoro dei bambini? o avete mai sentito lanciare anatemi su chi ordina i bombardamenti? No? E perchè no? Perchè il rispetto per la vita non deve includere tutta la vita? Compresa quella delle persone che muoiono sotto i bombardamenti? Compresa quella delle persone che muoiono di Aids in Africa? Compresa quella dei bambini che lavorano 14 ore al giorno per un quarto di dollaro per produrre scarpe che vengono vendute a 150 Euro? Nel corso della storia, quando mai la Chiesa ha preso posizioni ferme contro la guerra? Contro le dittature? Contro le ingiustizie sociali? Perchè non lo fa? Perchè tutto sommato questo garantisce la sua sopravvivenza temporale. Le garantisce la protezione da parte dei forti. Come è sempre stato. La chiesa, da più di mille anni ha cessato di essere una istituzione spirituale. La chiesa è un'istituzione di potere. E come istituzione di potere è in ottima salute.

Ultima modifica di Fragola : 14-05-2006 alle ore 23.22.51.
Fragola is offline  
Vecchio 15-05-2006, 00.36.05   #26
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Oltre al discorso sull'aggressività..

Forse predicare il rifiuto del sesso serve a rendere insicuri i discepoli e quindi più facilmente governabili. La Chiesa si nutre di insicurezza, infatti in questo periodo di instabilità sta trovando nuove forze. Non vorrei che l'insicurezza che deriva dal diffondersi di nuovi tipi di spiritualità tipo quella definita new age alla lunga non la fortifichi!
sisrahtac is offline  
Vecchio 15-05-2006, 15.03.42   #27
bside
Ospite abituale
 
L'avatar di bside
 
Data registrazione: 09-09-2005
Messaggi: 383
>Stupisce come i richiami antipacs, anti-anticoncezzionali e >anti-fecondazione assistita siano più frequenti dei >richiami anti guerra, anti mafia o anti-sfruttamento del >sud del mondo.

E' chiaro, perché è sul terreno della sessualità e sulle questioni morali che la Chiesa esercita il suo pre-dominio.
la Chiesa lotta per mantenere l'egemonia culturale e spirituale su milioni di fedeli.
Cosa c'è di peggio infatti per la chiesa che perdere la propria sfera d'influenza, di prestigio, d'mportanza?
Dietro ci sono questioni anche materiali, i "contributi" che versa lo stato, ecc.
Da questo punto di vista la Chiesa non si differenzia molto da una qualsiasi multinazionale. Alla fine si tratta di non perdere i propri "fedeli clienti".
Immagina se arrivasse un domani al potere uno Zapatero in Italia...che fine farebbe il concordato? sarebbe un macello per la chiesa.
bside is offline  
Vecchio 15-05-2006, 17.44.50   #28
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Citazione:
Messaggio originale inviato da bside
Cosa c'è di peggio infatti per la chiesa che perdere la propria sfera d'influenza, di prestigio, d'mportanza?
Ma di fatto, da dopo il medioevo è stato tutto un calare, da parte della chiesa, di influenza e di prestigio…..Prima ha subito gravi colpi con la formazione, in età rinascimentale, delle grandi monarchie europee e con la separazione del mondo protestante, poi con la politica laica dei Principi riformisti, nel settecento, con la rivoluzione francese, ed infine col movimento liberale dell’ottocento.
Oggi sappiamo benissimo che la presa della chiesa sulla gente è spesso solo di facciata….. C’è tanta gente che va a messa ma non sa più il perché, un po’ come il gatto di Mary….. E la massificazione delle comunicazioni e la globalizzazione non vanno certo nel senso di rivivificare idee e valori che funzionavano bene nella civiltà contadina ma che in una società super-tecnologica rischiano di fare danni.

Cambiando discorso..... ho visto che non ci hai postato la parte del libro di Walter Peruzzi che analizza la donna nel cristianesimo che, secondo me, è inerente al tema che stiamo trattando.....

http://www.mercatiesplosivi.com/guer.../3bPeruzzi.htm

da cui stralcio questo pezzo un po' raccapricciante.....:

INDEGNITÀ E INFERIORITÀ DELLA DONNA

In realtà, se il corpo è per il cristianesimo sinonimo di peccato, la donna né è, fin da Eva, il simbolo. L’idea della sua indegnità e inferiorità è teorizzata da Agostino per cui la donna è “un essere inferiore creato da Dio non a sua immagine e somiglianza (mulier non est facta ad imaginem dei) e “il giusto ordine si trova solo là dove l’uomo comanda e la donna ubbidisce” (33). Ma dipendenza e inferiorità erano già presenti in testi di Paolo, le cui Lettere sono ritenute dalla Chiesa ispirate da Dio: “L’uomo no, non deve coprir di velo la testa, essendo immagine e gloria di Dio; e la donna è gloria dell’uomo. Poiché non viene l’uomo dalla donna, ma la donna dall’uomo, né fu fatto l’uomo per la donna, ma la donna per l’uomo. Per questo deve la donna aver sulla testa il segno della sua dipendenza” (34). E altra volta Paolo scriverà: “Le donne siano soggette ai loro mariti, come al Signore, perché l’uomo è capo della donna, come anche Cristo è capo della Chiesa” (35).
“Verso il tuo uomo dovrà andare il tuo anelito, ed egli sarà il tuo signore”, affermava Giovanni Crisostomo (36). Quanto all’indegnità della donna essa è tema ricorrente: “Se gli uomini potessero vedere quel che si nasconde sotto la pelle… la vista delle donne causerebbe solo il vomito”, secondo Sant’Odo, abate di Cluny del X secolo, e il papa umanista Pio II, noto per la sua dissolutezza in gioventù, avvertiva: “Quando vedi una donna, pensa che sia un demonio, che sia una sorta di inferno” mentre il Sinodo di Tyrnau del 1611 stabiliva che “ogni malvagità è piccola in confronto con la malvagità della donna” (37).


VanLag is offline  
Vecchio 15-05-2006, 17.50.53   #29
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Citazione:
Messaggio originale inviato da Fragola
Si possono fare delle ipotesi basandosi sul culto dei santi, spesso istituiti perché si sovrapponessero ai riti preesistenti
in effetti esistono riscontri a quanto dici; ricordavo questo trafiletto, sempre di Craveri, che elenca la lista dei santi che vennero istituiti sovrapponendosi a culti preesistenti.....

........Si danno casi davvero stupefacenti. Venere Afrodisia, ad esempio, continuò ad essere adorata dalle masse, ma sotto il nome di Santa Fredisia; Apollo Efebo divenne Sant’Efebo; Cesare Flava si mutò in Santa Flavia; Bacco, che i pagani chiamavano anche Soter (“salvatore”) fu trasformati in San Sotero, e così via.
Nel calendario alla festa in onore di Dionisio seguiva immediatamente quella di Demtrio: alle medesime date vennero a cadere, nel calendario cristiano, San Dionisio e San Demetrio. I giochi Apollinari suggerirono la ricorrenza di Sant’Apollinare. Le Idi del mese si impersonarono in Santa Ida. La formula di augurio usata dai romani: “perpetua felicitas” si sdoppio in Santa Perpetua e Santa Felicita. Naturalmente per tutti questi falsi santi si inventarono vite esemplari, piene di particolari edificanti e si celebrarono i martiri che essi avrebbero subito.


VanLag is offline  
Vecchio 17-05-2006, 20.37.18   #30
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Parte 1

Avevo postato solo uno stralcio della terza parte di questo scritto di Walter Peruzzi ma ora credo valga la pena di postarlo tutto.

LA DONNA NEL CRISTIANESIMO
Nella sua Lettera alle donne del 29 giugno 1995, Giovanni Paolo II affermò di dispiacersi perché fra i condizionamenti millenari che hanno “reso difficile il cammino della donna” e ostacolato la sua liberazione, “non sono mancate, specie in determinati contesti storici, responsabilità oggettive anche in non pochi figli della Chiesa”; ciò in contrasto con il “messaggio di perenne attualità” a favore della liberazione della donna, “sgorgante dall’atteggiamento stesso di Cristo” (31).
Come al solito, Wojtyla contrappone le colpe dei “figli” della Chiesa agli insegnamenti di Cristo, fingendo di credere che tali insegnamenti facciano tutt’uno con la dottrina cristiana, cioè con gli insegnamenti della Chiesa cattolica, dei teologi e dei papi.
È invece facile notare che anche per quanto riguarda la donna, come per la schiavitù, la giustizia sociale, il diritto alla vita, la pace ecc., insegnamenti di Cristo (o a lui attribuiti dalla tradizione popolare) e cattolicesimo, ossia insegnamenti della Chiesa, sono cose affatto diverse. Limitandoci a questi ultimi, i soli che ci interessino nell’economia del nostro discorso, è facile notare come essi spieghino ad abundantiam le colpe dei figli della Chiesa verso le donne, in quanto colpe della Chiesa tout court, cioè “sgorganti” dalle sue dottrine.
Così la cattolica svizzera Gertrud Heinzelmann descrive come fu colpita quando scoprì le dottrine della Chiesa sulla donna: “Le citazioni antifemministe patristiche e scolastiche mi sconvolsero”, scrive (in sostanziale sintonia con l’Heinemann prima citata) “mi resero insonne. Parlavano di una donna che è solo un valore inferiore, materia non spirituale e quindi tentazione… Della donna dotata del proprio valore e della propria coscienza… non si parlava in questa letteratura in nessun luogo. Invece dell’elevazione spirituale, che ingenuamente mi ero aspettata dal pensiero teologico, trovai disconoscimento, umiliazione, repressione. […] Padri e Scolastici con il loro antifemminismo avevano creato il clima della Chiesa che perdura ancora oggi” (32).

