Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 27-05-2006, 08.53.01   #41
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Re: Re: Re: Senza paura

Citazione:
Messaggio originale inviato da Patri15
Ottimo, Piccolaiena.

Se c'è una paura proviene da chi non sa perdere.

Riporto da http://www.dgmag.it/attualita/articolo2790.html
26.05.2006

""attenzione a non tirare troppo la corda, siamo vicini alla rottura della corda e se questa Italia che io sto conoscendo perde la pazienza, peggio per loro".

Così contro i "signori della sinistra" pronti ad aumentare le tasse il Cavaliere agita lo possibilità di sommosse di piazza: "stiano attenti i signori della sinistra, perché se dovessimo portare in piazza l'Italia che io vedo in giro intorno a me in tutte le regioni, male sarebbe per loro"."attenzione a non tirare troppo la corda, siamo vicini alla rottura della corda e se questa Italia che io sto conoscendo perde la pazienza, peggio per loro".

Questo discorso del cavaliere, io lo chiamo ISTIGAZIONE.

Vorrebbe una guera civile, pur di farsi ancora vedere su tutte le sue televisioni?

E' una minaccia reale. Molto reale. Se è stato capace di dare 30 euro ai giovani per andare a fare una manifestazione in suo favore in campagna elettorale, pensate se ne offre 100 di euro a un disoccupato per andare a manifestare in piazza.
E pensate se ne offre 1.000 per diventare un po' "caldi".

I soldi valgono moltissimo specialmente se vengo "riscaldati" dal calore del Vaticano.
E' una miscela esplosiva da non sottovalutare.
I cattolici fedeli ubbidienti di santa romana chiesa sono tanti in Italia.
E se la chiesa dice che la sinistra comunista mangia i bambini e che bisogna scendere in piazza per appoggiare la santa guerra civile del novello salvatore B., protettore della chiesa (ha tolto l'ICI a tutte le proprietà del clero) saranno milioni a scendere in piazza.
Gli italiani dotati di proprio cervello con funzionamento indipendente e non centralizzato sono pochi, non credo siano la maggioranza.

E poi critichiamo l'Iran e i paesi arabi che non fanno differenza alcuna fra religione e stato.

Noi siamo peggio di loro perchè siamo falsi, ipocriti e stupidi, oltre che indolenti. Io mi metto in testa. Però per falsità e ipocrisia non posso più essere una valida rappresentante.

Nessuno di voi ha visto la straordinaria somiglianza fra Mussolini e B.? Nelle parole e nella mimica, oltre che per fisionomia e scarsa capigliatura.
Se dovessi scegliere fra i due preferirei Mussolini: aveva meno potere economico

Ciao
mary
Mary is offline  
Vecchio 27-05-2006, 20.02.32   #42
odos
Ospite abituale
 
L'avatar di odos
 
Data registrazione: 26-06-2004
Messaggi: 367
Ciao Weyl

sono quello della tesi.

Il discorso che fai, forse non è del tutto sbagliato. Oltre al fatto che Napolitano dittatore, lì che occupa una carica che vale com il 2 di picche, non me lo vedo. Ma credo che ciò che ti spinga a dire ciò che dici sia ben altro, la questione dell'occupazione delle cariche istituzionali è secondo me un argomento a posteriori che porti solo per esprimere altri tipi di indignazione. Le tre personalità in questione ricevono da sempre stime per correttezza anche da parte dell'opposizione. Vederli in sè come una minaccia è malafede.

Premettendo che forse potrei trovarmi d'accordo con alcune tue argomentazioni, mi chiedo: ma perchè l'aria pulita dovrebbe arrivare da Berlusconi?
Nel '94, non dico che lo avrei votato, ma ci si poteva credere. Ma adesso cosa ti spinge ancora a credere che lui sia l'inizio di una nuova epoca? Cosa differenzia Berlusconi e tutti i membri della sua coalizione da tutta quella serie di connotazioni negative che attribuisci all'attuale maggioranza, nonchè secondo le tue parole, ex prima repubbilca?

