Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 15-01-2013, 11.55.04   #41
and1972rea
Moderatore
 
Data registrazione: 12-09-2004
Messaggi: 781
Riferimento: Libertà, ecco perché non può esistere.

Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
Purtroppo per loro e per te, la scienza medica non afferma quello che tu vorresti che fosse. Togliendo totalmente la memoria, scomparirebbero tutte le altre peculiarità necessarie per diventare dei geni. Informati e poi ne riparleremo.
... , interessante la tua posizione: se ho capito bene , se venissero parzialmente ( quanto? fino al70, 80 90 %? ) meno le facolta' mnemoniche, la liberta' insita nel genio verrebbe preservata con l'ausilio di surrogati tecnici dell'inventiva umana, invece, se queste facolta' fossero totalmente annullate , le peculiarita' necessarie a diventare geni si annullerebbero su , magari, quell'uno % che separava la parzialita' dalla totalita'... ...; affascinante prospettiva , questa, delle scienze neurologiche...;...come a dire che se il tuo pc ha un parziale residuo di memoria interna alla sua struttura, ha ancora una fantastica capacita' di calcolo, grazie anche al potenziale supporto di una surrogata memoria esterna ad esso, invece, se la sua memoria interna venisse meno, con essa si annullerebbe qualsiasi possibilita' di poter esprimere le caratteristiche di calcolo insite in quella macchina .. hihi ...
and1972rea is offline  
Vecchio 15-01-2013, 19.27.43   #42
Tempo2011
Ospite abituale
 
L'avatar di Tempo2011
 
Data registrazione: 12-04-2011
Messaggi: 630
Riferimento: Libertà, ecco perché non può esistere.

Citazione:
Tempo2011

Purtroppo per loro e per te, la scienza medica non afferma quello che tu vorresti che fosse. Togliendo totalmente la memoria, scomparirebbero tutte le altre peculiarità necessarie per diventare dei geni. Informati e poi ne riparleremo.
Citazione:
and1972rea

, interessante la tua posizione: se ho capito bene , se venissero parzialmente ( quanto? fino al70, 80 90 %? ) meno le facolta' mnemoniche, la liberta' insita nel genio verrebbe preservata con l'ausilio di surrogati tecnici dell'inventiva umana, invece, se queste facolta' fossero totalmente annullate , le peculiarita' necessarie a diventare geni si annullerebbero su , magari, quell'uno % che separava la parzialita' dalla totalita'... ...; affascinante prospettiva , questa, delle scienze neurologiche...;...come a dire che se il tuo pc ha un parziale residuo di memoria interna alla sua struttura, ha ancora una fantastica capacita' di calcolo, grazie anche al potenziale supporto di una surrogata memoria esterna ad esso, invece, se la sua memoria interna venisse meno, con essa si annullerebbe qualsiasi possibilita' di poter esprimere le caratteristiche di calcolo insite in quella macchina .. hihi ...
Nell'affrontare il tema della memoria, non ho mai parlato di percentuali, ma di presenza funzionante della memoria o di mancanza assoluta della stessa.
Perciò non seguo il tuo ragionamento. Mi sfugge qualcosa? Mi sembra che sia stato ulysse a fare il paragone sulle percentuali, e che io non ho mai condiviso, perché il discorso che voglio portare avanti non riguarda la neurologia, di cui non capisco nulla.
Tempo2011 is offline  
Vecchio 17-01-2013, 17.40.18   #43
and1972rea
Moderatore
 
Data registrazione: 12-09-2004
Messaggi: 781
Riferimento: Libertà, ecco perché non può esistere.

Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
Nell'affrontare il tema della memoria, non ho mai parlato di percentuali, ma di presenza funzionante della memoria o di mancanza assoluta della stessa.
Perciò non seguo il tuo ragionamento. Mi sfugge qualcosa? Mi sembra che sia stato ulysse a fare il paragone sulle percentuali, e che io non ho mai condiviso, perché il discorso che voglio portare avanti non riguarda la neurologia, di cui non capisco nulla.
...be', le mie argomentazioni mi paiono esaurienti, non dovrebbe sfuggire nulla; se una semplice macchina puo' contenere un algoritmo privo di alcuna memoria che al passaggio di un flusso di dati ne restituisce altrettanti completamente diversi e relazionati ai primi soltanto attraverso di essa, non vedo perche' , anche all'interno di suggestioni completamente materialiste , l'assenza totale di memoria dovrebbe pregiudicare l'unicita' del comportamento di una simile macchina... ; in tal caso , la liberta' non sarebbe certo pregiudicata dalla memoria, ma soltanto dalla ripetibilita' di quell'algoritmo e dalla sua indipendenza rispetto ai dati che fluiscono inn esso...
and1972rea is offline  
Vecchio 17-01-2013, 20.43.10   #44
Tempo2011
Ospite abituale
 
L'avatar di Tempo2011
 
Data registrazione: 12-04-2011
Messaggi: 630
Riferimento: Libertà, ecco perché non può esistere.