INDEGNITÀ E INFERIORITÀ DELLA DONNA
In realtà, se il corpo è per il cristianesimo sinonimo di peccato, la donna né è, fin da Eva, il simbolo. L’idea della sua indegnità e inferiorità è teorizzata da Agostino per cui la donna è “un essere inferiore creato da Dio non a sua immagine e somiglianza (mulier non est facta ad imaginem dei) e “il giusto ordine si trova solo là dove l’uomo comanda e la donna ubbidisce” (33). Ma dipendenza e inferiorità erano già presenti in testi di Paolo, le cui Lettere sono ritenute dalla Chiesa ispirate da Dio: “L’uomo no, non deve coprir di velo la testa, essendo immagine e gloria di Dio; e la donna è gloria dell’uomo. Poiché non viene l’uomo dalla donna, ma la donna dall’uomo, né fu fatto l’uomo per la donna, ma la donna per l’uomo. Per questo deve la donna aver sulla testa il segno della sua dipendenza” (34). E altra volta Paolo scriverà: “Le donne siano soggette ai loro mariti, come al Signore, perché l’uomo è capo della donna, come anche Cristo è capo della Chiesa” (35).
“Verso il tuo uomo dovrà andare il tuo anelito, ed egli sarà il tuo signore”, affermava Giovanni Crisostomo (36). Quanto all’indegnità della donna essa è tema ricorrente: “Se gli uomini potessero vedere quel che si nasconde sotto la pelle… la vista delle donne causerebbe solo il vomito”, secondo Sant’Odo, abate di Cluny del X secolo, e il papa umanista Pio II, noto per la sua dissolutezza in gioventù, avvertiva: “Quando vedi una donna, pensa che sia un demonio, che sia una sorta di inferno” mentre il Sinodo di Tyrnau del 1611 stabiliva che “ogni malvagità è piccola in confronto con la malvagità della donna” (37).

LA MATERIA E LA FORMA
La Heinzelmann insiste particolarmente sulla dottrina di Tommaso d’Aquino, che ancora oggi la Chiesa indica come verità “perenne” chiedendo nelle preghiere a Dio “di comprendere ciò che ha insegnato e di imitare ciò che ha fatto” (38). Ora, secondo Tommaso, “il padre deve essere amato più della madre” poiché “la madre dà nella procreazione la materia informe, che riceve la sua forma dalla forza formatrice nel seme dell’uomo” (39), “la donna si rapporta all’uomo come l’imperfetto e il manchevole al perfetto” (40).
Per Tommaso, osserva la studiosa svizzera, “la donna ha la sua funzione nell’opera del procreare - è in primo luogo un essere sessuale - e rappresenta il principio della ‘materia’ del passivo ricevere” come il dottore Angelico afferma là dove scrive: “era necessario che la donna diventasse ‘aiuto all’uomo’. E precisamente non come aiuto per qualche altra opera, in cui in ogni caso l’uomo sarebbe stato aiutato meglio da un altro uomo, ma per l’opera della procreazione” (41).
In conclusione l’apporto “originale” del cattolicesimo è consistito nel ribadire la concezione della donna tipica della società patriarcale, cioè come “oggetto sessuale” e “angelo della casa”, sottomessa al marito. Del resto “L’Osservatore Romano”, nota Deschner, “proclama senza confutazioni ancora nel 1965, la ‘posizione prioritaria’ dell’uomo voluta da Dio” (42).

