Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 18-05-2014, 21.03.57   #51
Duc in altum!
Ospite abituale
 
Data registrazione: 14-11-2012
Messaggi: 919
Riferimento: Può un filosofo essere umile?

** scritto da Garbino:


Citazione:
Ho qualche dubbio invece che si debba considerare umile. Certo il suo messaggio predica anche l' umiltà, ma non credo che un umile se uomo avrebbe scacciato i mercanti dal tempio o avrebbe affrontato i potenti, sia i patriarchi e Pilato, nel modo in cui la Storia ci racconta che Lui ha fatto.

Qualche illustre saggio disse che il dubbio alimenta la fede, specialmente quando viene illuminato aggiungo io.

L'umiltà di Cristo è manifesta nell'azione di consegnare la sua Onnipotenza, senza aver commesso colpa alcuna, volontariamente sulla Croce, attrezzo di tortura usato per "umani" condannati di crimine.

Esatto, l'hai azzeccata: "se uomo", se fosse stato soltanto un misero, limitato e caduco uomo, ma, secondo leggenda, è anche Dio.

Infatti Lui non ha scacciato i mercanti dal tempio per superbia, o affrontato i sommi sacerdoti, gli scribi, i farisei e l'Impero Romano che Ponzio Pilato rappresentava, per vanagloria, ma per testimoniare la Verità, la Verità dell'amore del Padre suo per noi.
Il filosofo Gesù ci ha amati da morire, anche potendo rifiutarsi, questa è l'Umiltà palese e granitica che scandalizza e confonde ancora oggi.


Pace&Bene.
Duc in altum! is offline  
Vecchio 19-05-2014, 13.45.53   #52
Garbino
Garbino Vento di Tempesta
 
L'avatar di Garbino
 
Data registrazione: 13-05-2014
Messaggi: 147
Riferimento: Può un filosofo essere umile?

X Duc in Altum.

Non mi sembra che tu aggiunga qualcosa alla discussione filosofica sul fatto che Gesù possa essere considerato un filosofo umile.

Anzi avvalori la mia tesi che è difficile separare la figura di Cristo uomo da quella di Cristo Dio in un Paese come il nostro profondamente Cattolico. Per un credente è naturale richiamarsi al fatto che lui Lo considera Dio o Figlio di Dio e perciò la questione non riesce neanche a porsela.

Ma d' altro canto sei costretto anche ad ammettere che Cristo affronta i potenti e scaccia i mercanti dal tempio, e se è vero che si può affrontare qualcuno umilmente non è proprio possibile scacciare qualcuno in modo umile, se apriamo il vocabolario e verifichiamo i significati della parola umile.

Perciò anche se tu poni in evidenza la questione dal punto di vista della fede non riesci ad inficiare quanto da me affermato nel precedente intervento.

E sono d' accordo con te che Gesù amava veramente tutti gli uomini da morire, ma che in questo si ravvisa tutta la sua Umanità palese e granitica e che rimprovera ( non scandalizza ) e confonde tutti gli uomini che si ritengano tali ancora oggi. Sia che sia o non sia Figlio di Dio come tu hai fede che sia.

Garbino Vento di Tempesta.
Garbino is offline  
Vecchio 19-05-2014, 19.44.21   #53
mariodic
prof
 
L'avatar di mariodic
 
Data registrazione: 28-05-2011
Messaggi: 221
Riferimento: Può un filosofo essere umile?

Citazione:
Originalmente inviato da Garbino
X Koirè e Mariodic.
Anch' io concordo sulla grandezza del pensiero del Cristo, ma in un paese Cattolico come il nostro il difficile è separare la natura divina da quella umana di un personaggio di così grande spessore.

Ma una volta che supponiamo che Gesù Cristo non sia il Figlio di Dio nel senso Cristiano del termine è ovvio che la sua grandezza risulta immediatamente in rapporto al peso che il suo pensiero ha avuto in tutta la Storia soprattutto quella del così detto Occidente. E sul fatto che ciò sia determinante è ugualmente ovvio perché altrimenti la Sua deità mitigherebbe la Sua grandezza filosofica.

Il problema della divinità del Cristo è tutto e solo nel rapporto "IOCosciente"-"DIO" differenti solo nella misura della densità della grandezza assoluta di cui è costituito l'Universo, la Conoscenza.
Questo discorso non può essere assolutamente affrontato con un ottica oggettivistica ma soggettivistica (idealista); del resto, tale ottica, è imprescindibile per la coprensione profonda della meccanica quantistica in tutti i suoi substrati diversamente il fisico quantistico non sarebbe che un manovale abile solo ad applicare quel che altri hanno studiato capovolgendo la loro ottica.
mariodic is offline  
Vecchio 19-05-2014, 21.26.29   #54
Duc in altum!
Ospite abituale
 
Data registrazione: 14-11-2012
Messaggi: 919
Riferimento: Può un filosofo essere umile?

** scritto da Garbino:

Citazione:
Non mi sembra che tu aggiunga qualcosa alla discussione filosofica sul fatto che Gesù possa essere considerato un filosofo umile.
Citazione:
Perciò anche se tu poni in evidenza la questione dal punto di vista della fede non riesci ad inficiare quanto da me affermato nel precedente intervento.


Non sarà qualcosa per un agnostico, ma ricordare che la razionalità (filosofia) di Gesù non è di provenienza o creazione umana è un'aggiunta doverosa.