Citazione:
Tempo2011

Nell'affrontare il tema della memoria, non ho mai parlato di percentuali, ma di presenza funzionante della memoria o di mancanza assoluta della stessa.
Perciò non seguo il tuo ragionamento. Mi sfugge qualcosa? Mi sembra che sia stato ulysse a fare il paragone sulle percentuali, e che io non ho mai condiviso, perché il discorso che voglio portare avanti non riguarda la neurologia, di cui non capisco nulla.
Citazione:
and1972rea

be', le mie argomentazioni mi paiono esaurienti, non dovrebbe sfuggire nulla; se una semplice macchina puo' contenere un algoritmo privo di alcuna memoria che al passaggio di un flusso di dati ne restituisce altrettanti completamente diversi e relazionati ai primi soltanto attraverso di essa, non vedo perche' , anche all'interno di suggestioni completamente materialiste , l'assenza totale di memoria dovrebbe pregiudicare l'unicita' del comportamento di una simile macchina... ; in tal caso , la liberta' non sarebbe certo pregiudicata dalla memoria, ma soltanto dalla ripetibilita' di quell'algoritmo e dalla sua indipendenza rispetto ai dati che fluiscono inn esso...
A mio modo di vedere, parlando di uomini e non di macchine, con la perdita totale e assoluta della memoria l'uomo perde anche la sua libertà, perché non ha più punti di riferimento e non potrà ricostruirli perché non ha più nessun posto dove attingere le informazioni necessarie. Se guardiamo come si riducono gli ammalati di Alzheimer, anche con la sola perdita parziale di essa, la dicono lunga sulla sua importanza per la libertà dell'uomo. Anzi, sai che ti dico: che senza memoria non sarebbe possibile nemmeno la vita.
Tempo2011 is offline  
Vecchio 18-01-2013, 18.24.02   #45
and1972rea
Moderatore
 
Data registrazione: 12-09-2004
Messaggi: 781
Riferimento: Libertà, ecco perché non può esistere.

Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
A mio modo di vedere, parlando di uomini e non di macchine, con la perdita totale e assoluta della memoria l'uomo perde anche la sua libertà, perché non ha più punti di riferimento e non potrà ricostruirli perché non ha più nessun posto dove attingere le informazioni necessarie. Se guardiamo come si riducono gli ammalati di Alzheimer, anche con la sola perdita parziale di essa, la dicono lunga sulla sua importanza per la libertà dell'uomo. Anzi, sai che ti dico: che senza memoria non sarebbe possibile nemmeno la vita.

...parlando di uomini, a maggior ragione, ritengo che la prerogativa di essere libero permanga anche in un involucro di carne ed ossa con elettroencefalogramma piatto , non in grado di esercitare alcuna capacita' di intendere e di volere; ... se un sequestratore rapisce la sua vittima, privandola della liberta' di compiere qualsisi azione voluta da lei, non per questo possiamo credere che quel prigioniero cessi di essere libero per il solo fatto di non poter agire liberamente, sarebbe alquanto banalmente riduttivo; allo stesso modo ,se vediamo una persona umana spappolata a terra, quello che vediamo non cessa di essere un uomo e di essere riconosciuto integralmente come tale per il solo fatto che le sue membra appaiano completamente distrutte e disintegrate...
and1972rea is offline  
Vecchio 18-01-2013, 19.44.58   #46
Soren
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-05-2009
Messaggi: 164
Riferimento: Libertà, ecco perché non può esistere.

Citazione:
Originalmente inviato da and1972rea
...parlando di uomini, a maggior ragione, ritengo che la prerogativa di essere libero permanga anche in un involucro di carne ed ossa con elettroencefalogramma piatto , non in grado di esercitare alcuna capacita' di intendere e di volere; ... se un sequestratore rapisce la sua vittima, privandola della liberta' di compiere qualsisi azione voluta da lei, non per questo possiamo credere che quel prigioniero cessi di essere libero per il solo fatto di non poter agire liberamente, sarebbe alquanto banalmente riduttivo; allo stesso modo ,se vediamo una persona umana spappolata a terra, quello che vediamo non cessa di essere un uomo e di essere riconosciuto integralmente come tale per il solo fatto che le sue membra appaiano completamente distrutte e disintegrate...

Non sono d'accordo con te. La libertà si esprime attraverso la scelta, che è un processo che necessita sia di memoria sia di coscienza ( la scelta senza consapevolezza, non si può certo definire tale ). Se all'individuo viene meno la coscienza ( morte ) o la possibilità di scegliere ( prigionia ) la libertà sparisce o viene comunque ridotta. La libertà non può esprimersi senza la possibilità di fare una scelta; e, onestamente, credo che un uomo spiaccicato abbia giusto cessato di essere un uomo. Lo è stato in un passato, e quello che "è stato" non può essere negato - tu come parli dei morti ? con "è" o "era" ? :P saluti
Soren is offline  
Vecchio 18-01-2013, 22.21.19   #47
Tempo2011
Ospite abituale
 
L'avatar di Tempo2011
 
Data registrazione: 12-04-2011
Messaggi: 630
Riferimento: Libertà, ecco perché non può esistere.