Ciao
odos is offline  
Vecchio 27-05-2006, 21.12.43   #43
odos
Ospite abituale
 
L'avatar di odos
 
Data registrazione: 26-06-2004
Messaggi: 367
Ancora due domande

1) perchè il pericolo di cui parli non potrebbe arrivare anche da Berlusconi?

2) hai mai provato a falsificare le tue opinioni in modo onesto con te stesso? O in altri termini: c'è da parte tua una volontà di falsificarle queste opinioni?
odos is offline  
Vecchio 28-05-2006, 00.43.25   #44
Weyl
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 23-02-2005
Messaggi: 728
Re: Ciao Weyl

Citazione:
Messaggio originale inviato da odos
sono quello della tesi.

Il discorso che fai, forse non è del tutto sbagliato. Oltre al fatto che Napolitano dittatore, lì che occupa una carica che vale com il 2 di picche, non me lo vedo. Ma credo che ciò che ti spinga a dire ciò che dici sia ben altro, la questione dell'occupazione delle cariche istituzionali è secondo me un argomento a posteriori che porti solo per esprimere altri tipi di indignazione. Le tre personalità in questione ricevono da sempre stime per correttezza anche da parte dell'opposizione. Vederli in sè come una minaccia è malafede.

Premettendo che forse potrei trovarmi d'accordo con alcune tue argomentazioni, mi chiedo: ma perchè l'aria pulita dovrebbe arrivare da Berlusconi?
Nel '94, non dico che lo avrei votato, ma ci si poteva credere. Ma adesso cosa ti spinge ancora a credere che lui sia l'inizio di una nuova epoca? Cosa differenzia Berlusconi e tutti i membri della sua coalizione da tutta quella serie di connotazioni negative che attribuisci all'attuale maggioranza, nonchè secondo le tue parole, ex prima repubbilca?

Ciao

Ragazzi, ma chi vi ha detto che io mi esprimo, in questo consesso, in vista del buona ventura di Berlusconi?
volete un mio giudizio sul personaggio ? Eccolo: un uomo molto astuto ed intelligente, che in qualsiasi paese normale farebbe il magnate di qualche strano e modesto settore dell'economia, tipo "costatelle alla birra" o roba del genere.
Qui da noi ha saputo raccogliere intorno a sè molti personaggi rilevanti sulla scena politica degli anni '80, personaggi "in prestito" ad una certa modalità di rappresentarsi nel teatrino politico di quegli anni.
Personaggi intelligenti, ma un po' meno del "nostro": uomini che, in quegli anni recitavano il proprio "giusto" ruolo sulla scena, credendoci poco e, soprattutto, suggerendo l'idea che gli affari del Paese attendessero una specie di "Grande Demiurgo", l'uomo nuovo capace di porsi al di sopra di tanta mediocrità e modestia intellettuale.
Fu un mito che Craxi, per qualche tempo, seppe ispirare: quello di un uomo che, al di sopra del teatrino, al di là di esso, sapesse "giocarvi" e insieme "farsene gioco", ispirato da un intento riformatore gratuito e autentico, interessato alle sorti reali del Paese.