Inoltre è grazie alla fede che la famosa cacciata dei mercanti dal Tempio di Gerusalemme acquista un'interpretazione differente e ridimensiona, riadatta, la tua precedente conclusione.
Senza essa rientriamo nella logica relativista umana, e quindi Gesù appare come un prepotente superbo.
In realtà, quel giorno nel Tempio, Gesù compie un gesto profetico, già citato nelle scritture, Geremia 7, 1-11:

-"Questa è la parola che fu rivolta dal Signore a Geremia: «Fermati alla porta del tempio del Signore e là pronunzia questo discorso dicendo: Ascoltate la parola del Signore, voi tutti di Giuda che attraversate queste porte per prostrarvi al Signore. Così dice il Signore degli eserciti, Dio di Israele: Migliorate la vostra condotta e le vostre azioni e io vi farò abitare in questo luogo. Pertanto non confidate nelle parole menzognere di coloro che dicono: Tempio del Signore, tempio del Signore, tempio del Signore è questo!
Poiché, se veramente emenderete la vostra condotta e le vostre azioni, se realmente pronunzierete giuste sentenze fra un uomo e il suo avversario; se non opprimerete lo straniero, l'orfano e la vedova, se non spargerete il sangue innocente in questo luogo e se non seguirete per vostra disgrazia altri dèi, io vi farò abitare in questo luogo, nel paese che diedi ai vostri padri da lungo tempo e per sempre. Ma voi confidate in parole false e ciò non vi gioverà: rubare, uccidere, commettere adulterio, giurare il falso, bruciare incenso a Baal, seguire altri dèi che non conoscevate. Poi venite e vi presentate alla mia presenza in questo tempio, che prende il nome da me, e dite: Siamo salvi! per poi compiere tutti questi abomini. Forse è una spelonca di ladri ai vostri occhi questo tempio che prende il nome da me? Anch'io, ecco, vedo tutto questo. Parola del Signore".
-

In grande sintesi...
Per gli ebrei, così come per noi, è inutile andare nel tempio (che poi è anche casa nel senso materiale di Gesù/Dio), presentare offerte, pregare, se poi non cambia la condotta e il cuore di ciascuno.
E’ inutile presentarsi in un luogo e rendere culto a Dio se prima la condotta non è conforme al rispetto della legge... di quale legge?... della legge di Dio.
Vanno bene i cambiavalute, vanno bene i venditori, erano importanti per il culto, ma c’è la verità nel nostro cuore? Facciamo dei gesti autentici?
E’ questo che ci rimprovera Gesù. Balle! Voi mi raccontate balle!
Servite il tempio, ma non siete autentici nel vostro cuore, la vostra condotta non cambia!

Ripeto, non è essere poco umile se si rimprovera qualcuno che ami e che non riconosce ed ammette la propria evidente ipocrisia nei tuoi confronti, anzi, la totale assenza di arroganza in Gesù è ancora più innegabile se si pensa che, con tutto ciò, lui ha donato la sua vita anche per quelli che aveva ammonito.
Ergo, l'unico filosofo davvero umile è Gesù.

Pace&Bene.
Duc in altum! is offline  
Vecchio 20-05-2014, 09.20.55   #55
Garbino
Garbino Vento di Tempesta
 
L'avatar di Garbino
 
Data registrazione: 13-05-2014
Messaggi: 147
Riferimento: Può un filosofo essere umile?

X Duc in Altum.

Il richiamo, che tu giudichi come doveroso, alla divinità del messaggio di Gesù esce dagli schemi filosofici e si veste di Teologia. E la discussione, in senso filosofico, perde la stessa possibilità di essere sollevata. Se si pone la fede per decidere su un determinato problema è ovvio che non possono esserci discussioni in merito. Ciò che è dogmatico non da nessuna possibilità di dubbio.

Quello che argomentavo era che per qualsiasi motivo Gesù avesse scacciato i mercanti dal Tempio, questo atto non può essere mai considerato umile. E' l' atto stesso che non lo è. E ripeto che ciò è in riferimento al vocabolo stesso e al suo significato.

Il senso del rimprovera da me posto, è da considerare di carattere metaforico nei confronti di come gli uomini si comportano oggi e quanto di quello che fanno corrisponde al messaggio del Cristo.

Se Gesù è lì e ci guarda, come tu hai fede che sia, cosa può pensare della scelleratezza dei nostri tempi e del baratro che separa il vivere moderno da quelle che sono le basi del suo messaggio etico di carattere altruistico?

E' altresì ovvio che la domanda provocatoria per una persona che ha fede non ha che una risposta: Continua ad amarci e a perdonarci.

Ma il senso della domanda è rivolta alla coscienza di chi si ritiene uomo e chiede per quanto ancora si continuerà a perdonare la propria scelleratezza.

Garbino Vento di Tempesta
Garbino is offline  
Vecchio 20-05-2014, 19.00.04   #56
Duc in altum!
Ospite abituale
 
Data registrazione: 14-11-2012
Messaggi: 919
Riferimento: Può un filosofo essere umile?

** scritto da Garbino:


Citazione:
Se Gesù è lì e ci guarda, come tu hai fede che sia, cosa può pensare della scelleratezza dei nostri tempi e del baratro che separa il vivere moderno da quelle che sono le basi del suo messaggio etico di carattere altruistico?

E' altresì ovvio che la domanda provocatoria per una persona che ha fede non ha che una risposta: Continua ad amarci e a perdonarci.


Sì ma il perdono di Dio senza riconoscere la propria colpa, sentirne vergogna ed essere un po' mortificati dalle conseguenze che essa comporta e crea nella nostra esistenza, non è percepibile, non per questo ci abbandona, ma è per questo che non siamo liberi.



Citazione:
Ma il senso della domanda è rivolta alla coscienza di chi si ritiene uomo e chiede per quanto ancora si continuerà a perdonare la propria scelleratezza.


Profondo, molto bello, condivido.


Pace&Bene
Duc in altum! is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it