Citazione:
and1972rea

...parlando di uomini, a maggior ragione, ritengo che la prerogativa di essere libero permanga anche in un involucro di carne ed ossa con elettroencefalogramma piatto , non in grado di esercitare alcuna capacita' di intendere e di volere; ... se un sequestratore rapisce la sua vittima, privandola della liberta' di compiere qualsisi azione voluta da lei, non per questo possiamo credere che quel prigioniero cessi di essere libero per il solo fatto di non poter agire liberamente, sarebbe alquanto banalmente riduttivo; allo stesso modo ,se vediamo una persona umana spappolata a terra, quello che vediamo non cessa di essere un uomo e di essere riconosciuto integralmente come tale per il solo fatto che le sue membra appaiano completamente distrutte e disintegrate...
A questo punto non ti seguo più. Ovvero, probabilmente vi è qualcosa che mi è sfuggito poiché stiamo facendo due discorsi completamente differenti.
Tempo2011 is offline  
Vecchio 19-01-2013, 11.05.19   #48
and1972rea
Moderatore
 
Data registrazione: 12-09-2004
Messaggi: 781
Riferimento: Libertà, ecco perché non può esistere.

Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
A questo punto non ti seguo più. Ovvero, probabilmente vi è qualcosa che mi è sfuggito poiché stiamo facendo due discorsi completamente differenti.

...probabilmente partiamo da due presupposti diversi; tu ritieni imprescindibile il fatto fenomenico, quindi apparente, che l'uomo consista essenzialmente della propria esperienza, e sia subordinato alla storia ,io penso ,invece, che esso sia costitutivamente soggetto agente prima che oggetto senziente; credo che ogni principio del suo agire sopra se' stesso ed il proprio esperire abbia radici molto profonde che sorpassano una taututologica ed autoreferenziale sinergia con la natura e l'esperienza, perche' queste ultime non rappresentano alcun punto fermo nelle nostre certezze,ma sono solo apparenti congetture...
and1972rea is offline  
Vecchio 19-01-2013, 22.11.48   #49
Tempo2011
Ospite abituale
 
L'avatar di Tempo2011
 
Data registrazione: 12-04-2011
Messaggi: 630
Riferimento: Libertà, ecco perché non può esistere.

Citazione:
and1972rea

probabilmente partiamo da due presupposti diversi; tu ritieni imprescindibile il fatto fenomenico, quindi apparente, che l'uomo consista essenzialmente della propria esperienza, e sia subordinato alla storia ,io penso ,invece, che esso sia costitutivamente soggetto agente prima che oggetto senziente; credo che ogni principio del suo agire sopra se' stesso ed il proprio esperire abbia radici molto profonde che sorpassano una tautologica ed autoreferenziale sinergia con la natura e l'esperienza, perché queste ultime non rappresentano alcun punto fermo nelle nostre certezze, ma sono solo apparenti congetture...
D'accorso! Ma questo tuo pensiero con che cosa lo giustifichi o supporti?
Tempo2011 is offline  
Vecchio 25-01-2013, 13.54.10   #50
and1972rea
Moderatore
 
Data registrazione: 12-09-2004
Messaggi: 781
Riferimento: Libertà, ecco perché non può esistere.

Citazione:
Originalmente inviato da Tempo2011
D'accorso! Ma questo tuo pensiero con che cosa lo giustifichi o supporti?
...come gia' detto implicitamente nel post, nessuna giustificazione deterministica puo' dare conto , oggi,sul piano logico e formale al nostro intelletto, della dipendenza dell'Uomo dalla natura che gli appare attraverso le immagini puramente fenomeniche. Ogni atto che ci vede agire sulla natura ,e sulla nostra natura, non e' deterministicamente ricollegabile in alcun modo ad un meccanismo assolutamente comprensibile; tutte le illazioni e le congetture di tipo statistico o probabilistico, o di stampo positivista e causalista, non ci dicono assolutamente nulla sulla vera natura del nostro agire, che rimane , quindi ,ancora libero da ogni interpretazione razionale, e che giunge prima di ogni attuale teoria scientifica; Un uomo privo di facolta' espressive non e' logicamente ritenuto incapace di pensare, solo perche' incapace di comunicare, allo stesso modo , un uomo senza cervello non puo' logicamente essere ritenuto incapace di essere per il solo fatto di non poter sviluppare un pensiero "elettrico" , unico a poter essere rilevato dai nostri attuali strumenti scientifici...; nessuna scienza puo' attualmente affermare che la nostra essenza sia circoscritta o emerga solamente da fenomeni elettrobiochimici. La scienza , quindi, non puo' ancora ne' affermare, ne' negare che l'uomo sia libero, eppure noi continuiamo ad agire sempre nuovamente sulla natura rinnovandola dal nulla...; Einstein disse :"La struttura alare del calabrone, in relazione al suo peso, non è adatta al volo, ma lui non lo sa e vola lo stesso."...la struttura del nostro pensiero , in relazione alla nostra architettura materiale, non e' adatta alla liberta' incondizionata del nostro agire, ma noi non lo sappiamo, e la nostra immaginazione vola ugualmente oltre ogni cosa mai inventata dalla natura...
and1972rea is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it