Berlusconi respirò quel clima, soggiacendo all'intelligenza del "capo".
Quando, con il principio degli anni '90 i comunisti, nel rivolgimento internazionale determinato dal crollo del "Faro" referenziale moscovita, in quel "fermi tutti! Si ridanno le carte" che fu Tangentopoli, compresero improvvisamente che ciò cui erano stati educati da decenni (ossia l'acquisizione del potere) poteva funzionare perfettamente dentro il "new deal" che si era creato.
Da buoni italiani, intendo, liberati del tutto da ogni lacciuolo e da ogni necessità di avallo e sicurezza finanziaria, da ogni rifocillamento "a piè di lista" che veniva da Varsavia: da buoni italiani compresero che, nello sfascio generale, essi erano pronti a mettere in atto ciò che da decenni attendevano di poter fare.
A questo punto, naturalmente, "vada con Dio il comunismo e ciò che mamma ne fece", la torta valeva bene la Messa dell'abjura a quei valori per cui il sistema si era, prezzolato da una potenza straniera, costituito.
Dunque: esattamente come nel '43, crepi chi ci ha dato da mangiare fino ad oggi, se ne perda la memoria, sia proscritto anche solo il fondarne una tomba!
Crepi Mussolini e crepi l'URSS, crepi chiunque, purchè "sse magni".
(Grande è la capacità degli italiani di adattarsi ad ogni situazione nuova, grande e ineguagliata l'assoluta assenza di midollo spinale di questo popolo geniale nell'arte di "arrangiarsi").
Una costola di integerrimi idealisti permase, con dignitosa coerenza, fedele alle ragioni per cui l'occupazione dello stato era prevista: ossia, ben al di là del potere per il potere, per ragioni inerenti ad idee, contestabili quanto si vuole, ma sincere e intenzionate davvero a sorti migliori per il Paese.
Essi non furono dissimili dai fascisti del MSI che, dopo il '48, tentarono di preservare il senso di un 'intenzione genuina di alternativa al sistema, sebbene priva di sponsors.
Però rimasero fuori dai giochi di potere: una volta ribadito il fatto che la propria appartenenza politica era "per quelli che ci credevano davvero" si pose alla leadership l'uomo più smaccatamente incline a produrre immagini adeguate al sistema: il più utile al più inutile degli idioti.
Uno capace di dialogare dialetticamente, con un velo di "erre moscia", il più griffato tra i politici, intelligente e colto, presentabile e presentato in ogni salotto buono: il "compagno" che propone un'immagine "vincente" di compagno, uno che accede, rivoluzionario in pantofole, al ruolo di "rivoluzionario" da soap opera brasiliana.
Leggasi: Fausto Bertinotti, il più inutile tra gli idioti utili al teorema, ma il più utile a catturare il consenso degli inutili.

Quanto a Berlusconi, ah già! Mi ero perso...
Weyl is offline  
Vecchio 28-05-2006, 01.32.56   #45
Weyl
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 23-02-2005
Messaggi: 728
Proseguo?

Ma sì, proseguo.
Evito almeno le mie solite intemperanze del sabato sera, così facendo.
Magari chiarisco qualche idea ai cretini che pretendono di imbrigliarmi nel loro fiacco giudizio.
Ma siccome sono stufo di parlare di Berlusconi, il quale, eccellente come imprenditore, ma non certo geniale come Ford o Gates, rappresenta una delle patologie italiane, dico che:
gli italiani che lo votano semplicemente sono quelli che, pur privi di spazio dialettico, mediatico, culturale, hanno soprattutto in "uggia" quei vermi che pretendono di rappresentarli al modo loro: ossia strisciando, spiraleggiando, e avvolgendo, col metodo dei vermi, le proprie vittime al potere.
E dimorando sempre, le proprie intenzioni autentiche, sotto la terra che tutti calpestiamo.

Questi italiani sono, per lo più, "semplici".
Ma sono i migliori, le ossa, se pur cariate, di questo popolo disastroso.
Sono i contadini che, ottantenni, ignorano la data del giorno in cui si svegliano ogni mattino, ma sanno tutto delle miserie umane.
Sono quei tanti italiani che, nei loro uffici, hanno subito la tracotanza dei superbi e degli incapaci, a fronte del proprio impegno paziente.
Sono coloro che lavorano venti ore al giorno e sono chiamati "fortunati" da una Chiesa meschina e indegna, e "privilegiati" da uno stato che, nel modello rivoluzionario, finalizzato alla semplice "distruzione" del sistema, si è oggi ricomposto in unità totalitaria.

Cari amici, ben venga la vostra serena condiscendenza.
Poco mi importa di farmi voce di un contesto che sto per abbandonare: prego solo che mi vengano concessi tre o quattro anni di lavoro ancora.
Poi me ne andrò via: lungi da me l'intenzione di invecchiare e morire nel canale anale dell'Europa.
Solo spero che, per questi pochi anni, mi sia permesso ancora di lavorare, come ho sempre fatto, per quattordici ore al giorno.
Volete il sudamerica in veneto e lombardia?
Ce la farete: è chiaro che ce la farete. E sono sciocche le preoccupazioni di Mary e delle tante altre chiocciole domestiche:
non ci saranno mai moti di piazza in italia.
Il pathos che sta accompagnando il paese alla rovina è quello che voi tutti, amici, esprimete.
I trenta denari pagati da Berlusconi a qualche perdigiorno per occupare la piazza, non possono che preludere ad un unico Calvario: quello che le genti semplici e laboriose di questa nostra Italia stanno per compiere.
Ossia il trasporto della pesante Croce della mera sopravvivenza verso il Golgota della Passione e della Morte.
E tutto questo a beneficio di quella metà del paese che da sempre si fa strascicare, palla al piede obbligatoria e inutile: in quanto il suo posto è usurpato da coloro che lo hanno acquisito per benevolenze ed opportunità, mai per merito.