O EVA O MARIA
L’unica possibilità di riscatto che la Chiesa offre alla donna è di spogliarsi della sua femminilità, di desessualizzarsi e negarsi come “Eva” per assumere a modello Maria, divenuta madre senza perdere la verginità, ossia senza passare attraverso il piacere sessuale.
Si tratta di una rappresentazione che secondo la Heinemann contraddice la Bibbia, da cui risulta che “Maria era una donna sposata e partorì un figlio […] ella ebbe persino molti figli e figlie. Ma accettare le cose semplicemente, come stanno, significherebbe senz’altro per Maria un tipo di vita piuttosto estraneo al celibato, anzi persino anticelibatario; pertanto si dovette modificare la sua immagine” (43): si arrivò prima a trasformare i fratelli e le sorelle di Gesù in cugini e cugine, infine a privare Maria anche del parto dell’unico figlio: un’operazione, “la dottrina della Chiesa su Maria”, non “elaborata da donne, ma da uomini, per giunta celibi” i quali “affermavano che il loro stato […] avesse un valore più alto del matrimonio” (44).
Secondo Deschner tale visione di Maria, poi la sua assunzione in cielo e la immacolata concezione, proclamate molto tardi, si sono imposte solo lentamente nella Chiesa. “E quanto più s’innalzava la celebrazione della Vergine”, aggiunge lo storico tedesco, “tanto più profondamente veniva degradata ogni donna (che vivesse naturalmente); là iperdulia senza pari, qui sconfinata diffamazione” (45). “Il movimento mariano e la condanna della donna, della carne peccaminosa”, scrive Friedrich Heer, “sono strettamente connessi” (46).

LA CHIESA SCOPRE LA PARITÀ DEI SESSI…
Negli ultimi decenni, l’irrompere nella Chiesa delle riflessioni e delle critiche espresse dalle femministe, ha spinto i papi a rivedere le loro opinioni sulla donna, come già è avvenuto per la schiavitù o per la pena di morte (v. I crimini di Dio/parte I e II, in “G&P”, n.122 e 123-124). Le speranze suscitate nelle donne cattoliche dai fermenti di rinnovamento che si manifestarono durante il Vaticano II, ma anche le successive delusioni, sono ben ricostruite dalla Heinzelmann nel libro Donna nella Chiesa, già citato.
L’autrice mette soprattutto l’accento sugli elementi di continuità con una visione disincarnata e asessuata della donna, che trapelano ancora dall’enciclica Redemptoris mater con cui pure Giovanni Paolo II intendeva affermare i valori della femminilità. In essa, osserva la Heinzelmann, attraverso un’immagine di Maria che riflette secondo Wojtyla, “i più alti sentimenti di cui è capace il cuore umano”, “viene offerta l’antica immagine della donna come dedizione assoluta, che però ha perduto ogni significato presso le donne che vivono nella vita moderna” (47).
La successiva lettera apostolica Mulieris dignitatem è uno degli esempi più chiari dei funanbulismi cui Giovanni Paolo II deve ricorrere per cercare di adeguarsi ai tempi in parte virando di rotta senza ammetterlo, cioè rivendicando come propria della Chiesa “da sempre” una posizione molto recente, in parte non assumendola fino alle conseguenze ultime, ossia continuando a negare la parità uomo-donna per quanto riguarda l’accesso al sacerdozio.
Larga parte della Mulieris dignitatem è dedicata ad affermare la sostanziale uguaglianza fra i due sessi. In questo senso Wojtyla rilegge e reinterpreta il Genesi, e in particolare le parti del testo biblico che affermano la predominanza dell’uomo sulla donna come conseguenza del peccato. Il papa si spinge addirittura a riconoscere “la giusta opposizione della donna di fronte a ciò che esprimono le parole bibliche: ‘Egli ti dominerà’, Genesi 3, 16” (48).
Come in casi analoghi, però, il papa non critica la precedente lettura, in base a cui per secoli la Chiesa ha sostenuto l’inferiorità della donna, ma semplicemente la ignora. Siamo alle solite: si cerca di contrabbandare come dottrina permanente della Chiesa una dottrina che, quando sia sincera, è molto recente, onde non dover ammettere che la Chiesa ha insegnato il falso per secoli, ossia è una istituzione “fallibile”, come tutte le istituzioni umane.

VanLag is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it