L'Italia, pullulante di intelligenza, ha saputo abolire il suo stesso cervello, traducendolo in un automatismo burocrate.
Weyl is offline  
Vecchio 28-05-2006, 02.15.36   #46
odos
Ospite abituale
 
L'avatar di odos
 
Data registrazione: 26-06-2004
Messaggi: 367
"I cretini che pretendono di imbrigliarti nel loro fiacco giudizio", sono quelli che non possono ascoltare le parole che non hai mai detto, e che maldestramente lasci trapelare qua e là, per poi ritirarti, a gioco compiuto, nella tua presunta unicità.

Non veniamo a fare scuola di retorica.

Ultima modifica di odos : 28-05-2006 alle ore 02.19.17.
odos is offline  
Vecchio 28-05-2006, 02.38.23   #47
odos
Ospite abituale
 
L'avatar di odos
 
Data registrazione: 26-06-2004
Messaggi: 367
Inoltre...

dietro la "serena condiscendenza", non c'è la benevolente ingenuità fanciullesca immaginata da una altrettanto pessima rappresentazione di uno stereotipo, bensì la matura coscienza che a muovere ogni tua inefficace e contraddittoria argomentazione c'è un odio che arriva da tutt'altro che dalla conclusione di un ragionamento. Esplicita quest'odio prima di raccapezzarti a stento in un collage di argomentazioni fatte ad Hoc solo per esprimere quest'odio sotto sembianza di ragionamento e debole retorica.

Ultima modifica di odos : 28-05-2006 alle ore 02.58.13.
odos is offline  
Vecchio 28-05-2006, 08.15.45   #48
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Re: Proseguo?

Citazione:
Messaggio originale inviato da Weyl


Ce la farete: è chiaro che ce la farete. E sono sciocche le preoccupazioni di Mary e delle tante altre chiocciole domestiche:
non ci saranno mai moti di piazza in italia.
Il pathos che sta accompagnando il paese alla rovina è quello che voi tutti, amici, esprimete.

Il mio pathos quotidiano non sta nelle mosse di B. ma nell'arrivare alla fine del mese. Sta nel ricevere una pagamento di 500 e passa euro dall'università di mio figlio quando fino all'anno scorso ne pagavo 300. Sta nell'angoscia continua che sopraggiunga una malattia che non so con quali soldi potrò curare. Il pubblico ti fa morire lentamente se hai urgenza devi andare a pagare. Ma questa non è una novità per nessuno.

Il tuo profondo rancore che rasenta l'odio per Bertinotti, avrai certamente le tue ragioni, è simile a quello che io provo per B. che a me personalmente, alla mia famiglia per il suo rubare ai poveri per donare ai ricchi, ha prodotto danni molto importanti.

Possono elogiarlo solo coloro che hanno beneficiato delle sue leggi, dei suoi comportamenti, oltre se stesso, ovviamente.

Io sono per le cose concrete, per i fatti e per la giustizia sociale.
Un popolo che si ritiene civile dovrebbe garantire i cittadini più deboli sulla carta e con i fatti.

Mi sono chiesta tante volte cosa spinge una persona "normale" ovvero non milionaria a vederlo come un salvatore. Un salvatore non so bene di cosa visto che ha sbriciolato l'Italia e creato le caste.
E' probabile che porti alla luce una sottile forma di masochismo in chi lo segue senza averne motivo. Per me continua a restare un mistero.
L'individuo per sua stessa natura dovrebbe tendere al proprio benessere, quando questo non avviene mi stupisco sempre.

Ipotizzo, forse è la stessa molla che porta i più orrendi assassini ad essere trasformati in idoli, in eroi, in pargoli da proteggere e difendere? E questa è cronaca.
Ci saranno certamente ragioni che la mia piccola e ignorante mente non comprende. Pazienza

Ciao
mary
Mary is offline  
Vecchio 28-05-2006, 08.28.46   #49
Patri15
Frequentatrice abituale
 
L'avatar di Patri15
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 822
Re: Inoltre...

Citazione:
Messaggio originale inviato da odos
dietro la "serena condiscendenza", non c'è la benevolente ingenuità fanciullesca immaginata da una altrettanto pessima rappresentazione di uno stereotipo, bensì la matura coscienza che a muovere ogni tua inefficace e contraddittoria argomentazione c'è un odio che arriva da tutt'altro che dalla conclusione di un ragionamento. Esplicita quest'odio prima di raccapezzarti a stento in un collage di argomentazioni fatte ad Hoc solo per esprimere quest'odio sotto sembianza di ragionamento e debole retorica.


Bravo Odos!

L'odio di weil trapela, è vero; ma non sarà anche PAURA?

[quote]
Volete il sudamerica in veneto e lombardia?
Ce la farete: è chiaro che ce la farete. E sono sciocche le
preoccupazioni di Mary e delle tante altre chiocciole domestiche:
non ci saranno mai moti di piazza in italia.
Il pathos che sta accompagnando il paese alla rovina è quello che voi tutti, amici, esprimete.
I trenta denari pagati da Berlusconi a qualche perdigiorno per occupare la piazza, non possono che preludere ad un unico Calvario: quello che le genti semplici e laboriose di questa nostra Italia stanno per compiere.
Ossia il trasporto della pesante Croce della mera sopravvivenza verso il Golgota della Passione e della Morte.

------------------------------------------------------------

Ma da dove si prende Weil il diritto di condannare tutti coloro che, essendo stato ONESTI, sotto il regime di Berlusconi, si sono ritrovati fuori dal sistema e senza un soldo. Coloro che , avendo da sempre pagato le tasse, hanno comunque continuato a pagarle ed erano i primi ad essere controllati, perchè dove stava il capitale vero - i controlli sono stati messi da parte.

Certo che c'è stato il lancio dell'economia: diamo ai già ricchi e rubiamo ai poveri.
Complimenti per la dignità dell'essere umano, complimenti per l'ignoranza dilagante in Italia, e fomentata dal potere mediatico in mano ad uno solo.

Un consiglio Weil: porta attenzione alle chiocciole domestiche. SBAVANO, E SI NUTRONO DI VEGETALI.

Ah, dimenticavo: se non ti piace il sudamerica (piace poco a tanti) pensi di trasferirti in Afghanista, in Palestina, Israele, in Svizzera forse?
Patri15 is offline  
Vecchio 28-05-2006, 20.01.48   #50
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Re: Re: Proseguo?

Citazione:
Messaggio originale inviato da Mary
Mi sono chiesta tante volte cosa spinge una persona "normale" ovvero non milionaria a vederlo come un salvatore.
Tantissimi, si turano, naso, orecchie, bocca ed occhi pur di non dare il potere ai comunisti e, credimi, sono in buonissima fede.
In nessun altro posto al mondo, (nemmeno in America che ha messo il comunismo fuori legge), l’anticomunismo è così forte e preconcetto. Questo è dovuto al vaticano ed alla sua opera di sensibilizzazione dei credenti che arriva in tutto il tessuto sociale, dalle parrocchie, passando dalle beghine del paese, dalle scuole e persino negli uffici.
La chiesa vede nel marxismo una doppia minaccia, la prima quello di essere materialista e di negare Dio, la seconda quello di essere sorretto da un’ideologia che per di più ha valori comuni con lei. Lei, (la chiesa), che è tuttora convinta che il cristianesimo è l’unica vera religione e che pervaderà tutta la terra, ha visto, negli anni 60 e 70, molti giovani andarsene dal suo seno ed ha impegnato quindi tutte le sue forze e la sua organizzazione per riprendere il controllo culturale ed ideologico del paese. Questo spiega l’anomali italiana che tutti nel mondo vedono e che nessuno capisce. Non siamo un paese libero.

VanLag is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it